Passa ai contenuti principali

Biografia di Fernando II il re cattolico | chiamato il cattolico.

(Ferdinando II d'Aragona, chiamato il cattolico; SOS, Zaragoza, 1452 - Madrigalejo, Cáceres, 1516) re di Castiglia (1474-1504) insieme a sua moglie Isabel I, d'Aragona (1479-1516), Sicilia (1468-1516) e Napoli (1504-1516). Egli era il figlio di Juan II di Aragona e sua seconda moglie Juana Enríquez, figlia dell'ammiraglio di Castiglia. Alla morte del fratellastro, Carlos de Viana (1461), divenne l'erede alla corona Aragonese. Nel 1462 fu nominato luogotenente generale della Catalogna e, nel 1468, re di Sicilia. Durante il catalano guerra civile (1462-1472), in cui ha preso parte ad attivo, preso dimestichezza con gli affari di stato per volere di suo padre.

Fernando el Católico
Muore il Principe Alfonso di Castiglia (1468) ed essere riconosciuto l'infanta Isabel, sorella di Enrique IV, come erede di Castiglia, Juan II ha posto a tutti la possibilità di ottenere il matrimonio di Fernando con la principessa spagnola, che si è verificato in ottobre 1469. Quando morì Enrique IV di Castiglia (1474), Elizabeth è stata proclamata regina dai suoi seguaci, disprezzando i possibili diritti dell'infanta Juana la Beltraneja, che è stato sostenuto dal Portogallo. Fernando, dopo discussioni ardue con sospettoso nobiltà castigliana, riuscito re assegnati gli stessi diritti di Isabella I di Castiglia, che potrebbe essere chiamato anche cattolica.
La guerra civile spagnola era priorità nelle intenzioni di Fernando, che ha contribuito in modo definitivo, soprattutto con la vittoria di Paleagonzalo (1476), per il successo della causa elisabettiana. Juan II, morì nel 1479 e Fernando ereditò il trono d'Aragona. Così era l'Unione dinastica di Castiglia e Aragona, base dell'unità ispanica. Il matrimonio era puramente personale: Castiglia e Aragona avrebbe su se stessi sovrani e la stessa politica estera, ma manterrebbe le sue leggi e istituzioni. Tuttavia, anche supponendo che la personalità e il quadro giuridico dei regni che storicamente ha composto, ha attivato una tendenza politica che, a titolo di assolutismo, avrebbe portato all'unità amministrative imposte dal Bourbon dal 1700.
Durante i seguenti anni, Isabella e Ferdinando sono stati dedicati a consolidare la sua autorità sopra loro regni: così è stato istituzionalizzato in Castilla la figura del corregidor (1480), creata l'Inquisizione (1481), è stata emanata per nobili ribelli e riorganizzato l'hacienda Royal. Fernando si è conclusa nei loro stati al problema della remences catalano dall'abolizione degli abusi e il consolidamento del contratto di enfiteusi (premio arbitrale di Guadalupe, 1486).
Pace interiore raggiunto, dedicato i loro sforzi per completare la riconquista, con un occhio verso l'unificazione politica di tutti i regni sotto la Guida di Castilla. In questo sforzo ha intrapreso una lunga guerra contro il Regno Nazarí di Granada (1481-1492), che si è conclusa con la sua integrazione alla corona castigliana. Ha gestito l'unità religiosa del Regno con l'espulsione degli ebrei (1492) e la conversione forzata dei Mori (1503). Ha aperto le porte impreviste con la scoperta dell'America (1492). Combatté il Roussillon francese e prese parte alle guerre d'Italia, che ha provocato la conquista del Regno di Napoli (1503).
Sposato si risposò con Germaine de Foix (1505) e reggente di Castiglia (1507), ha preso parte in lega di Cambrai contro Venezia (1511). Alla sua morte Carlos nominato erede del Regno di Aragona, alla figlia Juana e governatore di suo nipote. Generalmente, gli storici sono concordi nel porre Fernando II d'Aragona, tra i più grandi statisti del suo tempo; Molle di Domino della diplomazia, egli sapeva da infliggere a questi gruppi o istituzioni che, in un modo o in altro, potrebbero minare l'autorità della monarchia e, prima della Chiesa e le minoranze religiose, ha preso un forte e approccio realistico.
Pubblicato per scopi didattici autorizzati da: Biografías y Vidas
Biografie di personaggi famosi e storici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…