Passa ai contenuti principali

Biografia di Ignacio Allende | Militare.

(Maria Ignacio Allende e Unzaga; San Miguel el Grande, corrente San Miguel de Allende, Guanajuato, 1769 - Chihuahua, 1811) indipendenza messicana militare, uno dei più importanti protagonisti della prima fase della rivolta che avrebbe portato all'indipendenza del Messico. Dopo una serie di vittorie e sconfitte, parzialmente dovuto le carenze strategiche quest'ultime di Miguel Hidalgo, lei assunse il comando degli insorti host quando la rivolta era già stata praticamente schiacciata.

Ignacio Allende
Ignacio Allende era un creolo di buona famiglia, abile nelle arti della cavalleria e carattere forte. Nel 1795 si arruolò nell'esercito, dove ricevette una solida formazione e ottenne il grado di capitano nel 1797 per vocazione. Nel cantone di Jalapa, Ignacio Allende ha incontrato altri creoli che ha condiviso i loro ideali politici del malcontento contro il governo spagnolo. Alla fine del 1809 governo coloniale ha scoperto una vasta cospirazione a Valladolid (oggi Morelia) e provato a smontare il movimento indipendentista, ma Allende contattato una ramificazione principali a Queretaro, nella casa del corregidor Miguel Domínguez e sua moglie Josefa Ortiz.
Da uno dei partecipanti, l'ufficiale Joaquín Arias, è stata scoperta la congiura. Ignacio Allende è stato tempestivamente avvertito e potrebbe avvertire un altro cospiratore, il sacerdote da Dolores Miguel Hidalgo y Costilla, che decise di avanzare la ribellione. All'alba del 15-16 settembre 1810 convocò tutto il popolo di Bell a prendere le armi. Un grosso contingente di Creolo e indigeni hanno marciato su San Miguel, e a Atotonilco del cura Hidalgo ha adottato la bandiera con la Vergine di Guadalupe come logo.
Il 28 settembre ha preso Guanajuato, difeso dal realistico sindaco Antonio Riaño. A Guanajuato insorti, incontrollabili, aggredito ferocemente la alhondiga de Granaditas e uccise senza pietà gli spagnoli con le loro famiglie. Questo ha causato che Hidalgo e Allende antagonizzano reciprocamente. Nella città di Valladolid, preso il 17 ottobre, si unirono altri ribelli, che hanno combattuto con successo per l'esercito di Royalist nel Monte de las Cruces.
Favorire una guerra militare e non le azioni di guerriglia che auspicava Hidalgo, Ignacio Allende proposto quindi ad occupare città del Messico; ma la prospettiva di un'altra uccisione, Hidalgo ha deciso di tornare indietro. In Aculco attenderli realistiche truppe di Félix Calleja e Manuel Flon, che furono sconfitti. Allende è diventato forte a Guanajuato, ma fu costretto a lasciare la città il 25 novembre a causa dell'assedio del viceré Calleja. Ancora una volta hanno affrontato realisti al ponte di Calderón (17 gennaio 1811), in cui i perdenti sono stati nuovamente gli insorti.
Dopo si rifugiano in un ranch, pensionati al comando di Hidalgo e l'esercito fu diviso in due; uno, con la parte anteriore di Ignacio López Rayón, è andato a Michoacán; gli altri defunto verso il nord con Ignacio Allende e Miguel Hidalgo cercato supporto negli Stati Uniti. Ma nel Acatita de set, Coahuila, altri sono stati arrestati da Ignacio Elizondo. Li ha sottoposti a processo e Allende fu giustiziato insieme a Ignacio Aldama e Mariano Jiménez. Suoi resti riposano nella colonna dell'indipendenza a città del Messico.
Pubblicato per scopi didattici autorizzati da: Biografías y Vidas
Biografie di personaggi famosi e storici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…