Passa ai contenuti principali

Biografia di Horacio Quiroga | Narratore uruguaiano.

(Saltare, 1878 - Buenos Aires, 1937) Narratore uruguaiano basato in Argentina, considerato uno dei più grandi narratori latinoamericani di tutti i tempi. Il suo lavoro si trova tra il declino del modernismo e l'emergere dell'avanguardia.
La tragedia segnato la vita dello scrittore: suo padre morì in un incidente di caccia e il suo patrigno e poi si è suicidato prima moglie; Inoltre, Quiroga ucciso accidentalmente sparato al suo amico Federico Ferrando.

Horacio Quiroga
Ha studiato a Montevideo e presto ha cominciato ad essere interessato alla letteratura. Ispirato dalla sua prima fidanzata ha scritto una stazione di amore (1898), fondata nella sua città natale di Revista de Salto (1899), si recò in Europa e riassume i suoi ricordi di questa esperienza nella Gazzetta del viaggio a Parigi (1900). Al suo ritorno fondò il concistoro del Gay Saber, che, nonostante la sua breve esistenza, ha presieduto la vita letteraria di Montevideo e le polemiche con il gruppo di Julio Herrera y Reissig.
Già installato a Buenos Aires pubblicato coralline, poesie, racconti e prosa lirica (1901), seguita dalle storie di altro delitto (1904), romanzo breve i perseguitati (1905), un viaggio con Leopoldo Lugones prodotto dalla giungla fino al confine con il Brasile e la più estesa una storia d'amore torbido (1908). Nel 1909 si stabilì proprio nella provincia di Misiones, dove ha servito come giudice di pace di San Ignacio, famosa per le rovine del gesuita, allo stesso tempo che coltivò mate e arance.
Nuovamente a Buenos Aires, ha lavorato presso il Consolato dell'Uruguay e ha dato la stampa storie di amore, di follia e di morte (1917), storie per bambini i racconti di giungla (1918), selvaggio (1920), teatrale l'abbattuti (1920), Anaconda (1921), il deserto (1924), la gallina di tagliagole Rio Grande e altre storie (1925), il lavoro e forse il suo miglior libro di storie , I reietti (1926). Ha collaborato in vari media: Caras y Caretas, Fray Mocho, La settimanale romanzo e La Nation, tra gli altri.
Nel 1927 si sposò, si risposò con una giovane amica di sua figlia Egle, dalla quale ebbe un figlio. Due anni dopo pubblicò il romanzo l' ultimo amore, senza molto successo. Sentendo il rifiuto della nuova generazione letteraria, tornò a missioni di spendere per la floricoltura. Nel 1935 pubblicò il suo ultimo libro di storie, di là. Ricoverato in ospedale a Buenos Aires, è stato scoperto un cancro gastrico, malattia che sembra essere stata la causa che lo ha spinto al suicidio, poiché egli finì i suoi giorni bere cianuro.
Quiroga è riassunta da suoi tecniche artigianali nel Decalogo del perfetto scrittore di racconti, che istituisce le linee guida relative alla struttura, tensione narrativa, la consumazione della storia e l'impatto della fine. Ha anche avventurato nella storia fantastica. Pubblicazioni postume sono lettere di H. Quiroga inedite (1959, due volumi) e opere sconosciute e inedite (otto volumi, 1967-1969).
Influenzato da Edgar Allan Poe, Rudyard Kipling e Guy de Maupassant, Horacio Quiroga distillato un famigerato precisione dello stile, che gli ha permesso ad abilmente narrando la violenza e l'orrore che si celano dietro l'apparente dolcezza della natura. Molti dei suoi racconti hanno fase giungla di Misiones, nel nord dell'Argentina, luogo dove Quiroga visse lunghi anni e da cui estrae situazioni e personaggi per sue narrazioni. I suoi personaggi tendono ad essere i capri espiatori di ostilità e l'eccessività di un mondo barbaro e irrazionale, che si manifesta in alluvioni, piogge torrenziali e la presenza di bestie selvagge.
Quiroga sapientemente gestito leggi interne della narrazione ed è dedicato se stesso vigorosamente alla ricerca di un linguaggio che potenzialmente poteva trasmettere con sincerità che cosa ha voluto raccontare; Via esso gradualmente dai bilanci della scuola modernista, a cui essa aveva aderito inizialmente. Fuori sua storie ambientate in missionario giungla spazio, affrontate le storie di parapsicologica o paranormale, a tema nello stile di ciò che conosciamo oggi come letteratura in anticipo.

Pubblicato per scopi didattici autorizzati da: Biografías y Vidas
Biografie di personaggi famosi e storici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…