Biografia di Giovanna d'arco | Eroina di Santa e francese.

(Domrémy, Francia, 1412 - Rouen, 1431, id.) Eroina di Santa e francese. Nato nel seno di una famiglia di contadini benestanti, trascorse l'infanzia di Juana de Arco durante il sanguinoso conflitto, incorniciato nella guerra dei cento anni che affrontò il Delfino Carlo, figlio primogenito di Carlos VI di Francia, con Enrique VI d'Inghilterra dal trono di Francia, e che ha provocato l'occupazione di gran parte del nord della Francia da parte delle truppe inglesi e borgognone.
All'età di tredici anni, Juana de Arco ha confessato di aver visto al san Miguel, santa Catalina e santa Margarita e ha detto che le loro voci si spinse a condurre una vita pia e devota. Pochi anni più tardi, ci siamo sentiti chiamati da Dio a una missione che non sembrava alla portata di un contadino analfabeta: condurre l'esercito francese, incoronato come re del Delfino a Reims ed espellere gli inglesi dal paese.
Nel 1428 si recò a Vaucouleurs con l'intenzione di entrare a far parte le truppe del Principe Charles, ma è stato rifiutato. Un paio di mesi, l'assedio di Orléans dagli inglesi hanno aggravato la situazione francese delicata e costretto il Delfino a rifugiarsi a Chinon, città che è venuto Jeanne, con una scorta fornita da Roberto de Baudricourt, per raccontare la natura della sua missione di Carlos.

Giovanna d'arco (olio di Ingres)
Questo, non senza averlo esaminato da diversi teologi, finalmente hanno deciso di affidare il comando di un esercito di cinquemila uomini, con Juana de Arco ottenuto sconfiggendo l'inglese e togliere l'assedio di Orleans, 8 maggio 1429. Poi ha fatto una serie di campagne vittoriose che attraversò il delfino verso Reims e ha permesso la sua incoronazione come Carlos VII di Francia (17 luglio 1429).
Finito il suo compito, Juana de Arco cessato il loro interno voci ascoltate e ha chiesto il permesso di tornare a casa, ma su insistenza di chi gli ha chiesto di rimanere, ha continuato a combattere, in primo luogo nell'attacco infruttuoso a Parigi nel settembre 1429 e poi all'assedio di Compiègne, dove fu catturato dal 24 borgognone maggio 1430.
Consegnato ai britannici, Juana de Arco è stato trasferito a Rouen e processato da un tribunale ecclesiastico accusato di stregoneria, con l'argomento che le voci che parlavano di lui è venuto dal diavolo, che dovevano introdurre Carlos VII come un seguace di una strega per screditarlo. Dopo un processo inquisitorio in tre mesi, è stato trovato colpevole di eresia e stregoneria; Nonostante il fatto che lei aveva sempre difeso la sua innocenza, alla fine retratto loro rivendicazioni, e questo ha reso possibile commutare le sentenze di morte iniziale con la reclusione.
Giorni più tardi, tuttavia, egli recusó l'abiura e riaffermato il divino origine delle voci sentito, quindi, condannato al rogo, fu giustiziato il 30 maggio 1431 presso Piazza del mercato vecchio di Rouen. Per alcuni anni, corse la voce che non era morto bruciata sul rogo, poiché sarebbe stato sostituito da un'altra ragazza, per poi sposare Robert des Armoises. Nel 1456, Juana de Arco venne solennemente riabilitato dal papa Calixto III, per volere di Carlos VII, che ha promosso il processo di revisione. Considerato un martire e convertito nel simbolo dell'unità francese, fu beatificata nel 1909 e canonizzato nel 1920, anno in cui la Francia proclamato patrono.
Pubblicato per scopi didattici autorizzati da: Biografías y Vidas
Biografie di personaggi famosi e storici