Passa ai contenuti principali

Biografia di Eva Perón [Evita Peron] | Politica dell'Argentina.

(Eva Duarte de Perón, chiamato Evita Peron; Politica dell'Argentina Los Toldos, Argentina, 1919-Buenos Aires, 1952). Juan Duarte e Juana Ibarguren, figlia illegittima vissuto male nella sua città natale fino all'età di sedici anni fuggì a Buenos Aires. A Buenos Aires ha lavorato come attrice in piccoli locali e alla radio e dal 1935 cominciò a godere certa popolarità, ma i suoi ruoli non aveva rilevanza.

Evita
In tali circostanze ha incontrato il colonnello Juan Domingo Perón, con cui iniziò una relazione intima e ci siamo sposato nel 1945. Quest'anno, Perón fu estromesso dalla carica di Segretario del lavoro e il Vice Presidente della nazione e confinato su Isola di Martin Garcia. Eva, poi, ha mostrato la sua grande energia e carisma per connettersi con i settori dell'esercito nazionalista relazionati al suo marito e gli operai che avevano beneficiato di misure sociali promosse da Perón dal suo incarico.
La campagna di sconvolgimento sociale che ha intrapreso è culminato il 17 ottobre, quando migliaia di lavoratori, che ha chiamato "descamisados", occupato il centro di Buenos Aires per chiedere la libertà del politico, una delle più grandi manifestazioni tenute nel paese fino ad allora.
Una volta rilasciato, Perón è stato presentato per le elezioni di febbraio 1946 e ha vinto una vittoria clamorosa. Nonostante la popolarità che era, lei non ha accettato alcuna posizione ufficiale e preferito per promuovere una politica sociale della presidenza di una fondazione che portava il suo nome. Finanziati con fondi pubblici, l'Eva Perón Foundation consegnati aiuti sociali ai più bisognosi.

Evita e Juan Domingo Perón
Evitare, come avevano cominciato a chiamare le classi popolari, Confederazione generale del lavoro (CGT) è diventato il volto umano del regime e in collegamento il Presidente con organizzazioni dell'operaio, principalmente. Particolare preoccupazione per la situazione delle donne la portò a fondare il partito peronista femmina nel 1949 e per promuovere una migliore integrazione delle donne nel orientati verso mercato del lavoro.
Grazie al suo intervento, lavoro legislazione articolato durante la prima presidenza del generale Perón ha provocato il miglioramento delle condizioni di vita dei lavoratori e i settori finora emarginati della società Argentina. Nessuno dei due è rimasto alieno alla situazione del popolo spagnolo, e nel 1947 si recò in Spagna, nei momenti peggiori dell'isolamento internazionale del regime del Franco. Sua visita è stata preceduta dalla concessione di regola peronista al regime spagnolo di prestito milionario per l'acquisto di grano, mais, carne, verdure, ecc.
Nel 1951, anno in cui pubblicato la sua autobiografia la ragione per la mia vita, la CGT si corre come candidato per la Vice presidenza. Tuttavia, la proposta ha incontrato l'opposizione feroce delle forze armate, che ha visto in esso una minaccia nella sua capienza come portavoce della linea più radicale ed esigente del Peronismo. D'altra parte, la propria Eva era riluttante ad accettare cariche pubbliche, convinto che l'efficacia del suo lavoro era in prossimità del suo rapporto con le persone. Inoltre, conoscenza della grave malattia che ha afflitto ha indotto a rinunciare alla nomina in un atto emotivo che rivolto alla folla dal balcone del Palazzo del governo.
Sua morte significò l'inizio del declino del regime peronista, che tre anni più tardi fu rovesciato da un colpo di stato militare. Per evitare il pellegrinaggio alla sua tomba, i militari rapiti e trasferì il cadavere di Eva Perón in Italia e più tardi in Spagna. Nel 1975, il governo del Presidente del paese, che era stata la terza moglie del generale, María Estela Isabel Martínez de Perón, trasportato indietro in Argentina i resti di Eva Perón.
Pubblicato per scopi didattici autorizzati da: Biografías y Vidas
Biografie di personaggi famosi e storici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…