Biografia di Esopo | Scrittore greco.

(VI secolo A.C.) Scrittore greco. Uno dei più antichi generi della letteratura mondiale è la favola, un tipo di racconto cast personificati animali cui scopo didattico reso esplicito in un fine morale. La Grecia classica attribuita a Esopo l'invenzione di questo genere, come assegnato dalla paternità del poema epico di Omero. Fino a quando molti secoli più tardi non ha fatto dubitare dell'esistenza effettiva di entrambi, rilevando anche l'antitesi perfetta tra le due figure: Homer come cantante delle gesta degli eroi, Aesop come ritrattista della plebe, debolezze umane sotto l'aspetto degli animali. In entrambi i casi molte città si contesero l'onore di essere il suo luogo di nascita.
Biografia
Esistono pochi dati sicuri sulla biografia di Esopo, e già in epoca classica il vero carattere era circondato da elementi leggendari, essendo sicuramente coperti dalla fiction and fantasy come potrebbe avere storicamente. Questo non deve necessariamente confutare la loro esistenza, poiché uno storico di Erodoto e di credito lo descrive come uno schiavo ad un cittadino di Samo che visse nel secolo precedente. Secondo una diffusa tradizione, Esopo era nato in Frigia, anche se c'è chi lo fa originariamente da Tracia, Samos, Egitto o Sardes. Circa circolò un sacco di aneddoti e descrizioni del suo fisico sono raccolti nella Vita di Esopo, pubblicato nel XIV secolo davanti a una raccolta delle sue favole preparato dal Monaco benedettino Massimo Planude.

Esopo
È così che Esopo era schiavo di un tale Xanto o xanthus di Samo, che gli ha dato la libertà. Grazie alla sua grande reputazione dal suo talento per la sfogava, Creso lo chiamò alla sua corte, facevamo la doccia favori e poi lo mandò a Delfi per consultare l'oracolo e per offrire sacrifici per loro conto e distribuire premi tra gli abitanti di quella città. Irritato dalla frode e l'avidità dei sacerdoti di quella città, Esopo diretto li loro sarcasmo e limitata per offrire agli dèi i sacrifici comandati da Creso, siamo tornato a questa ricchezza di principe per gli abitanti di Delfi.
Questi, vendetta, nascosto tra i bagagli di Esopo una Coppa d'oro dedicato ad Apollo, che lo ha accusato di furto sacrilego e lui precipitato dall'alto della roccia Hiampa. Più tardi si pentì e offerto soddisfazione e risarcimento ai discendenti di Esopo che ha presentato a richiederlo; Ha frequentato era un ricco mercante di Samos, discendente di colui che Esopo aveva appartenuto quando era uno schiavo. Tutta questa storia sembra storico che Esopo era uno schiavo e che ha viaggiato molto con il suo Maestro, il filosofo Janto; Inoltre riceve abbastanza credibilità al suo episodio di morte.
Favole di Esopo
La menzione di cui li fa conoscere lo storico Erodoto, le favole di Esopo erano molto popolari in Grecia classica, un reclamo attestato anche da Platone e da Aristofane. Esopo incontra non è mai stato un privilegio degli avvocati: oltre a divulgate oralmente, sue favole sono state utilizzate come primo libro di lettura nelle scuole. La più antica collezione di nota è che ha fatto nel IV secolo A.C. la retorica Falero Demetrio, discepolo di Teofrasto, che raggruppati circa cinquecento favole e che non è giunto fino a noi.
Le collezioni conservate complete sono molto più tardi: la Collectio Augustana, presumibilmente del secolo I o II d. C., Collectio Vinobenensis, composto da un po ' più storie colorate, anche se con uno stile un po' sciatto e una rifusione delle due precedenti, la Collectio Accursiana (1479 o 1480), i che è stata a lungo la collezione più diffusa. Scritti nella lingua del suo tempo, e pertanto lontano dai testi originali di epoca classica, queste raccolte contengono un nucleo primitivo esopico poi aumentato e notevolmente trasformata nel corso dei secoli.
Il genere di fable è stato già definito da Esopo a dare la maggior parte delle sue storie in una serie di caratteristiche costanti. Le favole di Esopo sono brevi narrazioni composte in uno stile semplice e chiaro (come il discorso delle persone che si muovono), che di solito hanno interpretato da animali personificati, cioè, dotati della capacità di pensare e parlare, e cui scopo è quello di trasmettere una morale insegnamento elementare e pratico. Precedenti di questa forma letteraria è trovato in Esiodo, che presenta il più antico esempio con la sua storia dell'Astore e l'usignolo nelle opere e i giornie nella lirica di Archiloco, con storie dalla volpe e la scimmia.
Favola esopica ha come tema predominante relazioni e interazioni sociali fra esseri umani, che sono descritti da un ironico vista del mondo e le strutture di potere. Una delle favole più breve dice: "una volpe guardato con disprezzo per una leonessa perché egli non aveva mai dato nascita più di un cucciolo. Sola, rispose la leonessa, ma un leone"." L'insegnamento contenuto in questi brevi pezzi è una morale comune e popolare: prudenza e moderazione sono le virtù supreme; fedeltà, apprezzamento e l'amore al lavoro sono stimati. Nonostante ciò, esso è non è affatto screditato, per esempio, l'astuzia che sa per sfruttare la stupidità degli altri. Non espresso, quindi una rigida etica, ma un pragmatico e popolare morale presieduto dal senso comune.

Il Leone e il topo (illustrazione di Gustave Doré)
Gli animali incarnano determinate qualità o atteggiamenti di vita; tali attributi possono essere negativo o positivo e di conseguenza sarà puniti o ricompensati l'esito della storia. Queste qualità sono attribuite agli animali seguendo una tipologia che rimarrebbe invariata tra seguaci e imitatori che ha sviluppato il genere: la volpe è l'incarnazione di astuzia; Lupo, male; la formica, la previsione; il Leone, la Maestà. In questo modo, attraverso il comportamento degli animali, le virtù e difetti dell'essere umano sono vivi e mettere efficacemente evidenziare al lettore. Si deve osservare che, anche se questa è la tendenza generale, alcune delle favole coinvolti anche gli esseri umani o divinità.
Il risultato della storia suggerisce, come già indicato di insegnamento morale: il risultato premia o punisce caratteri animali a seconda che dispongano di un attributo positivo o negativo. Nonostante questo ed è vero che non c'è alcun dubbio, un'esplicita sotto forma di frase sentenziosa morale viene aggiunto dopo la storia.
Vedi, per esempio, il cane e la carne: "accanto a un fiume corso delicato e acque cristalline, camminato qualche ladro di cane con un bel pezzo di carne tra i denti. Improvvisamente, fu raffigurato con l'acqua. E come ha visto che il suo compagno era anche in bocca un buon pezzo di carne, egli avrebbe colto esso. Ha lasciato andare la carne, che è sparito nel fiume e contemplato, spaventato, che era senza il morso vero e il falso". È ovvio che la storia previene contro l'avidità, il difetto che il cane è stato punito, ma aggiunge anche il giudizio morale: "capita sempre per i golosi, che perde lo stesso vogliono prendere possesso dello straniero."
Cinque secoli dopo Aesop, una raccolta di poesia latina dei secolo D.C. di Fedro, uno schiavo liberato da Roman Emperor Augustus, incluso favole inventati dall'autore insieme ad altri tradizionali esopicas, rielaborati con molta grazia e che hanno influenzato il modo adottato da scrittori successivi. Portata simile ha nell'II secolo d. C. greco favole in versi di Babrio, e durante il Medioevo quelli di Esopo ha avuto un'accoglienza straordinaria. Nel XVIII secolo, con l'avvento del Neoclassicismo, il genere sembrava di vivere un periodo d'oro nelle mani di autori prestigiosi come il francese La Fontaine. In spagnolo la favole di Tomás de Iriarte e Félix Samaniego raggiunto grande fama allo stesso tempo.
Pubblicato per scopi didattici autorizzati da: Biografías y Vidas
Biografie di personaggi famosi e storici