Passa ai contenuti principali

Biografia di Federico García Lorca | Poeta e drammaturgo.

(Fonte jeans, Spagna, 1898 - Víznar, ID., 1936) Poeta e drammaturgo spagnolo. Prima infanzia di Federico García Lorca passò nell'ambiente rurale del piccolo villaggio di Grenadian, poi andare a studiare in una scuola di Almeria.
Continuò gli studi presso l'Università di Granada: ha studiato filosofia e letteratura e si è laureato in legge. All'Università è diventato amici con Manuel de Falla, che esercitò una grande influenza su di lui, passando il suo amore di folklore e popolare.

Federico García Lorca a 18 anni
Dal 1919, si stabilì a Madrid, presso la Residencia de Estudiantes, dove conobbe Juan Ramón Jiménez e Machado e amicizia con i poeti della sua generazione, artisti come Buñuel e Dalí. In questo ambiente, Lorca è stato dedicato con passione non solo la poesia, ma anche per la musica e il disegno e si interessò di teatro. Tuttavia, la sua prima commedia, la maledizione della farfalla, fu un fallimento.
Nel 1921 pubblicò il suo primo lavoro in versi, il libro di poesie, con il quale, nonostante accusando le influenze dei romantici e modernista, ha ottenuto l'attenzione. Tuttavia, il riconoscimento e il successo letterario di Federico García Lorca è arrivato con la pubblicazione, nel 1927, canzoni e, soprattutto, applaudito e continuato spettacoli a Madrid di Mariana Pineda, dramma patriottico.
Tra il 1921 e il 1924, durante il lavoro sulle canzoni, ha scritto un gioco basato sul folklore andaluso, il poema del cante jondo (pubblicato nel 1931), un libro già più unitario e stagionato, che le prime esperienze che è una caratteristica della sua poesia: l'identificazione con il popolare e la sua successiva coltivate stilizzazione, e che ha portato alla sua piena maturità Romancero gitano (1928) Fu un successo immediato. Il popolare e il culto Unite per cantare per il popolo perseguitato degli zingari, personaggi marginali, segnate da un tragico destino. Formalmente, Lorca ha un linguaggio personale e inconfondibile, che risiede nell'assimilazione di elementi e forme popolari combinate con audaci metafore e una stilizzazione delle forme di pura poesia che è stata etichettata la sua generazione.
Dopo questo successo, Lorca viaggiò a New York City ha vissuto come uno studioso durante l'anno accademico 1929-1930. Le impressioni che la città stampata sul vostro umore materializzato in poeta a New York (pubblicato postumo nel 1940), un canto angosciante, con echi di protesta sociale contro il cittadino, meccanizzata civiltà oggi. Forme tradizionali e popolari delle sue opere precedenti cedono in questo uno di visioni apocalittiche, fatta di illogico e onirica, immagini che si armonizzano con il surrealista streaming francese, anche se sempre all'interno del personale poesia di Lorca.
Ancora una volta in Spagna, nel 1932, Federico García Lorca è stato nominato direttore di La Barraca, University Theatre Group che destinato a risolversi nelle città del teatro classico di Castilla del Siglo de Oro. Suo interesse per il teatro, sia nel suo creativo e broadcasting, risponde ad una progressiva evoluzione verso il collettivo e uno sforzo per raggiungere le persone nel modo più diretto possibile. Così, gli ultimi anni della sua vita li dedicò al Teatro, con l'eccezione di due libri di poesia: Divan del Tamarit, raccolta di poesie ispirate a Stefano Cesaroni poesia e il lamento per Ignacio Sánchez Mejías (1936), bella elegia dedicata al suo torero amico, che combina le immagini popolari di affiliazione surrealista con tono.

Federico García Lorca con l'attrice Margarita Xirgu e
Cipriano Rivas nella presentazione di Yerma (1934)
Federico García Lorca opere successive sono ascolti. Yerma (1934) è una vera tragedia alla modalità classica, tra cui il coro delle lavandaie, con suo corifeo, che dialoga con il protagonista, commentando l'azione. Simile è il caso in nozze di sangue (1933), dove un vero e proprio evento ispirato il dramma di una sposa che fugge dopo il suo matrimonio con un vecchio fidanzato (Leonardo). Il volo, riempito con premonizioni, che la morte stessa apparve come un personaggio, presagisce un fine che viene detto dalla prima scena, e che entrambi uomini uccisi, così raccogliendo la possibilità della continuità del lignaggio di entrambi i rami e rinnovando la morte del padre dello sposo per mano della famiglia di Leonardo. In questo modo, la passione e la ricerca si concluderà con la distruzione di tutto l'ordine stabilito.
Tra tutti loro è La Casa de Bernarda Alba (1936), dove la passione per la vita della giovane Adela, bloccato nella sua casa insieme alle sue sorelle a causa del lutto di suo padre e oppressi sotto il giogo di una madre tirannica, sarà rivolta senza paura delle conseguenze. In questo modo, la sua passione per la vita andrà in crash contro il muro dell'incomprensione della sua famiglia concludere tutto con la loro eliminazione. Insieme alla figura del protagonista, mette in evidenza la serie di ritratti femminili realizzati dall'autore, dalla Bernarda propria fino a quando è fiducioso di tutte le vecchia zitella (La Poncia), sorella di amara e invidioso (martirio) o nonna pazza che si oppone alla tirannia di Bernarda.
La casa di Bernarda Alba, considerato il suo capolavoro, è stato anche l'ultimo, da quello stesso anno, allo scoppio della guerra civile, fu arrestato dalle forze di Franco e giustiziato dieci giorni più tardi, sotto accuse poco chiare, puntando al suo ruolo di personaggio suscettibile di alterare il 'ordine sociale', pensatore e poeta.

Fine della casa di Bernarda Alba
in un manoscritto autografo di Lorca
Pubblicato per scopi didattici autorizzati da: Biografías y Vidas
Biografie di personaggi famosi e storici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…