Passa ai contenuti principali

Biografia di Eraclito | Filosofo greco.

(Efeso, oggi scomparso, oggi Turchia, h. 540 a.c.-Efeso, ID., h. 470 A.C.) Filosofo greco. Molto poco si sa della biografia di Eraclito di Efeso, soprannominato al buio dal carattere enigmatico che spesso ha preso il suo stile, come testimoniato un numero di frammenti conservati dei suoi insegnamenti.
Gli insegnamenti di Eraclito, secondo Diógenes Laércio, sono stati raccolti in un lavoro intitolato natura, a che fare con l'universo, la politica e la teologia - anche se probabilmente questa suddivisione è un'Alessandrina compilazione di testi di Eraclito, presentare, ma che cosa è giunta a noi della sua dottrina in forma frammentaria e le loro fonti sono citazioni, riferimenti e recensioni di altri autori.

Eraclito
Alcuni di questi frammenti hanno, tuttavia, l'aspetto di aforismi complete, che supporta l'idea che il suo stile di pensiero era oracolare. Ciò ha dato luogo, anche a formulare l'ipotesi che Eraclito non ha scritto, infatti, nessun testo, ma i loro insegnamenti sono stati esclusivamente orali, e chi erano i responsabili politici suoi discepoli raccolta il succo di loro sotto forma di frasi.
Sia come sia, l'oscurità di Eraclito è stato svilito nella leggenda sulla sua morte: ammalato di idropisia, enigmaticamente chiesto medici se essi potrebbe piovere alla siccità; come lo potrebbe non percepiscono, fu sepolto nel letame sul presupposto che il calore di questo assorbirebbe l'umidità, con il risultato che ha accelerato il risultato mortale. Diógenes Laércio creduto, la causa della condizione sarebbe stato suo ritiro presso il Monte, in caso di alimentazione sulle erbe, mossi da loro misantropia.
Eraclito di disprezzo per i comuni mortali sarebbe coerenza con le sue origini, sembra certo che è venuto da una famiglia aristocratica, come pure le sue idee politiche erano contrari alla democrazia Athenian Corte ed è stato, forse, parte del piccolo gruppo, composto da nobili, che sympathized con il persiano re Darius, cui domini incluso Ephesus di poi , contro la volontà della maggioranza dei suoi cittadini. A quest'ultimo, in ogni caso, deve non avere apprezzare troppo, ed Eraclito era piena di imprecazioni quando lei era cacciata dalla città al suo amico Hermodoro.
Secondo quanto emerge da vari frammenti, Eraclito ha detto quasi tutti i fenomeni naturali, attribuendo al fuoco il ruolo di costituente comune a tutte le cose e la causa di tutti i cambiamenti che avvengono in natura. L'importanza subito all'asserzione che tutto è esposto al cambiamento incessante e flusso, è stata probabilmente esagerata da Platone, che hanno contribuito in maniera determinante a perpetuare l'immagine di Efeso filosofo come l'esponente di un relativismo radicale.
L'universo di Eraclito è, certamente, composto di opposti in opposizione perpetua, che è una condizione di divenire delle cose e, al contempo, sua legge e principio; ma gli avversari sono portati a sintesi armonica con i loghi, proporzione o un provvedimento comune a tutti, principio normativo dell'universo e l'uomo che, sotto diversi aspetti, è coestensiva con l'elemento cosmico primordiale, il fuoco, pertanto alcune interpretazioni identificano. Ogni coppia di opposti è una pluralità e, allo stesso tempo, un'unità che dipende la reazione bilanciata tra i due; il saldo totale del cosmo è mantenuto grazie alla interazione infinito tra gli opposti, garanzia che il cambiamento in una direzione porterà ad un altro cambiamento nella direzione opposta.
Il logo esprime la coerenza sottostante delle cose che gli uomini devono cercare di capire, poiché la saggezza è capire come essa conduce il mondo, e questa comprensione deve essere basata sulla moderazione e consapevolezza di sé, che Eraclito condizionato come ideale etico dell'uomo.
Pubblicato per scopi didattici autorizzati da: Biografías y Vidas
Biografie di personaggi famosi e storici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…