Biografia di Felipe Pardo y Aliaga | Poeta e giornalista.

Poeta, giornalista, drammaturgo e politico peruviano, Nato nel 1806 e morto nel 1868, ha rappresentato una delle voci letterarie e giornalistiche più attive nella prima metà del XIX secolo. Nella sua vasta opera, la sua ideologia politica conservatrice era spesso presente.
Felipe Pardo Aliaga è Nato a Lima il 11 giugno 1806. Egli era il figlio di Manuel Pardo y Ribadeneira, spagnolo di alto rango e Mariana de Aliaga, figlia del marchese di bella fonte. Perché proibizione legale per i funzionari sposare creolo del luogo dove sono state destinate, Pardo genitori avevano firmare il suo link nel "libro dei matrimoni segreti". Solo poche settimane prima della nascita di Filippo, primogenito, ottengono la licenza di matrimonio. Manuel Pardo, in precedenza, era stato cambiato a Cuzco, come reggente della Audiencia in quella città. In questo modo, Felipe Pardo y Aliaga trascorse i suoi primi anni tra Cusco e Lima. In quello primo ha dovuto vivere da vicino una delle ribellioni patrioti dei fratelli Angulo, Bejar e Pumacahua. In esso, suo padre fu fatto prigioniero e condannato a morte, una pena che non rispondevano a causa della sconfitta delle elevazioni.
Proclamò l'indipendenza, il Pardo recato in Spagna, dove il padre ha continuato che serve in posizioni come funzionario. Tuttavia, sono stati negati il giovane Felipe Pardo la possibilità della carriera diplomatica. Probabilmente questo fattore, oltre alla necessità di risolvere problemi di ereditarietà a Lima, lo ha portato a tornare in il Perù.
Durante il suo soggiorno a Madrid, Felipe Pardo avuto possibilità di studiare presso il Collegio di San Mateo, avendo come compagni di José de Esponceda e i drammaturghi Mariano Roca de Togores e Ventura de la Vega. Per chiudere la scuola nel 1823, Pardo e Aliaga e altri studenti continuarono classi a casa dello scrittore Alberto Lista y Aragon, ex reggente del Collegio. Da allora, Pardo è stato avviato nelle sue composizioni poetiche.
Nel 1828 è tornato al Perù. Fondata a Lima, egli fu nominato professore di matematica e filosofia presso il seminario di Santo Toribio e si dedicò agli studi forensi per ricevere avvocato.
Brown avrebbe presto prendere contatto con José Maria Pando, che ha fondato il Mercurio Peruano, importante quotidiano del tempo. A casa un gruppo si sono riuniti, in politiche ritrovi letterari, con tendenze conservatrici di una certa influenza nella vita politica nazionale. Un gruppo inclinato verso opzioni "duri", convinto che fosse l'unico modo per mettere ordine in un paese governato da caos e complesso come esso era, allora, il Perù.
Era in Mercurio Peruano dove Felipe Pardo y Aliaga pubblicato la sua prima opera letteraria, un'ode intitolata un peruviano ritorno alla loro patria. Da allora in poi, sarebbe seguita altre poesie, come pure la critica teatrale. Nel 1929 fu incaricato di co-edizione di quel giornale. L'anno seguente, durante il governo del Presidente Gamarra - che il gruppo di Pardo supportati - guidato giornali ufficiali il record ufficiale, il conciliatore e La Miscelánea. Per quei mesi, è stato presentato i frutti dell'istruzionepezzo ricevuto forti critiche, soprattutto dalla cura Larriva, che hanno mantenuto uno showdown letterario con Brown che culminerà in un duello. Condizionata dal vecchio critico, il pubblico non è andato troppo per il teatro.
Nel settembre del 1830 Felipe Pardo e Aliagafue nominato Segretario della legazione in Bolivia. Un soggiorno di passaggio attraverso Arequipa, recensione Pardo per qualificare il titolo di avvocato. Torna a Lima, sposò Petronila di Lavalle e Cavero, giovane appartenente ad una famiglia prominente dell'elite Lima. Mesi dopo, ha debuttati Don Leocadio e l'anniversario di Ayacucho.
I seguenti anni, segnato da anarchia politica, logorato profondamente nel paese. Pardo e Aliaga dovuto lasciare più volte in esilio, in altri ed era successo che alcuni incarichi nel governo. Sua prima deportazione avrebbe avuto luogo nel 1833, accusata di coinvolgimento in una rivolta contro il Orbegoso presidente liberale. Questo, nel corso del tempo la trama, ordinò la sua deportazione. Tuttavia, Pardo era in grado di evadere l'ordine, nascondendo in diverse navi ancorate nel porto di Callao. Infine, egli è stato amnistiato. Torna a attività, ha lanciato la pubblicazione del giornale il figlio dei Montoneros, che cercava di combattere il montonero orbegocista.
Quando la ribellione di Felipe Santiago Salaverry contro la Confederazione denominata (1835), ancora una volta Felipe Pardo y Aliaga ha preso la strada dell'insurrezione. Lo scrittore giovane generale ribelle nominato ministro plenipotenziario alla Corte spagnola. Per questa nuova posizione, Pardo Lavalle famiglia partì da Callao, in direzione sud. Tuttavia, rimasero nella scala di Valparaiso, in Cile, dove nacque una delle sue figlie. In Santiago, Pardo apprese della sconfitta e l'esecuzione di Salaverry.
Decise quindi di rimanere in quella città, dedicato ad una feroce critica giornalistica contro la Confederazione, che è salito al potere per il boliviano generale Santa Cruz de Andrés. Pubblicazioni stampate in Cile, come l'interprete e Il Kheta erano orientate a criticare il governo dall'esilio. Il governo del sud ha dato host, perché ha visto abbastanza con circospezione l'affermazione di un'alleanza denominata. Inoltre, ha promosso due "ristoratore" campagna che si concluse con l'Unione. Tuttavia, Felipe Pardo y Aliaga cercato di dissociarsi dalla seconda campagna, come il peruviano Orbegoso generale e Domingo Nieto era salito contro Santa Cruz. In risposta, Pardo per un esercito straniero nel paese mancava già giustificazione. In ogni caso, la spedizione ristoratore preso Lima e si è conclusa con l'avventura unificante del generale Santa Cruz. Poi venne uno dei palcoscenici più caotici della storia della Repubblica peruviana, raggiungendo fino a sette presidenti allo stesso tempo.
Disilluso, Pardo decise di tornare in Cile e vi rimase fino al 1839. Quando tornò, quello stesso anno, si aspettava un altro ordine di esilio, che partì questa volta senza la sua famiglia. Tuttavia, nel febbraio del 1840 era già indietro, amnistiato dal Congresso di Huancayo. Poco dopo Felipe Pardo y Aliaga fu nominato membro della Corte suprema di giustizia di Lima. Tuttavia, tra il 1840 e il 1842, che sarebbe stato espulso due volte più.
Nonostante i giri della politica, da questo momento probabilmente ha scritto suo giornale più citato: lo specchio della mia terra, considerata una preziosa antologia di letteratura costumbrista peruviano del XIX secolo. In questa pubblicazione sono comparso racconti, poemi umoristici e articoli della propria Felipe Pardo y Aliaga: il viaggio e il paseo de Amancaes sono attualmente il più ricordato. Soprattutto quello primo, cui carattere, bambino Goyito, che rappresenta il "Niño bien" a Lima. Dietro l'argomento è formazione leggibile coinvolgimento dei ragazzi creoli poco che lei doveva diventare virtuosa gioventù orientato all'attacco.
La critica delle sue idee erano swift. È apparso poco dopo Lima contro lo specchio della mia terra, che ha contato con la collaborazione di Manuel Ascencio Segura, un altro scrittore chiave di quel tempo. Senza segno, Pardo e Segura scambiavano Peñas satirico, contro l'altro, per la gioia dei suoi contemporanei. Da un meno privilegiata posizione sociale, Segura e altri critici del suoi incolpato quel conservatorismo prendendolo a posizioni anti-democratici, come pure certi pregiudizi razzisti. Entrambi, insieme, sarebbe hanno alimentato il suo scetticismo per quanto riguarda la realtà sociale e politica peruviana. Pardo è stato la "Rosetta" (Spagnolo) e "francofilo", per la sua critica tagliente.
Lo specchio della mia terra ha riapparso con nuovi numeri nel 1850, che riunisce il meglio delle sue opere della maturità in entrambi i periodi. Ma, mentre la sua mente stava cominciando a produrre le sue opere migliori, Felipe Pardo y Aliaga visto sempre più fisicamente, diminuita a causa di una malattia che è diventato più successivamente in paralisi.
Tuttavia, Brown continuò con la sua opera pubblica. Nel 1844 apparve 37 numeri da la guardia nazionale, a favore del Presidente Vivanco, amico e compagno di avventure politiche, poco tempo dopo rovesciato da Ramón Castilla. Spiccava versi politici traviamento in suo autoritario, idee antimilitariste e loro diffidenza contro il popolare. Quando Vivanco, Pardo ha dovuto dall'esilio per la settima volta. Vorrei, però, con una nuova posizione, assegnata dal Presidente Castilla: Ministro degli affari esteri. Per coloro che hanno affrontato la biografia di Felipe Pardo y Aliaga, accettare una responsabilità per quello, meticcio militare, con un'educazione diversa dalla tua, archetipo umano dei suoi pregiudizi sociali e politici, non significa necessariamente un cambiamento nel pensiero e azione pubblica dallo scrittore. Infatti, loro punto di vista il governo era gli stessi, soprattutto in relazione alla sua ossessione per ordine forte, legale e onesto per cancellare la minaccia del caos.
Da allora la sua salute stava deteriorando considerevolmente, aggravata da un nuovo male, cecità. Tuttavia, negli anni successivi ha continuato accuse politiche. il più alto era Vice Presidente del Consiglio di stato, nel 1851. Una carica che realmente hanno rappresentato più riconoscimento all'uomo costretto a letto in pubblico.
Nonostante una posizione nel gabinetto, Brown continuò con i suoi scritti, a volte in contrasto con le abitudini del governo stesso. Quando stabilita la convenzione nazionale per redigere una nuova costituzione, pubblicato in sua costituzione politica e il Perù, poemi satirici nei nuovi numeri di specchio della mia terra. Nel 1860, l'Accademia reale di lingua spagnola, proposta dai suoi ex colleghi di College, Ventura de la Vega, Roca de Togores e Segovia, lo elesse membro, essendo il primo peruviano a ricevere questa distinzione corrispondente.
Gli ultimi anni sono stati segnati da dolore e prostrazione. Aiutato da sua figlia Francisca, Felipe Pardo y Aliaga dedicato pochi poteri sua restante collezione delle sue opere, in prosa e in versi, che è venuto dalla stampa il seguente anno della sua morte.
Pardo è stato un autore di lungo, eccellendo in suoi versi satirici e le loro storie tradizionali. In entrambi, Pardo scrittore raramente è venuto fuori l'uomo delle lettere, come la critica era lo sfondo per i suoi scritti. Particolarmente orientato le abitudini dei politici, mancanza di civiltà e l'ambizione personale dei loro governanti.
Felipe Pardo e Aliaga ebbe quattro figli. Il più grande di loro, Manuel Pardo y Lavalle (1834), arrivati per diventare il primo civile Presidente del Perù (1972). Suo nipote, José Pardo y Barreda, tenuto anche il più alto ufficio politico del paese in due occasioni (1904 e 1916). In generale, durante il boom del civilismo (1895-1919), il Pardo erano considerati membri dell'elite politica, che occupano posizioni chiave nella vita pubblica.
Pubblicato per scopi didattici autorizzati da: Biografías y Vidas
Biografie di personaggi famosi e storici