RICERCA PERSONALIZZATA

Ricerca personalizzata

Biografia di Felipe Calderón | Politico messicano.

ADS

(Felipe de Jesus Calderon Hinojosa; Morelia, Michoacan, 1962) politico messicano del partito di azione nazionale (PAN), Presidente del Messico dal 2006 al 2012. Nato in una famiglia semplice, Felipe Calderón studiò all'Istituto Morelia Valladolid, sua città natale e nel 1987 che si è laureato come avvocato per la scuola libera del diritto di città del Messico. Dopo aver completato un Master in economia presso l'Instituto Tecnológico Autónomo de Mexico (ITAM), tra il 1999 e il 2000, ha frequentato un secondo Master in pubblica amministrazione (MPA) dalla scuola di governo Kennedy dell'Università di Harvard, Stati Uniti d'America.

Felipe Calderón
Vita politica di Calderon ha cominciato presto, dal momento che, nelle sue parole, iniziò "del bambino, distribuendo volantini e pittura recinzioni" per il partito di azione nazionale (PAN). Questo raggruppamento politico era venuto dalla mano di suo padre, Luis Calderón Vega, un militante attivo (oltre che storico) che anni più tardi, nel 1981, risolverebbe di lasciare le fila del pane per il fatto che questo è diventato un "partito della classe enterprise", anche se a quel tempo era membro del federale.
Le dimissioni di Luis non sono seguita da suo figlio Filippo, che, al contrario, intraprese una carriera meteorica nelle righe Pan. Dal 1987 è stato nazionale della gioventù Segretario e poi Segretario degli studi Comitato esecutivo nazionale; tra il 1988 e il 1991 è stato rappresentante all'Assemblea del distretto federale, che ha servito come Vice Presidente della Commissione di regolamenti interni; tra il 1991 e il 1994 è stato deputato federale e segretario della Commissione per il commercio durante la discussione e la negoziazione dell'accordo di libero scambio con gli Stati Uniti.
Nel 1993 Felipe Calderón sposato Margarita Zavala, avvocato e attivista in padella; ora la coppia ha tre figli. Nello stesso anno, poco prima della fine del suo mandato come un legislatore, fu eletto segretario generale del partito e nel 1995 ha funzionato come un candidato per il regolatore per il suo paese d'origine (Michoacan), sebbene non venne eletto. Uno dei più grandi all'interno della razza di partito sfide è venuto nel 1996, quando con solo 34 anni di età è stato eletto presidente nazionale della pentola, che ha servito fino al 1999. Anche nel campo della politica internazionale ottenuto riconoscimento nel pieno della gioventù: nel 1997 è diventato membro del gruppo globale leader del futuro (del World Economic Forum) e nel 1998 Vicepresidente dell'internazionale democratico cristiana.
Durante l'anno 2000 Calderón tornato sulla scena parlamentare e occupati di nuovo un seggio alla camera dei deputati; in quell'occasione che prestò servizio come coordinatore del caucus del suo partito durante la legislatura 58, che ha lasciato nel 2003 per servire nella pubblica amministrazione come direttore generale della Banca nazionale di opere e servizi pubblici (Banobras). Sua collaborazione più diretta con il presidente Vicente Fox ha avuto luogo dal settembre 2003, quando è stato incorporato nel gabinetto per la posizione di Segretario di energia; ma le sue aspirazioni presidenziali si generato attriti con il Presidente e fu costretto a dimettersi nel maggio 2004 dopo Fox sgridarlo dopo aver lanciato la sua candidatura ad un evento a Guadalajara.
La campagna elettorale per le elezioni presidenziali del 2006, che dovevano fornire il nome del successore di Vicente Fox, era la cosa più intensa che ha vissuto all'estero negli ultimi decenni. La figura del ex reggente del distretto federale, Andrés Manuel López Obrador (AMLO, com'è popolarmente conosciuta), membro del PRD e candidato dell'Alleanza per il bene di tutti, è apparso fin dall'inizio come una minaccia per il partito al governo, dal momento che è riuscito a rimanere al top dei sondaggi difendendo lo slogan "per il bene di tutti, prima i poveri". L'altro candidato con ampie possibilità di vittoria conquista era il proprio Felipe Calderón, che era riuscito a prevalere nel corso delle consultazioni interne dal pane per il preferito dalla propria volpe, Santiago Creel.
2 luglio il giorno delle elezioni è stato caratterizzato da una partecipazione di massa e alcune situazioni di tensione tra i cittadini legati alla carenza di schede elettorali. Dopo aver effettuato il computo dei voti, che ha mostrato grande parallelo al numero di schede elettorali in favore di entrambi i candidati, giorno 6 l'Istituto federale elettorale dichiarato vincitore Felipe Calderón una differenza minima di voti. Immediatamente, López Obrador ha detto che spesso i risultati di elezioni come fraudolente e che richiederebbe il conteggio manuale dei voti; d'altra parte, nel momento che ha cominciato il processo formale di reclamo dinanzi al tribunale elettorale de il potere giudiziario della Federazione (TEPJF), Lopez Obrador chiamato una grande mobilitazione per trasparenza richiesta nel processo elettorale. La controversia era dirimido due mesi più tardi, quando il 5 settembre il TEPJF pronunciata a favore di Calderon, che ha ottenuto 14.916.927 voti, mentre López Obrador ha vinto 14.683.096. In questo modo, il candidato del PAN divenne presidente eletto da una differenza di 233,831 voti, che rappresentano il 0,56 per cento del totale dei voti.
L'inizio del suo mandato di sei anni è stato contrassegnato tramite le operazioni contro il traffico di droga in Guerrero, Michoacán, Baja California, Nuevo Leon e Tamaulipas, nonché la decisione di estradizione detenuti principali boss, influenzando il riarrangiamento dei cartelli della droga. Calderon è diventato la distribuzione della polizia sul suo biglietto da visita, poiché questo interpretato la Washington d'emergenza e l'urgenza di fermare la violenza contro la paralisi che hanno caratterizzato il governo in particolare in questa zona.
L'aumento dei prezzi del petrolio ha favorito la crescita economica messicana nel 2007 e ha vinto un forte aumento delle entrate dello stato, che ha permesso l'aumento del bilancio della politica di sanità pubblica (nuova assicurazione universale per il neonato e la ridistribuzione di caravan di salute). Tuttavia, potrebbe non stop è (superiore al 4% secondo i dati ufficiali) l'inflazione, che ha acquisito le dimensioni della protesta sociale direttamente influenzano il prezzo della tortilla, più costoso per la diversione di notevoli quantità di mais per la produzione di biocarburante ritagliare entrambi speculazione privata. La mediazione del governo prima di produttori e fabbricanti raggiunto la firma della stabilizzazione della tortilla (gennaio 2007), cui prezzo massimo è stato fissato a 8,5 pesos.
Per incoraggiare la tendenza economica espansionistica, presidente Calderon ha lanciato la riforma del sistema delle pensioni per i lavoratori dello stato (marzo) e riforma (settembre) procuratore che ha ottenuto l'approvazione di un Congresso dominato da partiti di opposizione. Sulla stessa falsariga è stata approvata una riforma elettorale che mira alla riduzione dei fondi pubblici dedicati al finanziamento delle elezioni. A livello internazionale, ha sottolineato la ricomposizione delle relazioni diplomatiche con Cuba e Venezuela e la forte opposizione alla costruzione del muro di confine che ha trasformato l'amministrazione degli Stati Uniti come misura preventiva contro l'immigrazione illegale dal Messico.
A partire dal 2008 presidente Calderon dovrebbe sopportare le conseguenze della crisi finanziaria internazionale, imposte sfide non coperte dal partito al potere e che da metà del 2009 ha condotto il paese nella sua più grande crisi economica in sette decenni. Le esportazioni di petrolio inferiore e produzione, unite l'epidemia di influenza A (H1N1), che notevolmente interessano il commercio e turismo, ha causato un calo del 10,3 per cento del PIL messicano nella prima metà del 2009. Tra le altre ragioni, questa situazione si è verificata in stretta dipendenza del Messico l'economia degli Stati Uniti, dove l'80% delle esportazioni messicane sono destinati.
Nell'aprile del 2009, il Messico è diventato il primo beneficiario della linea di credito progettato dal fondo monetario internazionale (FMI) per aiutare le economie del mondo colpite dalla crisi globale, di ricevere una partita di $ 47 milioni. Nel mese di settembre, il presidente Calderón ha preso la decisione di abolire i ministeri del turismo, la riforma agraria e servizio pubblico, come una riduzione della spesa pubblica nel 2010, anno per il quale prevede una crescita economica del 3 per cento.
Nell'ambito delle celebrazioni del bicentenario dell'indipendenza del Messico, tenuto nel corso del 2010, il governo ha intrapreso un magnifico pezzo di ingegneria che ha provocato il baluardo di ponte bicentenario, un viadotto elevato a più di quattrocento metri sopra la roccaforte di fiume, che attraversa il torrente Espinazo del Diablo, nella catena montuosa Sierra Madre Occidentale. Il ponte, inaugurato ufficialmente nel gennaio 2012, fa parte dell'autostrada tra Mazatlan e Durango, che è il più grande investimento in infrastruttura durante l'amministrazione di Calderon.
Nel giugno dello stesso anno, il Messico è entrato nella creazione dell'Alleanza Pacifico, un nuovo blocco regionale costituito da Colombia, Perù e Cile, che mira principalmente ad approfondire i legami commerciali tra i suoi membri e l'intero blocco con paesi dell'Asia-Pacifico. Completare il mandato di Calderon, alle elezioni del 2012 è diventato Enrique Peña Nieto del PRI, suo successore nella presidenza del Messico; con questo risultato il partito rivoluzionario istituzionale recuperato potere posteriore dopo una pausa di dodici anni, mentre il partito di Calderon, padella, vide come suo candidato, Josefina Vázquez Mota, è stato relegato a un discreto terzo posto.
Pubblicato per scopi didattici autorizzati da: Biografías y Vidas
Biografie di personaggi famosi e storici

RICERCA PERSONALIZZATA

Ricerca personalizzata