Biografia di Diego Velazquez | La monografia del grande pittore spagnolo

Biografia di Diego Velazquez

La monografia comprende una mostra virtuale dell'opera del grande pittore spagnolo, uno dei più influenti e universale.

Master senza coppia di arte pittorica, Diego Velázquez Siviglia adornato il suo personaggio con un margine di discrezionalità, riserva e tanta serenità che, mentre gran parte può dire e menzionato il suo lavoro, poco è conosciuto e probabilmente mai saperne di più sulla tua psicologia. Young disciplinato e coscienzioso, essi devono non piace anche a me gli schiaffi con cui salpimentaba i suoi insegnamenti maestro pittore Herrera il vecchio, con il quale trascorse apparentemente una breve stagione, prima della registrazione, all'età di dodici anni, quel pittore modesto laboratorio e persona eccellente come Francisco Pacheco. È venuto le prime notizie, al momento che il primo encomio, che sarebbe il più grande pittore barocco spagnolo e, senza dubbio, uno dei più grandi artisti del mondo a qualsiasi età.

Lo sguardo malinconico

Diego Velázquez era figlio di un non-troppo-ricco hidalgo appartenente a una famiglia di Portogallo, forse del Porto, anche se già Nato a Siviglia, chiamato Juan Rodríguez e Jerónima Velázquez, anche donna di lignaggio ma scarso patrimonio. Il giorno del suo battesimo, John ha gettato le campagne al volo (pagamento di una somma modesta al sacrestano), poi invitato amici a claret e San Juan de Alfarache torte e intrattenuto il chiquilleria di vitoreante con le monete di piccolo importo che ha buttato fuori dalla finestra. C'è frodare questa spesa e queste celebrazioni la bacchetta di nuovo arrivato, che era favorevole ai desideri dei genitori durante la sua infanzia ed entrò nella bottega di Francisco Pacheco senza batter ciglio.

Dettaglio del autoritratto del 1643 (Galleria degli Uffizi)
Il ragazzo ha dato prove di precocisimas di mana come disegnatore e così rapidamente imparato la sottile arte di colori che Pacheco buona non ha osato torcendo il suo genio e lo ha portato delicatamente dove l'ispirazione del giovane ha preso lui. Tra maestro e discepolo è scosso una forte amicizia basata su ammirazione e orgoglio ragionevole di Pacheco e la gratitudine del ragazzo sveglio da allora. Questi legami completato nodo quando il vecchio pittore era determinato a dare la mano di sua figlia Giovanna suo allievo di diciannove anni.
Sulle ragioni che ha deciso lui di favorire questo matrimonio scrive Pacheco: "dopo cinque anni di educazione e di insegnamento è sposato mia figlia, mosso dalla sua virtù, la pulizia e buone feste e delle speranze del suo ingegno naturale e grande." E perché l'onore del Maestro del suocero, ha appena stato intasamento l'audacia di alcuni che vogliono attribuire questa gloria, portando via la corona dei miei ultimi anni. "Io ho diminuendo superarsi il maestro al discepolo, nessun perso Leonardo da Vinci per avere Rafael dal discepolo, Castelfranco Jorge Tiziano, né Platone ad Aristotele, allora hai rimosso non il nome divino".

La conquista della Corte

Presto è diventato piccolo Siviglia Velázquez e ha provato a vincere un tirocinio presso la Corte, dove erano stato Felipe IV, re di diplomatica ma molto poche luci ventilatore installato di recente arti e alla fine si sentirebbe una grande devozione e anche un raro bisogno per la vostra azienda dal pittore. Nel suo primo viaggio a Madrid ha non avuto nessuna fortuna, come aveva molti consigli necessari per l'accesso al Palazzo e restituiti alla loro patria senza aver visto il successo minore. Sarebbe stato un vero peccato che loro patrono e suocero aveva non si diventa più costoso e incoraggiati a provare anche il prossimo anno, perché altrimenti il promettente Diego era stato confinato in un ambiente troppo parrocchiale, ignaro di nuovo aria circolante nell'ambiente cosmopolita delle corti d'Europa.
A Siviglia, durante quello che sono stati chiamati, con artificio erudito storico, il suo primo tempo (anche se l'opera di Velázquez è il risultato di una ricerca incessante), il suo stile segue i manieristi e studiosi dell'arte veneziana, come Juan de Roelas, ma adottando il chiaroscuro impressionante del Caravaggio, piuttosto che questa ultima influenza è stato discusso. Tuttavia, Velázquez andare presto per un realismo barocco, ugualmente seguito da Zurbarán e Alonso Cano, audaci e scosso, seria e piena di contrasti.

I tre musicisti (al 1618)
Tale realismo, nella sua più popolari, aveva frequentato dalla letteratura del tempo e che l'aria stessa del romanzo picaresco appare nel pranzo che mantenere i musei di Leningrado e Budapest, così come i tre musicisti, dove, tuttavia, scompare l'umorismo per mettere a fuoco il tema sulla descrizione di malconcia dignità dei suoi protagonisti. Ancora più curioso è come, anche di quel tempo, usi gli ordini degli affari religiosi per la brace prestano alla sua Sardina, e lasciando in un episodio di sfondo remoto che dà titolo all'immagine, andare a un primo piano della rappresentazione ruvido personaggi del popolo e dettagliate Nature morte dove si accumulano oggetti di vita quotidiana scarsa. È il caso di Cristo in casa di Marta e Maria, casella che acquisisce piena rilevanza la cucina e i suoi abitanti, il pesce, le navi, gli elementi più umili.
Museo del Prado mantiene anche il periodo di Siviglia, come la splendida tela dipinti l'adorazione dei Magi, datato nel 1619, poco dopo il suo matrimonio con Juana a lui dare progenie, e dove volevano vedere, soprattutto nei tratti di bambini del bambino Gesù, un tributo alla sua famiglia e prendere un respiro della felicità di nuovo padre. È sicuro, inoltre, che i Magi sono autentici ritratti, non più o meno convenzionale idealizzazioni, e rivela anche la vera vocazione di chi sarebbe stato il più grande ritrattista del suo tempo. Nel suo secondo tentativo a Madrid, già convenientemente recanti garanzie, Velázquez ha ricevuto misericordie e favori del Conte-Duca di Olivares, che lo ha ottenuto la sua grande occasione di consigliamo di effettuare un ritratto del nuovo monarca.
Filippo IV era così contento di questo lavoro, che immediatamente lo nominò pittore di Corte, costringendo Velazquez a trasferire la loro residenza nella capitale e a vivere nel Palazzo reale. Nei suoi primi anni artista di Madrid era sostituendo la sua caratteristica tonalità calde da un'insolita tonalità di grigio che, nel corso del tempo, sarebbe la sua risorsa più ammirevole e un esponente vivente del suo genio sottile.

L'impressione del paesaggio

-1629 Velázquez dipinse il primo grande dipinto di soggetto mitologico, chiamato ubriachi perché l'argomento dedicato a Bacco diventa nelle vostre mani in un quadro delle abbuffate popolare al momento; l'anno successivo che raggiunge Madrid Rubens, da cui ha avuto una buona e leale amicizia; Rubens raccomanda che non si lascia per visitare l'Italia, dove la sua arte può eseguire il debug e nobilitarla. Commessi da allora su di esso, ottenere, dopo molte insistenze, licenza del re e, in partenza dal porto di Barcellona, sbarcarono a Genova nel 1629. Visitare Verona, Ferrara, Loreto, Bologna, Napoli e Roma, non dipinto quasi nulla, ma studiando tutto, memorizzare le gamme di colori, composizioni audaci, rare atmosfere, luci insolito.
Probabilmente quindi, anche se ci sono alcuni che affermano era il suo secondo viaggio a Roma, dipinse le meravigliose viste sul giardino di Villa Medici a Roma. In questi luoghi deliziosi vissuto lo spagnolo grazie alla raccomandazione di suo ambasciatore e lì, all'aria aperta, preso appunti grande. Essi sono, infatti, malinconici, romantici, senza tempo, quasi impressionistiche paesaggi per la loro libertà dal colpo, pur essendo in più di due secoli prima le immagini di quello stile, e forse ancora più perfetto a catturare la sfuggente istante luminoso, l'aria pulita e ancora catturato dalla fitta vegetazione e scenografica architettura. E la cosa sorprendente è che queste immagini che oggi conserva al Museo del Prado, indimenticabile quando visto solo una volta, sono state dipinte per quanto riguarda il desgaire, come inattivo e libero esercizio, su piccole tele che non raggiungono il mezzo metro alto e poco meno di larghezza, ma che riepilogo, con impeccabile prova, la saggezza suprema realizzato in quegli anni di Velázquez.
Beh certo, al suo ritorno in Spagna, ha fatto grandi opere e imballaggio, quali la resa di Breda, conosciuta anche per la Spears, ma in questo impegno alla pittura, finito nel 1635 per l'anticamera del regni nel recente apertura Palazzo del Buen Retiro, si muove anche la maggior parte l'aneddotica al ricordo pomposo dell'ultimo trionfo di un predecessore di Felipe IV.

Dettaglio del figlio di Vallecas (1643-45)
Durante i trenta e quaranta del secolo era Velazquez il pittore non solo loro re fantasiose, ma dei "vermi del Palazzo", di soffiamo come El Bobo de Coria, Diego de Acedo, il cugino e il figlio di Vallecas, e dopo il suo secondo viaggio in Italia per acquistare opere d'arte per conto di sua Maestà, la sua tavolozza prodotto tre capolavori insolubile e molto ben noti. La Venere allo specchio, conservato alla National Gallery di Londra, è famosa per essere uno dei pochi nudi autore spagnolo del periodo sono stati conservati, anche se lui essere supposto a tre ulteriori al pittore sivigliano, per cui forse servire come modello la Damiana scandaloso e bella attrice, amante del selvaggio Marquis de Heliche.
Per la realizzazione di Las Hilanderas, basato attualmente nel Museo del Prado, Velázquez piantato suo cavalletto nella fabbrica di arazzi in strada di Santa Isabel a Madrid. La rappresentazione di donne uniche intorno il girevole ruota quando ha fatto presto dimenticare che questo era un soggetto mitologico (la favola di Aracne e Palas) credendo essi stessi fin dall'antichità esso era una foto del genere.

Las Meninas

Tra i ritratti realizzati dalla famiglia reale, c'è uno che gode di grande fama, ed è diventato il paradigma dell'opera del pittore: Velázquez e la famiglia reale o Las Meninas. Questa immagine, che ha dato origine a una moltitudine di interpretazioni, struttura spaziale è la stanza più importante dell'appartamento del Palazzo reale dove visse il pittore. L'opera appare lo stesso Velazquez contro la cresta con la Croce dell'ordine di Santiago, anche se la distinzione è stato aggiunto dopo la sua morte per ordine del re, poiché Velazquez ancora non aveva ricevuto esso quando dipinse l'immagine.
Nella parte inferiore della stanza, uno specchio riflette l'immagine del re e la Regina; Infanta Margarita accompagnato da due fanciulle reale appare al centro e a destra della casella, in primo piano, includono il Mari-Barbola Giornale nano e nano Nicolás di Pertusato, che cerca di svegliarsi con il piede a un mastino giaceva a terra. Dietro questo gruppo ci sono due figure e infine, accanto alla scala, vediamo il maggiordomo della Regina.

Dettaglio di Las Meninas (1656)
La composizione è di grande complessità ed è uno straordinario esempio di pittura di un dipinto: i re sono rappresentati indirettamente, attraverso uno specchio, mentre per quanto riguarda i protagonisti dell'opera, l'infanta e le sue compagne, non è noto se essi sono il soggetto del dipinto di Velázquez è lavoro su entrambi se stanno cercando di dipingere l'artista. Infine, la si sente visualizzatore inclusa nello spazio della pittura, dato che le immagini di specchio dei re ti fa supporre che stanno guardando la stessa scena che esso ma dietro di loro. In altre parole, lo spettatore illusorily prende il posto di raffigurati, il luogo dei re, e questo fatto ha dato carburante alla speculazione incessante. Dal punto di vista del disegno di legge, è un lavoro di esecuzione prodigiosa, anche all'interno il dipinto dell'artista. Le pennellate sono punti salienti che modellano abiti e corpi, dando loro una grande vivacità.
Di impegno personale di Filippo IV, riceverebbe Velázquez, un anno prima di morire a Madrid 6 agosto 1660, la distinzione pregiata di Cavaliere dell'ordine di Santiago, un onore non concesse mai né prima né dopo qualsiasi pittore. E anche se, per demolire la Chiesa, nessuno si ricordava che i suoi resti erano stato sepolto nella parrocchia di San Juan Bautista, quando nel 1990 ha organizzato una retrospettiva di magna del suo lavoro al Museo del Prado, migliaia e migliaia di persone provenienti da tutti i punti cardinali in streaming incessantemente per ridere il giullare gesto idiota Calabacillas, ammirare la pennellata che cattura un abito da principessa interrogare l'immagine equestre del Conte-Duca di Olivares e penumbroso aria del XVII secolo sopra e immortalato nei dipinti di Velázquez.

Cronologia di Diego Velazquez


1599Nato a Siviglia.
1611Entra come apprendista nella bottega del pittore Francisco Pacheco.
1618Si sposò con Juana Pacheco, figlia del suo maestro. Dipinge le uova cottura vecchio di donna (National Gallery, Edimburgo)
1621Dipinge l'acquaiolo di Siviglia (collezione di Wellington, Londra).
1622Si trasferisce a Madrid.
1623Fu nominato pittore di Corte del Conte-Duca di Olivares.
1627È stato nominato "camera di usher", il primo di una lunga serie di appuntamenti onorari.
1628Soddisfare di Rubens, che lo incoraggiò a recarsi in Italia.
1629-31Primo viaggio in Italia. Visitare Genova, Milano, Venezia, Firenze e Roma.
1633Lavora nella decorazione della sala dei regni del Palazzo del Buen Retiro. Diversi lavori preparati per l'Aula, enfatizza la resa di Breda (Museo del Prado, Madrid).
1638Si tratta con la decorazione della Torre di fermata, un caccia si trova a Pardo, che dipinse diversi ritratti dei cortigiani in costume da caccia.
1645-48Ha fatto alcune opere non responsabile di straordinario livello, come ad esempio Venus dello specchio (National Gallery, Londra).
1648-51Secondo viaggio in Italia. Dipinse il Ritratto di Papa Innocenzo X (Galleria Doria Pamphili, Roma)
1656Dipinto Las Meninas (Museo del Prado, Madrid).
1659Si è concesso l'ordine di Santiago.
1660Morì a Madrid.

Opere di Diego Velázquez


L'importanza di Velázquez, a parte la propria personalità, risiede nella sua capacità di trattare in modo magistrale, nella sua lunga carriera, la maggior parte delle principali questioni pittoriche del suo tempo. Ritrattista consumata, non era tuttavia abbassare la qualità opera di mitologico, religioso, allegorico e genere di paesaggio.

L'arte del ritratto

L'evoluzione dei suoi ritratti è sorprendente, li avverte la mancanza di affettazione di artisti che hanno coltivato questo genere. La sua prima opera all'interno di questo tema è il ritratto della Sorella Jeronima de la Fuente (1620, Museo del Prado, Madrid), prima badessa del convento di Santa Clara a Manila. In esso, il maestro sivigliano è ancora in debito con un secco e dibujístico, tipico dello stile del primo stadio di Seville. Prima di partire per la Corte, fece il ritratto del poeta Luis de Góngora y Argote (1622, Museum of Fine Arts, Boston), che abbonda nella raccolta di carattere psicologico.
All'arrivo a Madrid, Felipe IV giovane organizzare un ampio repertorio di sua immagine regale, che inizierà con il busto di Filippo IV con shell (1625, Museo del Prado, Madrid), dopo quello di Gaspar de Guzman, Conte-Duca di Olivares (1624, Museo d'arte, São Paulo), massimo sviluppo della loro arte alla corona spagnola. Essi sono ritratti dei membri della famiglia reale e il monarca stesso, come l'Infante don Carlos e Felipe IV di intero corpo, entrambi al Museo del Prado. In tutti loro lo schema è quasi identico, ottenendo la profondità visiva grazie all'ombra proiettata dai corpi di soggetti.
Dopo il suo viaggio in Italia durante l'anno 1629, la rappresentazione dei membri della regalità acquisterebbe maggiore realismo delle enfasi. Velazquez dipinto loro non come avrebbero voluto essere rappresentati, ma come egli li vede. La serie di ritratti in caccia, responsabile della torre fermata costume e ritratti, già discussi, alla sala dei regni, sono buon campione del desiderio realistico di Velázquez. Solo il tempo, Ritratto equestre del Conte-Duca di Olivares (1634, Museo del Prado, Madrid), parte dall'atteggiamento trattenuto di questo pittore, di mostrarci una rappresentazione determinata in termini di stile barocchi.
Secondo viaggio in Italia l'anno 1649 sarà una pietra miliare nella sua ritrattistica di carriera che si riassume in due magnifici dipinti: del suo servo e anche un pittore Juan de Pareja (1650, Metropolitan Museum, New York) e il Papa Innocenzo X (1650, Galleria Doria Pamphilj, Roma). Il Ritratto Papa deve essere considerato uno dei migliori esempi di bacini psicologico e grande soluzione formale della storia dell'arte.

Dettaglio di Papa Innocenzo X (1650)
Al suo ritorno in Spagna, il re chiede per un ritratto della sua seconda moglie Maria Anna d'Austria e la loro prole, recenti e precedenti. Punti salienti dell'Infanta Maria Teresa , all'età di tredici anni (1651, Metropolitan Museum, New York) i successivi ritratti dell'infanta Margarita, protagonista di Las meninase suo fratello malaticcio, Principe Felipe Prospero. In loro sua tavolozza sa combinare rosa, grigio e rosso in un'armonia cromatica di plastica valori di sopra della mera rappresentazione.

Giullari e nani

Degno di menzione è la sua serie di nani e buffoni, iniziata nel 1626 con zucche di Juan, chiamato Calabacillas (Museo delle Arti di Cleveland, Ohio) e proseguita da El Principe Baltasar Carlos con un nano (1631, Museum of Fine Arts, Boston). Le conserve del Museo del Prado serie iniziato da Pablo de Valladolid (1633) e continuato da Francisco Lezcano, il figlio di Vallecas (1634), il Buffone Barbarroja, Don Cristóbal de Castañeda y Pernia (1636) il buffone Calabacillas, erroneamente chiamato il bobo de Coria (1639), il giullare chiamato don Juan de Austria (1643), il don di giullare Diego de Acedo, "El Primo" (1645) e buffone Sebastian de Morra (1644).
Tutti sono trattati con grande umanità, con la stessa enfasi e realismo ai ritratti Regal. Non sapremo mai se il pittore fece queste immagini di propria iniziativa o su richiesta del monarca. Ma la verità è che Velazquez ci ha lasciato una galleria di personaggi tristi, guardato con attenzione che potrebbe sembrare spietato, se essi non sono stati velati da un tono di malinconia e commiserazione, il riempimento di un'umanità innegabile.

Opere mitologiche

La mitologia è gestita da Velázquez con il concetto dei pittori naturalisti. Come Caravaggio, riconoscere il mito facendo tutti i giorni, quasi stelle di una scena di genere. Questo problema inizia con il Trionfo di Bacco (1629, Museo del Prado, Madrid), meglio conosciuto come ubriachi. Il protagonista perde valore alla forza dei personaggi popolari. È ovvio che Velázquez conosce profondamente la cultura mitologica, imparato a casa da suo suocero Pacheco, luogo di incontro e discussione dell'intellighenzia sivigliana del tempo. E come di affrontarla osa di demistificare esso.

Dettaglio di La Venere allo specchio (1650)
Il tuo ideale classicista della grande contesa è evidente nella soluzione che dà il soggetto delle infedeltà di Venere. La fucina di Vulcano (1630, Museo del Prado, Madrid), il lavoro svolto in Italia, racconta di come Apollo, scoprendo l'infedeltà di Venere con Marte, moglie di Vulcano, comunica a questo atto crudele. Vulcan appare come un mortale, miscelazione con i suoi operai. Uguale ideologia è presente nella rappresentazione del Dio Marte (1640, Museo del Prado, Madrid), a La Venere allo specchio (1650, National Gallery, Londra), o nel suo mercurio e Argo (1659, Museo del Prado, Madrid), raggiungendo la banalizzazione del mito nella sua famosa Favola di Aracne, popolarmente conosciuta come Las hilanderas (1657 h., Museo del Prado, Madrid).

Opere religiose

Più complesso è lo studio dei suoi temi religiosi, che ha iniziato a Siviglia con l'adorazione dei Magi (1619, Museo del Prado, Madrid). Mentre il suo San Giovanni Evangelista a Patmos (1618, National Gallery, Londra) sembra essere dalla sua mano, dubbi sparsi per l' Immacolata concezione (1618, National Gallery, Londra) e suoi apostolati.
Recentemente Brown ha attribuito a Alonso Cano la grande tela della Tentazione di San Tommaso d'Aquino (Museo Diocesano di arte sacra, Orihuela), di data incerta. Allo stesso modo, l' incoronazione della Vergine (Museo del Prado, Madrid) è stata attribuita al pittore Granada sopraccennato, sottraendo catalogo San Antonio Abad e Paolo, primo eremita (1634-35, Museo del Prado, Madrid). Distinguersi con luce propria che loro due crocifisso Cristi, entrambi nel Museo del Prado, conosciuto soprattutto come Cristo de San Placido (h. 1632), un classicismo austero.

Altri argomenti

L'allegoria è riassunta nella sua composizione emblematico Las meninas, ritratto unico del gruppo nella produzione velazquena che può essere interpretata come una difesa della nobiltà e liberalità del dipinto. Molto ci sono state speculazioni circa il suo significato. L'infanta che Margarita sembra di notare i suoi genitori (Felipe IV e Mariana de Austria) che si riflettono nello specchio in background che trasmette la sua immagine dipinta sulla tela. Esso è accompagnato dal suo entourage, composto di Doña María Agustina de Sarmiento, Doña Isabel de Velasco, il nano Maribarbola e Nana Nicolasito Pertusato da sinistra a destra. In secondo luogo, sono Doña Manuela de Ulloa, responsabile del servizio delle Dame della Regina e, forse, don Diego Ruiz de Azcona. Ad aprire la porta del fondo, il maggiordomo di Palazzo, don José Nieto de Velázquez.
Il suo trattamento dei campioni di genere di paesaggio sono le loro due piccole cornici viste del giardino di Villa Medici (Museo del Prado, Madrid), di data incerta, che Juan Bautista Martínez del Mazo può aggiungere la caccia al cinghiale reale (h. 1638, National Gallery, Londra) e la Vista di Saragozza (h. 1647, Museo del Prado, Madrid), in collaborazione con suo genero.

Sua influenza

Dopo la sua morte, Velazquez fu oggetto di ammirazione da molti artisti. L'impronta del pittore viene rivelato nelle opere degli artisti straordinari come Francisco de Goya. In questo senso, troviamo allusioni a Las meninas in la famiglia di Carlos IV, il lavoro fatto dagli Aragonesi nel 1801. Entrambi i dipinti hanno come tema l'artista che lavora nell'azienda della famiglia reale. Tuttavia, Goya ha optato per una composizione sobria e poco profondo, che contrasta con il dinamismo e l'abbondanza dei piani per l'opera di Velázquez.
Molti specialisti sono stati ha evidenziato l'importanza di Velazquez pittura del XIX secolo. Da un'abbagliante varietà di pennellate e una sottile armonia di colori, compiuta effetti di forma, texture, luminosità e atmosfera che lo ha reso un precursore della pittura impressionista. Proposte da artisti come Édouard Manet, Auguste Renoir, Claude Monet devono molto alla lezione di Velázquez.
Non meno significativo è stato l'impronta di Velazquez nell'arte del XX secolo. Niente di meno che di Malaga Pablo Picasso, l'artista più importante del secolo, si basava su Las meninas di fare diversa serie di composizioni. Altri artisti moderni come Francis Bacon, Antonio Saura e Manolo Valdés, inoltre sono stati ispirati dalla sua pittura per produrre alcune delle sue più importanti proposte.
Pubblicato per scopi didattici autorizzati da: Biografías y Vidas
Biografie di personaggi famosi e storici