Biografia di Elizabeth Taylor | Attrice.

(Dame Elizabeth Rosemond Taylor, noto anche come Liz Taylor; Londra, 1932 – Los Angeles, 2011) attrice britannica naturalizzata statunitense. Figlia di espatriati americani nel Regno Unito, tornata con loro Stati Uniti poco prima della seconda guerra mondiale. Dopo aver partecipato a diverse commedie di scarsa qualità, nel 1950 ha raggiunto il suo primo successo commerciale e di critica con il padre della sposa. Durante i decenni del 1950 e 1960 è diventato uno dei più grandi stelle del firmamento di Hollywood grazie alla sua presenza nei titoli così significativi come il gigante (1956), il gatto sul tetto di zinco (1958) o il, da allora, il più costoso film nella storia, Cleopatra (1963), film in cui sapeva come sfruttare magistralmente la sua celebrità sessualmente attraente. Così famoso per la sua carriera cinematografica e la sua vita di amore (aveva sposato otto volte), ha ricevuto due Oscar per i loro ruoli in una donna contrassegnata (1960) e chi ha paura di Virginia Woolf? (1966). famosa anche per il suo lavoro umanitario nella lotta contro l'AIDS, era per questo quest'ultimo motivo ha vinto il premio Principe delle Asturie a Concord nel 1992.

Elizabeth Taylor
Incoraggiato da sua madre, che anche piano tavoli contemporaneamente, Elizabeth Rosemond Taylor ha debuttato come attrice quando era ancora un bambino; l'attenzione dei dirigenti di Hollywood chiamato loro volontà e un'impugnazione straordinaria fisica, che lo avrebbe accompagnato fino alla loro scadenza, presto. Dopo il suo breve tempo dalla Universal, la Metro Goldwyn Mayer offerto un ruolo interessante primo la catena invisibile (1943), Fred Wilcox, accanto al famoso cane Lassie.
Con questo film, ha iniziato una carriera nella Metro Goldwyn Mayer che sarebbe durato per venti anni. Temperamento dolce, ma non stucchevole, ruoli dei bambini giocato fatto sembra quasi angeliche, ma allo stesso tempo emise un grande magnetismo e sensualità. I suoi occhi viola, suo accento e un'età impropria maturità rendeva impossibile che passò inosservato.
Già nell'adolescenza e nella sua prima giovinezza, gli studi della metropolitana ha cominciato a non so molto bene cosa fare con esso, perché esso non si accoppiano con gli stereotipi delle ragazze americane. Dalla fine degli anni quaranta e cinquanta che ha giocato le ragazze di solito ricco luminosa bellezza, anche se c'erano funziona anche dove ha dimostrato di possedere un intelligente senso dell'umorismo e una personalità forte e passionale. Film di qualche rilevanza e successo sono stati contrassegnati quegli anni: il coraggio di Lassie (1946), Fred Wilcox; Piccole donne (1949), Mervyn Leroy; Tradimento (1950), di Victor Saville; o il padre della sposa (1950), Vincente Minnelli, tra gli altri.
Segnata da una serie di matrimoni falliti, l'attrice era lasciando da parte il genere di film che ha dovuto accettare ulteriori progetti. Film storici come Quo Vadis? (1951), LeRoy e Ivanhoe (1952), di Richard Thorpe, anticipata in un decennio uno dei suoi personaggi più famosi, Cleopatra. La sua figura è stato guadagnando popolarità, e le loro performance ha vinto in profondità psicologica. Così, nel gigante (1956), di George Stevens, gatto sul tetto di zinco (1958), Richard Brooks o una donna contrassegnata (1960), Daniel Mann, per la quale suo primo Oscar, raggiunto incarnata complessa personalità di donne che hanno affrontato situazioni difficili con coraggio e maturità.

Con Paul Newman in
Gatto sul tetto di zinco
(1958)
Esso è stato perdendo così l'aura di giovane, delicato e infantile e cominciò a sentirsi attratta da ruoli di dure donne che soffrono di pressione psicologica, uno stile che doveva essere una costante per tutto il resto della sua carriera, forse perché tali interpretazioni ha permesso di riflettere la propria personalità; sua esperienza di vita lo aveva reso passare attraverso situazioni difficili in tutta loro matrimoni multipli.
Cleopatra (1963), fu una pietra miliare nella sua carriera di Mankiewicz e la sua relazione con Richard Burton, che ha cominciato durante le riprese di questo film. Elizabeth Taylor ha giocato la regina d'Egitto in cambio di 1 milione di dollari, cifra astronomica per un'attrice in quegli anni. L'attrice era a conoscenza del loro status elevato e che ognuno considerato una star. Loro capricci stavano facendo antipatica, e la sua salute ha cominciato a mostrare la sua fragilità. Con Burton, che sposò due volte, ha vissuto la più tempestosa storia d'amore e che impronta la maggior parte di honda ha lasciato nella sua vita privata e professionale.

Elizabeth Taylor in Cleopatra (1963)
Suo ruolo nel chi ha paura di Virginia Woolf? (1966), Mike Nichols, gli valse il suo secondo Oscar ed è stato lo stimolo per un cambiamento radicale nella sua carriera. Donna alcolica, lingua tagliente e che lui è più giovane, gli ha permesso di mostrare nuove sfaccettature della sua personalità, qualcosa per cui lei aveva combattuto dal momento che ha compreso la moglie di Rock Hudson in gigante. Da allora e in titoli come la donna indomabile (1966), Franco Zefirelli; Riflessi in un occhio d'oro (1967), John Huston; o la donna dannata (1968), Joseph Losey, era ribellato accademismo e la dolcificazione di quei primi lavori nella Metro Goldwyn Mayer che aveva dato fuori.
Nel 1981, già in piena maturità, che ha debuttato a Broadway in un montaggio di Lupa, di Lillian Hellman. Nei suoi ultimi anni ha preso parte nei programmi e negli episodi di varie serie TV (Hotel, The Whoopi Goldberg Show, Roseanne, Hight Society, Murphy Brown e la tata, tra gli altri). Da un lato lontano dalla sua professione, non ha risparmiato tuttavia sue apparizioni in pubblico, che ha adottato un'immagine barocca, visualizzati da suo amore ossessivo di gioielli e di agire con una teatralità pronunciata che da sempre ha dato la sensazione di essere premeditato, spesso uno scudo per essere in grado di erogare con certa misura dei suoi attributi di grande stella.
Allo stesso tempo ha sviluppato un'attività importante per aiutare chi soffre di AIDS negli Stati Uniti e nel 1993 ha ricevuto un Oscar alla carriera. Nell'ottobre 2009 l'attrice si unì in un ospedale di Los Angeles per un'operazione al cuore. Due anni più tardi, con la sua morte a Los Angeles, è scomparso un capitolo fondamentale nella storia della Hollywood dorata, una leggendaria attrice a sopportare nella memoria non solo dalla loro avvenenza fisica ma soprattutto dalla forza delle sue interpretazioni emotivi.
Pubblicato per scopi didattici autorizzati da: Biografías y Vidas
Biografie di personaggi famosi e storici