Passa ai contenuti principali

Biografia di Baron de Montesquieu | Francese pensatore.

(Charles-Louis de Secondat, baron de Montesquieu) Francese pensatore (La Brède, Bordeaux, 1689 - Parigi, 1755). Appartenente ad una famiglia della nobiltà di toga, Montesquieu ha seguito la tradizione di famiglia per studiare bene e diventare direttore del Parlamento di Bordeaux (che ha presieduto del 1716-1727). E ' venduto ufficio e si dedicò per quattro anni di viaggi in giro per l'Europa alla ricerca presso le istituzioni e i costumi di ogni paese; Era particolarmente attratto dal modello politico britannico, le cui virtù trovato argomenti aggiuntivi per criticare la monarchia assoluta che regnava in Francia del suo tempo.

Il Barone di Montesquieu
Montesquieu era già diventata famosa con la pubblicazione delle sue Lettere persiane (1721), una critica sarcastica della società del tempo, che gli è valso entrata in Accademia di Francia (1727). Nel 1748 pubblicò la sua opera principale, l'opera dello spirito delle leggi, di grande impatto (fatto 22 modifiche nella vita dell'autore, come pure più traduzioni in altre lingue). Dobbiamo inquadriamo il loro pensiero nello spirito critico dell'Illuminismo francese, con cui ha condiviso i principi della tolleranza religiosa, l'aspirazione alla libertà e alla segnalazione di vecchie istituzioni disumane torture o schiavitù; ma Montesquieu partito razionalismo astratto e il metodo deduttivo da altri filosofi illustrati per cercare una più concreta, empirica, conoscenza relativistica e scettica.
Nello spirito delle leggi, Montesquieu ha elaborato una teoria sociologica del governo e legge, mostrando che la struttura di entrambi dipende dalle condizioni dove vivono ogni città: di conseguenza, per creare una stabile sistema politico ha dovuto prendere in considerazione lo sviluppo economico del paese, suoi costumi e tradizioni e determinanti anche geografici e climatici.
Dei vari modelli politici definiti, Montesquieu assimilato la Francia di Luigi XV - una volta rimosso il parlamenti - dispotismo, che poggiava sulla paura dei soggetti; Ha invece lodato la Repubblica, costruito sulla virtù civica del popolo che si è identificato con un'immagine idealizzata della Roma repubblicana; ma, equidistante da entrambi, definita la monarchia come un sistema in cui la libertà era anche possibile, ma non a seguito di una virtù civica difficilmente realizzabili, ma la divisione dei poteri e l'esistenza di intermedio - quali i poteri di clero e nobiltà - che limitano le ambizioni del principe.
Era quel modello, che identificato con l'Inghilterra, che Montesquieu ha voluto applicare in Francia, per capire che cosa del caso alle loro circostanze nazionali. La stessa chiave sarebbe la divisione dei poteri esecutivi, legislativi e giudiziari, inclusa la creazione di un sistema di equilibri che ha impedito che nessuno potrebbe degenerare in dispotismo.
Poiché la costituzione degli Stati Uniti, catturato nella scrittura di tali principi, l'opera di Montesquieu ha esercitato un'influenza decisiva su liberali che in scena la rivoluzione francese del 1789 e la successiva costruzione di regimi costituzionali in tutta Europa, diventando un dogma del diritto costituzionale che è sopravvissuto a questo giorno. Ma, insieme a questo componente innovativo, non può dimenticare la natura conservatrice della monarchia limitata proposta da Montesquieu, che cercava di salvaguardare il potere in declino dei gruppi privilegiati (ad esempio di nobiltà, a cui egli stesso apparteneva), consigliando, ad esempio, la rappresentanza esclusiva in una delle due camere del Parlamento.
Pubblicato per scopi didattici autorizzati da: Biografías y Vidas
Biografie di personaggi famosi e storici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…