Passa ai contenuti principali

Biografia di Democrito di Abdera | Filosofo greco.

(Fare Abdera?, oggi scomparso, oggi Grecia, h. 460 a.c.-ID?, h. 370 A.C.) Filosofo greco. Democrito era così famoso nel suo tempo come altri filosofi dell'importanza di Platone o Aristotele e deve essere stato uno dei più prolifici autori antichi, anche se soltanto i frammenti di alcune delle sue opere, la maggior parte di quelli dedicati all'etica, sono conservati nonostante il fatto che è attribuito a vari trattati di fisica, matematica musica e problemi tecnici.

Democrito
Discepolo di Leucippo, era qualcosa di più giovane che suo connazionale famoso Protagoras, abituati a parlare, che è morto secondo fonti autorizzate a 100 anni di età. A quanto pare ha lunghi viaggi in Egitto e Asia; Tuttavia, sapere nulla con certezza, né per quanto riguarda le relazioni con i pitagorici, l'ambiente ateniese e il medico Ippocrate, poiché le fonti antiche ci ha superato solo su Democrito le solite fantasie. Tradizione ritrae lui, al contrario di Eraclito, come il filosofo che ride all'essere umano pazzo, che forse a causa della serenità e la facilità di adattamento espressa da Democrito in sua etica.
Democrito fondata fisico nucleare di dottrina, che ha concepito l'universo composto da innumerevoli corpuscoli o atomi indivisibili, sostanzialmente identici («atomo» significa, in greco, inseparabile), eterno e indistruttibile, si stanno muovendo nel vuoto infinito e differiscono tra loro solo in termini di dimensioni, la sua forma e la sua posizione. L'immutabilità degli atomi è spiegato dalla sua solidità interiore, senza vuoto qualunque, poiché tutti i processo di separazione è capito per essere prodotto dalla possibilità di penetrare, come con un coltello, negli spazi vuoti di un corpo; qualsiasi altra cosa sarebbe infinitamente rigido senza vuoto, che è la condizione di possibilità del movimento di cose esistenti.
Per Democrito, tutto ciò che c'è in natura è una combinazione di atomi e vuoto: atomi di spostare in modo naturale e inerente a loro modo e, nel suo movimento, si scontrano a vicenda e vengono combinati quando forme e altre caratteristiche lo consentono; le disposizioni adottate dagli atomi e cambiamenti che subiscono sono disciplinate da un ordine causale necessario. Nell'universo, le collisioni tra atomi danno luogo alla formazione di vortice da cui derivano i vari mondi, tra i quali alcuni sono in corso di formazione, mentre altri sono in procinto di scomparire. Gli esseri umani sviluppano da limo primitivo dall'azione del calore, la vita come lo è anche il fuoco; Infatti, gli atomi del fuoco e l'anima sono di natura simile, più piccolo e più arrotondata rispetto agli altri.
Etica di Democrito è basata sull'equilibrio interno, raggiunto attraverso il controllo delle passioni di scienza e prudenza, senza ricorrere a qualsiasi idea di giustizia o di natura che prende per l'interazione degli atomi nel vuoto. Secondo Democrito, l'aspirazione naturale di ogni individuo non è piacere e la pace della mente (euthymia); Scegliere il piacere e il dolore, evitato, ma correggere le discriminazioni dei piaceri sono vera felicità.
Pubblicato per scopi didattici autorizzati da: Biografías y Vidas
Biografie di personaggi famosi e storici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…