Passa ai contenuti principali

Biografia di Buddha | Sua vita e successi.


Buddha: Siddharta Gautama

Fatti storici e tradizioni favolose hanno sempre tessuto nella affascinante Biografia del fondatore del Buddhismo.
Nel corso dei secoli, è stata rappresentata l'immagine di Buddha così tante volte che anche in Occidente, la sua effigie è familiari come qualsiasi altro oggetto di arte. Spesso vediamo lui seduto sulle sue gambe in posa meditativa, con un grumo più o meno in uscita nella parte superiore del cranio e una talpa pelosa tra le sopracciglia, coperto da un manto vaporoso sacerdotale e haloed suo volto da una serenità e una dolce accattivante. C'è qualcosa, tuttavia, a volte sorprendente: per essere un asceta che ha dato in sui piaceri del mondo e conosce le miserie umane, certe rappresentazioni sembra eccessivamente ben nutriti e troppo soddisfatti.

Buddha in una delle sue prime esibizioni
nell'antica regione di Gandhara (secoli I - II).
È credenza comune considerare che i santi erano stati una vita eremitica di lotta e sacrificio in cerca di pace interiore, e così è stato, infatti, in India ha incontrato Buddha, circa cinquecento anni prima di Cristo. L'idea della purificazione attraverso la sofferenza era usuale tra gli uomini già maturi o anziani, sconvolto e confuso prima la perversità dei suoi contemporanei. Spesso, hanno lasciato le loro famiglie e si rifugiò in montagna, coperti di stracci e con una ciotola di legno come possesso esclusivo, che ha usato a mendicare il cibo. Prima di diventare un Buddha, "the one illuminato", significato Siddharta Gautama anche praticato discipline corpo disinteressatamente, ma non ha esitato a controllare che erano inutili.

Una vita del Principe

Siddharta Gautama nacque probabilmente nel 558 A.C. a Kapilavastu, città murata del Regno di Sakya, nella regione meridionale dell'Himalaya, in India. Conosciuto anche con il nome di Sakyamuni ("il saggio di Sakya"), Siddharta era figlio di Suddhodana, re di Sakya e della Regina Maya, che proveniva da una famiglia potente del Regno. Secondo la tradizione, Siddhartha nacque nei giardini di Lumbini, quando sua madre stava andando a visitare la sua famiglia. La Regina Maya morì sette giorni dopo il parto e il neonato è stato allevato da sua zia materna Mahaprajapati.

La nascita del Buddha
Siddhartha cresciuto circondato dal lusso: aveva tre palazzi, un inverno, un'estate e un terzo per la stagione delle piogge. Hanno apprezzato la presenza di molte donzelle, ballerini e musicisti; Indossava la biancheria intima di seta e un servo lo accompagnò con un ombrellone. Egli è descritto come un ragazzo di costituzione snello, formazione molto delicati e attenti. Suoi anni di studio, possibilmente guidati da due brahamanes, sanno solo che ha entusiasmato i suoi insegnanti di loro rapidi progressi sia in testi di matematica. Molto è stato detto del carattere sensibile del Buddha; ma come figlio di un re e aspirante al trono, dovrebbe essere anche educato nelle arti marziali e in tutte quelle discipline necessarie per un monarca. Tuttavia, il Regno di Sakya era a malapena un Principato del Regno di Kosala, che dipendeva.
Siddharta sposò sua cugina Yasodhara quando avevo circa sedici anni, secondo alcune fonti, o diciannove, o forse più, secondo altri. In alcune leggende si dice che conquistato in un test di armi combattendo contro diversi avversari. Nulla si sa di questo matrimonio, tranne per il fatto che aveva un figlio di nome Rahula, che molti anni più tardi sarebbe diventato uno dei suoi principali discepoli. Avere un figlio come il continuatore della dinastia avrebbe dato rinuncia ai loro diritti e la loro consacrazione alla vita religiosa.
La vita di Siddharta ha indossato la maggior parte del tempo nel Palazzo reale, sotto la protezione di suo padre. Secondo la tradizione, durante i loro viaggi furtivi alla città, che era accompagnato da un cocchiere, si è verificato il cosiddette «quattro partite». Una volta che esce dal cancello orientale del Palazzo, incontrò un uomo anziano; in un'altra occasione che è venuto attraverso la porta sud, vide un paziente; Quando ce l'ha fatta attraverso la porta occidentale, ha visto un cadavere e un altro giorno, per attraversare la porta settentrionale, è stato trovato con un mendicante religioso. Vecchiaia, malattia e morte ha mostrato la sofferenza insita nella vita umana; il religioso, la necessità di trovare un senso. Questo lo porterà a lasciare dietro le mura del palazzo in cui la maggior parte della sua vita era stata sviluppata.

I quattro incontri
All'età di ventinove anni, Siddharta abbandonò la sua famiglia. Lo ha fatto durante la notte, montato sul suo cavallo Kanthaka e accompagnato dal suo servitore Chantaka. Il loro obiettivo era quello di Magadha, fiorente stato del sud, dove si svolgevano i cambiamenti culturali e filosofici. È possibile che elesse quel Regno, a dieci giorni di strada da Kapilavastu, per evitare la possibilità che suo padre ha richiesto che egli essere rimpatriato. Una volta che viaggiare parte del modo, tagliare i capelli, spogliato dei suoi gioielli e condimenti e consegnò a suo servo che, tornato a casa, sarebbe tornato alla sua famiglia, con il messaggio che non sarebbe tornato fino ad aver raggiunto l'illuminazione. Il resto del cammino fatto come un mendicante, pratica, d'altra parte, altamente considerata in India del tempo. Inoltre era comune per gli uomini già maturi e filosofici inclinazioni entrerà nella foresta per cercare la verità. Era l'unico che ha fatto in età precoce.

Alla ricerca di senso

Una volta a Rajagaha, il capitale di Magadha, la ragazza del mendicante ha catturato l'attenzione del potente re Bimbisara. Il re, accompagnato dal suo entourage, andò a fargli visita a Monte dei Pandava, dove ha praticato la meditazione e l'ascetismo. Secondo la tradizione, il monarca si offrì che molte ricchezze in cambio di volevano accettare di mettere al comando della loro battaglioni di elefanti e le loro truppe d'elite. Siddharta ha informato il re della loro nobile origine e lo scopo del loro soggiorno a Rajagaha. Re Bimbisara non reiterato la proposta; Lei lo pregò di essere solo verità raggiunta prima se ne è venuto a illuminazione.
Siddharta ha seguito gli insegnamenti dei due maestri di yoga, Alara Kalama e Uddaka Ramaputa. Il primo, che erano ancora trecento discepoli, aveva raggiunto la fase 'del quale nulla esiste'; Si ritiene che il suo eremo era in ve. Siddharta presto raggiunto la fase stessa e persuase l'inadeguatezza di questi insegnamenti per liberare l'umanità dalla loro sofferenza. Uddaka Ramaputa aveva Seicento discepoli e visse vicino a Rajagaha. Suoi insegnamenti né riempito le cure di Siddharta.
Partì poi per Sena, un villaggio vicino al fiume Nairanjana, luogo di incontro degli asceti. Queste pratiche sono state perfettamente regolate: hanno incluso il controllo della mente, la sospensione della respirazione, digiuno totale e una dieta molto severa, discipline tutto angosciante e dolorose. Le storie sanno che Siddharta non è intimidito alla sua costituzione e che, in occasione, che lo circondava credeva che fosse morto. In quei giorni gli studenti avanzati praticavano il digiuno per fino a due mesi, ed è noto che nove discepoli di Nigantha Nataputta, fondatore del Giainismo, si lasciano morire di fame per ottenere il rilascio finale.
Dopo anni di austerità e mortificazioni che non lui procurato l'illuminazione, Siddharta ha deciso di lasciare l'ascetismo, ricevendo, per il passo compiuto, le critiche dei suoi cinque compagni. Per cominciare, ha immerso nel fiume Nairanjana per sbarazzarsi dello sporco che aveva accumulato nel corso del lungo processo. A quanto pare, era così debole che poteva a malapena fuori dall'acqua. Ha ripreso le forze a causa del cibo offerto da una ragazza di nome Sajata. Secondo varie leggende, questa giovane donna era la figlia del capo del villaggio di Senna; il cibo dato all'asceta era una zuppa di riso bollito nel latte. Poco dopo, ora restaurato, Siddharta sarebbe raggiungere l'illuminazione.

Illuminazione

Con tutte le indicazioni, si sarebbe verificato nella città di Gaya, vicino alla Senna. Più tardi si sarebbe chiamato a questa città di BodhGaya, e fu costruito un tempio in onore di Buddha. Siddharta ha trascorso lunghe ore di meditazione all'ombra di un albero di fico sacro che più tardi sarebbe stato chiamato con il nome di Bodhi o «Albero di illuminazione». Secondo la leggenda, Gautama seduto un giorno sotto l'albero di fico e ha detto: "Non mi muoverò da qui finché non si sa." Inviato il malvagio dio Mara, capire la gravità e il pericolo che conteneva tale sfida, una cascata di tentazioni, il più importante sotto forma di un trio di odalische lascivo che istericamente sventolato loro pance prima la testa inclinata Siddharta; Quando questo alzò gli occhi verso di loro, il bagliore del suo sguardo li ha trasformati in anziani goffi aspetto disgustoso.

Le tentazioni di Mara
Al calar della notte entrò in uno stato di trance, e la luce è venuto al loro supporto, consentendo di vedere con chiarezza radiante tutta l'intricata catena di cause ed effetti che regolano la vita e il modo per raggiungere la salvezza e la gloria. La conoscenza delle loro esistenze precedenti è stata assegnata al cosiddetto primo orologio della notte. Nel secondo, esso era montato con il terzo occhio o la visione divina. A cavallo tra l'alba penetrato onnisciente conoscenza e tutto il sistema dei diecimila mondi era illuminata. Si e ' svegliato ubriaco per sapere.
Siddharta aveva capito che la sofferenza umana sono intimamente legati alla natura dell'esistenza, per il fatto della nascita, e che per sfuggire la ruota della reincarnazione era necessario superare ignoranza e sbarazzarsi di passioni e desideri. La carità era una forma di desiderio la salvezza di tutti gli uomini e di se stessi.
Nei primi giorni aveva loro dubbi circa se si dovrebbe predicare la verità che aveva raggiunto. Il suo primo sermone aveva luogo dopo un mese a Sarnath, vicino a Varanasi, dove risiedevano i suoi cinque ex compagni. A quanto pare, hanno ricevuto lui molto freddamente, e Siddharta li castigato per i modi in cui si stavano dirigendo a un illuminato. Infine, i cinque hanno formato il nucleo iniziale di una setta che, data la semplicità del nuovo messaggio, è cresciuta rapidamente. Il numero sei discepolo era Yasa, figlio di un ricco mercante a Varanasi. insoddisfatto della sua vita sensuale e lussi, sua vita aveva alcuni paralleli con la propria Siddharta. Attraverso Yasa divenne la sua famiglia.

Predicazione del Buddha
Quando ha visto che ai suoi discepoli sono stati convenientemente preparati, li mandò a predicare la verità nuova per tutta l'India. Hanno dovuto andare da solo, e Siddharta ritornò Uruvela. Tra i suoi più importanti e influenti seguaci era re Bimbisara, che ha donato un appezzamento di terreno (foresta di bambù) di Buddha e i suoi seguaci così che servono come loro rifugio. Tuttavia, i discepoli trascorso la maggior parte del tempo l'accattonaggio e predicazione e restituiti solo alla farm durante la stagione delle piogge.
Buddha continuò a predicare per quarantacinque anni. Visitò la sua città natale diverse volte e abbiamo visitato la valle del Gange, alzarsi ogni giorno all'alba e lo spostamento tra venticinque e trenta chilometri al giorno, di insegnare agli uomini tutti generosamente senza attesa di ricompensa o distinzione. Non era un agitatore e mai è stato infastidito dai bramini, che si erano opposti, né di qualsiasi sentenza. Persone, attratti dalla sua fama e persuaso della sua santità, uscì ad incontrarlo, affollavano al suo passaggio e piantato il sentiero dei fiori.

L'attacco di Devadatta
Una delle conversioni che si è tentato più fama era suo cugino Devadatta, uomo ambizioso che lo odiava anche quanto a escogitare un piano che ha concluso la sua vita. Cospirò con pochi seguaci, e sapendo che Buddha misurerebbe una gola, scommettere su di esso con un rock indipendente media; nel momento preciso in cui Buddha transitato tra qui sotto, la grande pietra è stata spostata ed è caduto con un incidente; urla sono stati ascoltati e temeva per la vita del Maestro, ma Buddha uscito illeso dalla polvere, con un sorriso beatifica sulle sue labbra.
Negli ultimi anni della sua vita, Siddharta ha subito battute d'arresto duro. Re Bimbisara fu detronizzato da suo figlio e il trono del sakyas fu usurpato da Vidudabha, figlio di re Pasenadi, protettore del buddismo. Sembra che egli stava cercando di tornare al loro paese natale quando morte toccò a lui. All'età di ottantuno anni e lui era molto debole, ma continuò a predicare la sua dottrina fino agli ultimi istanti. Dalle descrizioni fatta contrasse la malattia infettiva, si ritiene che la causa ultima della sua morte, che si è verificato nella città di Kusinagara, potrebbe essere una dissenteria. Il suo corpo è stato cremato per avere morì sette giorni e le sue ceneri sparse tra i suoi seguaci.
L'ascetismo del Buddha è venuto da antiche religioni, ma è chiaro che il suo scopo era non per rassicurare i loro vicini di presentarli con una nuova divinità o rinnovo precedenti riti, ma rendere ognuno consapevole della sua solitudine radicale e insegnargli a lottare contro i mali dell'esistenza. Quando si sostituiscono le liturgie e i sacrifici per la contemplazione del mondo, il Buddha diede una fondamentale importanza per qualcosa di molto simile alla preghiera individuale e privata valorizzando soprattutto meditazione, esaltando la raccolta e l'immissione dell'uomo al centro dell'universo.
Un altro motivo per il suo successo è stato, senza dubbio, sua grazia incredibile. Non non c'è nessun dogma buddista e, di conseguenza, nessun buddista è perseguitato per eresia. Quando guardando indietro tra incinto secoli di violenza e intolleranza, che la maggior parte delle sorprese del Buddha è la chiamata Serena rendendo alla ragione e all'esperienza di ogni uomo: "non credo in niente perché ti insegnano la testimonianza scritta di un vecchio saggio. Non credo in niente perché si tratta dell'autorità degli insegnanti e sacerdoti. "Tutto ciò che è in conformità con le vostre esperienze dopo un'ardua indagine si verifica secondo la ragione e portare a proprio bene e di tutti gli esseri viventi, accettarla come la verità e la vita di conseguenza."

Cronologia del Buddha

558 A.C.Probabile anno di nascita a Kapilavastu (Nepal). Figlio di Suddhodana, re di Sakya, sua madre morì pochi giorni dopo la nascita ed è allevata da sua zia materna Mahaprajapati.
542 BC.Sposa la cugina Yasodhara, che avrà un figlio, Rahula. Vive una vita di lusso nel palazzo.
529 A.C.I cosiddetti «quattro incontri» si rivelano il dolore dell'esistenza e portandolo alla vita ascetica. Egli abbandona la sua famiglia, rinunciato alle proprie responsabilità come principe e spostato Rajagaha, il capitale di Magadha, dove incontra il re Bimbisara.
529-523 BC.Esso segue gli insegnamenti di Alara Kalama e Uddaka Ramaputa insegnanti di yoga. Insoddisfatto, si trasferì a Senna, dove pratica ascetica inutilmente rigorosi si arrende.
523 BC.Lasciare l'ascetismo e Reimposta i suoi eccessi. Dopo lunga meditazione ai piedi di un albero di fico, vicino la città di Gaya, raggiungere l'illuminazione. A Sarnath, vicino a Varanasi, è pronunciato contro cinque ex colleghi prima omelia sulle quattro nobili verità. Con la protezione del re Bimbisara, la predicazione itinerante permetterà di trascorrere il resto della sua vita.
485 A.C.Tentato omicidio di suo cugino Devadatta, che è appena diventato.
477 A.C.Probabile anno della sua morte a Kusinagara.

Buddha: Una nuova filosofia

Una nuova filosofia

La natura delle dottrine del Buddha si manifesta, in primo luogo, un'indipendente e la straordinaria capacità di speculativa. Da un tradizionale e ortodossa di posizione, il sistema Mostra come sono rimuovendo e distruggendo le basi di queste tradizionali posture con la forza del ragionamento ed è la creazione di un sistema religioso che non contiene alcuna divinità: qualcosa di anormale e indubbiamente eretica in un contesto come l'indiano, così preso dal senso del divino. Buddha ha vissuto una fase di ideologia Hindustani durante il quale e perché nuove concezioni dottrinali (il primo di essi la credenza nella trasmigrazione), l'antica religione vedica, con il suo culto degli dèi e l'esaltazione del sacrificio come onnipotente e meritorio atto nei suoi effetti, aveva perso tutto il valore, poiché la realtà solo implacabile, terrificante e terribile in grado di spaventare l'uomo era la morte eterna e la rinascita attraverso una successione infinita Stock, più o meno fortunati secondo i meriti o demeriti acquisiti, ma sempre effimero, transitorio e finito tutto di loro con il dolore che accompagna morte.

Buddha
Interruzione del ciclo della reincarnazione ed evasione definitiva dell'oceano infinito di vite mortali costituiscono l'ultimo agognato da ogni creatura vivente, la felicità suprema ed eterna, variamente progettato da varie speculazioni nel periodo di intensa e fruttuosa ricerca filosofica e religiosa che ha preceduto e accompagnato la nascita del buddismo. Ma anche nella storia dell'India appare Buddha come una figura eccezionale e non solo dalla sua realtà storica (in contrasto con le forme puramente leggendarie in cui tradizioni culturale indigene avevano fondatori religiosi, filosofi e autori eminenti di tutti i tempi), ma anche a causa delle peculiarità che caratterizzano (si differenzia dagli altri movimenti spirituali contemporanei) il suo cammino verso l'illuminazione.
Penitenza e di mortificazione e di conseguenti sofferenze corporali, erano già allora un metodo molto usato dai saggi dell'India. Buddha ha vissuto troppo, ma senza successo; per questo motivo, esso lo ha lasciato molto presto e riconosciuto con intuizione realistico il legame indissolubile tra la forza e i poteri dello spirito e l'intelletto e la salute e la resistenza del materiale del corpo corporale. Una volta raggiunto il perfetto equilibrio e la giusta correlazione tra energia intellettuale e di carattere fisico, Buddha iniziato a camminare nel perseguimento della verità, che si è rivelata a lui, infine, una notte, mentre stava meditando profondamente ai piedi di un albero di fico.
Sulla base di tutti i buddisti struttura dottrinale contenuta una desolata e pessimistica concezione dell'esistenza: le gioie della gioventù, la salute e la vita sono effimere, come la vecchiaia, malattia e morte del telaio sul primo inesorabilmente. Ogni esistenza è dominata dal dolore, che sussiste eternamente in continuo pellegrinaggio da una ad un'altra vita. Per questo motivo, l'annientamento del dolore può essere ottenuto soltanto con il desiderio ("nirvana"); l'ignoranza e il desiderio di piaceri, o attaccamento alla esistenza, causare la reincarnazione.

Icona di Buddha su Twang, India
Il criterio del Buddha sul mistero che circonda l'uomo è riassunta nelle parole memorabili che sembra di avere consegnato la sera dell'illuminazione: "Ho viaggiato senza sosta cercando il generatore della casa (cioè, la causa della reincarnazione) del ciclo di vita: generatore della casa, sono stati scoperti;" non andate già nessun ulteriore edificio, perché il tuo travi sono rotti e distrussero il tetto della casa. Il cuore, che è già libero, ha estinto ogni desiderio".
Il testamento spirituale compreso in breve e solenne raccomandazioni indirizzate dal Buddha, morendo, suoi discepoli, è un toccante e presso la stessa sintesi di tempo realistico di tutti i suoi insegnamenti. Le ultime parole sono una boccata di rassegnazione calma nel perseguimento di indifferenza e una fervida attività nel senso di liberazione: "vi esorto, pertanto miei discepoli: che esiste è soggetto alla morte;" pagare la tua salvezza". La persona del Buddha, molto amato dai suoi seguaci, non era a quei tempi ma un ombra debole; tratti umani viventi a cui tali legami di affetto e di devozione tra di loro è andato estinti già per sempre. Il maestro supremo traffico attesta in modo esplicito ai fedeli che, afflitti e acquoso, è stato successivamente, coscientemente chiedere ai posteri l'ignoranza e la trascuratezza della propria persona. La sola eredità, lascia la sua dottrina della salvezza.

La dottrina del Buddha

La dottrina del Buddha era prima trasmessa oralmente e poi raccolto in una vasta produzione letteraria, scritta in varie lingue indiane (sanscrito, pali, Prakrit) ed extraindias (tibetano, cinese, tocarico). In ogni caso, questi scritti non sono stati compilati fino ai secolo A.C. e comprendono testi di generi diversi: sermoni, dialoghi, poesie o Max. Tra le molte scritture canoniche, abbiamo interamente il cosiddetto canone Pali o Tipitaka (tre cesti o cestini). Pitaka è un cesto di significato di parola pali; nei loro libri o testi, sono stati mantenuti come è fatto oggi in templi tibetani. Il Tipitaka comprende il Vinaya Pitaka o canestro della disciplina (Scritture che fanno riferimento alla comunità dei monaci), Sutra Pitaka o canestro del sermoni o discorsi (insegnamenti in forma di dialogo) e Abhidharma o del paniere della dottrina superiore (trattati filosofici e scolastiche).

Buddha adagiantesi del Gal Vihara Tempio
in Sri Lanka (XII secolo)
La dottrina del Buddha si riduce a chiamate quattro nobili verità. Il primo si riferisce a dukkha (letteralmente, "sofferenza") e dice che la vita è sofferenza. Questa asserzione non significa che la vita dominano il mal di testa rivolto verso i piaceri, ma che l'esistenza umana è doloroso per natura dalla nascita fino alla morte. Infatti, soffrendo anche estingue morendo, poiché, secondo gli insegnamenti dell'Induismo, la morte è semplicemente il primo passo per una nuova reincarnazione. Il concetto è più facile capire se, invece di "sofferenza", usiamo un termine come "insoddisfazione": anche se genera soddisfazioni, la vita umana è essenzialmente insoddisfacente.
Secondo la seconda nobile verità, la causa della sofferenza è Tropea. Tropea , letteralmente, significa "sete" ed è un'ovvia designazione metaforica del desiderio. Desiderio provoca sofferenza, e questo è a causa di quell'uomo, ignorando la vera natura della realtà, si sente l'ansia e l'avidità e aderisce alle cose materiali. L'essere umano desidera qualcosa di permanente, ignorante del mondo non non c'è nessun permanenza.
C'è, tuttavia, la possibilità di fuggire la sofferenza. La terza nobile verità dice semplicemente che l'esistenza di un nirodha ("fine"). È possibile ottenere l'annullamento del desiderio e così porre fine alla sofferenza; per effettuare questa operazione, l'uomo deve superare la sua ignoranza e andare oltre i legami mondani.
La quarta nobile verità, infine, stabilisce che c'è un terriccio o percorso per porre fine alla sofferenza. Questo metodo è noto come l'Ottuplice Sentiero o percorso degli otto stadi e richiede una corretta visione delle cose, buone intenzioni, un modo appropriato di espressione, esecuzione di opere buone, conducono una vita corretta, si sforzano positivamente, hanno buoni pensieri e impegnarsi in modo conveniente alla contemplazione. Cresciuto come precetti, essi potrebbero elencare come giustizia di visione, rettitudine d'intenzione, parola giustizia, giustezza di azione, rettitudine di vita, giustizia di sforzo, pensato giustizia e rettitudine nella meditazione. Solitamente, questi otto punti sono raggruppati in tre categorie: comportamento etico (sila), disciplina mentale (samadhi) e saggezza (prajna).

Monaci buddisti in un tempio in Laos
Queste quattro nobili verità sono infatti il corollario di una filosofia come parte di un'analisi dell'esistenza umana. L'essere umano è l'integrazione di un insieme di cinque realtà o Skandha: il corpo materiale, sensazioni, percezioni, la predisposizione a cose (tendenze karmiche cioè) e coscienza. Ogni persona è semplicemente un'effimera combinazione di questi cinque aspetti, che a loro volta sono soggetti a continui cambiamenti. Nessuno di questi aspetti rimane identica in due momenti successivi.
Ecco perché il buddismo nega che questo set di cinque realtà, presi singolarmente o insieme, può essere considerato come un'anima (atman), cioè come un'entità permanente indipendente del suo ambiente. È, pertanto, sbagliato concepire che c'è un'unità permanente che è un elemento costitutivo dell'uomo. Buddha disse che la fede in un cosiddetto è proprio permanente I che provoca che l'essere umano è egoista, aspetto con ansia e, di conseguenza, soffrire. Est, dalla nostra nascita, è stato associato a un nome, una casa, una famiglia, una religione, una cultura; È stato caricato con un enorme bagaglio di modelli sociali e circondato da oggetti e proprietà che si sta tentando di interrompere e bloccare la realtà sempre in evoluzione e soggetta a continue trasformazioni. E nel nostro desiderio di cose proprie, si aggrappano ai piaceri e rifiutare il dolore, quando alcuni e altri sono anche transitori. Questo tipo di frustrazione esistenziale è nostro dukkha. Di conseguenza, il Buddha ha insegnato la dottrina dell'anatman o la negazione dell'esistenza di un'anima permanente. Infatti, le caratteristiche distintive dell'esistenza umana sono anatman (assenza di anima), il anitya (caducità, costante cambiamento, che è comune a tutto ciò che esiste) e dukkha (sofferenza).
La dottrina dell'anatman ha reso necessario che Buddha reinterpretara samsara, il ciclo della reincarnazione nella credenza indù. A tal fine, il Buddha ha sviluppato l'idea dell'origine condizionata dell'esistenza (pratityasamutpada). Secondo questa dottrina, c'è una catena di dodici cause, mostrando come fosse ignorante in una vita precedente cause che la persona tende a sviluppare una serie di caratteristiche che determina le prestazioni della mente e i sensi. Il risultato di tale atto sarà l'ansia e l'attaccamento all'esistenza, e questo porterà ad un nuovo ciclo di nascita, vita e morte. Attraverso questa catena di cause, ogni vita è legata quindi alla successiva. Diventa così un flusso di nuove vite, piuttosto che un'esistenza permanente trasferito una vita; Infatti, è la credenza in una reincarnazione senza trasmigrazione.

Il Mara Dio gira la ruota della
reincarnazioni (scultura del XII o XIII secolo)
La dottrina del karma è strettamente legata a questa visione particolare della reincarnazione. Karma ha origine nelle azioni della persona e le conseguenze morali che derivano dalle loro azioni. Le azioni determinano la successiva reincarnazione: buone azioni vengono premiati e il male sono punito. Buddismo sostiene che non non c'è nessun piaceri non acquisiti o punizione ingiustificata, ma tutto è piuttosto il risultato di una giustizia universale. Ora, il processo karmico che agisce attraverso una legge morale naturale; È quasi come un principio astratto della causalità, senza alcun intervento in un sistema di giustizia di origine divina. Aspetti quali l'aspetto fisico, il loro livello di intelligenza, la loro longevità, loro salute e la loro classe sociale determina il karma di ogni individuo. Secondo gli insegnamenti del Buddha e a seconda della natura del tuo karma, il reencarnará individuali in un essere umano, un animale, un fantasma, un infernale essendo o anche in qualche Dio della religione induista.
Buddismo non nega l'esistenza degli dèi, ma non dato speciale importanza. Anche se la sua vita in cielo è lunga e delicata, i dèi sono soggetti agli stessi leggi e principi come qualsiasi altra creatura; possono morire e reincarnarsi in uno stato di esistenza inferiore. I dèi non crea il mondo o influenzare il destino dell'umanità, così pregare o dare loro utilità manca offerte o sacrifici. Infatti, tra le varie forme di reincarnazione, considerato che l'essere umano è il migliore, perché i dèi vivono così assorto in loro piaceri che dimenticano la necessità di adoperarsi per raggiungere la redenzione.
L'obiettivo finale dell'Ottuplice Sentiero è quello di raggiungere la libertà dalla sofferenza insita nell'esistenza fenomenale. Ciò si ottiene raggiungendo il nirvana, stato di illuminazione che spegne il fuoco di tutti i desideri e l'avidità, l'odio e l'ignoranza sono superate. Tale stato non deve essere confuso con un annientamento; Una volta che ha raggiunto il nirvana, l'illuminato può continuare a vivere e rimuovere eventuali residui di karma che può rimanere fino al momento della sua morte, entrando in uno stato ultimo di nirvana assoluto, chiamato parinirvana. In realtà, il nirvana è uno stato di coscienza che non si può descrivere a parole e che è di là di qualsiasi definizione. Quando si tenta di descrivere, sono sostenute smentite e paradossi. Buddha si riferì a lui con queste parole (Udana 8,1): "monaci, qualcosa senza terra, non ci sono, né acqua, né fuoco, né aria, libero spazio illimitato, senza consapevolezza, senza niente, senza uno stato di percezione; qualcosa di questo mondo o in un altro mondo, senza luna o sole; Questo, monaci, non chiamarlo andare o venire, essere, o di nascita o di morire; Non ha base, durata o condizione. Questa è la fine della sofferenza".

Tempio Mahathat (Sukhothai, Thailandia)
Senza sminuire gli altri precetti dell'Ottuplice Sentiero, che funzionano come fondamenti essenziali, è necessario sottolineare l'ultimo di essi, meditazione, come certamente difficile tecnica cui pratica corretta e continua permette di purificare la mente e ascendere in Stati di coscienza successivi all'illuminazione. La meditazione non è nient'altro che il raccolto dei quattro fondamenti della cura: il Monaco si siede a gambe accavallate, tenere il corpo in posizione verticale e gli avvisi di attenzione e osservazioni pratiche del corpo, la mente, sentimenti e il contenuto del mentale.
Questo sarebbe un primo passo nella meditazione, ma significa qualcosa di apparentemente semplice come perturbare il funzionamento della mente. Il meditatore dovrebbe essere evitato che la mente si concentra nel mondo esterno o proprie fantasie o immagini mentali per essere risolto nel respiro, sentimenti o altri oggetti a seconda del tipo di meditazione che seguono. Così è immerso in un mondo senza reazione e parole, remoti e aliene al ogni giorno gamma percettiva ci cattura con le sue mille sfaccettature illusorie; e l'illusione prima e fondamentale è proprio quello di un sé non modificabile. Il meditatore sta diventando consapevole del cambiamento e flusso che hanno caratterizzato l'esistenza, di successione costante e continua di percezioni e pensieri, dell'impossibilità di qualcosa di permanente.
Qualsiasi persona può raggiungere il nirvana, anche se in pratica è considerato che si tratta di un obiettivo che è accessibile solo ai membri di una comunità monastica, che ha dedicato la sua vita ad esso. Nel Buddhismo Theravada, che raggiunge l'illuminazione avendo seguito l'Ottuplice Sentiero è chiamato arhat (quello che vale molto). Coloro che non sono in grado di raggiungere l'obiettivo finale dovrebbe essere attenti ottenere una migliore reincarnazione attraverso il miglioramento del loro karma. Questo è normalmente l'aspirazione dei laici buddisti, cui scopo principale e la speranza è raggiungere, attraverso migliori reincarnazioni, una vita in cui raggiungere l'illuminazione finale.
Pubblicato per scopi didattici autorizzati da: Biografías y Vidas
Biografie di personaggi famosi e storici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…