RICERCA PERSONALIZZATA

Ricerca personalizzata

Biografia di Homer | Poeta greco.

ADS

(VIII secolo A.c.) Poeta greco che viene attribuito per la paternità della Iliade e l' Odissea, i due grandi poemi epici dell'antica Grecia. Nelle parole di Hegel, Homer è 'il componente in cui si vive il mondo greco come l'uomo vive nell'aria'. Ammirato, imitato e citato da greco tutti i poeti, filosofi e artisti che lo hanno seguito, è il poeta per eccellenza della letteratura classica, nonostante che la biografia di Omero appare circondata da mistero più profondo, al punto che la propria esistenza storica è stato messo in discussione.

Homer
Le più antiche notizie su Omero messo sua nascita a Chios, anche se fin dall'antichità erano sette città che facevano a gara per essere la loro patria: Colophon, Cuma, Pilos, Itaca, Argo, Atene, Izmir e il suddetto Chios. A Simonide di Amorgos e Pindaro, solo le ultime due potevano rivendicare l'onore di essere il suo luogo di nascita.
Anche se ci sono parecchie vite di Omero, che sono giunti fino a noi, suo contenuto, compreso il famoso poeta cecità, è leggendaria e romantica. La più antica, attribuita senza fondamento a Erodoto, risalente al v secolo A.C. In esso, Homer è presentato come il figlio di un'orfana di seduzione, nome Creteidas, che gli diede a Izmir. Conosciuto come Melesigenes, presto ha evidenziato per le loro qualità artistiche, iniziando una vita bohemien. Una malattia lo ha lasciato cieco e da allora è diventato noto come Homer. Morte, sempre secondo la pseudo Erodoto, Homer in Ios, sorpreso nel corso di un viaggio ad Atene.
Problemi posati da Omero cristallizzato del XVII secolo nella cosiddetta "questione omerica", avviata da François Hédelin, abate di Aubignac, che ha ritenuto che i due grandi poemi ha attribuito, l' Iliade e l' Odissea, fosse frutto di lavori di montaggio di diversa origine, che spiegherebbe le numerose incongruenze che contengono. Sue tesi sono state seguite dai filologi come Friedrich August Wolf. Il dibattito tra i sostenitori della corrente analitica e unitaria, che difendono la paternità dei poemi omerici, è ancora attualmente aperto.
L'opera di Omero
L'iconografia greco-romana ha consacrato il nobile volto barbuto di un uomo anziano e cieco come l'omero. Questa è l'immagine che la tradizione ha attribuito al poeta che scrisse l' Iliade e l' Odissea, i due poemi epici che apre la letteratura greca e l'Occidente e la cui forza lirica e narrativa rimane fresco da migliaia di anni fa. Il suo nome e le sue opere hanno raggiunto la gloria e alimentato miti, storie e leggende attraverso i secoli, senza che hanno perso la loro forza originale.
La maggior parte della letteratura greca ha disegnato sull'immenso flusso di leggende e tradizioni poiché periodi antichi è stata trasmessa oralmente di generazione in generazione. Poesia epica è stata trasmessa anche oralmente nelle sue origini: un bardo o un Rhapsody cantare o recitare a memoria davanti ad un pubblico che non era a conoscenza della scrittura. Aedos viaggiavano musicisti che ha cantato epico di poesie accompagnata con strumenti a corda; rhapsodists recitato senza canto, portando il ritmo con i tratti di una canna.
Perfezione e la qualità dell' Iliade e dell' Odissea, considerate capolavori della letteratura occidentale, solo si spiega con l'esistenza di una tradizione precedente della guerra di Troia che aedos e Rhapsodies erano sviluppato e perfezionato nel corso dei secoli, che culmina nei grandi poemi omerici. Mentre Homer è servito delle procedure della tradizione orale, senza dubbio in entrambi poesie c'è uno scopo poetico, un piano e una struttura che si rivela un poeta consapevole della sua attività di arte.

Troy (2004), uno dei telai più recenti
basata sulle produzioni di poemi omerici
Senza dubbio, la natura orale dello stile dell' Iliade e l' Odissea . Questa certezza è perché tempo di ricorrenza di un formule specifiche ("the dawn of dita rosa", "Achille, i piedi leggeri"), sempre nelle stesse condizioni di metrica. Dopo un lungo periodo di trasmissione orale, è il testo sarebbe impostato nella sua forma finale ad Atene durante il VI secolo A.C., su iniziativa del tiranno Pisistratus.
Nelle sue poesie, Homero non ha elaborato una storia completa della guerra di Troia (che sappiamo da altre fonti), ma ha scelto due episodi della leggenda Trojan per ricrearli. Così, nell' Iliade racconta l'ultimo anno della guerra di Troia, anche se l'episodio centrale è la disputa tra due eroi greci: Achille e Agamennone. L' Odissea, che sembra essere il più moderno delle due composizioni attribuito ad Omero, racconta le avventure e le difficoltà di Ulisse (eroe che gioca un ruolo secondario nell' Iliade) sul viaggio di ritorno da Troia a sua patria, Itaca e la punizione che infligge i pretendenti di sua moglie, Penelope, creduto morto.
Omero era il poeta più ammirato dell'antichità. Le sue opere di trasmettere conoscenze e insegnamenti relativi ai vari aspetti (strategico e militare; le stelle e il cielo; questioni morali e i comportamenti degli esseri umani; relazioni degli dèi con gli uomini) e ha dato la forma considerata canonica nella genealogia della divinità greche e heroes. Quindi servito come riferimento cultura e religioso per le generazioni successive.
L' Iliade
L' Iliade racconta il decimo anno della guerra di Troia (o Ilion, nome greco della città, da dove proviene il titolo dell'Iliade). Suo argomento centrale è la famosa Ira di Achille. L'eroe greco Achille è stato spogliato della sua schiava Briseide da Agamennone, capo dell'esercito greco alleato che ha assediato la città di Troia per salvare Helena. A causa di questa decisione ingiusta, Achille aliena con Agamennone e risolve non partecipare più in combattimento.
Grazie alla sua assenza e altri eventi, i Troiani, guidati da Hector, ha realizzato importanti vittorie, e anche se la stessa Agamennone si umilia e gli chiede di tornare a combattere, Achille rifiuta. La morte di Patroclo, suo migliore amico, per mano dell'eroe troiano Ettore (figlio di Priamo, re di Troia), sarà accurata così Achille messo il suo atteggiamento. Achille Giura di vendicare Patroclo, ferocemente genera la lotta e battere Hector. Loro furia sembra inarrestabile: si lega alla tua auto dal cadavere di piedi Hector e trascinarla con la testa nella polvere intorno alla tomba di Patroclo.

Hector offerte addio di Andromaca
(olio su tela di Luca Ferrari)
Quindi, contro i motivi del padre di Ettore, Priamo, si risveglia la sua compassione e accesso dare indietro il corpo di suo figlio. Il lavoro si conclude con i funerali, celebrati in onore di Patroclo e Hector. Questo argomento umano, Let's dire, abbiamo bisogno di aggiungere l'intervento delle divinità greche antropomorfo, che, spinti da passioni e interessi simili a quelli degli uomini, che partecipano in azione, favorire o danneggiare uno e altri personaggi di lato.
L' Iliade è costituito da 15,693 versi raggruppati in 24 canti. Canto I inizia con la rabbia di Achille. È possibile che i Cantos II-XI sono interpolazioni di altri poeti, perché si discostano dal racconto di nucleo. Oggi si ritiene che proprio Homero intramezzato deliberatamente per creare un effetto di rallentamento, una tecnica utilizzata anche nell' Odissea. Nei cantos XII - XXIV è di nuovo il soggetto principale e stock si immerge rapidamente verso il risultato. Narrazione in terza persona è combinato con i dialoghi tra i personaggi. Gli antecedenti e le conseguenze della guerra e l'origine e la destinazione dei personaggi sono date da conosciuti; perché, effettivamente, il pubblico che dedicò la poesia ha saputo la storia completa della guerra di Troia.
Come sottolineato già Aristotele nella sua poetica, in realtà uno dei grandi successi di Omero nell' Iliade era senza contare tutti i la guerra di Troia, ma il fuoco della storia su un particolare elemento: la rabbia di Achille. Il susseguirsi di emozioni violente attraverso cui passa lo spirito dell'eroe (colera, amicizia, odio, sete di vendetta, compassione) costituisce il motore dell'azione. In realtà l' Iliade, pur essendo un poema eroico, è anche e soprattutto un dramma. Ciò che domina in esso, sopra l'eroismo e la violenza, è l'umanità che viene attraverso. Nelle due ultime canzoni (funerali di Patroclo e Hector), prevalente nella pietà e compassione. Non ci sono vincitori o perdenti: c'è un lutto per i morti.
L' Odissea
Anteriore dell' Iliade, sempre descritto come epico guerriero, l' Odissea (Ulisse, il nome greco di Ulisse) è considerato come un racconto di avventura marina. Un po' più breve (12,110 versi in 24 canti), racconta il difficile ritorno di Ulisse da Troia alla sua patria, Itaca.
L' Iliade è una narrazione lineare; l' Odissea, d'altra parte, presenta un'organizzazione temporanea complessa ed originale, che sarebbe stato molto imitata. Tre parti possono essere visto chiaramente. Le canzoni I-IV sono conosciuti come The Telemachy e riguardano le indagini che Telemaco sulla sorte di suo padre, Ulisse. Presenta anche la situazione di Penelope, la fedele moglie di Ulisse, assediata dai pretendenti che cercano di sposarla per impadronirsi del Regno.
Dal canto V a XII (seconda parte) sono le ultime avventure di Ulisse. Egli è stato mantenuto sull'isola di Ogigia dalla ninfa Calypso, che, per ordine del dio Hermes, consente di lasciare. Ulises costruisce una barca e raggiungere il paese dei Feaci, dove viene prelevato da Nausica, figlia del re, che lo conduce al Palazzo. Re Alcinoo ospitalmente accoglie e ti dà una barca che Ulisse sarà in grado di raggiungere Itaca.
All'interno di questa sezione, in canti IX - XII Ulises riguarda i Feaci, nel corso di una cena, tutte le sue avventure da quando ha lasciato Troy fino a raggiungere l'isola di Ogigia. Queste canzoni sono pertanto un flashback, o nella moderna terminologia prelevati dal film, un flashback. Si dice che la gestione temporanea del lavoro è in res media, cioè, inizia nel mezzo, poi racconta la storia (creando così un effetto di rallentamento) e continua fino alla fine.

Il viaggio di Ulisse
Queste prime due parti si uniscono nel terzo, che racconta la vendetta. Ulisse sbarcò a Itaca e si incontra con suo figlio Telemaco. Entrambi ordito un piano per uccidere i pretendenti. Ulisse, travestito da mendicante, vince un concorso di tiro con l'arco che Penelope aveva convocato per scegliere marito e poi svelato e uccide i pretendenti. E infine, avviene la felice riconoscimento di Penelope e Ulisse (canti XIII-XXIV).
Nell' Iliade sono personaggi eroici, che sono guidate dal loro valore militare e il suo senso dell'onore, senza che sia possibile optare per uno qualsiasi di loro, né stabilire colpevole o innocente. Nell' Odissea, d'altra parte, vediamo chiaramente un protagonista, Ulisse, che si trova di fronte altri personaggi caratterizzate negativamente: i pretendenti.
Le qualità di Ulisse sono sostanzialmente due: intelligenza, che consente di superare i pericoli e fuori vincitore in tutte le situazioni e l'umanità, che viene percepita nel suo amore alla sua famiglia e la nostalgia per la patria. Ma non è più un eroe militare, ma un uomo che combatte per la sua vita e la sua famiglia. Ed è possibile utilizzare trucchi e inganno per raggiungere i suoi obiettivi, che la distanza dall'etica eroica e militare dell' Iliade. Penelope sta già proverbiale fedeltà, e Telemaco avverte come la posizione di Itaca e curry e un uomo sta facendo. The pretenders, d'altra parte, sono un compendio dei difetti. Fiero ed egoista, cercano solo di cogliere le ricchezze del Regno di Ulisse.
Lo stile di entrambi poesie sono caratterizzati dall'uso di formule epiche e confronti. EPICHE formule sono ripetizioni di espressioni, versi o gruppi di versi. Eroi e divinità, per esempio, tendono ad essere sempre descritti con la stessa espressione: si parla allora di epiteti epici. E allo stesso modo, il poeta spesso usato le stesse espressioni o anche gli stessi gruppi di versi per descrivere l'alba, preparazione di una festa, la morte di un combattente, il lancio di frecce o le picche, ecc.
Per lungo tempo che si è pensato che questo fosse un fallimento del poema e per questo motivo sono stati considerati superior poemi epici come di Virgilio Eneide . Tuttavia, l'uso di formule epiche è caratteristica della poesia epica orale di tutte le epoche e paesi: facilita la memorizzazione per la voce recitante e serve come una risorsa per riempire il versetto nel mantenere la sua metrica (formule sempre soddisfano i requisiti ritmici del hexametro) o coprire la dimenticanza. I confronti sono anche abbondanti e spesso vaste. D'altra parte, le differenze tra l' Iliade e l' Odissea in termini di linguaggio e lo stile sono notevoli. L' Odissea, ad esempio, Mostra una maggiore sensibilità verso il paesaggio, che si materializza in comune con le descrizioni.
La questione omerica
La concezione dell' Odissea da Aristotele come un'opera della vecchiaia di Omero non è impossibile secondo la critica corrente; e se l' Iliade è il primo dei due poemi (come sembra probabile che grazie alla sua struttura più semplice e una maggiore frequenza nell' Odissea di forme linguistiche relativamente tardi), Odissea potrebbe essere stato creato seguendo lo stesso modello di composizione monumentale che ha stabilito l' Iliade. Come entrambi epopee differiscono non solo nella costruzione, ma anche in vari altri dettagli, non è inverosimile a considerarli lavorare uno della maturità e l'altra della vecchiaia del poeta, come sottolineato da alcuni studiosi nell'antichità.
Ma è anche accettabile, dicono gli altri, la proposta di alcuni Alessandrino grammatici, il cosiddetto corizontes (separatisti) che attribuiva l' Odissea di un altro poeta, che, seguendo il modello omerico Iliade, avrebbe reso questo lavoro intorno al 700 A.c. La cosiddetta "questione omerica" ha acquisito grande importanza con la scuola tedesca, nel lavoro analitico di esso August Wolf (1795), Karl Lachmann (1837), Gotfried Hermann e numerosi seguaci che rifiutarono, per vari motivi, l'esistenza storica della figura di Omero, o lo ha riconosciuto, al massimo, un modesto intervento come compilatore. La prospettiva storico-filologica che tutto sembrava essere anonimo e Homer era solo un nome. Critica moderna rettificato questa prospettiva torna a considerare la probabile esistenza di un poeta unico e straordinario, senza questo che si può parlare di unanimità nelle innumerevoli domande che solleva il problema della paternità.
Lo sfondo storico
Non è comune trovare nella storia delle civiltà che uno di loro inizia, in campo letterario, così brillantemente come la civiltà greca. Giornata di oggi sappiamo il motivo per questo: due poemi attribuiti a Omero, l' Iliade e l' Odissea, affondano le loro radici nel mondo miceneo, in quella cultura greca del secondo millennio BC. Le poesie di Omero non riflettono qualsiasi civiltà reale, ma c'è indubbia vestigia di una società e di eventi che, anche se idealizzato, contengono un nucleo di verità storica. Così, piuttosto che l'inizio della cultura letteraria greca, Omero era il culmine del mondo greco del II millennio A.C. È evidente che la civiltà micenea o achea prodotto, tra le altre forme di espressione artistica, epopee, trasmettere dalla tradizione orale, erano il nucleo da cui i poeti ionici creato l' Iliade e l' Odissea.
La città di Troia o Ilion si trovava sulla sponda asiatica dell'Ellesponto e controllato tutti gli scambi della zona per essere percorso sul passaggio dei Dardanelli. Il conflitto armato, conosciuto come la guerra di Troia, luce commerciale, potrebbe essere stato l'ultimo sforzo del mondo miceneo, Frank in calo contro una potenza straniera. Tuttavia, nel racconto omerico, la guerra è stata portata dagli Achei, guidati dal re di Micene, Agamennone, con l'intento di salvataggio di Helena, moglie di Menelao suo fratello e la donna più bella del mondo, che era stata rapita dal Trojan Prince Paris. Il sito durò per dieci anni; l' Iliade racconta solo una parte del decimo anno.
Dopo la morte di Achille, ferito al tallone di Parigi, la guerra si concluse grazie lo stratagemma ideato da Ulises, che ha costruito un cavallo di legno nella città di Troia con il più coraggioso tra i greci nel suo grembo. La città è stata saccheggiata, bruciata e ridotto in cenere. L' Odissea è la storia del ritorno di Ulisse, e il suo mondo è diverso dall' Iliade; il poema appare più tardi e idealizza l'esperienza della colonizzazione greca lungo il Mediterraneo.

Rovine di Troia
Per lungo tempo creduto che le storie della guerra di Troia erano nient'altro che miti e leggende create o trasmesse da Homer. Ma nel XIX secolo, il giovane tedesco Heinrich Schliemann fu talmente affascinato dalla lettura Iliade e l' Odissea , convinto che avevano una base reale, proposta per scoprire l'antica Troia.
Egli si dedicò al commercio e ha lavorato duramente per ottenere i soldi per gli scavi, mentre ha studiato archeologia e lingue antiche per acquisire le conoscenze necessarie. Infine, con quarantotto anni e proprietario di una fortuna, Schliemann si stabilì in un villaggio in Turchia nei pressi del quale significava che dovevano trovare i resti della città. Ha iniziato gli scavi sulla collina di Hissarlik e poco in seguito scoperto non uno, ma sei città sovrapposte. Ha dovuto arrendersi all'evidenza: un archeologo dilettante aveva scoperto Troy.
Tra i molti tesori trovati, il più famoso è una maschera d'oro, che Schliemann chiamato la maschera di Agamennone (senza alcun fondamento, ovviamente). Non contento di questo, ha viaggiato il Grecia continentale e ha scoperto nientemeno che l'antica Micene. La morte è seguito lui prima di stabilire che i livelli trovati in Troy ha corrisposto alla città del racconto omerico. Alcuni dei suoi aiutanti hanno suggerito che la Troia omerica ha coinciso con livelli VI o VII. Quest'ultimo offerto prova di essere stata distrutta da un incendio in una data vicina all'anno 1250 A.c.

La maschera di Agamennone
Grazie alle scoperte di Schliemann oggi sappiamo dell'esistenza della cosiddetta civiltà micenea. Questo ebbe luogo tra il 18 e 11 prima di Cristo e diffusa in tutto il continentale in Grecia, isole e Creta. Era una civiltà avanzata, che conosceva la scrittura (iscrizioni sono state trovate con i nomi di alcune divinità ed eroi dell' Iliade) e abbastanza potente per essere misurato con gli Egizi e gli Ittiti.
È quasi certo che verso l'anno 1200 A.C., entusiasmo espansionista micenea incontrato Troy. Troy, dalla sua potenza e la sua posizione strategica, controllando le ricche rotte commerciali tra il Mediterraneo e Mar Nero. Dominando lo stretto tra due mari, il Trojan potrebbe commerciare liberamente e imporre alti pedaggi alle navi straniere, che garantiva la sua prosperità. Interessi commerciali causerebbe quindi numerosi scontri tra Troy e Micene.
Con ogni probabilità, l' Iliade si narra di civiltà e alcuni conflitti che veramente esistito, e che, dopo vari secoli, erano anche conosciuti dalla trasmissione orale. Sia l' Iliade e l'Odissea tono epico riflettono le gesta gloriose di un passato popolato con eroi, ma allo stesso tempo, ma senza fare riferimento ad un periodo storico chiaramente identificabile, contengono un nucleo di verità storica: l'espansione micenea colonizzazione orientale e greco.
Pubblicato per scopi didattici autorizzati da: Biografías y Vidas
Biografie di personaggi famosi e storici

RICERCA PERSONALIZZATA

Ricerca personalizzata