Passa ai contenuti principali

Biografia di James Prescott Joule | Fisico britannico.

(Salford, Regno Unito, 1818 - foglie, ID., 1889). Fisico britannico, è dovuta la teoria meccanica del calore, e in cui onore è l'unità di energia nel sistema internazionale chiamato luglio.
James Prescott Joule nacque in una famiglia dedicata alla fabbricazione di birra. Dal carattere timido e umile, ha ricevuto lezioni private nella sua casa di fisica e matematica, essendo loro insegnante, il chimico inglese John Dalton; Ha combinato queste classi con la sua attività professionale, lavorando a fianco del padre presso la distilleria, che è venuto a dirigere. Dalton lo incoraggiò verso la ricerca scientifica e condotto i suoi primi esperimenti in un laboratorio vicino il creatore delle birre, formando allo stesso tempo presso l'Università di Manchester.
Joule ha studiato gli aspetti del magnetismo, soprattutto quelli relativi alla magnetizzazione del ferro dall'azione delle correnti elettriche, che lo portò all'invenzione del motore elettrico. Scoprì anche il fenomeno della magnetostrizione, apparendo in materiali ferromagnetici, in cui la sua lunghezza dipende dal suo stato di magnetizzazione.

James Prescott Joule
Ma la ricerca più fruttuosa di Joule è la relativa alle varie forme di energia: con i suoi esperimenti, verificato che il flusso di una corrente elettrica attraverso un conduttore, che si verifica un aumento della temperatura; a partire da lì dedotto che se l'alimentazione elettrica è una batteria elettrochimica, energia verrebbe dal trattamento effettuato da reazioni chimiche, che si trasformerebbe in energia elettrica e questo sarebbe essere trasformato in calore. Se viene inserito un nuovo elemento nel circuito, motore elettrico, energia meccanica è originata. Questo porta all'enunciazione del principio di conservazione dell'energia, e anche se c'erano altri fisici famosi che hanno contribuito alla realizzazione di questo principio come Meyer, Thomson e Helmholtz, era Joule che gli ha fornito con maggiore forza.
Nel 1840, Joule calore per la produzione di energia elettrica fotovoltaicaha pubblicato, in che ha stabilito la legge che porta il suo nome e che afferma che il calore dal passaggio di corrente elettrica in un conduttore è proporzionale al prodotto della resistenza del conduttore per il quadrato della corrente. Nel 1843, dopo molti esperimenti, ottiene il valore numerico dell'equivalente meccanico del calore, che ha concluso che 0,424 era uguale ad una caloria, che ha permesso la conversione delle unità meccaniche e termiche; Questo è molto simile al valore attualmente come 0,427. Così il rapporto tra calore e lavoro, già avanzata da Rumford, che ha servito come un elemento fondamentale per l'ulteriore sviluppo della termodinamica statistica è stato stabilito saldamente. In queste opere, Joule era basata sulla legge di conservazione dell'energia, scoperto nel 1842.
Mentre nel 1848 aveva già pubblicato un articolo trattenga la teoria cinetica dei gas, dove per la prima volta stimata la velocità delle molecole del gas, abbandonata la sua linea di ricerca e ha scelto di diventare assistente di William Thomson (Signore Kelvin) e, come risultato di questa collaborazione, è stata la scoperta dell'effetto Joule-Thomson, secondo cui è possibile raffreddare un'espansione di gas se necessario separare il lavoro avviene nella molecole di gas. Ciò quindi attivata la liquefazione del gas ed ha condotto all'energia interna di una legge di gas perfetto, secondo la quale l'energia interna di un gas perfetto è indipendente del suo volume e la temperatura-dipendenti.
Pubblicato per scopi didattici autorizzati da: Biografías y Vidas
Biografie di personaggi famosi e storici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…