Biografia di Aristotele | Sua vita e chi è.

Discepolo di Platone e precettore di Alessandro Magno, è stato il filosofo più influente nella storia del pensiero occidentale.
Filosofia occidentale si basa sul lavoro di tre grandi filosofi greci dell'antichità: Socrate, Platone e Aristotele. Nonostante il rapporto unico che li ha Uniti (Socrate era maestro di Platone, che era al tempo di Aristotele), l'orientamento del suo pensiero prese strade diverse e corrisponderebbe ad Aristotele, che si conclude con gli sforzi dei loro insegnanti e più duratura influenza, non solo nel campo della filosofia e della teologia, ma praticamente in tutte le discipline scientifiche ed umanistiche. Infatti, il rigore della sua metodologia e per l'ampiezza dei campi che comprendeva ed sistematizzato, Aristotele può essere considerato il primo ricercatore scientifico nel senso moderno della parola.


Aristotele
Alcuni esempi possono dare idea di fino a ciò che Aristotele punto stabilito la base che forma il pensiero europeo: teologie cristiane e musulmane del Medioevo ha preso la sua metafisica; Astronomia e fisica aristotelica è rimasto in vigore fino al XVII secolo; suoi studi zoologici, fino al XIX secolo; logica, fino al XX secolo. suoi solo cinquanta pagine sull'estetica continuano discutendo nei nostri giorni. Sua autorità indiscussa, rinforzati dalla tardo Medioevo con l'aristotelismo ecclesiastico, anche rallenta lo sviluppo della scienza. Prendere questo fatto come un'accusa, avrebbe dovuto dirigerla non verso il filosofo, ma i suoi seguaci dogmatiche; ma è più ragionevole di prenderlo come un'illustrazione della scala sovrumana del loro marchio e avanzamento abissale che ha rappresentato il suo lavoro.

Nell'Accademia di Platone

Aristotele nacque nel 384 A.c. a Stagira, una cittadina macedone vicino Monte Athos; sua popolazione nativa viene da un'indicazione comune per riferirsi al filosofo: il Estagirita. Suo padre, Nicomaco, era medico di Corte di Aminta III, padre di Filipo II di Macedonia e, di conseguenza, nonno di Alessandro Magno. Nicomaco appartenuto alla famiglia dell'Asclepiade, discendente del fondatore della medicina Dio viene rivendicata e la cui conoscenza è stata trasmessa di generazione in generazione. E vi invita a pensare che Aristotele è stato avviato di bambino nei segreti della medicina, e che quindi è venuto il suo hobby di ricerca sperimentale e scienza positiva. Orfano di padre e madre in piena adolescenza, è stato adottato da prossenia, che potrebbe mostrare anni dopo la sua gratitudine con l'adozione di un figlio la sua chiamata Nicanor.
Durante l'anno 367, cioè quando aveva diciassette anni, egli è stato inviato ad Atene per studiare all'Accademia di Platone. Non è noto che tipo di rapporto personale è stata stabilita fra due filosofi, ma a giudicare dai scarsi riferimenti che fanno di altro nei suoi scritti, non possiamo parlare di un'amicizia duratura. Che, d'altra parte, ha un senso se si considera che Aristotele stava per iniziare il proprio sistema filosofico basato su una profonda critica del platonismo.

Platone e Aristotele nella Scuola di Atene (1511), Rafael
Defunti da Socrate e il suo concetto di eidos, ma difficoltà di Platone per inserire nel mondo reale il tuo mondo di eidético, il mondo delle idee, Aristotele costretto a andare che illustra termini come «sostanza», «materiale» e «forma», che lui avrebbero alienato definitivamente dall'Accademia. D'altra parte è assolutamente falsa leggenda secondo cui Aristotele lasciati Atene fumante perché Platone, alla sua morte, nominare a suo nipote Espeusipo a farsi carico dell'Accademia: per la sua condizione di macedone, Aristotele non era legalmente ammissibili per il lavoro.

Precettore di Alessandro Magno

La morte di Platone nel 348, Aristotele aveva trenta-sei-anno-vecchio, aveva trascorso venti di loro contemporaneamente insegnamento con studio ed era in Atene, come si suol dire, senza scambi o profitto. Così non dobbiamo pensare a questo proposito molto quando ha saputo che Ermia di Atarneo, un soldato di Ventura greco (per maggiori dettagli, eunuco) sta parlando sequestrati il nord-ovest dell'Asia minore, è stata raccolta nella città di Axos, molti discepoli dell'Accademia piacerebbe collaborare con lui sull'ellenizzazione dei loro domini. Aristotele è stato installato in Axos in compagnia di Senocrate di Calcedonia, un collega accademico e Teofrasto, discepolo e futuro erede dell'eredità aristotelica.
Il Estagirita ci sarebbero tre anni di pacifici e fruttuosi, dedicandosi all'insegnamento, scrittura (Gran parte della sua politica redatto c') e domestico vita. In primo luogo sposato una nipote di Ermia, tiranno di Siracusa, dalla quale ebbe una figlia di nome. Tiranno di Siracusa che egli doveva per morire poco dopo e Aristotele si unì al nome di un altro estagirita Erpilis, che gli diede un figlio, Nicomaco, che ha dedicato la sua etica. Poiché la propria Aristotele ha scritto che l'uomo dovrebbe sposare a trentasette anni e le donne a diciotto anni, è facile dedurre che cosa età dovrebbe avere uno e l'altro quando egli si unì a loro.

Alessandro Magno e Aristotele
Dopo l'omicidio di Ermia, 345, Aristotele è stato installato a Mitilene (Lesbo), dedicando, in compagnia di Teofrasto, allo studio della biologia. Due anni più tardi, nel 343, fu assunto da Filipo II di Macedonia ad Alejandro, ad assumersi la responsabilità per l'educazione dei propri figli al momento di tredici anni di età. Non si sa molto del rapporto tra i due, poiché leggende e falsificazioni hanno cancellato ogni traccia della verità. Se true il carattere che suoi contemporanei attribuite a Alejandro (che marca all'unanimità arrogante, ignorante, vendicativo e crudele e bevitore), non si nota caratteristica di influenza che Aristotele era in grado di esercitare su di essa. Come nessuno avverte l'influenza di Alessandro Magno il suo padrone nell'arena politica: anni più tardi, mentre Aristotele ancora stava predicando la superiorità della città stato, suo discepolo presunta stabilito le fondamenta di un impero universale, senza la quale, secondo gli storici, la civiltà ellenica aveva soccombuto molto prima.

Il liceo di Atene

Poco dopo la morte di Filippo (336 A.C.), Alejandro fatto eseguire a un nipote di Aristotele, Callistene di Olinto, che ha accusato il traditore. Conoscere la natura vendicativa del suo discepolo, Aristotele si rifugiò l'anno nelle sue proprietà di Stagira, trasferirsi nella 334 ad Atene a fondare sempre accompagnato da Teofrasto, il liceo, un Istituto pedagogico che sarebbe in concorrenza con l'Accademia platonica, diretto a quel tempo dal suo vecchio compagno Senocrate di Calcedonia per anni.
Undici anni tra il suo ritorno ad Atene e la morte di Alessandro, nel 323, sono stati utilizzati da Aristotele per effettuare una revisione approfondita di un'opera che, nelle parole di Hegel, costituisce il fondamento di tutte le scienze. Per dirla come il più conciso possibile, Aristotele era un sintetizzatore prodigioso di conoscenza, così attenti generalizzazioni che costituiscono la scienza e le differenze che distinguono gli individui non solo tra loro, ma impedire di ridurre grandi generi dei fenomeni e delle scienze che studiano loro. Gli esseri umani, dice Aristotele, possono essere mobile e immobile e allo stesso tempo non separati o separati (della materia). La scienza che studia gli esseri mobili e non separati è fisica; stazionari e non separati esseri è matematica e le direttive e ancora cose la teologia.

Aristotele (olio di José de Ribera, 1637)
L'ampiezza e la profondità del suo pensiero sono tali che è stato necessario aspettare duemila anni per qualcuno di statura simile derivano. Dopo di che, nel XIII secolo, Santa Tomás de Aquino integrare loro dottrine nella teologia cristiana, l'autorità della Estagirita è venuto ad essere così consolidata e indiscussa come ha esercitato la Chiesa, e sia nella scienza e nella filosofia qualsiasi tentativo di progresso intellettuale avrebbe dovuto cominciare con un attacco su uno qualsiasi dei principi filosofici aristotelici. Tuttavia, il percorso seguito dal pensiero di Aristotele fino alla sua successiva protuberanza è così sorprendente che, attualizzando anche che la leggenda è stata in grado di aggiungere, sembra un argomento di romanzo d'avventura.

L'avventura dei manoscritti

Con la morte di Alessandro nel 323, diffusione innescata un'ondata di nazionalismo in Atene (antimacedonio) di Demostene, che ha segnato Aristotele affrontato un accusa di empietà. Non essendo nella sua mente ripetendo l'avventura di Socrate, Aristotele andò in esilio all'isola di Calcide, dove morì nei 322. Secondo la tradizione, Aristotle ha dato loro opere di Teofrasto, che ha dato loro a sua volta di Neleo, che li ha inviati a casa dei suoi genitori in Esquepsis solidamente confezionati in scatole e con l'ordine che escondiesen loro in una grotta per evitare che essi furono requisite con destinazione alla biblioteca di Pergamo.
Molti anni più tardi, gli eredi di Neleo li ha venduti Apelicon di Teos, un filosofo che li portò con sé ad Atene. Nell'86 A.C., in occupazione romana completa, Sila appreso dell'esistenza di quelle scatole e confiscate per mandarli a Roma, dove sono stati acquistati dal grammatico Tiranion. Di mano in mano, le opere erano soggetti ad usura successivo fino a quando, nel 60 A.C., sono state acquisite da Andronico di Rodi, ultimo responsabile per il liceo, che ha provveduto alla sua edizione finale.
Andronico l'introduzione del termine "metafisico", per esempio. Nella sua gestione dell'opera aristotelica, Andronico era, accanto a libri di fisica, una serie di trattati che raggruppati sotto il titolo di metafisica, etichetta insipido che significava letteralmente "dopo la fisica" e che più tardi avrebbe designato questo ramo fondamentale della filosofia. Aristotele mai usato quel termine; i trattati così intitolati affrontato quello che il Estagirita chiamato "filosofia prima".
Con la caduta dell'Impero Romano, le opere di Aristotele, come quelli del resto della cultura greco-romana, sparito fino al XII secolo, sono state recuperate dall'arabo Averroè, che li ha incontrati attraverso la siriani, Arabi ed ebree versioni. Il totale di 170 opera raccolta cataloghi antichi, solo 30, arrivando ad occupare alcuni duemila pagine stampate sono state salvate. La maggior parte di loro provengono da «acroamaticos» scritti appelli, progettati per essere utilizzato come trattati al Liceo e non deve essere pubblicato. D'altra parte, perse la maggior parte delle opere pubblicate in vita di Aristotele proprio, scritti (spesso nei dialoghi modulo) per il grande pubblico.

Cronologia di Aristotele


384 A.C.Nacque a Stagira, Macedonia (da qui il suo soprannome di El Estagirita )).
367 A.C.Si trasferì ad Atene per studiare presso l'Accademia di Platone, dove più tardi serve come maestro.
347 A.C.Platone muore.
348 A.C.Si trasferì a Axos, che serve a Ermia di Atarneo. Durante questo periodo si sposò con il tiranno di Siracusa, nipote di Ermia, dalla quale ebbe una figlia. Dopo la prematura morte del tiranno di Siracusa ha sposato Erpilis, dalla quale ha avuto un figlio, Nicomaco, a cui dedicherà la sua Etica Nicomachea. Preparerà anche sua politica.
345 A.C.Dopo l'omicidio di Ermia, si deposita a Mitilene (Lesbo). È dedicato allo studio della biologia con Teofrasto.
343 A.C.Filippo di Macedonia lo ha assunto come tutore di suo figlio Alejandro.
334 A.C.L'accesso a Alejandro al trono, Aristotele torna ad Atene e fonda il liceo. In questa fase ha prodotto la maggior parte del suo lavoro.
323 A.C.La morte di Alessandro eretto un'onda di antimacedonica su Atene costringendo Aristotele ad andare in esilio.
322 A.C.Muore sulla isola di Calcide, terra di sua madre, i sessantadue anni di età.

Filosofia di Aristotele

Come l'autore di un sistema filosofico e scientifico che diventano base e veicolo del cristianesimo medievale e islamica ed ebraica Scholastic, Aristotele è stato determinato, più di qualsiasi altro filosofo, l'orientamento e il contenuto della storia del pensiero occidentale. Le sue opere avrebbe una notevole influenza su innumerevoli pensatori per quasi duemila anni e continuano ad essere studiati da più specialisti nei nostri giorni. La filosofia di Aristotele è, insieme al suo maestro Platone, l'eredità più importante del pensiero dell'antica Grecia.
Pur essendo un discepolo di Platone, Aristotele si allontana dalle posizioni idealistiche per creare un pensiero naturalistico e realistico. Contro la separazione radicale tra mondo sensibile e mondo intelligibile posato dalle dottrine platoniche, ha difeso la possibilità di apprendere la realtà dall'esperienza. Così, contro la tesi del suo Maestro, considerava che idee o concetti universali cose non devono essere separate, ma sono immersi in loro come principi informatori della materia.

Aristotele (olio su tela di Francesco Hayez, 1811)
Tuttavia, gli sforzi di Aristotele non solo affrontato lo studio speculativo delle cose e le loro cause, ma che è coerente con i loro concetti, ha dato grande importanza a studi scientifici e l'osservazione della natura. Non meno importanti sono i suoi scritti sulla logica formale e le sue riflessioni sulla morale, politica ed estetica. Secondo le fonti antiche, il filosofo greco ha scritto 170 opere, ma solo 30 sono stati conservati fino ai nostri giorni.

Metafisica

La metafisica di Aristotele è la mano critica per quanto riguarda il suo maestro Platone, e da un altro costruttivo, poiché esso è volto a raggiungere una nuova sistematizzazione. Dovrebbe essere notato che né il maestro né discepolo impiegato il termine "metafisica", che è stato coniato da Andronico di Rodi, editor dell'eredità aristotelica. Che cosa pretende di metafisica è arrivare a conoscere "prima cause e principi", e perché Aristotele chiamava "filosofia prima", scienza che considera l'essere in quanto essere allo studio di questioni metafisiche. Affrontando le cause prime e reale, può essere considerato altrettanto scienza scienza divina, teologica (Stoicheiosis episteme )).
Aristotele respinge la teoria platonica delle idee separate dalle entità di questo mondo. Ciò che veramente esiste non sono le "riflessioni" di idee, ma le entità, catturate dai servizi segreti e in cui si trova l'aspetto universale. Essere tutti dà la sostanza (ousia, essenza di ogni singola entità sussistente in sé) e l' incidente (una qualità che non esiste in sé, ma nella sostanza). La sostanza rimane di là di tutte le modifiche accidentali che si verificano. Ad esempio, l'albero è ancora un albero anche se perdono le foglie in autunno; Se l'albero muore, subisce un cambiamento sostanziale e cessa di essere un albero.

L'ilemorfismo

Sostanze sensibili sono formate da due principi: Importa, dicendo che ciò che viene fatto una cosa e la forma, layout o struttura dello stesso. Questa dottrina è chiamata ilemorfismo o teoria hilemorfic (di hile, della materia e morphe, forma). Questione è il substrato complessivo di qualsiasi sostanza corporea, e da esso derivare le proprietà fisica comune a tutti i corpi, ma, se single, non è ancora conoscibile: è impossibile sperimentare una questione non specificata, non integrata in un modulo. La materia è un principio indeterminato che acquisisce la sua determinazione a causa della forma; la forma è il principio determinante che rende qualunque cosa. Entrambi i principi sono inseparabili.
La distinzione aristotelica tra sostanza e accidentalmente aiuta a comprendere il concetto di forma. Un essere individuale è composto di materia e forma sostanza, che è il disegno strutturale della materia. Attraverso i sensi e l'intelletto identifichiamo tale disegno e includono l'essere in un genere; la forma sostanziale permette di includere alcuni frutti del genere "Apple" e distinguerlo da un dado. Ora, la dimensione, forma, colore o sapore variano da un blocco a altro; questi tratti, che ha individuato in particolare una mela, impostare la sua accidentalmente.

Studio della natura di Aristotele
Come si può vedere, forme sostanziale e idee platoniche sono nozioni correlate. Ma per Platone le idee sono trascendente: trovato in un mondo a parte, il mondo delle idee, e gli esseri del mondo sensibile (la nostra) sono semplici riflessioni di idee. In Aristotele, c'è solo il mondo sensibile; materia e le forme sostanziale sono due principi costitutivi che risiedono negli stessi esseri, cioè sono immanente.

Potenza e atto

Per spiegare il cambiamento, Aristotele utilizza i concetti di atto e potenza, determinazioni prime di essere. Power significa un potenziale che ha un essere; l' atto è la realizzazione di tale potenziale. Aristotele definisce cambiamento come il passaggio del potere di agire. Così, mosto d'uva ha tra i suoi poteri o abilità il vino diventa. Dopo la fermentazione del mosto, ottenere vino: questo potere o potenziale del succo d'uva è stato fatto.
Come già indicato, ci sono due tipi di cambiamento: il cambiamento e la modifica accidentale. In modifica sostanziale, un convertito in un altro, che implica un doppio processo simultaneo di corruzione della prima e seconda generazione . Nel modifica accidentale, la sostanza rimane; vengono modificate solo le qualità accidentali. Modifiche accidentali possono essere di tre tipi. Sul cambiamento quantitativo quantità è alterata (l'albero che cresce guadagni in altezza, ma è ancora un albero). Qualitativa modificare modifica l'attributo (lenticchie sono morbide dopo una cottura prolungata). Modifica locale è semplicemente cambiamento o movimento da un luogo a altro.

Tipi di cause

Con le nozioni di potenza e atto sappiamo come sono le modifiche o i movimenti. Ora, il passaggio dal potere di agire non avviene spontaneamente; l'azione di un agente esterno, di una causa è accurata. Per Aristotele, i motivi o le cause del cambiamento sono quattro: causa materiale, causa formale, causa efficiente e causa finale (o teleologico). Filosofo proprio li illustra con la realizzazione di una scultura. Le cause efficienti della trasformazione del blocco di marmo statua è l'azione dello scultore, quali modelli e cesellare il marmo una rappresentazione di, ad esempio, la dea Afrodite.
Nel moderno e comune senso della parola, l'unica causa è la causa efficiente. Ma Aristotele, è più che causa, parlando di "elementi" che sono necessariamente coinvolti nel cambiamento e spiegano; Così, la causa materiale determina e spiega che la statua completata è fatta di marmo e la causa formale, che riproduce il corpo di una donna bellissima. In comune con lingua parlavamo cause finali, ma, semplicemente, scopo. Nell'esempio, la causa finale è lo scopo dello scultore, che è anche un fattore che influenza il passaggio della statua di marmo; Così, il lavoro rispetterà iconografia tradizionale se l'artista intende dedicare per presiedere un tempio dedicato alla dea, ma può essere più personale se lo scopo è quello di decorare un soggiorno privato.
Esempio dello scultore, è chiaro che qualche scopo lo spinge ad eseguire la statua, ma direi che le modifiche operate da agenti non consapevoli, dalle forze della natura? Ad esempio, il sole riscalda l'acqua del mare, che evapora e solleva nuvole di formatura. Sole per formare nuvole con qualche scopo, ma non si può dire che tale modifica abbia quello che potrebbe essere definito un "obiettivo finale": le nuvole portano la pioggia, che feconda la terra e rende possibile l'esistenza di esseri viventi (sopra l'inerte); vengono nutriti gli animali piante e di entrambi gli uomini, essendo il più perfetto. La causa finale è di grande importanza per il Estagirita, poiché è convinto che tutto esiste per uno scopo, per tutti, dalla propria immanenza, Cerca la sua perfezione intrinseca.

Primo motore e puro atto

La scienza metafisica di Aristotele culmina nella teologia, che si occupa di se c'è per è, cioè, l'entità nel suo senso più pieno, la pura forma senza materia. Per dimostrare l'esistenza di che essere ricorsi a diversi argomenti: "tra le cose che ci sono uno è meglio di altro; "da lì che c'è una cosa ottima, che dovrebbe essere il divino". La sua argomentazione più noto è il cosiddetto cosmologicadifficile situazione: cose di questo mondo sono deperibili e pertanto subire modifiche; Questo cambiamento sta accadendo al momento. Cambiamento e ora sono, Beh, sempreverde; più per consentire il cambiamento o l'eterno movimento deve essere una sostanza eterna in grado di produrre quel movimento. Ma non possiamo tornare indietro all'infinito per trovare le cause delle cause, così noi dobbiamo arrivare a un essere supremo. Quell'essere, tuttavia, non viene visualizzato in Aristotele come il creatore del mondo, perché è eterna.

Aristotele (olio di José de Ribera, 1637)
Già nei loro trattati di fisica, Aristotele aveva esposto il concetto del motore primo. Ogni creatura che si muove è mosso da un altro; Poiché non possiamo andare indietro in questa catena all'infinito, ci deve essere un motore primo, che è ancora: se è mobile, esso sarebbe stato spostato da un altro ex motore e non sarebbe il primo. Aristotele approfondisce questa idea nei suoi scritti di metafisica. Come il movimento è passaggio del potere di agire, l'immobilità stessa implica che la motrice non è in potere nei confronti di qualsiasi atto, cioè, non hanno alcun potenziale: è puro atto. Di conseguenza, è irrilevante (la questione presuppone sempre potenziale) e assolutamente perfetto; Nulla nell'ordine di essere e di perfezione, non può mancare come se ti manca qualcosa sarebbe in potenza rispetto a quello di quell'idea, e non sarebbe più stato un puro atto.
Dalla stessa perfezione dobbiamo attribuiamo vita a questo essere superiore e la vita nel suo grado più perfetto; e non possiamo dare un'altra attività rispetto al teorico o contemplativa, che non richiede movimento e non è orientato a soddisfare qualsiasi esigenza. Così, il Dio aristotelico è puro intelligenza, puro pensiero implacabile che pensa a se stesso; l'oggetto del suo pensiero non può consistere delle cose esterne ad esso, perché sarebbe poi dipendono tali cose. Autonoma, trascendente, distaccato dal mondo, Dio è eternamente felice pensando per sempre.
Separato dal cosmo e senza alcun contatto con esso, come può Dios agire sul mondo, spostarlo come un primo motore? Dato la sua massima perfezione e la sua pienezza se, a Dio tutte le bugie appetibile, tutto ciò che è degno di essere chiamato, tutto ciò che merita di essere posseduto; di conseguenza, si trasferisce a tutte le cose come si muove bene desiderato o si muove di bellezza che esso contempla. Dio muove il mondo non come causa efficiente, ma come una causa finale, cioè come ultimo (perfetto) a cui tende l'universo. Allo stesso modo che l'amato è la sua bellezza e bontà abbastanza per attirare un amante, Dio non esercita alcuna forza: movimento emerge in cose come uno sforzo verso la perfezione.

Anima e conoscenza

Tutti gli esseri viventi sono presentati ad Aristotele come possessori dell'anima (psiche), perché si distinguono dagli esseri inorganici o inanimati. Secondo la sua definizione di noto, l'anima è la forma di un corpo che ha la vita in potenza. Dottrina hilemorfic si applica anche agli esseri viventi: sono composti da materia (il corpo) e forma (l'anima). L'anima è il principio vitale che esegue una potenzialità della materia: costituiscono un essere vivente. Aristotele distingue tre tipi di anima: vegetativa (di piante, ma anche negli animali e nell'uomo), sensibile (il proprietario di animali e dell'uomo) e razionale (esclusa l'uomo). Questo ha tre caratteristiche: è la causa del movimento del corpo, conosciuto ed è disincarnata.

Aristotele (particolare di un dipinto di giusto di Gand, c. 1476)
Questa concezione è dedotto le conseguenze immediate e in contrasto con il pensiero di Platone e altri filosofi; ad esempio, l'anima non esiste prima della nascita dell'essere vivente (rifiuta la pre-esistenza dell'anima), o passare da una vita di un altro (trasmigrazione delle anime). L'anima non è accidentalmente imprigionato nella prigione del corpo; così come materia e forma, il corpo e l'anima sono inseparabili e interdipendenti principi costitutivi che formano un composto consistente, così che nessuno può avere un'esistenza propria.
Con l'estinzione dell'anima nella morte, il corpo perde il suo principio vitale e la materia si decompone. Questo certamente si verifica nelle piante e negli animali; d'altra parte, la posizione di Aristotele sulla possibile immortalità dell'anima umana è stata oggetto di interpretazioni divergenti. Rispetto alle conoscenze, Aristotele non supporta le dottrine di Platone, né l'innatismo. La mente alla nascita è "tamquam tabula rasa", in cui nulla è scritto. Conoscenza comincia nei sensi, come ci dimostra l'esperienza. Bacini imbriferi dei sensi sono arrestati dall'intelletto, passando il concetto. In questo modo raggiungiamo la conoscenza spirituale.

Etica

L'etica di Aristotele ha uno scopo che è riassunta nel perseguimento della felicità. Per alcuni, la felicità consiste nei piaceri; per gli altri, la ricchezza; ma l'uomo saggio la cerca nell'esercizio dell'attività che è il suo uomo, cioè, nella vita intellettuale. Ciò non esclude il godimento moderato dei piaceri sensibili e altri beni, purché non ostruisca la contemplazione della verità.
Su questa base, Aristotele ha sviluppato il concetto di virtù. Consiste in virtù di mezzo; Così, il coraggio è la virtù che si trova tra due estremi ugualmente viziosi, codardia (mancanza di valore) e incoscienza (valore in eccesso che conduce a rischi inutili). Cosa vuoi dire in qualità di uomo deve essere disciplinata da prudenza o retta regola. Ci sono due modalità di virtù: la dianoeticas (che si riferiscano all'esercizio dell'intelligenza) e l'etica (riferendosi alla sensibilità e affetto). Tutte le virtù sono abitudini che vengono acquisiti attraverso la ripetizione. La virtù per eccellenza è la giustizia, che è in conformità con le leggi e rispetto agli altri cittadini.

Politica

Per Aristotele, l'uomo è un "animale politico" in natura; Questa famosa espressione deve essere intesa come "animale sociale", poiché "politico" deriva da polis, la città-stato greca, che è la forma più avanzata della società. Solo animali e divinità può vivere isolato. Forza naturale verso la riproduzione e conservazione suggerimenti per gli uomini a vivi Uniti, prima in famiglia, poi nel villaggio (Unione di diverse famiglie) e infine in città-stato (troppi né troppo pochi abitanti). Il corretto funzionamento di una città-stato non è protetto solo da testamenti che unisce verso lo stesso scopo; È necessario anche delle leggi ragionevole e appropriate che rispettano le differenze ed educare i cittadini alla responsabilità civile all'interno di libertà (Aristotele, nella sua mentalità greca classe, non concepito il diritto alla cittadinanza per donne o schiavi).
Ci sono tre forme del legittimo governo: monarchia (governo di uno), aristocrazia (governo dei migliori) e la democrazia (governo di molti). Queste forme dritte di governo si oppongono tre forme degenerate, in cui i governi dispensare con il bene generale e cercano solo il proprio interesse: tirannia, oligarchia e demagogia. Non si può dire quale dei tre è meglio, perché per ogni città in particolare devi dedurre da un'indagine obiettiva delle varie forme storiche di governo e precisare le circostanze che cosa è più adatto per un determinato stato (Aristotele raccolte e studiate le Costituzioni degli 158 Stati). In linea di principio, qualsiasi forma di governo è buona se chi governa Cerca il bene del governato.

Sua influenza

Per lungo tempo il pensiero aristotelico fu eclissato dal prestigio delle dottrine di Platone. Nel tempo della Roma cristianizzata, naturalismo e realismo di Aristotele erano disprezzati e neoplatonico Plotino e Beocio letture sono basate. A causa dello spiritualismo che caratterizza il pensiero medievale, le dottrine di Platone goduto preminenza fino al XII secolo.
Filosofi arabi (e, in particolare, Avicenna e Averroes) ha aiutato che pensiero aristotelico è stata nuovamente oggetto di attenzione in Occidente. Crescente interesse in natura dimostrata da Christian pensato nel Medioevo ha permesso che le opere di Aristotele sono state studiate. Albertus Magnus e Roger Bacon ha sostenuto il pensiero di Estagirita, e Santa Tomás de Aquino trasformato la base della teologia cristiana.
La rivoluzione scientifica del Rinascimento, con figure chiave come Francis Bacon della Gran Bretagna a livello filosofico e Galileo lo scienziato, minato l'autorità di Aristotele. Anche se Galileo e Newton finiquitaron fisica aristotelica e astronomia, studi sulla biologia e logica della Estagirita mantenuto in vigore fino ai secoli XIX e XX, rispettivamente, e sue scritture filosofiche ha continuato a esercizio influenza sopra diverse correnti di pensiero l'idealismo, il neoescolasticismo, il comportamentismo e il dinamismo di Bergson, tra gli altri.
Pubblicato per scopi didattici
Biografie di personaggi famosi e storici