Passa ai contenuti principali

Biografia di José Vasconcelos | Politico.


(Oaxaca, 1882 - città del Messico, 1959) Politico, scrittore e pensatore. Fu il fondatore del Ministero dell'educazione nel suo paese, da cui si è sviluppato un lavoro fruttuoso e straordinario, che gli valse il soprannome del maestro della gioventù dell'America.
Laurea in giurisprudenza presso la scuola nazionale di giurisprudenza nel 1907, ha presieduto presso l'Ateneo de la Juventud, di cui fu fondatore nel 1909. Fu sostenitore della rivoluzione messicana fin dall'inizio, dal momento che partecipato al movimento Madero come uno dei quattro segretari del centro del Messico Antirreeleccionista. È nominato co-direttore del giornale El Antirreeleccionista di Félix F. Palavicini.
Nella rivolta del 1910-11 fu segretario e sostituire Francisco Vázquez Gómez, Madero a Washington confidenziali e fondatore dell'agente partito costituzionalista progressiva. Dopo il colpo di stato di Victoriano Huerta, Venustiano Carranza lo ha nominato agente confidenziale per i governi di Inghilterra e Francia, per cercare di evitare che questi danno aiuti finanziari al dittatore.
Nel 1914 fu nominato direttore della Escuela Nacional Preparatoria. Fuggì allora in Stati Uniti d'America, poiché Venustiano Carranza ha tentato di arrestarlo dal peccato di critico. Al suo ritorno frequentò la convenzione di Aguascalientes e servì Segretario della pubblica istruzione nei due mesi nel gabinetto di Eulalio Guzmán.
Nel 1915 fu esiliato negli Stati Uniti. Nel 1920 incontrò con Álvaro Obregón e dato il loro sostegno per il piano di Agua Prieta, che si proponeva di respingere Venustiano Carranza della presidenza della Repubblica e quindi consolidare la candidatura presidenziale di generale Álvaro Obregón. Adolfo de la Huerta lo ha nominato capo del dipartimento universitario e belle arti. In questo ruolo imposto all'Università nazionale l'attuale stemma e il motto "lo Spirito parlerà per mia gara".
Ha continuato nel ruolo sotto la presidenza di Álvaro Obregón, che lo ha nominato capo della segreteria di educazione pubblica per creare questa dipendenza. Da questa posizione ha imposto l'educazione popolare, Messico ha portato eccezionali educatori e artisti, ha creati molte biblioteche popolari e i dipartimenti di belle arti, scuola e biblioteche e archivi; riorganizzò la Biblioteca nazionale, gestito un programma di pubblicazione di massa degli autori classici, fondò la rivista El Maestro, promosso missioni rurali e scuola e ha portato alla celebrazione della prima Mostra del libro. Durante il suo mandato sono stati commissionati murales per decorare edifici pubblici ai pittori José Clemente Orozco e Diego Rivera, anche se alcuni hanno sostenuto detti parete ha dovuto superare la tenace resistenza del ministro Vasconcelos, cui comprensione Orozco aveva "orribile cartoni animati".
Dopo la firma dei trattati di Bucareli, ha condannato l'assassinio della giuria senatore campo e si dimise dal suo incarico il piovosi in set. È stato candidato al governo di Oaxaca, ma fu sconfitto e optato per l'esilio. A Parigi e Madrid ha pubblicato la prima epoca della rivista la torcia (1924-25). Al suo ritorno in Messico è stato candidato alla presidenza della Repubblica per il partito nazionale Antirreeleccionista.
Per proclamare il trionfo del candidato ufficiale Pascual Ortiz Rubio, il Poblanos denunciato brogli elettorali e Vasconcelos proclamato nel piano di Guaymas Sonora chiamata senza successo una rivolta armata. Incarcerato dopo attuando il suo piano, è autodesignó "solo legittima autorità" e ignorato i federali, statali e le autorità comunali che "prendere in giro il voto del pubblico per trent'anni". Già pubblicato in esilio a Parigi, dove ristampato la torcia. Al suo ritorno fu l'indirizzo della Biblioteca nazionale durante la presidenza di Manuel Ávila Camacho (1940-1946).
Il lavoro di José Vasconcelos
La sua opera letteraria abbondante è stata classificata in cinque sezioni di base. In filosofia, non influenzata dubbio dagli scritti di Schopenhauer, che aveva in grande considerazione, è diventato il campione della lotta contro il positivismo e l'utilitarismo, che una tale situazione aveva raggiunto in America al momento.
A livello filosofico, includere libri come Pitagora, una teoria del ritmo (1916), estetica monismo (1918) e logica organica (1945), organizzato da un sistema basato sul giudizio estetico, dove la bellezza diventa una forma di realtà superiore e il metodo sintetico musica sottolinea il cemento universale; Ha detto che la sua dottrina filosofica era "un basato sul monismo estetico".
Vasconcelos, il compito della filosofia è quello di coordinare tutte le aree del sé e tutte le facoltà del sé, di raggiungere un'unità suprema, che non è più il Logos, ma armonia. La vera conoscenza potrebbe essere ottenuta utilizzando una sintesi coordinare elementi e modi di apprendere intellettive, mistici ed emotivi. Alcuna distinzione tra oggetto e soggetto è semplicemente fenomenale. La verità sarebbe il giudizio estetico, a titolo di bellezza e armonia.
In secondo luogo, nelle opere di sociologia e pedagogia, come la razza cosmica (1925) e Bolivarismo e Monroismo (1934), si evidenzia un concetto antropologico e storico che postula la formazione in America Latina di un futuro race, che finirà per imporre il più alta forma di vita nata e influenzato dal suo temperamento estetico, a contrasto per l'America anglosassone. La razza cosmica, saggio sull'identità americana, tra cui idee controverse sulla superiorità razziale.
Un terzo e un campo fecondo è la versione di prova e il suo vasto lavoro come giornalista: Gabino Barreda e idee contemporanee (1910) o Victor Prometheus (1920). Un lavoro giornalistico brulicante, che comprende e riguarda tutti gli aspetti di attualità e cultura può essere inclusi in questa sezione.
Un altro importante aspetto della loro attività intellettuale stava regolando le opere storiche, come la sua breve storia del Messico (1937) e Hernán Cortés, creatore della nazionalità (1941). Biographical volumi dedicati a Simón Bolívar ed Evaristo Madero.
È nelle sue memorie dove una maggiore forza letteraria ed è grazie a loro che è rimasto come una presenza viva nelle lettere messicano dopo la sua morte. Si tratta di esperienze personali, precludendo riflessioni concettuale e la consapevolezza di aver vissuto in un periodo storico che comprendeva la caduta di un vecchio regime, la lotta armata delle forze rivoluzionarie, rafforzamento delle istituzioni nazionali e la delusione causata da governi successivi. Il ciclo inizia con Ulises criollo (1935), continua con la tempesta (1936), avanza per il disastro (1938) e culmina con il pro-consolato (1939): i quattro volumi sono considerati un modello del genere. L'ultimo volume della sua opera autobiografica, intitolato la fiamma, apparso postumo (1959). Vasconcelos potrebbe essere considerato un grande storico, se fosse stato in grado di sbarazzarsi della sua irrefrenabile passione ad un certo punto.
Autore di una piccola uscita drammatica, questo è considerato la parte meno significativa del suo lavoro, e raramente i suoi pezzi sono in scena per mancanza di un vero senso del dinamismo teatrale. Forse il più interessante dei quali è il robachicos (1946). Né fare il suo lavoro di fiction, che è assente la letteratura autentica ha grande peso. Essi sono non senza fascino, tuttavia, funziona come magica sonata (1933) e vento di Baghdad (1945).
Sua ideologia politica
Sua ideologia politica, ispirato da un regenerationism romantico anti-imperialista, la rivoluzione può essere solo come (in parole di Joaquin Cardenas Noriega) "Virilità per bene e progresso, giustizia sociale e personalità libera e demagogica ciarlataneria, della dignità umana." Così fate attenzione delle classi inferiori come alta e ritiene che solo l'orientamento politico della borghesia può dare continuità e stabilizzare il processo rivoluzionario.
Così dice: "Manuel Rivas, come ho fatto io, apparteneva alla classe media professionale che inventa, possiede e gestisce i tesori della cultura a tutte le latitudini. Vera aristocrazia dello spirito. È questo genere disposto tra maleducazione e incompetenza del perdente e corruzione, stupido egoismo di quelli sopra. Sventurato persone nella nostra classe non masterizzato, non impone l'orientamento e il sistema. "Distruggere la specie coltivata, versando sopra l'indiano che appena non farà ma sedersi per essere emarginato dal grande Texas che sarà tutto il Messico, ecco uno degli scopi del Pocho imperialista piano ed essi hanno stato metodicamente realizzazione."
Questo programma di rigenerazione della patria e tutta l'America, ha nella difesa della verità, anche a scapito di sacrificio della vita, esilio o in prigione, Nord che guida, nelle sue proprie parole, la sua azione profetica: "proclamare la verità di fronte coloro che supportano il suo dominio nella menzogna, è una funzione del profeta" più uniforme rispetto dell'eroe. Maledizione che cerca di compiacere i malvagi invece di segnalarlo! Accidenti che vede affondare la sua barca nei mari di tradimento e codardia e non desistere dal condannare l'ingiustizia, errore, inganno! ... Lanciato il Brega, la verità non può essere serena, deve essere agitata come la tempesta e luminoso come un fulmine, forte come il fascio che abbatte le torri dell'orgoglio del mondo. "
Il grande ammiratore della Spagna colonizzando e Hernán tagli e grande flagelador di ciò che considera vizi del suo paese, parallele a quelle della generazione spagnola di 98 scopi rigenerativi, non sta mordendo mai lingua, come non lo spagnolo Miguel de Unamuno mordere esso è: una e l'altra erano filosofi, individualisti, donquijotescos freddo.
L'illustre pensatore messicano ha sottolineato alternative che, a suo parere, possono essere considerate il continente nel suo saggio cos'è il comunismo? (1937), dove finisce, tuttavia, pubblicamente confessare la loro fede cattolica anche senza rinunciare ad altre influenze intellettuali e senza che offeso lui, nella campagna contro l'imperialismo occidentale quando la seconda guerra mondiale è nella sua infanzia (1939-1940), le coincidenze che può essere trovato con le tesi marxista-leninista nel suo pensiero.
Pubblicato per scopi didattici autorizzati da: Biografías y Vidas
Biografie di personaggi famosi e storici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…