Passa ai contenuti principali

Biografia di Lope de Vega | Scrittore spagnolo.

(Félix Lope de Vega y Carpio, Madrid, 1562 - ID, 1635) Scrittore spagnolo. Lope de Vega proveniva da una famiglia umile e la sua vita era estremamente intensa e piena di amare Lance. Studiò presso i gesuiti a Madrid (1574) e ha frequentato il college a Alcalá (1576), anche se non ha ottenuto il grado di Bachelor.
Dovuto la composizione di alcuni tratti diffamatori contro l'attrice Elena Osorio (Phillies) e la sua famiglia, di amori infelici, Lope de Vega è stata bandita dalla Corte (1588-1595). Questo non era l'unico processo che è stato coinvolto: nel 1596, dopo essere graziato nel 1595 dell'esilio, è stato elaborato da de facto rapporto con Antonia Trillo.

Lope de Vega
Era iscritto, almeno due spedizioni militari: uno era che conquistò l'isola di Terceira nelle Azzorre (1583), il comando di don Álvaro de Bazán e l'altro, nell'Armada spagnola. Fu segretario di parecchie personalità importanti, come il marchese di Malpica, o il Duca d'Alba e dal 1605 fu al servizio del duca di Sessa, rapporto basato su una reciproca amicizia.
Lope si sposò due volte: con Isabel de Urbina (Belisa), con cui ha sposato per procura dopo aver rapito prima di lasciare l'esilio a Madrid; e con Juana de Guardo nel 1598. Oltre a questi due matrimoni, sua vita sentimentale è stato molto intenso, poiché esso ha effettuato i rapporti con le donne numerose, anche dopo essere stato ordinato sacerdote. Fra i suoi amanti possono citare a Marina de Aragon, Micaela Luján (Camila Lucinda), dalla quale ebbe due figli, Marcela e Felix Lope e Marta de Nevares (Amarilis e Marcia Leonarda), oltre a quelli già citati sopra.
Opere di Lope de Vega
La biografia di Lope de Vega e il lavoro presentato una grande padronanza, ed entrambi erano esuberanza quasi anormale. Come altri scrittori del suo tempo, egli coltivò ogni genere letterario.
Il primo romanzo che ha scritto, La Arcadia (1598), è un lavoro pastorale che comprendeva molte poesie. In i pastori di Betlemme (1612), un altro romanzo pastorale ma «divina», incluso, ancora una volta, numerosi poemi sacri. Tra questi due è apparso il bizantino romanzo il pellegrino nella sua patria (1604), che comprende quattro sacramentale. La Filomena e La Circe contengono quattro romanzi brevi di tipo italiano, dedicati a Marta de Nevares. Commedia umanistica in lingua volgare, La Dorotea, che racconta il suo amore di gioventù frustrato con Elena Osorio è collegato alla tradizione di La Celestina.
La sua poesia utilizzato in tutti i modi possibili e attratta da lui, altrettanto popolare lirico e la culterana di Luis de Góngora, anche se, in generale, ha difeso il versetto"leggero". Da un lato essi sono ampio e unitari, poesie di tono narrativo e spesso soggetto epico o mitologico, come, ad esempio La Dragontea (1598); La bellezza di Angelica (1602), ispirato da Orlando di Ariosto; Conquistò Gerusalemme (1609), basato su Torquato Tasso; L'Andromeda (1621) e la Circe (1624). Isidro El (1599) e anche l' amorevole soliloqui (1626) è temi religiosi. La Gatomaquia (1634) è una parodia epica.
In termini brevi poesie, poesie utilizzato tutti i generi e metri. Sono stati raccolti nella rime (1602), Rime sacre (1614), ballate spirituale (1619), divina con altri trionfi di rime sacrale (1625), rime umane e divine della licenza Tomé de Burguillos (1634) e Vega del Parnaso (1637).
Il Teatro di Lope
Dove Vedi il rinnovatore Lope sono effettivamente in genere drammatico. Dopo una lunga esperienza di molti anni a scrivere per il teatro, Lope composto su richiesta dell'Accademia di Madrid, arte nuova fare commedie in questo momento (1609). Espone sue teorie drammatiche, arrivando ad essere un contrappunto alle teorie horacianas, esposti nell' Epistola alla Pisones.
Tre unità - azione, tempo e luogo -, Lope consigliata solo a rispettare l'unità d'azione per mantenere la probabilità e respinge gli altri due, soprattutto in opere storiche, dove capire l'assurdità della sua osservazione; consigliato miscela di tragedia e commedia (in linea con l'autore di La Celestina): da qui l'enorme importanza della figura del gracioso nel suo teatro e, in generale, in tutte le opere dell'età dell'oro; Regola l'uso delle stanze in base alle situazioni e va all'acquis tradizionale spagnolo per estrarre i loro argomenti (Cronache, romances, sermoncini).
In generale, commedie di Lope de Vega ruotano intorno a due temi, amore e onore, e il loro pubblico è più vario, da analfabeta al popolo più colto e raffinato. Del suo lavoro molto esteso, sono conservati più di «mille» nelle parole dell'autore stesso, alcuni trecento sicura attribuzione.
Il tema è così vario che è difficile da classificare. Il più grande gruppo è le commedie di cappa e spada, basate sull'intrigo di amorevole azione: La dama boba, la Spezia-Belisa, punizione del discreto, Cavaliere del miracolo, il Estefania scontento, fidanzata discreta, punizione senza vendetta, amore senza sapere chi e acciaio Madrid. Tema cavalleresco: Boyhood di Roldán e Del marchese di Mantova. Tema biblico e le vite dei Santi: la creazione del mondo e il furto di Dina. Classica storia: contro valore non non c'è nessuna disgrazia. Evento storico spagnolo: il bastardo Mudarra e il duque de Viseo.
Sue opere più note sono trattare i problemi degli abusi dai nobili, situazioni frequenti nel caos politico della Spagna del XV secolo; Questi includono la stella di Siviglia, Fonte imbarazzato, il sindaco migliore, il re, Peribáñez ed el comendador de Ocaña e El caballero de Olmedo. Tema d'amore sono la fanciulla Teodor, il cane nella mangiatoia, la punizione del discreto, bello brutto e moza de cantaro.
Pubblicato per scopi didattici autorizzati da: Biografías y Vidas
Biografie di personaggi famosi e storici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…