Passa ai contenuti principali

Biografia di Hugo Sanchez | Calcio messicano.

(Messico, 1958) Calcio messicano, senza dubbio uno dei miglior giocatore di questo sport Re degli anni ottanta. Il padre di Hugo, Héctor Sánchez, era stato giocatore di Asturie e l'Atlantide. All'età di 14 anni Hugo già è venuto a formare la selezione messicana per i giochi olimpici e ha vinto il torneo CONCACAF.
Nel 1976 firmò per la formazione dei giovani dell'Università autonoma nazionale de Messico (UNAM), squadra in cui era fino al 1981. Hugo Sánchez ha preso parte ai giochi olimpici di Montreal (Canada) dal 1976, che ha coinciso con la sorella (ginnasta olimpico), che gli insegnò la corda tradizionale o capriola che utilizzato per festeggiare i suoi gol.

Hugo Sanchez
Nell'ottobre del 1977 ha debuttato con la nazionale messicana Senior, vincendo il torneo CONCACAF. Nella stagione 76-77 ottenuto con Pumas UNAM, squadra primo campionato nella storia del club Championship. Due anni più tardi finì come massimo direttore del torneo, con 26 gol. Alla fine di quella stagione (1979), ha giocato un'estate negli Stati Uniti con il San Diego Sockers, ma ritornò presto a UNAM, che otterrebbe un altro campionato (80-81), la CONCACAF Cup dei Club (1980) e la Copa Interamericana (1980), parte anteriore della Nacional de Montevideo.
Dopo cinque stagioni presso l'UNAM (1976-1981) e con 99 gol in loro carenze personali, iniziò la sua carriera di Spagna, in primo luogo all'Atletico Madrid, che fu incorporata nel 1981 e in cui, dopo un periodo di adattamento, è riuscito a avere successo nella stagione 84-85, vincendo la Copa del Rey, il secondo posto nel campionato spagnolo e il Trofeo Pichichi (assegnato per il capocannoniere del torneo) grazie ai suoi molti 19.
Quell'estate è stato firmato dal Real Madrid, squadra che sarebbe il momento migliore della sua carriera accanto a giocatori come José Antonio Camacho, Emilio Butragueño, Rafael Gordillo, Jorge Alberto Valdano o Michel. Con il Real Madrid ha vinto una Coppa UEFA (1986), cinque consecutivi scudetti (1986-1990), una Copa del Rey (1989), due Supercoppe di Spagna (1988 e 1990) e quattro nuovi trofei Pichichi come réalisateur massima della lega: 1986 (22 gol), 1987 (34), 1988 (29) e 1990 (38, il famoso record del leggendario giocatore spagnolo Zarra corrispondente).
Nel 1992 Hugo Sánchez ha lasciato il Real Madrid e iniziò un lungo viaggio che lo ha portato all'America del Messico (1992-1993) e Rayo Vallecano de Madrid (1993-1994); Tornò quindi in Messico, questa volta di Atlantide (1994-1995), per continuare a austriaca Linz (1995-1996), il Dallas Burn americana (1995-1996) e Atlético Celaya (1996-1997). Ha chiuso la carriera di gioco del calcio in questa ultima squadra, dove ha giocato ancora una volta con i suoi ex colleghi Michel e BUTRAGUEÑO.
Più tardi iniziò una nuova carriera nel mondo del calcio per diventare allenatore della UNAM, poiché ha servito da marzo fino ad agosto 2000. Nel maggio 2001 ha trascorso per addestrare il Leone e nel settembre dello stesso anno nuovamente occupato il bacino UNAM.
Hugo Sánchez ha partecipato a due fasi finali della Coppa del mondo con la nazionale messicana, quelli tenuti in Argentina nel 1978 (in cui i messicani combinati non sofferti tre sconfitte senza Hugo Sánchez raggiunto non Punteggio entrambi) e in Messico nel 1986 (in cui la selezione ha raggiunto i quarti di finale).
Come giocatore, Hugo Sánchez spicca per la sua straordinaria agilità, loro interact, loro grande capacità per l'asta, soprattutto con la gamba sinistra e il suo stile acrobatico, entrambi nelle aste (è venuto per eseguire il cileno con un unico master) come la celebrazione degli obiettivi. Controverse nel campo, ha avuto sempre una correzione impeccabile. Era, senza dubbio, calciatore messicano con una maggiore fama internazionale.
Pubblicato per scopi didattici autorizzati da: Biografías y Vidas
Biografie di personaggi famosi e storici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…