Passa ai contenuti principali

Biografia di Louis Pasteur | Chimico e batteriologo francese.

(Dole, Francia, 1822-San-nube, ID., 1895) Chimico e batteriologo francese. Formato al Lycée de Besançon e nel liceo normale di Parigi, in cui era entrato nel 1843, Louis Pasteur ha conseguito il dottorato in scienza di quest'ultimo nel 1847.
L'anno successivo, il suo lavoro nella chimica e nella cristallografia gli ha permesso di ottenere risultati veramente spettacolari per quanto riguarda il problema della hemiedria dei cristalli di tartrati, che ha mostrato che questo hemiedria è in relazione diretta con il senso di deviazione che subisce la luce polarizzata che passa attraverso queste soluzioni.

Louis Pasteur
Professore di chimica presso l'Università di Strasburgo nel 1847-1853, Louis Pasteur è stato decano della Università di Lille nel 1854; in questo momento ha studiato i problemi dell'irregolarità della fermentazione alcolica. Nel 1857 fu direttore degli studi scientifici della scuola di Parigi, cui laboratorio condotto dal 1867. Fin dalla sua creazione nel 1888 e fino alla sua morte è stato direttore dell'Istituto che porta il suo nome.
Pasteur contributi alla scienza erano numerosi e ha cominciato con la scoperta dell'isomerismo ottico (1848) dalla cristallizzazione dell'acido racemico, che ha ottenuto cristalli in due modi diversi, in quella che è considerata l'opera che diede vita alla stereochimica.
Studiò anche i processi di fermentazione, sia alcoliche sia grasso butirrico e lattico e ha mostrato che essi sono dovuti alla presenza di microrganismi e che l'eliminazione di questi vuoti il fenomeno (pastorizzazione). Ha mostrato il cosiddetto effetto Pasteur, secondo cui i lieviti sono in grado di riprodursi in assenza di ossigeno. Postulato l'esistenza di germi ed è riuscito a dimostrarlo, con cui confutata definitivamente la vecchia teoria della generazione spontanea.
Pasteur scoperto i meccanismi di trasmissione del curato, una malattia che colpisce i bachi da seta e ha minacciato di affondare l'industria francese nel 1865. Ha studiato in profondità il problema ed era in grado di stabilire che la condizione era direttamente correlata alla presenza di alcuni corpuscoli - già descritto dall'italiana Cornaglia - apparendo nell'attuazione dalle femmine contaminate. Come risultato del loro lavoro, enunciato la cosiddetta teoria dei germi di malattie, secondo la quale questi sono dovuto la penetrazione nel corpo umano di microrganismi patogeni.
Dopo il 1870, Louis Pasteur orientato alla sua attività allo studio delle malattie infettive, di che significava che erano microbici germi infettivi che sono riusciti a penetrare nel corpo. Nel 1881 ha iniziato i suoi studi riguardo l'antrace delle pecore e riuscì a preparare un vaccino batteri disabili, il primo mai.
La continuazione della sua ricerca gli ha permesso di sviluppare il vaccino contro la rabbia o idrofobia, cui virus combattuto un vaccino di successo da successive inoculazioni in conigli, che ha ottenuto meno virulenti estratti. L'efficacia del vaccino, suo ultimo grande contributo nel campo della scienza, è stato testato con successo su 6 luglio 1885 con il bambino Joseph Meister, che era stato morso da un cane rabbioso e grazie al vaccino, non ha sviluppato la rabbia. Questo spettacolare successo ha avuto una grande risonanza, come pure le conseguenze pratiche per lo scienziato, che fino ad allora aveva lavorato con mezzi piuttosto precari.
Sostegno popolare reso possibile la costruzione dell'Istituto Pasteur, che sarebbe godono di una reputazione internazionale giustificata da allora in poi. Nel 1882 viene eletto membro dell'Académie française.
Pubblicato per scopi didattici autorizzati da: Biografías y Vidas
Biografie di personaggi famosi e storici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…