Passa ai contenuti principali

Biografia di Felix Maria Samaniego | Scrittore spagnolo.

(Laguardia, 1745 - ID, 1801) Famosa per le sue favole morali, scrittore spagnolo. Insieme a Tomás de Iriarte è considerato il migliore degli spagnoli favolosi; il enmity violento che è sorto tra i due è diventata la storia della letteratura.
Appartenente a una nobile e ricca famiglia dopo i primi studi (condotti nella casa dei genitori) è stato inviato a studiare legge all'Università di Valladolid, dove rimase per due anni senza raggiungere la conclusione della gara. In un viaggio di piacere in Francia è agganciato sugli enciclopedisti e siamo stato a lungo in terra francese; Ci sono infettati è l'inclinazione alle caustiche critiche della politica e della religione in modo gradevole agli uomini del secolo e certo spirito libertino e scettico che lo indusse a deridere i privilegi e di respingere, anche un livello occupazionale elevato nella Corte che gli offrì il conte di Floridablanca.
Al suo ritorno in Spagna si sposò e si stabilì prima a Vergara, dove ha partecipato nella società patriottica Vascongada, destinate alla divulgazione della cultura in media popolari, e che divenne presidente. Fables scritto che servono come una lettura agli studenti del reale patriottico Vascongado Seminario de Vergara sono realizzò la sua opera. Nel 1781 i primi cinque libri dal titolo favole in versi castiglianosono stati pubblicati in Valencia e nel 1784 è apparso a Madrid la versione definitiva, intitolato favole morali e composto da nove libri con 157 favole.
Le favole di Samaniego sono ispirate alle opere del classico Esopo e Fedro, favoloso e anche La Fontaine francese e inglese J. Gay; tutti hanno uno scopo didattico. Stile abbastanza semplice e vario metrico, molte favole si distinguono per la loro spontaneità e la grazia: La lechera, rane chiamando per il re, la nascita delle montagne, la cicala e la formica, quaglia, Vola, culo e il maiale, la volpe e il busto o cammello e la pulce.
La pubblicazione delle favole di Tomás de Iriarte (che era stato suo amico) un anno dopo quella di suo, con un prologo in cui sosteneva che erano "prime favole originale in spagnolo," irritato Samaniego e ha scatenato una rivalità tra entrambi scrittori che sarebbe durato tutta la sua vita. Samaniego pubblicato anonimamente i pamphlet satirico Commenti su letterario favole originale D. Tomás de Iriarte (1782) e, poco dopo, una parodia della poesia musica, anche di Iriarte, intitolato canzoni da suonare il violino a guisa di tonadillas. Seguirono numerosi trattati, ha risposto con la stessa violenza da Iriarte. Tuttavia, certo spirito volteriano ha dato Samaniego attacchi maggiore crudeltà.
Con l'avvento dei Borboni al potere era un processo di centralizzazione che è entrato in conflitto con le istituzioni provinciale del paese basco. A complicare la situazione, nel 1783, Samaniego è stato commissionato dalla provincia di Álava per fare un modo diretto che è gestire problemi tribunale provinciale, anche se esso anche altri transazionale i Vascongada e gli affari regionali. Nella capitale, la sua attività letteraria era intenso; Ha partecipato a riunioni e incontri e godette dell'amicizia della nobile e scrittori. Ha partecipato nelle polemiche teatrali del tempo difendere il teatro neoclassico e l'ideologia illuminata. Questa attività culturale era più successo che il progresso degli sforzi che era stato affidato. Non ha raggiunto il compimento il piano di un seminario per giovani donne, che il Vascongada ha cercato di stabilire nella città di Vitoria.
Nuovamente a Bilbao, è tornato a prendere le redini del tuo tesoro completamente dimenticato e a frequentare le vecchie amicizie. Nel 1792, decise di condurre una vita più tranquilla e si ritirò nella sua città natale, Laguardia. Due eventi ha rotto la pace della mente: da un lato, l'invasione francese dell'anno 1793 che stranamente lasciato Guipuzcoa possedimenti; d'altra parte, qualche poesia licenziosa e satirico gli è valso l'inizio di un processo inquisitorio nel 1793. Il Tribunale di Logroño anche ordinare l'arresto dell'autore. Samaniego scongiurato peggiori conseguenze grazie all'influenza dei loro amici ai massimi livelli.
Le favole di Samaniego
Pubblicato nel 1784, le favole morali raccolti un totale di 157 composizioni, distribuiti in nove libri e preceduta da un prologo. Sono stati composti per gli studenti del Colegio de Vergara, in cui ha lavorato il lavoro pedagogico. L'intenzione è all'interno della natura didattica della letteratura neoclassica e illustrata e ha risposto per indicare il massimo piacere estetico. Essi devono influenzare la scelta del genere loro conoscenza del francese, soprattutto dalla letteratura di La Fontaine, sebbene Samaniego non è un semplice traduttore, hanno aggiornato il tradizionale materiale da fonti classiche (Esopo e Fedro), aumenta i dati esplicativi e drammatizza scene relative alla funzione educativa che mira a.
Nello sviluppo delle favole, Alava scrittore segue la struttura convenzionale, anche se essa intende chiaramente considera l'opposizione tra il cast attraverso aggettivi antitetici, quindi ignora chiara morale. La formulazione della moralità tende ad andare fino alla fine della favola, come conseguenza di quanto accaduto nell'episodio che lo precede che fa riflettere. Forse è la morale, dal punto di vista della struttura, meno preso aspetto a Samaniego, a causa della sua eccessiva dilatazione. Egli deve essere conciso e breve, in modo che può essere registrata facilmente nella mente del bambino. Ma Samaniego è frequentemente nei rodei inutili, a differenza di La Fontaine, che suggerisce solo la morale.
Il tipo di moralità delle favole non è cristiana, né persino ingenuo. Si applica, la tradizione, il concetto naturalistico di moralità. Le basi sono accanto l'ideologia di Rousseau, ma in realtà è un'etica della sopravvivenza e lotta per la vita che noi predichiamo l'animali parlanti. Una morale che l'egoismo, vendetta, astuzia e diffidenza hanno il loro posto... Senza dimenticare il ricco flusso di idee illustrate o estetica neoclassica. Altre volte sono semplici principi di convivenza o di riflessioni dettate dall'esperienza, puro valore pratico. Quindi non è strano che la morale sia così vicino alla filosofia del detto e che essi formulati con uno di loro, a volte letteralmente o con lievi modifiche da imperativi di rima.
In armonia con i suoi principi estetici e i destinatari iniziali del lavoro, Samaniego rende un'effusione di grazia e semplicità nelle sue favole. Grace si è basato su resilienza e colorismo nell'espressione. Le favole sono smaltate, poiché non di metafore, sì di espressioni calde e spiritose, costruito su un linguaggio comune. Gioca anche con proverbi e detti popolari. Altri tratti che definiscono il loro stile sono l'assenza di elementi colti, la semplicità del vocabolario e l'accumulo di sostantivi e verbi, segni della sua dizione conciso.
Proprio come il suo avversario Iriarte, Samaniego risorse metriche di attenzione. Egli tenta di fuggire la monotonia cercando un tipo di alloggio significativa e alcuni orecchiabile musicalità. Viene utilizzato con preferenza il silva, cui oscillazione libera tra heptasilabos ed endecasilabos si adatta facilmente alla narrazione. Ma ciò non preclude troviamo altre strofe come Sigr, depone, romancillos, serventesios, decimo... Senza essere innovativi, Samaniego decorosamente compie la sua missione di versificador, anche se possono essere trovati occasionalmente allo stesso tempo o difetti ritmici.
In linea generale si può dire che Samaniego è l'autore della morale bonario ottimismo e verità mediocre; tutte le virtù e difetti della letteratura didattica e morale del XVIII secolo sono contenuti nel suo libro. Samaniego è degli affari della fabulistica tradizionale in modo semplice, attraverso lo strumento di un versetto di suono e luce, che dà il suo lavoro un carattere di agilità che fa il lavoro di Iriarte, anche se dovrebbe essere notato che lo scopo di entrambi gli autori è diverso. Samaniego li ha scritto al fine di fornire esempi al seminario dei bambini, mentre Iriarte intende fornire un 'educazione' letteraria, riaffermare e difendere i principi e le regole del gusto letterario neo-classico.
Pubblicato per scopi didattici autorizzati da: Biografías y Vidas
Biografie di personaggi famosi e storici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…