Passa ai contenuti principali

Biografia di Fidia | Scultore greco.

(Atene, h. 490 a.c.-?, 431 A.C.) Scultore greco. Fu l'artista più famoso del mondo classico e l'insegnante che ha preso la scultura al livello più alto di perfezione e di armonia. La biografia di Fidia è per lo più sconosciuta. Niente è conosciuto della sua formazione, anche se si ritiene che ha avuto esperienza come incisore, pittore e repujador. Egli visse al tempo di Pericle, uno statista determinato a fare un segno maestoso della grandezza della città, che divenne il principale protettore di Fidia, che fondamentalmente hanno lavorato in e per Atene dall'Acropoli di Atene.
Phidias spicca sia esente scultura che sollievo. La prima opera che si sa di lui è la lemniano Atenea, una statua della dea per l'Acropoli di Atene, di cui sono conservate due copie parziali: un busto presso il Museo Archeologico di Bologna e una figura quasi completa l'Albertinum di Dresda.
L'Atenea Partenos, il lavoro che lui significava fame è stato sancito nel 438 A.C.. Il Santo patrono di Atene è rappresentato in questa statua di nove metri di altezza come dea guerriera, con scudo e casco, preparati per la difesa della città. Il lavoro, perduto, è molto meno noto attraverso copie di dimensioni.
Oltre l'Athena per il Partenone, Fidia ha fatto un'altra statua crisoelefantina, al Santuario di Olimpia: l'immagine di Zeus, tra cui gli antichi tra le sette meraviglie del mondo. Era una statua seduta del Dio, di dodici metri di altezza, che distillato grandezza e maestà; È noto attraverso riproduzioni in monete e gioielli.

Rilievi di Fidia, il Partenone
Ma così grande è il nome dell'artista già a suo tempo e ha mantenuto invariata la sua fama nel corso dei secoli sono le sculture del Partenone. Dopo la costruzione del tempio, Fidia e della sua bottega trattate con decorazione scultorea, che comprendeva un fregio in bassorilievo di un cento e sessanta metri di lunghezza, due frontoni decorati con novantadue metope e freestanding figure in altorilievo.
Anche se ha progettato l'intera, creduto che Phidias correva una parte molto piccola, nonostante che quest'opera è un segno indiscutibile del suo genio. Parti che rimangono sono per lo più nel British Museum. Essi godono di celebrità particolare gruppo le tre Parche e frammenti della processione Panatenaica, soprattutto il gruppo degli dèi dell'Olimpo, dove è ammirare il sapiente trattamento dei tessuti, che collegare al corpo e disegnare i contorni, un aspetto creativo che ha decisamente contribuito alla fama dell'arte fidiaco; anche cavalli, potenti e dinamici e i suoi cavalieri feroci denotano la maestria dello scultore.
Le restanti opere attribuite a Fidia, noto per le copie, tra cui Apolo Parnopios, bronzo statua eretta sull'Acropoli di Atene; L'Anadumeno di Olympia, in bronzo, che viene identificato come il Farnese di marmo del British Museum di Londra; le Amazzoni di Efeso, creato in concorrenza con Policleto e Kresilas; e Anacreon, che è stato identificato con la statua di Copenaghen Borghese.
Gli ultimi anni della vita di Fidia sono avvolti nel mistero. Alla caduta del suo protettore, Pericle, lo scultore fu accusato di essersi appropriato di oro destinato per la statua di Atena e pesare per dimostrare la sua innocenza, è stato imprigionato così pretesto di malvagità, per aver incluso il suo ritratto e quello di Pericle nel cappotto delle armi della dea Atena. Secondo alcuni cronisti, Phidias morì in prigione; le parole degli altri, riuscì a fuggire e andò in esilio a Olympia, enclave dove sono stati scavati i resti della sua bottega nel 1954-1958. La sua influenza estesa a coetanei nave pittura e scultura dei secoli successivi.
Pubblicato per scopi didattici autorizzati da: Biografías y Vidas
Biografie di personaggi famosi e storici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…