Passa ai contenuti principali

Biografia di Comte de Saint-Simon | storico e teorico.

(Claude Henri de Rouvroy, conte de Saint Simon; Parigi, 1760-1825) storico e teorico del politico socialista francese. Appartenente ad una famiglia aristocratica, venendo meno, il conte di Saint-Simon era pronipote del duca Louis de Rouvroy de Saint-Simon, famosa per le sue memorie (1739-1752), in cui descriveva la Corte di Luis XIV.

Henri de Saint-Simon
Per tradizione familiare, Saint-Simon doveva essere militare. Ha partecipato alla guerra di indipendenza per le colonie americane e durante la rivoluzione francese è diventato repubblicano. Nominato Presidente del comune di Parigi nel 1792, rinunciato al suo titolo nobiliare e collegato all'ideologia chiamata Claude Henri Bonhomme. Alcune accuse di speculazione con la proprietà nazionale e la sua relazione con Danton, che non sono stati veduti con gli occhi buoni, gli diede in prigione nel 1793, anche se fu rilasciato nel 1794.
Durante la directory Saint-Simon goduto di una posizione comoda e economica; sua casa fu frequentata da personaggi come Monge, Lagrange e Dupuytren. Si recò in Germania, il Regno Unito e Svizzera, dove ha pubblicato il suo primo lavoro: lettera da un residente a Ginevra ai suoi contemporanei (Lettres d' un habitant de Genève à ses contemporains, 1802 o 1803), dove gli obiettivi che in seguito definì come la sua teoria della capacità.
Rotto la loro situazione economica, si dedicò a scrivere numerosi testi scientifici e filosofici, fino a quando non è riuscito a stabilizzare. Nel giornale L'Organisateur ha detto: "se la Francia ha perso il suo principale fisico, chimico, banchieri, commercianti, agricoltori, Fabbri, ecc, sarebbe un corpo senza un'anima; d'altra parte, se hai perso tutti gli uomini considerati più importanti dello stato, il fatto non avrebbe portato più dolore che il sentimentale»; l'istruzione ha portato un processo.
Nel 1821 ha scritto il sistema industriale (Du système industriel) e nel 1825 il suo libro più importante, il nuovo cristianesimo (Nouveau Christianisme). Rovinato per la seconda volta, tentato suicidio di una pistola, ma non è riuscito il colpo e ha perso un occhio. Aiutato da uno dei suoi discepoli, Saint-Simon previsto la creazione di una nuova rivista, Le Producteur, ma morì prima della sua comparsa.
Il pensiero di Saint-Simon deriva dalla loro reazione contro lo spargimento di sangue della rivoluzione francese e il militarismo di Napoleone. Nelle loro teorie, sostenuto l'idea che sarebbe bene di proprietà privata, non appena ricevuto ogni individuale loro paga secondo le proprie capacità.
A suo parere, il primo obiettivo politico dello stato doveva essere lo sviluppo della produzione, così il suo governo dovrebbe essere composto da industriali di ogni genere, operai, contadini e proprietari. Inoltre, ha proposto che gli scienziati hanno occuparono il posto del clero nell'ordine sociale; la funzione della religione sarebbe guida classi inferiori della società nella loro lotta per migliorare le loro condizioni di vita. E ' inoltre proclamato l'abolizione dei diritti ereditari e la formazione di un'associazione cui funzione era quella di prevenire la guerra.
Saint-Simon ha giocato un ruolo chiave in Auguste Comte a seguito di sue collaborazioni congiunte, e anche se i loro percorsi finirebbe prendendo le distanze, il positivismo di Comte si basa principalmente sui concetti di sansimonianos. Dopo la sua morte, suoi discepoli ha diffuso la sua ideologia durante il secondo impero. Suoi principi ha acquisito il nome di Saint-Simonisme, come se fosse quasi una religione, anche se alla fine sarebbe sciogliere l'associazione. L'influenza dell'ideologia di Saint-Simon nel pensiero moderno è stata molto profonda. Ha correttamente prevedeva il futuro processo di industrializzazione del mondo e sperato la soluzione della maggior parte dei problemi della società di scienza e tecnologia.
Pubblicato per scopi didattici autorizzati da: Biografías y Vidas
Biografie di personaggi famosi e storici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…