Passa ai contenuti principali

Biografia di Karl Marx | La sua analisi del capitalismo ispirato folla di movimenti rivoluzionari

La sua analisi del capitalismo ispirato folla di movimenti rivoluzionari che ha segnato la storia sociale e politica del XX secolo.
Il graduale e già quasi evidente fallimento delle cosiddette applicazioni pratiche delle loro idee politiche ed economiche, non devono oscurare del calibro di Karl Marx come un pensatore rivoluzionario, il cui lavoro nelle scienze socio-economiche ha significato un cambiamento simile a quello prodotto da Freud in psicologia o Einstein in fisica. Cristallizzazione e la sua proposta dogmatizzazione brillante intellettuale ha avuto un prezzo che la storia giudicherà e lui non aveva approvato. Con Marx, etica politica non è più una scienza infusa e dottrina economica una velata difesa di interessi particolari. Dopo, la comunità internazionale non ha nessun razionale delle scuse per non andare avanti verso la giustizia e l'uguaglianza dall'analisi scientifica dei fatti, le loro relazioni, cause e conseguenze.
Karl Marx era nato in Germania Renania prussiana presente, nella città di Treviri (precedentemente Treves, in spagnolo Trier) 5 maggio 1818. Fu uno dei sette figli dell'avvocato ebreo Heinrich Marx e sua moglie olandese Henrietta Pressburg. Il padre era un uomo inclinato a illustrazione e moderatamente liberale idee, dedicati a Kant e Voltaire. Di conseguenza, Karl ha avuto un'infanzia normale nella borghesia colta del suo tempo e frequentò la scuola e frequentò la high school nella sua città natale.

Karl Marx
Nell'ottobre 1835, età di diciassette anni, si iscrisse ai corsi di studi umanistici dell'Università di Bonn. Ha speso là solo un anno, dove studiò greco e storia e ha condotto una vita frenetica dell'allievo, compreso un duello e una giornata di buco nero da alcolismo e disturbi (era l'unica volta che il fondatore del comunismo scientifico era in prigione). L'ambiente universitario a Bonn era ribelle e politicizzata, così Karl è diventato un membro di un circolo dove discusso di politica e poesia e divenne presidente del Club di taverne, che aveva altri scopi. Nonostante le tante attività, improvvisamente ha deciso di trasferirsi all'Università di Berlino, che è entrato anche l'anno successivo, nel mese di ottobre.
A Berlino, ha detto a studiare legge e filosofia, senza abbandonare la sua propensione per la storia. Ha trovato molti amici e una ragazza, Jenny von Westphalen, giovane intelligente e attraente venti-due-anno-vecchio (quattro più di Karl Marx), appartenente a una famiglia di funzionari di recente nobiltà, chi mai avrebbe ingoiare alla «volontà» Jenny intellettuale ed ebreo.

Un giovane hegeliano

Georg W. F. Hegel era appena morto e l'ambiente dell'Università di Berlino con fervore era hegeliana, anche se ogni gruppo o studente Cenacolo interpretato le idee del creatore della dialettica a modo suo. Il giovane Marx era immerso in queste discussioni, che lo ha portato a una profonda depressione e la prima battuta d'arresto della sua salute fragile. Pegno al suo rigore intellettuale, decisero di unirsi a «una concezione che odiava» (secondo la lettera a suo padre nel novembre 1837) e si unì al gruppo di seguaci del giovane professore Bruno Bauer, che ha tenuto idee più progressista e democratica, l'opera di Hegel e l'interrogatorio del pensiero formale e matematico.

Luogo di nascita di Marx
Bauer fu espulso dall'Università per "radicale" nel 1839, ma il giovane hegeliano già erano repubblicani a sinistra usando la filosofia e la dialettica come strumento critico della società prussiana rigida in cui vivevano. Tuttavia, Marx e i suoi compagni erano ancora idealistica e molto romantico, confidando che la società avrebbe cambiato a causa dello sviluppo della cultura e dell'istruzione. Questa posizione non è stata condivisa dal giornalista Adolph Rutemberg, l'amico più intimo di Karl a quel tempo, sollecitandola a conoscere la triste realtà dei lavoratori e i bisognosi.
Per volere dei suoi amici con Jenny, in aprile 1841 ha presentato una tesi di dottorato brillante che contrastava la filosofia di Democrito ed Epicuro, tra cui l'allora famosa frase: "la critica è anche teoria," che ha guadagnato un dottorato in filosofia, quando non aveva ancora incontrato venti-tre anni. Non andrebbe ben oltre il loro successo accademico. All'inizio dell'anno seguente si unì una pubblicazione industriale fondata dalle forze più progressive a Colonia, allora capitale della Prussia.
Come redattore della Rheinische Zeitung (Gazzetta Renania), Marx ha preso contatto con le realtà sociali e il crudamente natura di classista della legislazione prussiana. Nominato nuovo direttore della rivista nell'ottobre del 1842, sue cronache parlamentari dalla dieta renana denunciato lo stato come custode e difensore degli interessi dei datori di lavoro e ha espresso la sua interpretazione radicale di hegeliana pensato, mentre lo stato non era appagante il suo ruolo essenziale di una condotta etica della specificità umana.
Il suo lavoro come giornalista politico lo ha portato a prendere conoscenza dei movimenti di lavoro in Francia e in Inghilterra, soprattutto da cronache di Heine da Parigi e Lione e le idee del socialismo utopistico mantenuto da Fourier, Owen, Saint Simon e Weitlig. Per un periodo di tempo fu fortemente influenzato dal pensiero di Ludwig von Feuerbach, discepolo di Hegel, che ha sviluppato che cosa è spesso riassunta come un "umanesimo ateo". Marx ha cominciato a cercare di sposare la dialettica hegeliana che materialismo senza raggiungere derivano ancora nulla che potrebbe essere chiamata la lotta di classe. Giustificato nei suoi articoli il proletario europeo sostiene come 'il tipo che fino ad ora ha posseduto niente' ribellione, un fenomeno naturale e circostanziale, motivato dall'insensibilità dell'eredità dominante, che non era correttamente appagante il suo ruolo di leadership. Criticò anche apertamente le idee di comunismo utopistico da loro pregiudizi di classe, lasciando da parte l'obiettivo "intese" della realtà. In ultima analisi, ha continuato a difendere l'umanista completo stato di Hegel, di fronte lo 'stato di artigiani' che, a suo parere, essi favorevole per il protocomunistas.
Censura prussiana seriamente premuto contro i redattori del Rheinische Zeitung e Marx fu costretto a dimettersi. Non voleva tornare alla carriera accademica a causa del rigido controllo ideologico attuato dal governo nell'Università. Dopo sette anni di incontri, sposato con Jenny in giugno 1843 ed entrambi si unì l'emigrazione politica tedesca che è andato a Parigi. Lì incontra la crema del rivoluzionario della gioventù d'Europa, come Heine, Borne, Proudhon e, soprattutto, Friedrich Engels.

Il Manifesto comunista

Marx ha continuato a lavorare sulla base astratta umanesimo di Feuerbach, che ha criticato la religione e la filosofia speculativa. Da parte sua, Engels convinto dell'importanza di approfondire gli studi economici. Accanto la hegeliana Arnold Ruge pubblicata nel 1844 il Deutsch-Französische Jahrbucher (Annuario tedescoFrancese), che comprendeva due ampi articoli di Marx: 'Questione ebraica' e ' filosofia legge Hegel "dove scrisse la famosa affermazione:" la religione è l'oppio del popolo "(metafora di grande attualità, come l'Inghilterra aveva appena invadere la Cina nel cosiddetto"guerra dell'oppio"). Lavorò anche a quel tempo in alcuni manoscritti economicofilosoficos, che ha lasciato in bozza e non pubblicato durante la sua vita. In essi si riflette soprattutto il momento di transizione che ha attraversato il loro pensiero e il processo di che cosa si sarebbe chiamata «miscela» tra l'analisi critica di idee e di studio e interpretazione di dati reali.

Marx ed Engels
La pressione del Prussia il governo Guizot ha fatto Karl Marx per lasciare Parigi. Il 5 febbraio 1845 si stabilì a Bruxelles, dove sarebbe passato due anni di fecondo lavoro in collaborazione con Engels. È stato quest'ultimo in quel periodo quando ci hanno portato fuori la prima formulazione del materialismo dialettico e ha scritto la sagrada familia, l'ideologia tedesca e la povertà della filosofia, mettendo in discussione del libro filosofia della povertà Proudhon.
Nel 1847 Marx è venuto a Londra e in contatto con una società segreta in formazione, la lega dei giusti, composto principalmente da artigiani tedeschi emigrati, che gli chiesero di scrivere i propri statuti. Engels relativi operai inglesi di sinistra, ed entrambi hanno lavorato da dicembre fino a gennaio 1848 nella lettera fondante della lega, che è stata pubblicata come un Manifesto del partito comunista. La dichiarazione inizia con una frase che è diventata famosa: "la storia di ogni società esistita finora, è la storia della lotta di classe". E tra le sue considerazioni ha dichiarato che le forze produttive sono in costante tensione con i «rapporti di produzione, con i rapporti di proprietà, che sono le condizioni di vita della borghesia e del suo dominio».
Secondo Engels scrisse, fu in questo periodo quando ha prodotto il concetto di punto critico che ha superato di Feuerbach, da «il culto dell'uomo astratto» la scienza di veri uomini e la loro evoluzione storica. Poi è apparso che l'idea della «scatola» è composto da istituzioni e formazioni ideologiche, di fronte il busy (parola tedesca che significa sia condizioni e relazioni) produzione e appropriazione del prodotto sociale.
A quel tempo una serie di rivoluzioni popolare catena che ha colpito la Francia, Italia e Austria, con impatto sociale in Germania e in Inghilterra scoppiò in Europa. Marx è stato invitato a Parigi dal governo ad interim e contestato con veemenza la spedizione «liberazione» sulla Germania proposto dal poeta Georg Herwegh. Ciò gli valse un grande impopolarità tra rivoluzionari, mentre lui ed Engels trascorso nell'aprile del 1848 in Germania per lavorare con le forze democratiche. La proposta di Marx era un'alleanza dei lavoratori con la borghesia progressista, che porterebbe ad uno scontro frontale con i leader sindacali.
Marx è stato alzato a Colonia la Neue Rheinische Zeitung, che ebbe vita breve a causa di contropiede repressivo del governo prussiano. Nel suo ultimo numero, drammaticamente stampato in inchiostro rosso, la rivista convocato tardivamente alla resistenza armata. Nel 1849, prima del fallimento della rivoluzione, Marx tornò a Parigi, dove fu nuovamente espulso. Si recò a Londra dove avrebbe vissuto il resto dei suoi giorni. Circostanza disincanto nei confronti di attivismo politico e il suo rifiuto del radicalism utopico di alcuni colleghi, lo ha portato a sciogliere la lega dei comunisti nel 1850.

Il cervello dell'internazionale

La prima volta a Londra era difficile per Karl Marx, immersa nella povertà, afflitto da problemi di salute e inseguito dai creditori. La famiglia è sopravvissuto sei anni in due camere miserabile in Soho, grazie alle sovvenzioni che inviato Engels dalla fabbrica da suo padre a Manchester, dove ha lavorato come ragioniere. Hanno collaborato anche per il loro sostentamento Wilhelm Wolff, amico di Karl e sporadiche spedizioni dei parenti di Jenny. Due dei quattro figli di Marx è morto in quegli anni di disagio e di sofferenza.
Alla fine del 1851 New York Tribune lo ha nominato corrispondente, che in parte alleviato loro situazione economica e molta dignità. In undici anni di collaborazione, Marx ha scritto per questo giornale oltre cinquecento articoli ed editoriali, un terzo di loro con Engels. In questa fase del suo lavoro intellettuale inizia a preparare i dati e materiali per il primo volume del capitale (Das Kapital). Funzionano come un contributo alla critica dell'economia politica, teorie del plusvalore o un nuovo contorno per una critica dell'economia politica tendono a essere considerato come lavoro preparatori scritture del suo monumentale teoriche. Nel frattempo, non ha fatto tenere nuovi scontri con quelli che ha chiamato "avventurieri" e "Alchimisti" della rivoluzione.
Tuttavia, quando i lavoratori internazionali Association (popolarmente noto come international) è stata fondata a Londra nel 1864, i loro capi chiamato Karl Marx a partecipare e collaborare nella stesura dei suoi primi documenti. Se Marx è considerato il creatore del comunismo moderno e internazionale suo primo addestramento specifico per i lavoratori del mondo, la verità è fu fondatore o leader di questo, ma solo la guida intellettuale di un settore di esso.
Come membro del Consiglio generale, ha lavorato attivamente nella redazione di memoria iniziale e lo statuto dell'associazione, nel momento in cui ha completato l'elaborazione del primo volume del capitale, che fu pubblicato a Londra nel 1867. E ' stato l'unico volume pubblicato nella vita del suo autore (volumi II e III svelato loro Engels, rispettivamente, nel 1885 e nel 1894), e tutto questo lavoro ha avuto un'influenza decisiva nel corso del secolo seguente. Solo molto più tardi ha cominciato a dare importanza allo studio e alla conoscenza della gioventù e precedenti opere di Karl Marx. Il nucleo ideologico di parte del capitale della negazione di speculazione filosofica come fondamento dell'azione politica rivoluzionaria, che deve basarsi sulla conoscenza positiva della realtà storica, sociale ed economica. In quest'ultimo aspetto, introduce il concetto di «valore aggiunto» come valore del lavoro umano che si appropria il proprietario dei mezzi di produzione.
L'International è nata in un momento opportuno, come Unione e specifica organizzazione del movimento operaio, entrambi espressione della classe operaia oltre i confini nazionali. Nel 1869 ha già raggiunto la cifra di 800.000 membri, con un Consiglio generale composto da rappresentanti dei diversi paesi «sezioni». Nel 1870, Engels riuscì a trasferirsi a Londra. Interessante, erano gli italiani che hanno chiesto che esso incorporato il Consiglio come delegato della sua sezione. L'ingresso del suo stretto collaboratore alleviato Marx l'intensa attività come «cervello» associazione e gli ha permesso di dedicare più tempo ai suoi studi presso il British Museum e i suoi scritti teorici.

Marx nel 1882
Pur essendo chi fosse, Karl Marx non era un nome di famiglia nel resto d'Europa: in parte perché stavo scrivendo in tedesco (ma le sue opere non furono pubblicate in Germania) e in parte perché loro elaborazioni concettuali e il suo stile non erano precisamente alla portata delle masse. E ' stato l'insurrezione popolare di Parigi nel 1871, noto come il comune, che ha adottato la capitale come base teorica, ha proclamato la prima esperienza storica della "dittatura del proletariato" e diffusa il nome di Karl Marx da tutti. La maggior parte dei rivoluzionari e i leader sindacali ha preso le loro idee (anche se non tutti i drink li nella tua fonte originale) e iniziò la venerazione della sua persona e il suo lavoro come una quintessenza del pensiero rivoluzionario.
Nel frattempo, il Marx di carne e ossa è stato coinvolto in una disputa furiosa delle fazioni in seno al Consiglio generale dell'internazionale. Il suo avversario era Mijaíl Bakunin, e il tema del confronto era la strada da percorrere nella lotta rivoluzionaria. Il leader anarchico russo, che il comune di Lione aveva istituito nel 1870, ha provocato la distruzione degli Stati nazionali e in disaccordo con la carta che ha dato il suo rivale di partito e i lavoratori dell'industria come un'avanguardia rivoluzionaria. Il confronto si nutriva anche di cozzanti e forte individualità degli avversari sia e Impossibile nascondere rancore personale. Marx, che non era libero da pregiudizi, è venuto a dire: 'Non fidati i russi'. C'è una certa intuizione profetica che, non senza ironia, ha visto in quella frase.
Al Congresso nel 1872 all'Aia, i partigiani di Marx ha ottenuto l'espulsione di Bakunin e i suoi seguaci degli operai internazionali associazione. Nella stessa riunione, Engels ha annunciato che la sede del Consiglio è trasferito da Londra a New York, notizia che è stato ricevuto con giustificata preoccupazione per i partecipanti. Infatti, che sarebbe andato giù nella storia come il primo internazionale languiva nel suo americano fino a scomparire. Allora sarebbe venuto il II, III e IV International, vario segno ideologico e senza relazione con la persona di Marx. Decise di ritirarsi dall'attivismo politico nel 1873, per dedicarsi allo studio e lavoro teorico.
Diversi autori considerano che la capacità intellettuale di Karl Marx è stata indebolita significativamente nell'ultimo decennio della sua vita. La verità è che era un uomo malato, quasi sessanta e profondamente disilluso da molti di coloro che dovrebbero sviluppare e mettere in pratica l'incomprensione o la banalizzazione del suo pensiero. Nelle sue opere mature, ha recuperato gran parte dello stile e la terminologia del linguaggio filosofico di Hegel, come Marx stesso, da "intellettuale flirt" con il lavoro del suo ex padrone e come una risposta al «autonomia» mostrando cultura sinistra per diversi anni. D'altra parte, egli cercò anche di esprimere il suo apprezzamento al fondatore della dialettica, nonostante non aver condiviso la sua "idealista complici».
Nonostante tale semirretiro ed il declino delle sue energie creative, Marx ha ricevuto visite e la corrispondenza da lavoratori e leader politici in questa fase finale. Non è mai trascurata e sempre mantenuto un personal magnetismo su rivoluzionari di cerchi (compresi coloro che non condividono il loro punto di vista), che non poteva sfuggire che Engels chiamato sua influenza"unico". Verso 1877 con salute molto rotto, sicuramente si rifugiò nella vita domestica. Ed è stato proprio nel cerchio della famiglia cui si è verificate due disgrazie consecutive che probabilmente precipitato la sua morte. Il 2 dicembre 1881 ha lasciato sua moglie e appena un anno dopo, il 11 gennaio 1883, sua figlia, Jenny Longuet. Da solo, sconsolato, con la mente indebolita e gravemente colpiti polmoni, Karl Marx sono morto o sono stati lasciati per morire il 14 marzo 1883. La sua tomba in un cimitero di Londra è meta del pellegrinaggio di marxisti e non marxista che venerano l'importanza del suo lavoro e apertura profondità intellettuale del pensiero fino ad oggi.

Karl Marx e il capitale

Unanimemente considerato come l'opera di Karl Marx, il capitale è un grande trattato in tre volumi. Il primo fu pubblicato ad Amburgo nel 1867; il secondo e il terzo sono stati pubblicati da Engels dopo la morte dell'autore, rispettivamente nel 1885 e nel 1894.
Di solito, solo il primo volume, che, pur essendo il più importante e fondamentale, non dà un'idea completa del pensiero di Marx è noto. Nella società capitalista (inizia così il volume) la merce non ha per il suo valore sociale: è diventato un oggetto astratto, un feticcio. In particolare, i soldi "che riflette sulle buone relazioni con tutti gli altri" prende il sopravvento l'anima umana, bullismo lei come un demone. Il denaro è quello di acquistare gli uomini e il lavoro di questi.
Fuerza-trabajo, produttore delle merci, viene modificato e viene acquistato come qualsiasi altra merce e obbedisce alle stesse leggi del mercato, dimenticando che dietro di loro c'è un uomo, con la sua famiglia: il proletario. Questo proletario è gratuito, ma se non vende sua lavoro muore di fame. Vende la sua capacità di lavoro, ma questa è una qualità personale e non può essere venduta separatamente; Questa volta il contratto tra operaio e capitalista, questo con tutti della vostra personalità e le vostre esigenze, passò nelle mani degli altri.

Karl Marx
Per il capitalista, soldi devono moltiplicare i soldi. Anche i soldi spesi sui salari sono moltiplicato, o acquisito forza umana prodotta da valore aggiunto capitalistico, così come il valore che si paga. La formazione del plusvalore e il suo aumento è effettuata nei seguenti modi: 1) il capitalista obbliga l'operatore a dare il suo lavoro più di quello che è necessario per compensare il salario; 2 °) produce la mercancia-trabajo, invece di consumare come qualsiasi altro, (quando consumati) vale più di quanto egli rappresenta, vale a dire, che il lavoro produce un surplus sul suo costo, che è l'apprezzamento, monopolizzata dal capitalista, che ha il potere di imporre all'operatore le condizioni desiderate; 3 °) quando non è possibile successivamente aumentare direttamente il giorno di lavoro, il capitalista cerca di aumentarlo indirettamente, modificando il processo tecnico; qualsiasi miglioramento della tecnica produttiva equivale ad un aumento dell'orario di lavoro; Aumenta la produzione e quindi di costi supplementari plusvalore.
Quest'ultima considerazione rende chiaro che, in un punto nell'evoluzione del processo produttivo, cioè quando il capitalista ha portato al suo limite estremo le prime due modalità di sfruttamento, il problema dell'aumento dell'eccedenza diventa essenzialmente un problema tecnico: migliorare i mezzi tecnici di produzione. Invenzioni meccaniche sono stati, a questo proposito, la grande risorsa del capitalista.
Nelle mani del plusvalore capitalista diventa il nuovo capitale: accumulo è così ottenuto. Per un processo in cui varie fasi analizza Marx nel lavoro, conduce alla concentrazione di capitale e centralizzazione, finché il capitalismo cade in un circolo vizioso. Ecco come il circolo chiuso del sistema capitalista è sintetizzato nel pensiero di Marx: concorso di produzione battere il prezzo più basso; il prezzo minimo è il risultato di un lavoro ad alte prestazioni, e questo risolve su macchine più potenti e sofisticati laboratori e quindi un maggiore capitale; Da qui la necessità di accumulare ad aumentare ritmo; ma le altre macchine, si accumulano più proporzionalmente diminuisce il numero di lavoratori e minore è la percentuale del capitale circolante (labor) rispetto al capitale fisso (macchine, impianti, ecc.); come redditi di capitale derivate dal capitale circolante, minore la proporzione di questa capitale, minore è la proporzione della plusvalenza (che può aumentare in valore assoluto, ma diminuisce in valore relativo).
Nel frattempo, cresce la massa dei lavoratori disoccupati, in modo che aumentano le possibilità di diminuzione di consumo, mentre d'altra parte la merce sul mercato. Quindi è necessario, affinché disoccupati torna a consumare, riempiono in nuovi settori industriali, o sviluppano quelle esistenti. Ma per questo sono necessari nuovo capitale e nuova capitale non può essere ottenuti ma con accumulo e accumulo non è ottenuta, ma con l'aumento del valore aggiunto. Per aumentare il valore relativo dell'apprezzamento sarebbe stato opportuno diminuire il valore del lavoro, riducendo il prezzo dei beni consumati dal lavoratore. Per ridurre il prezzo della merce, è necessario aumentare la produttività, migliorare la tecnica. E per migliorare la tecnica, è necessario inoltre si accumulano, aumentando il valore aggiunto e così via.

Monumento a Marx ed Engels a Berlino
Il circolo vizioso è chiuso. Quando il cerchio è interrotto; pieno di negozi e Outlet chiuso, il mercato già non accetta nulla; fallimento, rivolte di lavoratori disoccupati, affamati: crisi. Tale è il circolo vizioso del sistema capitalista; ma questo, come il sistema che è espressione, ha avuto anche il punto di partenza. L'origine del capitalismo è l'origine dell'accumulo, peccato originale dell'economia politica. La prima accumulazione di capitale è il risultato di un'espropriazione: proprietà privata ha conquistato con il lavoro. Immediatamente è una nuova forma di espropriazione: della capitale inferiore, che già si avvale di una folla dei lavoratori. Tutti capitalista ha ucciso gli altri e la maggior parte del tempo, sarà morto entro uno di più vecchi di lui.
Il processo raggiunge tali estremi, in un dato momento, il numero dei capitalisti è molto piccolo e diventa minaccioso per loro la massa della miseria che, al polo opposto, è organizzato, join che stanno sorgendo. È lo sviluppo proprio del meccanismo capitalistico che incoraggia questa massa; Infatti, il monopolio del capitale diventa un impedimento anche emersi dagli stessi metodi di capitalismo di produzione. La concentrazione dei mezzi di produzione e socializzazione del lavoro raggiungono tali limiti che sono incompatibili con la struttura capitalista, all'interno di che hanno avuto origine e stati determinati. La struttura diventa sovrastruttura e crollerà. Alla fine della struttura capitalistica nelle vicinanze. Gli espropriatori vengono espropriati.
Il secondo volume descritto in dettaglio il funzionamento del mercato, che sono schiavi ai capitalisti; ma questi, per ridurre i rischi dei capricci del mercato, aiutarsi a vicenda, fondato i banchi e adottare misure di sicurezza. Così caotici fenomeni alla fine regolarizzata, e il capitalistico ottiene di vivere più sicuro nel proprio edificio. Ma nel frattempo il meccanismo è complicato, e il capitalista, nonostante Segui solo ottenendo l'apprezzamento della sua attività industriale, assume nuove funzioni: diventa mediatore, banchiere, mercante, proprietario terriero. È fatta per aiutare da una folla di altre persone: questi aiutano il capitale per raggiungere il loro profitto e quindi richiedono una parte di esso. Il vantaggio, in seguito, è ripartito tra tutti i lupi dell'Orda. Il modo in cui deve essere essere diviso è contrassegnato dal gioco stesso dal meccanismo capitalistico.
Già l'economia classica aveva notato che il capitale investito nella maggior parte delle società dare, nello stesso paese e allo stesso tempo, una proporzione uguale beneficio. Nel terzo volume del capitale, Marx spiega che i benefici differenti sono uguali al momento della vendita delle merci, perché il capitale non si immette il fuori produzione, ma solo una sua parte nel bottino generale. Capitalisti si comportano, per quanto riguarda il profitto, come gli azionisti di una grande società: non spiccano ma dalla quantità relativa di capitale utilizzato da ciascuno di essi.

Karl Marx e il marxismo

Anche se si parla di marxismo per riferirsi alle dottrine di Marx, non si può dimenticare che lo stesso Marx ha dichiarato in una sola occasione non essere marxista, che significava il rifiuto al suo pensiero è stato considerato dogma e sono ripiegate si ristrettezza di scolastico. Inoltre, nelle varie fasi della sua evoluzione intellettuale mantenuto la necessità di rispettare le situazioni specifiche contro la tentazione di costruire pure astrazioni senza tempo.
Non solo tra marxisti e no-marxistas, ma tra lo stesso marxista, discusso sotto quale di questi significati può essere considerata più propriamente marxismo. Tutti i marxisti si basano, ovviamente, nelle teorie di Marx, ma si è costretti a rivendicare in ogni caso la corretta comprensione e corretta interpretazione delle dottrine del Marx originale dimostra l'impegno insufficientemente dogmatica. Ecco perché è necessario distinguere tra marxismo nelle sue diverse espressioni e varianti (marxismo) e la stessa dottrina di Marx (Marx), anche se il significato di "Marxismo" non può essere minore di essere associato con l'azione di produzione e practico-politica teorica di Carlos Marx.
Il problema è che l'opera di Marx è stato capito così diversi come si è visto in esso una concezione del mondo, una filosofia, un'antropologia filosofica, una scienza, in particolare una sociologia, un modo di spiegare e cambiare la storia, una serie di standard per l'azione politica che dovrebbe variare secondo circostanze storiche, un'ideologia , ecc. Questa diversità di vedute rendono difficile giustificare l'opzione unilaterale per una delle alternative elencate.
Il problema è più complesso se si considera che tutta la sua vita è ancora che stavano dando cambiamento nell'interesse intellettuale proprie di Marx che sollevano la questione della continuità e discontinuità del suo pensiero. Per alcuni artisti, all'inizio della sua produzione intellettuale, Marx avrebbe funzionato all'interno di canali considerati filosofica, ma specificamente filosofici interessi sarebbe diminuendo, o rifiutare, per il beneficio degli interessi sociologici, politici ed economici, che culminano con il Marx maturo con la costruzione di una scienza (Althusser).

Marx ed Engels
L'opposizione tra un Marx maturo e un giovane Marx ha diviso gli interpreti; alcuni sottolineano l'importanza dell'umanista di Marx contro Marx economista e sociologo e altri il contrario. Alcuni, invece, hanno sottolineato la continuità del pensiero di Marx, che sembra sono stati dimostrati con l'anello mancante di Grundrisse del 1857-1858. Tuttavia, anche ammesso le differenze tra i due Marx, osserva l'atteggiamento costante di Marx nella sua ferma convinzione nel socialista e comunista. Nella misura in cui Marx ha cercato di dare una spiegazione dei cambiamenti sociali, il suo pensiero sarebbe carattere sociologico. Il problema è quindi se la sociologia di Marx è uguale o non una scienza sociale oggettiva. Coloro che sostengono questo personaggio sottolineano l'aspetto scientifico del marxismo. Tuttavia, coloro che la negano (Lukacs) evidenzia la natura fondamentalmente "partigiana" del marxismo, interpretandolo non come una sociologia scientifica, ma come filosofia sociale della classe operaia e, quindi, come loro, inficiando ideologia di tutte le altre ideologie.

La filosofia del marxismo

In senso filosofico marxismo può essere intesa come una critica della filosofia idealistica (Hegel) e materialismo meccanicistico (Feuerbach). Critica della filosofia di Marx, che avviene in particolare in l'ideologia tedesca, anche se l'essenziale Marx aveva già scritto nel contributo alla critica della filosofia del diritto di Hegel, aveva come principale partner di Hegel, come Hegel ha significato l'espressione più matura e più esemplare di quella che fu la filosofia come "interpretazione" della realtà , che contiene allo stesso tempo i germi per una trasformazione della filosofia, e come in Hegel si è svolta la consumazione di teorica e ideologica del mondo cristiano-burgues.
Il crollo del sistema hegeliano significherebbe il crollo della concezione cristiano-burguesa del mondo. Comprensione di ciò che "precedente coscienza filosofica" compreso da porta un marxismo filosofia di filosofia, una dura critica alla "filosofia come filosofia" proclamando la sua scomparsa dopo aver superato. "Filosofia come filosofia" è concettualizzata come un'ideologia cui necessità è stato storico, ma eliminato il suo fondamento nella realtà, "la miseria sociale", non sarà più necessaria.
Nonostante tutto, il marxismo può essere considerato in Marx come una filosofia in senso tradizionale, nella misura in cui la relativa critica conteneva i germi di un'ontologia e una concezione del mondo che intende svolgere una chiarificazione razionale della coscienza, incluso una cultura e dilucidaba il posto che uomo deve prendere nel mondo.

Il marxismo come scienza

In senso economico-sociologico, il marxismo è destinato a essere una teoria della realtà sociale, in particolare di società capitalista borghese, di critica e alternativa all'economia politica inglese (Ricardo, Quesnay e Adam Smith), un "macrosociologia" e una scienza di storia. L'attenzione fornito alla spiegazione della Genesi, descrizione della struttura e critica della società capitalista e prevedere il crollo di questa società, vittima delle sue crisi interne e la forza rivoluzionaria del proletariato, sembrano fare fondamentalmente di Marx economista e sociologo.
Il contributo fondamentale di Marx all'economia politica si trova nella sua capitale. Marx ha mostrato il carattere storico delle modalità di produzione e delle leggi che disciplinano la sua rottura funziona con il concetto astorico di economisti classici e leggi economiche.
La complessità della dottrina economica di Marx possa essere riassunti in sei tratti principali: 1) l'idea che i prodotti lanciati sul mercato hanno un prezzo. 2.) l'idea che per tali prodotti è utilizzato il lavoro dei dipendenti, l'opera è data per cui anche di prezzo, trasformandolo in merce. 3 °) l'idea che ha prodotto dal dipendente ha un valore superiore al salario ricevuto dal lavoratore, anche scontando i costi di produzione, distribuzione, ecc. Questo plus in questione è l'apprezzamento, che è strappato il lavoratore dal capitalista. 4 th) l'idea che sia il progresso tecnico e le esigenze della concorrenza richiedono capitalisti ai monopoli grande forma, distruggendo questo modo piccole imprese e possessore di classe sociale (piccola borghesia) di queste aziende. 5 °) l'idea che ci sono inevitabili crisi nel mercato capitalistico (crisi di sovrapproduzione, per esempio) e che queste crisi producano conflitti (comprese le guerre) nel corso della quale distrugge il capitalismo. 6.) l'idea che la quantità dei proletari e poveri aumenta mentre diminuisce il numero di capitalisti e oppressori.
Un'interpretazione scientista di Marx è stato una teoria puramente scientifica (economica, storica e sociologica) nella sua dottrina. Convinto che Marx, nel corso delle loro ricerche, si è evoluta dalla filosofia alla scienza, i fautori di questa interpretazione concesso solo al lavoro della gioventù Marx un interesse puramente storico e concentrare tutta la loro attenzione sulle loro realizzazioni della maturità, soprattutto nella capitale. Questa interpretazione del marxismo è già stata effettuata alla fine del XIX secolo dai principali teorici del cosiddetto "marxismo ortodosso" (Kautsky, Georgij Plechanov, Hilferding) l'introduzione di un marxismo, «indicativa», come un obiettivo di scienza non è interessato a qualsiasi giudizio di valore. All'interno del movimento comunista, questa interpretazione "scientista" del marxismo fatto sentire nella versione che ha dato la scuola meccanicistico, almeno fino al 1929 la loro influenza.
Ma era Lous Althusser che, soprattutto nella sua opera la rivoluzione teorica di Marx, si avvicinavano visione "scientista", ma non è identificato con esso. Althusser ha stabilito un'opposizione tra l'opera giovanile di Marx e del suo lavoro maturo: tra i due, ci sarebbe un concetto di "rottura epistemologica" che Althusser ha preso Bachelard, inteso come il passaggio di un problema pre-scientifico, mescolato ancora con l'ideologia, a un problemi genuinamente scientifiche.
La transizione dall'ideologia alla scienza non significa, tuttavia, una negazione della filosofia. Nel 1845 quando Marx ha rotto con il discorso ideologico della sua giovinezza, egli aveva fondato e Althusser, una nuova scienza, ha detto: il materialismo storico; ma, allo stesso tempo, una filosofia: materialismo dialettico; e questo in un unico movimento. L'oggetto del materialismo storico era la società; l'oggetto del materialismo dialettico era la conoscenza scientifica. La capitale, che era l'opera più significativa di Marx, ha allo stesso tempo un significato scientifico e filosofico. Da un lato, fondato la scienza dell'economia, cioè la scienza di un particolare settore della società e d'altra parte, presenta una nuova concezione della conoscenza.

Monumento a Marx a Chemnitz, Germania
Qui è dove il senso più autentico della filosofia di Marx, che sarebbe in agli antipodi dell'umanesimo, storicismo, che hanno dominato i suoi primi lavori sarebbe per Althusser. Althusser, sostenendo l'esistenza di una rottura epistemologica tra il filosofo Marx prima e seconda scientifico Marx, ha evidenziato il carattere strutturale di questo pensiero come spiegazione delle strutture fondamentali della società umana. La scoperta di queste strutture renderebbe possibile comprendere la superficie e le strutture più visibili non solo in una determinata fase della storia, ma in tutta la storia umana.
Tuttavia, devo ammettere che, con Ferrater Mora, che anche se ci possono essere differenze tra i "due Marx", gli interessi del Marx maturo critica dell'economia politica e capitale non sembrano di fuori del giovane Marx, soprattutto i manoscritti economico-filosofici del 1844, quando meno nella misura che questo sviluppa anche uno sforzo per capire la vera alienazione che caratterizza il lavoro dal momento in cui cessa di operare il comunismo primitivo. Inoltre, lo stretto rapporto tra teoria e pratica e la ferma negazione di un divario tra fatti e valori sono presupposti che sembrano essere coerente in tutte le fasi del pensiero di Marx.

Marxismo come prassi rivoluzionaria

In senso politico, marxismo significa una critica dell'azione politica del socialismo utopistico francese (trasformata di Fourier e Proudhon, Saint-Simon, ecc.) ed una prassi rivoluzionaria (socialismo scientifico) ha puntato la trasformazione della realtà e della struttura economica sociale. In realtà, questo è il grande obiettivo perseguito da tutti la formulazione teorica del marxismo dal primo fino agli ultimi scritti: "i filosofi sono stati limitati a variamente interpretare il mondo; Ma ciò che conta è di trasformarla, ", ha scritto Marx. La teoria marxista, pertanto, raggiunge la sua realizzazione suprema che è proiettato in un'azione storica. La prassi rivoluzionaria, concepito fin dall'inizio come un processo di apprendimento dolorosa dovrebbe essere aperto a una revisione permanente e una realizzazione rinnovata.
Il marxismo, come la teoria di una pratica che è stata articolata dai problemi della moderna società borghese della civiltà industriale, appare come un tentativo, soprattutto pratico, per risolvere il problema in modo teorico e in una certa direzione. L'interesse pratico, che serve come conduttore della conoscenza, nel campo teorico è espresso nel problema di come sia possibile rilasciare le catene industriali di aumento della produttività del lavoro e gli effetti distruttivi che ha nella sua forma di organizzazione capitalistica.
Movimento pratico, che è questo interesse è concepito nel marxismo come un processo di auto-difesa e di auto-liberazione di coloro che soffrono gli effetti negativi della società borghese, come emancipazione della classe operaia delle classi che possiede. Le classi lavoratrici sono ricapitolate sotto il nome di "proletariato", e il settore che determina il carattere di questo movimento è la forza di lavoro industriale. L'obiettivo di questo movimento è l'appropriazione dei moderni mezzi di produzione da parte dei produttori immediati. L'espropriazione dei mezzi di produzione è un momento di questo stanziamento, che conduce ad una società senza classi, dove diventa un'appropriazione universale, cioè, nella misura in cui si rimuove le limitazioni dell'attuale divisione del lavoro e distribuzione ad ogni individuo una quantità di produzione di forza.

Marx a Londra (1875)
Questo orientamento marcatamente pratica del marxismo è che sarebbero presenti nelle interpretazioni di Karl Vorländer, che sostiene l'idea che il socialismo non può essere disgiunta dalle richieste. Mette in evidenza l'ispirazione per carattere etica nel lavoro di Marx, evidente negli scritti di gioventù, ma anche presenti nella capitale. La stessa tesi era difeso da Maximilien Rubel nel suo lavoro Karl Marx. Essai de biographie intellectuelle (1957). In base a questo, nell'opera di Marx non ci sarebbe stato nessun spostamento da un punto di vista ideologico per una posizione scientifica, ma che piuttosto, esso sarebbe segnato dalla dualità tra una scienza oggettiva ed etica rivoluzionaria. "Come ricerca obiettiva, materialismo storico essenzialmente offerte con l'analisi dei fatti storici, cui connessione imposta rigorosamente conforme a un tipo di esattezza scientifica;" come dottrina etica cerca di formulare i principi che devono indirizzare l'attività della classe operaia per ottenere la liberazione e per organizzare una società pienamente umana".
Il significato più appropriato, quindi, per descrivere in modo generale "Marxiano" sarebbe da considerare la teoria e la pratica di Marx come un umanesimo reale, rivoluzionario e militante come teoria di una prassi di emancipazione umana all'interno di una civiltà industriale internazionale trasformata in un'unità. Marxismo, d'altra parte, non sarebbe stato creazione di proprio Marx, cioè non rappresenterebbe la somma delle opinioni di Marx, ma il prodotto storico complesso delle interpretazioni delle teorie di Marx. Come una filosofia universale di base, materialista ha cominciato dove Marx è finita, cioè, creare un sistema che è chiusa in sé, socio-politico, economici e filosofici intuizioni.
Pubblicato per scopi didattici autorizzati da: Biografías y Vidas
Biografie di personaggi famosi e storici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…