Passa ai contenuti principali

Biografia di Eschilo | Tragico greco.

(Corrente di Eleusi, Grecia, 525-456 A.C., Gela, Sicilia) Tragico greco. Eschilo, ha vissuto in un periodo di grandezza per Atene, dopo le vittorie contro i persiani nelle battaglie di maratona e Salamina, che è stato direttamente coinvolto. Dopo il suo primo successo, i persiani (472 A.C.), Eschilo ha preso un viaggio in Sicilia, chiamato alla Corte di Gerone, dove ancora alcuni anni più tardi a stabilirsi.

Eschilo
Novanta opere scritte da Eschilo, solo sopravvissuto sette complete, tra i quali una trilogia, l' Orestea (Agamennone, il coeforas e Le Eumenidi, 478 A.C.). Eschilo è considerato il fondatore del genere della tragedia greca, dalla lirica coral, di introdurre un secondo attore sul palco, che ha permesso di dialogo indipendente del coro, oltre alle altre innovazioni nello scenario e tecnica teatrale.
Eschilo effettuato scena i grandi cicli mitologici nella storia della Grecia, che riflette la sottomissione dell'uomo verso una destinazione superiore anche al divino sarà, inevitabile eterna (moira) relative alla natura e contro i quali atti individuali sono sterile, puro orgoglio (hybris, tracotanza) dedicato alla punizione necessaria. Nelle sue opere, l'eroe tragico, che non è coinvolta in grandi azioni, appare al centro di questo ordine cosmico; il valore simbolico passato al primo termine, il trattamento psicologico di fronte.
Il genere tragico rappresentato una perfetta sintesi di tensioni culturale che ha vissuto la Grecia classica tra credenze religiose tradizionali e le tendenze democratiche e razionaliste. A parte il suddetto, le opere di Eschilo che si sono conservate sono le Supplici (c. 490), i sette contro Tebe (467) e Prometeo incatenato, lavoro su cui ci sono ancora dubbi.
Pubblicato per scopi didattici autorizzati da: Biografías y Vidas
Biografie di personaggi famosi e storici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…