Passa ai contenuti principali

Biografia di Juan Pablo Montoya | Pilota colombiano.

(Bogotá, 1975) Pilota colombiano. Far parte del ristretto gruppo di piloti di Formula 1 è un'azienda che è alla portata di pochi, perché corse automobilistiche sono, senza dubbio, uno degli sport che richiedono un livello superiore di requisito, coraggio e sacrificio. Aggiungendo a questa difficoltà è il fatto di venire da un paese, la Colombia, con grandi giocatori e ciclisti leggendari, ma privo di tradizione automobilistica, riferisce il doppio merito di Juan Pablo Montoya, che ha preso il testimone di grandi piloti brasiliani (Fittipaldi, Senna) e Argentina (Fangio, Reuteman) dal passato per condurre, insieme con il brasiliano Rubens Barrichello, la rappresentazione sudamericana in Formula 1 del nuovo millennio.

Juan Pablo Montoya
Loro predilezione per il motore del Juan Pablo Montoya è venuto a lui attraverso il suo padre, Pablo Montoya, architetto e pilota di corse che, dopo aver vinto un concorso, non resistette alla tentazione di sedersi il tuo piccolino, appena tre mesi, così di accompagnarlo nel suo ritorno trionfale. Questo rituale si ripete nel futuro e chissà se non contribuirebbe a quel bambino era immergersi nel mondo delle corse su quattro ruote.
Paul, il primogenito di una famiglia di quattro fratelli (gli altri sono Liliana, Catalina e Federico), ha ricevuto un'auto come un regalo per il suo secondo anniversario; Da allora è il vostro tesoro più prezioso. Concorrente precoce, con solo cinque anni già ha cominciato in un campionato di go-kart, modalità che è diventato campione nazionale nella categoria bambino l'anno successivo. Durante il 1980 e sotto la tutela di suo padre, ha continuato guida kart e accumulando Campionati nazionali nella categoria Junior e Komet.
Nel 1990, un quindicenne Montoya ha attraversato l'Atlantico per la prima volta con suo padre; Si trasferì a Lonato (Italy) e partecipato al Campionato del mondo di kart nella categoria Junior. Inizia così l'avventura internazionale del giovane e promettente pilota colombiano. Nel 1992 ha presentato la prima opportunità di partecipare a una competizione di alto livello, ma per farlo ha dovuto temporaneamente tornare al loro paese: iscritti in extremis da suo padre in Formula Renault, la prima volta è stato fantastico, perché ha segnato la pole nella prima gara e alla fine della stagione, è stato il runner-up dopo aver vinto quattro delle otto gare. L'anno seguente, la Swift GTI Cup, fu salutata con la bandiera a scacchi del vincitore in sette delle dieci gare.
Nel 1995, torna al vecchio continente, è riuscito, non senza grandi sforzi, a partecipare alla stagione del loto Vauxhall (Inghilterra), che ha guadagnato quattro vittorie. Di conseguenza che ha ricevuto un invito per la Coppa internazionale Formula 3 disputata in British land, che è arrivato secondo. Con 26 anni che è venuto a far parte del Fortec del team britannico di Formula 3, che è riuscito due vittorie. Il passo successivo nella sua carriera fu la Formula 3000, ma il costo economico della categoria era oltre i loro mezzi. Tutto sembrava perduto quando è emerso un raggio di speranza: il team austriaco RSM Marko invocata sue possibilità. Il giovane pilota non ha deluso, come ha conseguito vittorie in Francia, Austria e Spagna e ha concluso la stagione come secondo classificato nella categoria.
L'anno 1998 segnò un punto di flesso nella carriera di Montoya: integrato nel team Super Nova, è stato imposto il campionato internazionale di Formula 3000, nel momento che divenne pilota collaudatore per una delle squadre leader in Formula uno, Williams. Nel 1999 ha firmato un contratto triennale con il team Target Chip Ganassi, che ha partecipato nella categoria CART, modalità competitiva disputata negli Stati Uniti dove fu campione.
Da allora, la fama di Montoya aumentato nella stessa misura in cui ha fatto il riconoscimento ufficiale dei suoi compatrioti. Il governo colombiano gli conferì la Croce di Boyacá, massimo premio del paese, e la stampa specializzata lo dichiarò il miglior pilota dell'anno. Lo sport delle corse automobilistiche inizia a reclutare un esercito di seguaci, simili ai decenni del 1980 e 1990 colombiano "coleotteri" volute nei dintorni di Spagna, il Giro d'Italia o il Tour de France.
La consacrazione definitiva avvenne nel 2001, con sua inclusione nel gruppo di minoranza di piloti di Formula 1, con cornice in team Williams. Ai comandi di una delle migliori macchine del circuito, ha ottenuto la vittoria nel Gran Premio d'Italia a Monza e l'anno seguente ha raggiunto il terzo posto sul podio nella classifica finale della stagione. Nel frattempo, il 27 ottobre 2002, Montoya è stato sposato al collega Connie Freydell a Cartagena de Indias. Anche nel 2003 stagione ha vinto il terzo posto nella classifica finale, costruita come una vera alternativa alla tirannia dell'heptacampeon del mondo Michael Schumacher. Figure mitiche del volante come Emerson Fittipaldi o Jackie Stewart Scottish si rivolse a lui elogi e prometteva nuovi trionfi.
L'anno seguente, tuttavia, le carenze della sua auto danneggiato la competitività e la progressione è stata frenata; Ha finito la stagione 2004 in un quinto posto lodevole e ha firmato per il team McLaren-Mercedes, che sarebbe nei prossimi due anni. Nel 2005, un infortunio alla spalla gli ha impedito di partecipare a due gare, ma ha vinto tre gran premi e finito quarto posto assoluto. Ma le cattive relazioni con la McLaren, Ron Dennis, team leader, nonché l'organizzazione e arbitrati, porterebbe a Montoya a lasciare la Formula 1 nella stagione 2006, che si è ancora conclusa. Questo lasciò Montoya all'unità: la stessa 2006 è andato alla categoria Nascar, che continuerebbe a competere negli anni successivi. Loro buono stato di forma è stata dimostrata in una prodezza pochi raggiungere: vincendo due edizioni consecutive (2007-2008) della famose 24 ore di Daytona.
Pubblicato per scopi didattici autorizzati da: Biografías y Vidas
Biografie di personaggi famosi e storici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…