Passa ai contenuti principali

Biografia di Ernest Rutherford | Chimico e fisico.

(Nelson, Nuova Zelanda, 1871-Londra, 1937) Chimico e fisico britannici. Dopo la laurea, nel 1893, a Christchurch (Nuova Zelanda), Ernest Rutherford si trasferì all'Università di Cambridge (1895) di lavorare come un assistente di JJ. Thomson. Nel 1898 divenne professore presso l'Università di McGill a Montreal, in Canada. Al suo ritorno nel Regno Unito (1907), egli si unì all'insegnamento presso l'Università di Manchester e nel 1919 succedette il Thomson proprio come il direttore del laboratorio Cavendish dell'Università di Cambridge.
Per il suo lavoro nel campo della fisica atomica, Ernest Rutherford è considerato uno dei padri di questa disciplina. Inoltre studiato sulla rilevazione della radiazione elettromagnetica e l'ionizzazione dell'aria prodotta dai raggi x. ha studiato le emissioni radioattive scoperte da H. Becquerel e riuscito a classificarli in raggi alfa, beta e gamma.

Ernest Rutherford
Nel 1902, in collaborazione con F. Soddy, Rutherford fatto la teoria sulla radioattività naturale connesso con le trasformazioni elementi spontanea. Ha collaborato con H. Geiger nello sviluppo noto come contatore Geiger misuratore di radiazioni e ha mostrato (1908), che le particelle alfa sono Elio (più esattamente, nuclei dell'atomo di elio) e ioni, nel 1911, descritto un nuovo modello atomico (modello atomico di Rutherford), che potrebbe essere successivamente perfezionato da N. Bohr.
Secondo questo modello, l'atomo era un nucleo centrale che era concentrato la quasi tutta la massa, così come le cariche elettriche positive e un involucro o corteccia di elettroni (carica elettrica negativa). Inoltre, è riuscito a dimostrare sperimentalmente la teoria accennata da deviazioni che si sono verificati nel percorso delle particelle emesse da sostanze radioattive, quando essi sono atomi bombardati.
Gli esperimenti condotti da Rutherford ha permesso anche l'istituzione di un ordine di grandezza per le dimensioni effettive del nucleo atomico. Durante la prima guerra mondiale ha studiato il rilevamento di sottomarini di onde sonore, così è stato uno dei precursori del sonar.
Inoltre ha gestito la prima trasmutazione artificiale di elementi chimici (1919) dai bombardamenti di un atomo di azoto con particelle alfa. Le variazioni sono dovute la capacità di trasformare che ha un atomo sottoposto a bombardamento con particelle in grado di penetrare al suo interno. Poco dopo la sua scoperta erano necessarie le caratteristiche di trasmutazioni ed è stato trovato che l'energia cinetica dei protoni emessi nel processo potrebbe essere superiore agli incidenti di particelle, in modo che l'energia interna del nucleo è dovuta intervenire la trasmutazione. Nel 1923, dopo aver fotografato circa 400.000 traiettorie delle particelle con l'aiuto di una macchina fotografica di bolle (Wilson Chamber), Blackett potrebbe descrivere otto trasmutazioni e stabilire la reazione che aveva avuto luogo.
Rutherford ricevette il premio Nobel in chimica nel 1908 in riconoscimento per le sue indagini sulla disintegrazione degli elementi. Tra le altre onorificenze, fu eletto membro (1903) e presidente (1925-1930) della Royal Society di Londra e i titoli di Signore (1914) e Barone Rutherford di Nelson (1931) è stato assegnato. Alla sua morte, i suoi resti furono sepolti nell'Abbazia di Westminster.
Pubblicato per scopi didattici autorizzati da: Biografías y Vidas
Biografie di personaggi famosi e storici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…