Passa ai contenuti principali

Biografia di Heroes del Silencio | Spagnolo di roccia.

Spagnolo di roccia, formatosi a Saragozza, protagonista di uno dei più importanti fenomeni musicali degli ultimi anni. La passione ha suscitato tra i suoi seguaci e crescente prestigio oltre il suo paese si è trasformato in loro, fino alla sua dissoluzione a metà del 1996, gruppo rock spagnolo più importante degli ultimi due decenni.
Inizialmente formato da Juan Valdivia (Segovia, 1965; chitarra), Joaquín Cardiel (Zaragoza, 1965; basso) Pedro Andreu (Zaragoza, 1966; batteria) e condotto dalla personalità controversa di Enrique Bunbury (Enrique Ortiz de Landázaru, Zaragoza, 1967; voce), il suo debutto fu nel 1987 con un singolo dal titolo di eroe della leggenda, anticipo album non cessa di mare, con l'etichetta EMI, nel 1988.

Heroes del Silencio sulla copertina
Sentieri di tradimento (1988)
Nonostante le critiche ricevute dalla stampa specializzata, che li ha accusati di banale e pretenzioso, confrontando l'atteggiamento del cantante Enrique Bunbury con una brutta copia di Jim Morrison (The Doors), l'accettazione di un settore giovanile ampio (ammiratore di sua diretta) e l'ambiguità dei testi delle loro canzoni è diventato a Héroes del Silencio nella rivelazione del gruppo del momento.
Che cosa avrebbe potuto essere un'altra razza di ascensione e rapido oblio, così comune nella roccia, è stato smascherato dopo la modifica di due anni più tardi, nel 1988, di percorsi di tradimento, sua seconda opera, che conteneva canzoni come rappresentante della sua carriera come "tra due terre" o "Maldito duende". La sua popolarità si è diffusa grazie alla potenza delle loro esibizioni dal vivo e uno sguardo più attento, che non mancava una certa indifferenza nel trattamento dei suoi membri (principalmente dal loro leader) con i media.
Era una politica pianificata di relazione o un atteggiamento naturale, il numero di tifosi acquisito maggiore rilevanza con l'entrata in servizio del suo album (1991) di percorso . Cominciarono i tour internazionali e la sua fama crebbe in Germania, Belgio, Olanda e Danimarca, ancora comune la presenza dei tuoi video sul M.T.V
Nel 1993 è venuto lo spirito di vino, preceduta da una campagna spettacolare, anche se l'impatto commerciale non è diventato uguale intensità al percorso. Tuttavia, seguendo una politica di frequente nei mercati come i britannici, Heroes del Silencio marketing ha insistito nel distacco più o meno regolare argomenti, video o scatti alternative delle loro canzoni in edizioni numerate per i collezionisti, mantenendo vivo l'interesse dei suoi innumerevoli seguaci raggruppati in fan club si sviluppa su diversi paesi europei e americani (tra cui Stati Uniti d'America); Inoltre, fu uno dei primi gruppi spagnoli di roccia con presenza su Internet sono aggiornato.
Nel 1995 pubblicarono valanga, con il singolo "Iberia sommerso" come tema della presentazione e "Scintilla corretta" come giudice di maggiore impatto commerciale. La crisi nel cuore del gruppo ha spinto la voce di Alan Boguslavsky (Los Angeles, 1965), Messico-allevati chitarrista.
Stanco del costante piazzole e tensioni interne sono state la causa ufficiale della parentesi che ha aperto dopo la pubblicazione della doppia compilation live forever (1996). Individuo della maggioranza dei suoi membri lavoro iniziato da che momento e finì la vita di Heroes del Silencio, una rock band con grande successo commerciale e sulla critica dei suoi molti detrattori.
Pubblicato per scopi didattici autorizzati da: Biografías y Vidas
Biografie di personaggi famosi e storici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…