Biografia di Carlo Magno | Monarca germanico.

(Charles il grande; Aachen, 742 - Aquisgrana, 814) monarca germanico che hanno restaurato l'impero nell'Europa occidentale. Figlio del re dei franchi, Pipino il breve, ereditò il trono alla morte del padre (768) e completato con i territori orientali concesso a suo fratello Carlomán, è morto questo durante l'anno 771.

Carlo Magno (olio da Alberto Durero)
Sua politica espansiva ha continuato con la conquista e l'annessione del Regno longobardo (Nord Italia), eseguita nel 774, attraverso un'alleanza dei franchi con il papato. Dominato Italia (anche se ancora tendenze particolaristiche, particolarmente forte nel sud Ducati di Spoleto e Benevento), Carlo Magno ha concentrato le loro energie sulla conquista della Sassonia (Germania del Nord), azienda che ha richiesto diciotto successivi tra le campagne di anni 772 e 804.
Carlo Magno fu così il Regno più importante dell'Europa del suo tempo. ma per tenerlo ha dovuto continuamente lotta: a volte contro la ribellione o resistenza interna ed altri per assicurare i bordi contro nemici stranieri. Questi ultimi comprendono la guerra contro gli avari nel confine orientale, che lo portò a dominare i territori attuali dell'Ungheria, Croazia e parte della Serbia; e anche un tentativo infruttuoso di entrare in Spagna, interrotta dalla sconfitta inflitta da lui i Baschi nella battaglia di Roncisvalle (778), ma chi ha fatto almeno a creare un marchio ispanico sotto il Regno di Frank, che andava da Pamplona a Barcellona.
L'espansione geografica del Regno di Carlo Magno ha corrisposto a tutti di che cosa ora sono Francia, Svizzera, Austria, Belgio, Olanda e Lussemburgo e la maggior parte di Germania, Italia, Ungheria, Repubblica Ceca, Slovacchia e Croazia. Un predecessore dell'unità europea è stato considerato così. Nessun monarca aveva raccolto nella sua mano un vasto territorio dopo la caduta dell'Impero Romano (476); quindi non è sorprendente che l'idea della restaurazione imperiale ha aperto la strada, legata all'alleanza stabile che Carlo Magno è rimasto con il papato.
Il giorno di Natale dell'anno 800 che Papa León III incoronò imperatore Carlo Magno, dando inizio ad un nuovo impero germanico, che perviviría fino all'inizio del XIX secolo. Anche se la continuità di questo impero con l'Impero Romano, scomparso tre secoli prima, era una finzione, la restaurazione dell'idea imperiale significava un'aspirazione a un potere universale sopra i principi dei vari regni che sarebbero la controparte temporale della supremazia del Papa in quella spirituale. Questa partnership unica e la complementarità dell'imperatore con il Papa porterebbe a una lotta per la supremazia fra entrambe le alimentazioni, che sarebbero durato per tutto il Medioevo.

L'impero di Carlo Magno nell'anno
sua incoronazione (800)
In un'epoca caratterizzata dall'elevato grado di violenza e l'anarchia, che ha dominato la vita sociale, l'Impero carolingio era una grande quantità di organizzazione politica e amministrativa. Anche se c'era un capitale fisso (la capitale dell'impero era dove l'imperatore è stato trovato con la sua corte), la città tedesca di Aquisgrana soddisfatte quasi definitivamente questi ruoli. Da lì, un Ministero degli affari esteri, a cui la parte anteriore era un chierico istruito, diretto questioni sia civili che ecclesiastiche; controllo del territorio era nelle mani dei conti, tranne nei segni di confine, organizzati militarmente; e alcuni inviati dell'imperatore (missi dominici) supervisionava l'amministrazione in ogni angolo del territorio.
La religione cristiana era un elemento culturale di integrazione, di stabilità e di ordine sociale, che l'imperatore era responsabile per la coltivazione: ha protetto i monasteri e tentato di diffondere la fede cristiana a nord (a imporre con la forza dai Sassoni). Tuttavia, quel grande conglomerato territoriale non ha fatto sopravvivere a lungo. Il proprio Carlo Magno aveva previsto che alla sua morte, l'impero è stato distribuito tra i suoi tre figli; ma la morte di due di loro ritardata frammentazione fino al momento in cui che morì l'unico successore superstito, Louis il pious, che divise l'impero tra i suoi tre figli (trattato di Verdun, 843). Dinastia carolingia continuò davanti l'Impero fino all'inizio del x secolo e sul trono di Francia fino al 987.
Pubblicato per scopi didattici autorizzati da: Biografías y Vidas
Biografie di personaggi famosi e storici