Passa ai contenuti principali

Biografia di Carlo V | Sua vita e successi.


Sviluppato da pericoli dinastici nel più potente re del suo tempo, consacrata gli sforzi per stabilire un impero universale di Christian.

Il mistico spagnolo San Juan de la Cruz, in una lettera conservata nel file di Simancas, Juana la pazza, figlia di Isabella la Cattolica e madre del futuro Carlos V, dicendo cose come "Un gatto zibetto aveva mangiato a sua madre e stava andando a mangiare ad esso" ha, strane fantasie di una donna misteriosa. Su Regal madness di Joan hanno esercitato l'ipotesi più stravagante, poiché si dice che non ha sofferto di alcuna alienazione, ma un protestantesimo intollerabile crudelmente punito con l'appartamento, fino a quando il rilascio di più comune intende, secondo la tesi di Marcelino Menéndez y Pelayo, "la follia di Doña Juana era follia d'amore, erano gelosi del marito fondati e preventiva al luteranesimo. Né gli storici hanno cessato di condannare suo figlio Carlos I di Spagna e V di Germania, ai quali le circostanze è diventato il difensore più raffinato del cattolicesimo del suo tempo, di essere colpevole di eterodossia e questo nell'ambito del processo che il Papa Paulo VI inviato il modulo all'imperatore come fattore di eretici e scismatico.

Carlo V (Ritratto di Jan Cornelisz Vermeyen, c. 1530)
Ma che era un episodio dovuto dannosi interessi politici, in cui i motivi si lamentano male con rettitudine dei sentimenti religiosi dell'imperatore, che, nel suo ritiro a Yuste, ha confessato ai frati: "molto errato in non per uccidere Luther e anche se ho lasciato per non rompere il salvacondotto e parola è stato dato, pensando altro modo porre rimedio a tale eresia" Commesso un errore, perché non ero costretto a salvare lui la parola, come il senso di colpa di eresia contro un altro signore sindaco, che era Dio, e quindi non aveva né dovrei salvare la parola, ma vendicare l'offesa fatta a Dio." Marcelino Menéndez y Pelayo aggiunge che "l'uomo che ha pensato così può beneficiare voi fan, ma mai di eretico".
Il 24 febbraio 1500, data in che stati fiammingo ha celebrato il loro giorno di Prinsenhof, nei pressi di Gand, Arciduca Felipe el Hermoso e Arciduchessa Joan, più tardi chiamato la Loca, omaggio al nuovo re di Francia, Luis XII, nonostante la rabbia dell'imperatore Maximilian e i re cattolici. Nel bel mezzo della cerimonia, Juana corse verso l'ugello (speciali bagni) e bloccato in esso senza che Felipe è inmutara. At la fine di un'eccessiva attesa damigelle, allarmato, ha fatto abbattere la porta, e Juana ha mostrato il motivo per la sua chiusura. Secondo figlio aveva partorito da solo e senza aiuto. Battezzato con il nome di Carlos in onore di Carlos il grassetto, gran-nonno del bambino.

La famiglia dell'imperatore Maximilian; nel centro,
suo nipote Carlos V (Ritratto di Bernhard Strigel)
Come un figlio di Felipe el Hermoso e Juana la Loca, è diventato un patrimonio vasto ed eterogeneo, che aveva molto vedere la combinazione dei matrimoni dinastici e una serie di morti premature di eredi diretti dei vari troni per mano di Carlos V. Dal nonno paterno, l'imperatore Maximiliano de Habsburgo, ha ricevuto gli stati ereditari della casa d'Austria, a sud-est della Germania; dalla nonna paterna, Maria ottenne il Ducato di Borgogna, che tuttavia è stato tenuto da Francia e anche in Olanda, Franche-Comté, Artois e le contee di Nevers e di Rethel. Da suo nonno materno, Fernando il cattolico, ha ricevuto il Regno di Aragona, Napoli, Sicilia, Sardegna e relativi possessi d'oltremare; e la nonna materna, Isabella la Cattolica, Castilla e le conquiste spagnole in Nord Africa e delle Indie.

Un'eredità favolosa e travagliata

Il vero problema risiede nella mancanza di coesione in tutti questi settori, da quello che Carlos è stato proposto durante tutto il suo Regno superare il concetto feudale dell'Impero e dare una nuova dinamica attraverso un ideale comune tale da giustifica l'incontro dei diversi territori sotto una sola corona. La figura dell'Impero è venuto prima di lui come l'entità politica ideale per agglutinare i diversi domini e li ho trovati su un'universalità religiosa. L'ideale comune era il cristianesimo, e secondo lo stesso, Carlos eretto il "guardiano del cristianesimo", nei momenti in cui l'unità della convinzione che il mondo medievale aveva chiuso erano sul punto di rompere. Secondo Menéndez Pidal, Carlos V assunse il ruolo di coordinatore e guida per i principi cristiani contro gli infedeli "per raggiungere l'universalità della cultura europea", così l'idea del cristianesimo è diventato una realtà politica. Tuttavia, questo non era un compito facile in un secolo come il 16, dove sentimenti nazionali si oppose l'universalismo e i principi cristiani cercarono di consolidare, quando non si convertono, il tuo spazio vitale nel vecchio continente.
Carlos si formò intellettualmente con Adriano de Utrecht, che sarebbe stato promosso a pontificare con il nome di Adriano VI e Guillaume de Croy, Señor de Chièvres, personaggio su cui si trovano le accuse di avidità e spavalderia. Trascorre l'infanzia nei Paesi Bassi e nei loro studi sempre mostrati grande interesse in lingue, matematica, geografia e, soprattutto, storia. Allo stesso tempo, loro educatori non dimenticato che un uomo di nome come alte disegni doveva avere un corpo robusto che ha stimolato gli esercizi fisici di Carlos, giovane, che eccelleva in equitazione e la caccia, nel momento in cui egli era singolarmente abile manipolazione della balestra. La fermezza del suo carattere, una caratteristica che ha dato ampi campioni nel corso della sua vita, sembra essere messa in discussione nei suoi primi anni, poi chiamato a governare Flanders nel 1513, era in realtà suo tutore, signore di Chièvres, che ha preso le redini dello stato. Ma questo fatto è capito facilmente quando lasciato cadere il conto che Carlos ha avuto da allora soltanto tredici anni.

Juana la Loca con i suoi figli Fernando e Carlos
Nel 1516, con la morte di suo nonno Fernando el Católico, è diventato Carlos I di Spagna, nonostante l'opposizione dei sostenitori di suo fratello, principe Fernando, educato in Spagna. Mentre Castilla ha approvato la nomina di Carlo come re di Spagna, Aragon messo come condizione che il nuovo re ha giurato la sua costituzione a Saragozza, che significava che il monarca è stato trasferito dalle Fiandre alla Spagna. Suo viaggio era in ritardo in modo ingiustificato per diversi mesi, e durante questo interregno il cardinale Jiménez de Cisneros aveva esercitato la più alta magistratura in Spagna. Quest'ultimo ha intrapreso il viaggio, per riceverlo, alle spiagge di Asturias, ma si ammalò e dovette rifugiarsi nel monastero di San Francisco de Aguilera, dove ricevette la notizia dell'arrivo del re con un seguito di straniero. 18 settembre 1517, dopo un difficile attraversamento, Carlos V sbarcati nel porto di Villaviciosa asturiano. È stato accompagnato da sua sorella Eleanor, signore di Chièvres, cancelliere della Borgogna e molti fenicotteri nobili. Pochi giorni prima, il 31 ottobre, un Monaco tedesco di nome Luther aveva pronunciato novanta proposte contro il commercio di indulgenze che si leverebbe in piedi contro il movimento di riforma della Chiesa cattolica.
Cisneros inviati con urgenza una raccomandazione il monarca accattonaggio lingua al suo entourage, timorosi, e giustamente così, che questo sarebbe solo irritare i cortigiani spagnoli. Trascurando tale consulenza prudente, Carlos è rimasto al suo fianco, suoi amici e sono andato a Cork, dove svolse la sua madre. Ha valso abdicare a suo favore, formalità senza i quali sarebbe stato impossibile governare. Prima di arrivare a Valladolid, Charles ha ricevuto la notizia della morte di Cisneros. Il cardinale era morto senza essere in grado di soddisfare con il flamenco mozo e turbato da un imminente futuro che egli, meglio di chiunque altro, fornito in conflitto.

Re di Spagna

Di tutti i paesi che hanno ereditato, la Spagna era il più difficile di consolidamento sotto il tuo dominio. Carlos proposto regola con il supporto esclusivo dei loro compatrioti, distribuendo tra loro prerequisiti e alti funzionari, che notevolmente incensato la nobiltà locale. Il partito si formò intorno a suo fratello Fernando, straniero e l'ignoranza di castigliano pesato contro di lei. Gli ostacoli ha cominciato subito dopo la città di Valladolid ha ricevuto con grande ospitalità, feste, giostre e tornei il monarca straniero. Nel febbraio 1518, durante la prima riunione delle cortes castigliane, erano tenuti a re rispetto per le leggi della Castiglia e che vogliono imparare lo spagnolo. Carlos non ha esitato ad accettare queste richieste, ma invece ha chiesto e ottenuto un credito sostanza di 600.000 ducati. Le corti d'Aragona sono state fatte ritardare fino al gennaio dell'anno successivo a riconoscerlo come re e lo ha fatto con sua madre. Ha vinto anche un prestito di 200.000 ducati.
Presso le cortes di Catalogna le trattative erano più difficile. Il re era ancora a Barcellona, quando ricevette la notizia che il 28 giugno era stato eletto imperatore con il nome di Carlos V. Il titolo imperiale era essenziale effettuare possedimenti numerosi del governo sotto il segno dell'unità. Suo nonno paterno, imperatore Maximilian, corona non era ereditario ma elettivo, e la dieta si sono riuniti a Francoforte, dopo le dimissioni di Federico prudente, fece cadere l'indicazione sulla sua persona. Per ottenerlo, Carlos aveva investito 1 milione di fiorini, di cui la metà è stata finanziata dai banchieri Fugger, che vedevano in essa la chiave per lo sviluppo economico dell'Europa.

Un giovane Carlos V (Ritratto di Bernard van Orley)
Carlos restituito alla Castiglia al fine di preparare l'incoronazione imperiale e applicare per un nuovo credito. L'esistenza di una forte opposizione a concedere, che era governata da Toledo, lo portò a convocare le cortes a Santiago e di proseguirlo alla Coruña. La moltiplicazione delle opportunità fornite da successivi rinvii della sessione e il corso itinerante di loro spianato la riluttanza per creare il clima ideale che ha permesso i rappresentanti delle città erano sotto pressione e corrotto per la causa del re. Dopo le discussioni violente, i procuratori tradito il mandato delle loro città e ha dato il nuovo prestito. Dopo questo voto, la maggioranza non fecero ritorno alle loro città, e coloro che ha fatto sono stati eseguiti. Spagna di Carlos sinistro lasciando dietro di sé per il regno castigliano immersi nella 'guerra delle Comunità'. Mai raccolto i soldi del prestito.
Il disprezzo che i consiglieri fiamminghi del re ha mostrati dagli spagnoli, favoritismi nell'appuntamento di stranieri per svolgere incarichi pubblici di importanza, la grande quantità di soldi presi dal Regno e l'indicazione di Adriano de Utrecht come reggente durante l'assenza del re, erano alcune delle cause della rivolta dei comuneros. Inizialmente si trattava di una vera e propria rivolta contro aristocrazia latifondista e dispotismo Royal. Era principalmente una difesa della dignità e degli interessi castigliani Nato nel comune come un movimento Borghese.
Tuttavia, prima della sconfitta dei ribelli ultimi a Villalar, il 23 aprile 1521, la rivolta aveva degenerato in una rivolta incoerente, più identificata con le tradizioni feudali che con le esigenze economiche e politiche della borghesia. Anche il Regno di Valencia si è rivoltato da allora. Il movimento è stato incoraggiato da germanías (associazioni di artigiani) di Valencia e Maiorca, che ha gettato l'aristocrazia reclutato delle milizie per pirati del Mediterraneo. Carlos potrebbe non meno di sostenere l'aristocrazia nella sua azione repressiva. Il germanías furono sconfitti nel 1523 e i suoi sostenitori hanno punito duramente.

Imperatore del Sacro Romano Impero

Nel frattempo, fino a quando il re è stato diretto in Germania al fine di essere incoronato, visitò zii Enrique VIII e Caterina d'Aragona per assicurarsi l'appoggio di Inghilterra vs Francisco ho de France. In quei momenti, la flotta spagnola comandata da Hugo di Moncada schiacciato i turchi, che così furono espulsi dal Mediterraneo. Questa azione era fondamentale per i piani del monarca, come ha tenuto viali commerciali del debito Fugger e saldaba dovuto ai banchieri per corrompere gli elettori che lo nominò Imperatore. Il 23 ottobre 1520, Carlo V fu incoronato imperatore nella città di Aquisgrana. In una cerimonia di grande sfarzo, la casula di Carlo Magno venne messo lui e ricevuto la sua leggendaria spada Joyeuse, corona, scettro e globo. In circa vent'anni fu il capo della cristianità.

L'imperatore Carlos V (dettaglio di una)
Ritratto di Jakob Seisenegger)
Nel frattempo, la recente invenzione della stampa è stato usato sia per diffondere il vecchio come nuove idee, e la dottrina protestante aveva raggiunto grande popolarità in Germania. Tesi luterana avevano trasformato non solo nella critica religiosa, ma nel germe di un movimento politico per scopi di emancipazione territoriale e la secolarizzazione dei beni della Chiesa. Carlos, educato tra umanisti, ha coinciso con loro luterani nel criticare le strutture della Chiesa. Egli credeva che fosse questo e non la fede, che dovrebbe essere oggetto di una profonda riforma; Avevo messo fine alla corruzione dei Vescovi, la brama di ricchezza, l'interferenza negli affari pubblici e il commercio scandaloso di indulgenze. Il Papa stesso era venuto a emancipare le donne firma contratti di indulgenze che poi loro mariti hanno dovuto pagare.
Charles V è stato ritenuto opportuno essere sopra queste dispute e per anni ha cercato di conciliare le posizioni più radicali. È rimasto gli insegnamenti di Erasmo de Rotterdam, che ha postulato la semplicità del cristianesimo primitivo, il rifiuto di formalismi e pageantry rituali e superstizioni, e una pietà religiosa "nello spirito". Ma nel 1521, dopo la dieta di Worms, l'imperatore trovato che l'avvicinamento delle posizioni del Martín Luther e la Chiesa di Roma era impossibile e le differenze, indomabile. Le loro azioni sono poi andato a risolvere queste controversie più presto possibile, per risolvere affari interni dei loro regni, per porre fine al banditismo e per rafforzare il suo governo per unire il cristianesimo e ruotarlo contro l'Islam. Questo è stato il momento che Francisco ho de France, ha deciso di porre fine al dominio degli Asburgo, ha colto l'occasione per lanciare una guerra che è stata considerata inevitabile.
L'azione di Francisco I, si alleò con Papa Clemente VII, costringendo Carlos V a rispondere energicamente. Suo esercito sconfisse le truppe francesi e fatto prigioniero il re francese a Pavia, 10 marzo 1525. Due anni più tardi, Carlos ha attaccato il Papa e suo esercito entrò a Roma. Truppe spagnole e tedesche saccheggiarono la città per una settimana. Poco dopo, la defezione di Andrea Doria della Francia ha dato Carlos una flotta potente e costretto il Papa a incontrarlo a Roma. Firmata la pace di Cambrai, 3 agosto 1529, Francisco sono costretto a riconoscere la sovranità dell'imperatore su Milano, Genova e Napoli.

Carlo V (dettaglio di un ritratto di Rubens)
Momentaneamente risolto gli scontri militari, Carlos V pensiero che fosse un'opportunità per risolvere pacificamente le controversie dottrinali. A tal fine convocò la dieta di Augusta, anche con l'opposizione Papa, nel 1530. Il tentativo è stato inutile, dal momento che i luterani e i cattolici voluto scendere a compromessi sulle loro posizioni. L'influenza conciliante di Erasmus aveva perso la forza. Poi cominciò una lunga guerra civile che ha opposto l'esercito imperiale con i principi luterani, alleati di Francisco, che a loro volta avevo concordato con i turchi. Pace non sarebbe stato firmato fino al 1555 a Augsburg. Secondo esso, Carlos V riconosciuta la libertà religiosa di protestanti e proprietà del bene espropriato la Chiesa prima di 1552.

L'organizzazione dell'Impero

Carlo V tornò in Spagna nel 1522, soffocata dopo la rivolta dei comuneros e rimase nel paese per i prossimi sette anni. Durante questo periodo ha fatto un grande sforzo per comprendere il carattere spagnolo e approccio alle preoccupazioni dei suoi sudditi. Ha imparato a parlare spagnolo e fatto la lingua della Corte. I passaggi politici in questo periodo tendevano ad ingraziarsi gli spagnoli, mentre non vi era più una minaccia reale per la corona. Il vostro matrimonio nel 1526 con sua cugina Elisabetta, figlia del re Manuele I del Portogallo, è stato ben accolto. Anche il futuro era, l'anno seguente, la nascita del primogenito, Felipe II. Gli spagnoli iniziarono a riconoscere Carlos un re con autorità morale, che gradualmente e volentieri accettato il mutismo dell'amministrazione imperiale.

Isabel del Portogallo
Carlos ha regolato i loro domini come il più alto esponente di un'organizzazione dinastica e in ciascuno stato nominato reggente o un viceré, i tempi di membri della famiglia degli Asburgo o scelto della nobiltà spagnola. In ogni paese della monarchia, come i suoi contemporanei chiamato l'impero di Carlo V, aveva un viceré in Aragona, Catalogna, Valencia, Sicilia, Sardegna, Napoli e Navarra. Nei Paesi Bassi aveva un governatore generale, che era sua zia Margherita de Austria (fino alla sua morte nel 1530) e successivamente, fino al 1558, sua sorella María de Hungría. Domini tedeschi erano stati lasciati nelle mani di suo fratello Fernando. Suo pensiero era basato sull'idea che la famiglia era il miglior supporto per il loro vasto impero. Anche India, Perù e Nuova Spagna era governate da viceré.
Sia in Spagna che in altri suoi regni, il governo di Carlo V fu una monarchia personale esercitata attraverso istituzioni centralizzate, ma non unificate. Così era il monarca, piuttosto che il re di Castiglia, Aragona, Spagna, ecc., e il suo potere è stato condizionato dalle leggi locali. Carlos se stessa si avvalse del Consiglio reale, ereditato dai loro nonni, i re cattolici e riorganizzarono nei Concili particolari, secondo vari compiti amministrativi. C'erano due tipi di consigli, lo stato e che erano membri dell'organo amministrativo stesso. L'ammodernamento degli organi di governo, secondo i criteri dell'imperatore, richiesto l'esclusione progressiva del Consiglio di membri della nobiltà e del clero, tra cui in posto consulenti da classe media e da avvocati. Come sviluppatore, presso le cortes di Toledo nel 1538 furono espulsi nobili ed ecclesiastici il pretesto della sua opposizione al giro manica, imposta diretta sul consumo di carne, farina e altri alimenti.
In pratica, Carlos V ha avuto contatto con consigli attraverso loro segretari, motivo perché la figura di questi acquisito grande importanza durante il suo Regno. Come altri organi direttivi, Segretariati depositato su nazionale e non imperiale. Tra la massa di segretari di Carlos, Francisco de los Cobos e Nicholas Perrenot, signore di Granvelle erano. Carlos aveva sempre pienamente consapevoli del potere e la erroneus delle segretarie. Così, quando nel 1543, ha lasciato suo figlio Philip come reggente di Spagna, hai inviato il famoso segreto istruzioni di Carlo V a Felipe II, vero compendio di suggerimenti per governare un impero, che lui ha mostrato come avvalersi delle rivalità delle sue ambizioni personali e i consulenti. Inoltre, ci hanno consigliato di suo figlio che non forniscono significativi addebitare alcun modo per qualsiasi grande di Spagna; Si dovrebbe utilizzare solo per gli affari militari.
Gran parte dello sforzo sviluppato dall'organismo burocratico complesso di Carlos V doveva risolvere i problemi finanziari derivanti dalle guerre su diversi fronti. Castilla ha il peso maggiore delle spese dell'Impero, anche se i domini che hai importato la maggior parte non erano gli europei ma dell'America. Da lì è venuto le spedizioni di oro e argento, al momento si allargano una via del commercio di vitale importanza per lo sviluppo del Regno. Finanza segnato fin dall'inizio l'impero di Carlo V. Erano i Fugger, banchieri tedeschi, che hanno portato all'elezione di Carlos e che in diverse occasioni hanno cercato prestiti per finanziare le guerre imperiali in corso. Ma non era fino al 1540 quando cominciò la difficoltà finanziaria vera e propria della corona. La situazione è diventata estrema così grave che il gettito fiscale ordinaria sono stati spesi in anticipo quando è carica, e fino a quando indiani ricavi sono stati commessi. Le campane di Algeri e le guerre contro la Francia e la esquilmaron principi luterani la Royal casse. Nel 1541, infruttuoso per la seconda volta l'africana crociata contro i turchi, la crisi economica ha approfondito.

Un sogno sconfitto

L'obiettivo principale della politica francese doveva resistere al potere degli Asburgo, alleandosi con i tedeschi e i turchi. Carlo V aveva un nemico potente di terra e di mare nell'Impero ottomano. Mentre nel 1529 Carlos ha aiutato a fermare i padroni di casa di Soliman, l'imperatore turco, alle porte di Vienna, l'esercito cristiano deve cedere ad Algeri. La potenza marittima dei turchi è stata sentita nel Mediterraneo: prendere Bizerte e Tunisia nel 1534 richiesto l'imperatore uno sforzo personale per la loro conquista, che è stato prodotto l'anno successivo.

Carlo V al Papa annuncia la conquista della Tunisia
La spedizione contro la Tunisia, che ha portato quattro cento venti barche e circa trentamila soldati, lasciato il porto di Barcellona il 30 maggio 1535 e la terribile scossa con le sue forze anche ingombranti avversario si è verificato nel mese di giugno. Il combattimento ha dato prova Carlos grande ardore e incoscienza, sempre presenti per le enclavi di maggior pericolo e grappling, genera a pronti, contro i cavalieri nemici. Infine, dopo l'assalto generale sulla fortezza della goletta (14 giugno 1535), adottata per la città della Tunisia, dove mettere in fuga il pirata Barbarossa, Soliman braccio. Prima di entrare nella Cittadella alcuni Commissari raggiunto l'imperatore per darvi le chiavi e chiedere la sua protezione, ma Carlos non poteva tenere la violenza delle sue truppe grezzi, che sono stati consegnati ad ogni sorta di abusi e violenze. Tuttavia, Barbarossa avrebbe continuato a devastare dalle coste Algeri Baleari e Levante. Nel 1538 Andrea Doria, comandata dalla (molto più potente di quella turca) flotta cristiana, fu sconfitto nel Costa dell'Epiro. Era l'inizio della sconfitta cristiana che culminò nel 1554 con la perdita di Béjaïa sulla costa algerina.
Sconfitto su questo fronte, Carlos V anche fu costretto, l'anno successivo, a firmare la pace di Augusta con i principi luterani e a cedere gran parte dei loro crediti. Prima della piega presa dagli eventi, imperatore Philip aveva diretto il suo testamento politico a suo figlio già nel gennaio 1548, e due anni più tardi ha cominciato a scrivere le sue memorie. Per tutta la vita, l'imperatore aveva dato ampi campioni di eroismo in battaglie multiple, come ad esempio quando le sue truppe sbarcarono ad Algeri il 13 ottobre del 1541, e il giorno dopo una terribile tempesta disperse le navi del suo squadrone, distrutto tende e provocò la morte di molti soldati. In quell'occasione, Carlos venduto loro magnifici cavalli per aiutare i suoi uomini in qualcosa, e la ritirata combattuta a piedi. Come i suoi soldati avevano paura di abbandonarli, l'imperatore si imbarcò la cambusa Ultima affinché tutti potessero vederla. Ma nel 1555 suo umore era sicuramente girato e soffriva di terribili mal di testa a causa del calo. Tenere il che suo colossale impero aveva esaurito le sue forze.

L'abdicazione di Carlo V
25 ottobre 1555, in un discorso emotivo davanti all'Assemblea della riunione degli Stati generali a Bruxelles, Carlo abdicò in favore di Filippo, che avrebbe regnato come Felipe II, la sovranità dei Paesi Bassi. Tre mesi più successivamente ha ceduto la corona di Castilla y León, Aragona e Catalogna, Navarra e le Indie. Ha fatto lo stesso con il Regno di Napoli, in Sardegna, la corona di Sicilia e il Ducato di Milano. Nel mese di settembre 1556 cedette l'Impero a suo fratello Fernando ho e, lasciando Felipe a Bruxelles, si imbarcò per la Spagna. Aveva capito che il titolo imperiale non aveva alcun valore senza il sostentamento delle armi e quindi non aveva esitato a dividere i loro domini tra i quali è stato considerato i capi più importanti della sua dinastia: suo fratello Fernando e suo figlio Felipe.
Ossessionato dalla morte, la paura di Dio e religiosi angst, vissuto ultimi due anni della sua vita in ritiro monastico. La scelta di luogo di riposo era austero monastero di Yuste, nella provincia spagnola di Caceres, situato in una valle aperta e circondato da bellissimi alberi di quercia e grandi alberi di castagno. Lì, si unì il 3 febbraio del 1557, ma ha continuato a mantenere una forte comunicazione con Felipe II, che spesso richiedevano il suo Consiglio e non è mai stato interessato negli affari pubblici.

Carlo V a Yuste (1837), di E. Delacroix
Ci sono voluti quel paragrafo collocare i mobili preziosi, sua argenteria da tavola, suoi magnifici costumi e cinquanta server. Una volta installato, occupato il suo tempo in lunghe discussioni sulla religione con il gesuita Francisco de Borja, che era stato il grande duca di Gandia e potrebbe ancora dedicarsi ai suoi Hobby, la matematica e la meccanica e anche costruire alcuni orologi. Infatti, loro ambasciatori all'estero, consapevole della sua debolezza per loro, inviato più pregiato e artistico orologi da vari paesi europei, unici nel suo genere che ha intrattenuto il suo tempo. Ha raccolto inoltre pittura dei grandi artisti dell'epoca, come Tiziano e primitivi italiani e fiamminghi. Lesse la storia e pii libri (per lo più da Julio Caesar, Tacitus, Boezio e St. Augustine), ha cantato con i monaci di coro e organizzò un solenne funerale per la sua anima cupamente testimoniato nella Chiesa del monastero.
Dopo aver ricevuto l'estrema unzione, morì nelle prime ore del 21 settembre 1558, lasciando tre figli legittimi dal suo matrimonio con Doña Isabel de Portugal (Felipe II, Maria, Regina di Boemia e Juana, principessa del Portogallo), oltre a parecchi bastardi, tra i quali il più famoso sarebbe don Juan de Austria, ideato dalla prosperosa campesina Barbara Blomberg nel 1545. Giovane di simpatia travolgente, Juan d'Austria sarebbe comando, anni dopo, le forze spagnole contro i turchi nella battaglia di Lepanto e divenne governatore dei Paesi Bassi.
La sua ambizione di far rivivere il Sacro Romano Impero, fondato in unità religiosa, era venuto a mancare. Aveva creato, d'altra parte, il primo impero coloniale moderno, l'impero che non divenne mai il sole. I più bei ritratti dell'imperatore, che non disdegno posato per pittori, sono conservati nel Museo del Prado di Madrid e sono l'opera del grande pittore veneziano Tiziano Vecellio. In cui ha avuto l'opportunità di eseguire nel 1533 a Bologna, costumi sontuosi modello che è stato incoronato da Papa Clemente VII e tenere premuto con la mano sinistra un collare di segugio. Gli spettacoli più maestosi che un cavallo come apparve nella battaglia di Mühlberg, pomposamente coperto con armatura, brandendo una lunga lancia e toccato con casco trapuntato. Anche se si tratta di quindici anni più tardi, in entrambi il genio di Tiziano ha saputo rivelare agli occhi del Carlos V più accusato dei suoi tratti caratteriali: la sua tristezza inestinguibile, sua persistente malinconia.

Cronologia di Carlo V


1500Nato a Gand (Flanders) il 24 febbraio.
1516Suo nonno Fernando el Católico muore e si proclamò re di Spagna con il nome di Carlos I.
1519Viene eletto imperatore del Sacro Romano Impero sotto il nome di Carlos V.
1520Fu incoronato imperatore nella città di Aquisgrana.
1521Rivolta dei comuneros, soffocata dopo la battaglia di Villalar.
1522Tornò in Spagna, dove rimase per sette anni.
1523Duramente repressa la rivolta di germanías di Valencia e Maiorca.
1525Vittoria spagnola a Pavia, dove Francisco ho de France cade prigioniero.
1526Sposa Isabella di Portogallo. L'anno successivo nacque il figlio, il futuro Felipe II.
1527Sacco di Roma.
1529Firma della pace di Cambrai tra Francia e Spagna.
1534La flotta turca prende Bizerte e Tunisia.
1535Ha personalmente diretto la spedizione contro la Tunisia, che recupera dopo l'assunzione della goletta.
1538I turchi sconfissero la flotta cristiana sulla costa dell'Epiro. Firma della tregua di Nizza, tra Francia e Spagna.
1543Lascia suo figlio Philip come reggente di Spagna.
1547Vittoria contro i principi protestanti tedeschi a Muhlberg.
1554Firma del trattato di Crépy.
1555Firma della pace di Augusta, che riconosce la libertà religiosa di protestanti e proprietà del bene espropriato la Chiesa prima di 1552.
1555Abdicò in favore del figlio Filippo II, ricevendo la sovranità dei Paesi Bassi, Castilla y León, Aragón e Catalogna, Navarra, Regno di Napoli, Sardegna, la corona di Sicilia, il Ducato di Milano e le Indie.
1556Rendimenti del Sacro Romano Impero a suo fratello Fernando mi.
1557Si ritirò nel monastero di Yuste.
1558Morì il 21 settembre a Yuste.

Regno di Carlo V

Il legame tra Joan, la figlia dei re cattolici e Felipe el Hermoso, figlio dell'imperatore Maximilian d'Asburgo e Maria di Borgogna, era un altro che Isabella e Fernando tessevano per suo figlio John e le figlie Caterina e Isabel come strategia per accerchiare la Francia politicamente nelle innumerevoli guerre d'Italia. Ma casuale cambiato destinazione: morte del Principe Giovanni è ricaduto eredità a sua sorella Juana, cui instabilità mentale stato disattivato per regnare. Quando il marito, Felipe el Hermoso morì nel 1506, un anno di governare in Castiglia, l'eredità è andato a figlio e nipote dei re cattolici, il Fleming di Carlos, che era nato a Gand nel 1500 ed era destinato a regnare come Carlo I di Spagna e V di Germania.

L'eredità di Carlos V
La monarchia spagnola ha attraversato ore basse durante il Regency di Fernando el Católico in Castiglia (1507-1516). C'era la possibilità della nascita di un figlio di Fernando el Católico e la sua seconda moglie Germaine di Foix, che aveva rotto l'Unione dinastica. Infine, questo è rimasto, ma sotto una situazione di crisi: nessuna assicurazione potrebbe essere fatta fino alla scomparsa della Fernando anziano e fino al suo nipote Carlos I, dopo aver raggiunto la maggiore età, è venuto in Spagna, nel 1517.

La crisi delle Comunità e la germanías

Carlo I di Spagna apparve davanti a suoi sudditi spagnolo come una giovane imberbe, non conosce lingua e culture ispaniche e accompagnato da una grande processione di expoliadores fenicotteri. Inoltre, voleva presto tornare alla loro terra d'origine di aderire come Carlos V la corona del Sacro Romano Impero, dopo la sua elezione a Francoforte nel 1519. Questa è stata la goccia che ha rotto il vetro di un inquieto Castilla, cui le difficoltà economiche, sociali e politiche (scontri tra i commercianti di lana e per l'industria tessile, tra tribunali parlamentare e aristocratica autoritarismo monarchico di contadini classi e antifeudales) esplosa nelle comunità del Regno che volevano impedire la marcia del re, interrompere le aliquote fiscali e, in caso di uno amministrare il paese sotto il binomio di un governatore spagnolo generale insieme un regno nei tribunali. Ma si è verificato l'opposto, e la risposta immediata è stata l'ascesa delle Comunità, con Padilla, Bravo e Maldonado alla parte anteriore. Durante la rivolta, che durò solo due anni, gli abitanti del villaggio voleva controllare il paese e anche provato a liberare la Regina Juana la Loca, bloccato a Tordesillas. Alla fine, la battaglia di Villalar (1521) ha dato il trionfo al lato imperiale, Burgos, signorile, autoritario e repressivo.

Carlo V (olio su tela di Tiziano)
Il germanías, Valencia e Maiorca assunse anche una rivolta, anche se era molto più sociale che politica qui, perché l'esplosione, anche nella sua moderata di fase, c'era sia contro il re, che è anche aspirava ad ottenere, e le classi aristocratiche e patriziato urbano delle città. La rivolta, trasformata in una rivoluzione popolare, generato un contraccolpo e germanías Valencia e Maiorca, tra il 1520 e il 1523 principi, furono annegati nel sangue, essere eseguito tutti i suoi leader radicale: Vicente Peris, Valenciana; i fratelli Colom, Mallorca...

La riorganizzazione politica

Tra il 1522 e 1529, durante la permanenza più lunga dell'imperatore nella penisola, il re ha rinforzato il suo governo. E lo ha fatto non solo ai circostanti buoni collaboratori della sua amministrazione, davanti a cui si trovava un Francisco de los Cobos, ma riorganizzato e dai consigli (Sinodi), vale a dire piccoli comitati di specialisti in diverse aree politiche e territoriali di governo che gli consigliò.
Nella parte superiore di questa struttura del Consiglio di stato, è stato soprattutto in politica estera e anche negli altri, anche se è mai stato istituito come l'istanza suprema del potere nonostante i desideri del suo Gran Cancelliere Mercurino Gattinara. Dopo il Consiglio delle finanze, il Consiglio dell'Inquisizione e il Consiglio degli ordini militari, tutti loro di segno generale, allineate mentre territorialmente Consiglio di Castiglia, Aragona Consiglio e il Consiglio delle Indie sono stati distribuiti gli affari di quelle terre, lasciando aperta anche la porta alla creazione di nuovi organismi.

Francisco de los Cobos
Tra i consigli e il re, un numero crescente di segretari (membri della nobiltà e soprattutto, ogni tempo formazione universitaria più, plebea) hanno partecipato all'intensa attività burocratica risultanti dalla gestione dell'Impero: ha preso atto delle riunioni, copia lettere e memoriali, ha rilasciato i documenti e servito da un collegamento tra le diverse aree del governo condizione che c'era fra loro una buona comprensione e armonia.

La conquista delle Indie: Messico e Perù

In 1522 Hernán Cortés, conquistatore dell'impero azteco, così affrontato con lettera al re Carlos v "vostra altezza è possibile stile retro e con il titolo di imperatore e non meno al merito di Germania". Trent'anni dopo l'arrivo di Colombo nel nuovo mondo, c'erano stati grossi cambiamenti, Indie: Ojeda, Bastidas e Nicuesa aveva fatto una serie di viaggi in da Caraibi e la costa settentrionale del Sud America; Núñez de Balboa scoprì l'istmo di Panama e il mare del sud; la spedizione di Juan Díaz de Solís era venuto all'estuario del Plata; e Magellan ed Elcano completato il primo viaggio di circumnavigazione intorno al mondo.
Ma i cambiamenti più significativi è venuto con la conquista del Messico da Hernán Cortés (1519-1522) e Perù da Francisco Pizarro (1536); e un altro ha preso sia sua crudeltà audace e insolito che la divisione precoce dei popoli Aztechi e Inca. Infine e in definitiva Moctezuma e Cuahtemoc, da un lato, sono stati vittime delle rivolte costante di coloro che volevano porre fine all'egemonia di Tenochtitlan, come in Cajamarca e lotte fratricide Cusco di Atahualpa e Huascar facilitato la dominanza della strada "Viru". Nuove conquiste ha significato per i conquistatori molto più ricchezza di quella ottenuta con le terre di Coaba, Hispaniola e Panama. Ma questa Colonia, che aveva decimato anni prima che le isole dei Caraibi è aumentato su sfruttamento indiano.
La conquista, ovvero sarebbe continuato da Cile (con Almagro e Valdivia), Bogotá e i paesi della Plata, ho dovuto continuare il consolidamento di un'amministrazione politica dipendente della regalità, l'istituzione della struttura sociale dei conquistatori e conquistati ed evangelizzazione e rafforzamento della religione cristiana. Anche se qualcosa è stato fatto sotto Carlos V (l'azione del Padre Bartolomé de Las Casas, la promulgazione nel 1542 le nuove leggi delle Indie, la creazione delle prime audizioni e viceré), la vera stabilizzazione di una società indiana non arriverà fino a dopo il suo Regno.

Le difficoltà economiche

Gli squilibri strutturali dell'economia spagnola esigente un'azione urgente; era presto un sostituto di tale espansione, ancora incerta sotto Carlo V, divenne una crescita stabile di tutti i settori produttivi o la crisi, nonostante il generoso contributo di ricchezza derivanti dal funzionamento del continente americano, è adueñaría in pochi anni di un futuro imprevedibile. Era difficile mettere le mani su queste riforme e potrebbe fare il piccolo Carlos V, bloccato come era per il costo delle loro guerre. Prestiti che fu costretto a chiedere il loro finanziamento avevano interessi che è venuto fino al 56% delle somme, sempre combattute per l'annua arrivo della flotta indiana e la sua fornitura di metalli preziosi, così massicce come ipotecato. In ogni caso, se qualcuno è si alguien se enriquecia arricchito non era certamente la monarchia spagnola, né la maggior parte dei suoi sudditi, ma i grandi banchieri internazionali (tedeschi e genovesi). In questo modo, il Regno di Carlos V sega raggiunge il valore dei debiti.

Carlo V (Ritratto di Christoph Amberger, 1532)
Alla fine del Regno di Carlo V, la sospensione dei pagamenti dello stato e la prima crisi finanza di Castiglia sembrava prossima, e prospettive economiche peninsulare era poco roseo. Vita è influenzata in Spagna che in Europa; durante la prima metà del XVI secolo il tasso medio annuo di inflazione cumulativo è venuto a 2,8 per cento. Se le Indie coperto di oro e argento alla metropoli, sembrava chiaro che questo bagno di ricchezza annegato il mondo peninsulare. Senza avere ancora la certezza assoluta delle cause del problema, sospetta che questo era la cosiddetta "rivoluzione dei prezzi", vale a dire, nell'aumento incontrollato nel suo indice. L'immissione massiccia di metalli preziosi aggravato il problema, dal momento che, mentre da è venuto America passano facilmente, con maggiore facilità, provocando una tensione che consumistica di forte domanda ha spinto sopra un'offerta in grado di seguirlo in aumento. L'aumento del livello di prezzo non era solo l'arrivo dei metalli indiani, ma soprattutto la carenza di infrastrutture dell'economia peninsulare, fondamentalmente spagnola: squilibrio di agricoltura rispetto al bestiame e produzione tessile.

L'impero universale

Guerre, erano d'altra parte, non solo la causa di sforzi economici, ma anche le conseguenze di conflitti politici del Regno di Carlo V. Era difficile accettare sotto sua persona un impero universale con territori e culture diverse come i Paesi Bassi di Burgundian, patrimonial domini in l'Austria e la corona imperiale, la monarchia spagnola, indiano e continentale e l'isola terra del Mezzogiorno italiano.
Pertanto, il suo strapotere ha suscitato la suscettibilità nazionale dei regni che, come la Francia, erano dalla sua orbita. Ma piacque né il papato, timoroso di una possibile cesaropapismo solo quando tedesco luteranesimo e altri successivi evangelismos costretto alla Chiesa di Roma a un costante impegno conciliare, ecumenica e politica. Nel frattempo, nel Mediterraneo orientale e in tutte le sua facciata meridionale nordafricana, connessioni turco-islamicas erano un nuovo cavallo di battaglia per l'imperatore.
Troppi problemi per Carlos V, che ha visto le proprie ambizioni distrussero in fasi successive. Così è accaduto già negli anni venti nonostante la sua vittoria contro Francisco io a Milano, che ha saldato i due grandi blocchi del suo impero. Ma la resistenza francese era testarda e l'opposizione del Papa, vittima del sacco di Roma (1527), incorruttibile.
Tra l'incoronazione di Aquisgrana (1519) e la pace di Cambrai (1529) l'impero universale sognata da Carlos V ha dovuto far posto ad una seconda fase nel Mediterraneo, 1530-1544. Francia, Turchia e le potenze islamiche, in una coalizione più laica che cristiano, è riuscito a mettere un piombo sulle ali dell'aquila imperiale spagnola. Il successo della conquista della Tunisia (1535) è stato controbilanciato dal disastro di Algeri (1541), che è stato preceduto dal fallimento dell'imperatore nella creazione di una lega santa cristiana e seguita dalla perdita della Provenza, che cadde nelle mani dei francesi.

Carlos V in Tunisia
La pace di Crépy (1544) chiuso questo ciclo per aprire una terza: dovuto guardare indietro ai territori germanici, là dove è minacciata non solo luteranesimo, ma anche l'anabattista e un Calvinismo ancora incipiente cattolicità. Era necessario, quindi, provare l'unificazione di tutte le chiese cristiane. Tuttavia, le posizioni erano inconciliabili e si è rotto una lunga guerra civile tra i ribelli, i sostenitori dei principi tedeschi di riforma e le truppe fedeli alla dottrina romana, guidata da Carlos V.
Sul piano religioso, l'apertura del Concilio di Trento nel 1545 significava il tentativo di eseguire una riforma disciplinare nel seno della Chiesa cattolica; ma, dopo varie fasi, si è concluso nel 1563 senza aver risolto lo scisma. Né la guerra risolto nonostante alcune vittorie dell'imperatore, che si è aggiudicato la sua posizione dopo la battaglia di Mühlberg (1547). D'altra parte, è stato firmato nell'anno 1548 l'Interim di Augusta, principio di accordo politico sul conflitto tra riformisti e tridentina, tesi che non è riuscito non soddisfacendo quelle o altri.

La fine del Regno

Tutto era inutile per l'imperatore che aveva lasciato Spagna nel 1543, lasciando come reggente al suo giovane figlio Principe Felipe, che orientato politico e istruzioni personalmente ben note a Palamós. Datato 6 maggio 1543, il di Carlo V istruzioni segrete per Felipe II sono note riservate che imperatore segnalate per iscritto a suo figlio delle qualità e difetti dei ministri principali che era al suo fianco quando decise di abdicare. Inoltre lo ha avvertito dei pericoli con le macchinazioni che potrebbero essere eseguito il wrapping. Più tardi, nel 1548, quando già Felipe aveva acquisito prestigio ed esperienza, Carlos V tentò un colpo di stato alla ricerca di manutenzione completa della loro eredità nella figura di Felipe. Ma i problemi del tedesco Princes, autonoma politico e religioso, esso è aumentato, aumentato la disaffezione del suo fratello Fernando e l'inimicizia di Francia stava cercando di sfruttare entrambi i fianchi verso di lui.
Già anziani, Carlos V era pragmatico e, dopo aver sposato suo figlio Felipe (vedovo dal suo primo matrimonio) con María Tudor nel 1554, cercando l'alleanza inglese, ha deciso di abdicare a Bruxelles due anni più tardi. L'Impero e i territori austriaci passò a suo fratello Fernando, ma i Paesi Bassi, Spagna, India e i possessi italiani sono stati lasciati nelle mani di suo figlio, che avrebbe regnato come Felipe II. In un momento quando universalismo cristiano è stato frammentato e l'impero universale era stato frustrato, i due rami della famiglia, habsburguesas (ispanica e tedesco) sarebbero rimasti uniti ad affrontare un'Europa divisa della seconda metà del XVII secolo.
Pubblicato per scopi didattici autorizzati da: Biografías y Vidas
Biografie di personaggi famosi e storici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…