Biografia di Antonio Vivaldi | Compositore e violinista.

(Antonio Lucio Vivaldi; Venezia, Vienna 1678-1741) compositore e violinista cui concerto abbondante lavoro hanno esercitato un'influenza decisiva su sviluppi storici che hanno portato al consolidamento della Sinfonia. Igor Stravinsky ha detto una volta che Vivaldi non aveva mai scritto Cinquecento concerti, ma «cinquecento volte lo stesso concerto». Non è più vero in ciò che riguarda il tono originale e inconfondibile che il compositore veneziano era in grado di stampare alla tua musica e che lo rende subito riconoscibile.

Antonio Vivaldi
Autore prolifico, la produzione di Vivaldi comprende non solo il genere concertante, ma anche abbondanti musica da camera, vocale e operistica. Famoso soprattutto per i suoi quattro concerti per violino e Orchestra raccolti sotto il titolo stagioni, cui la fama ha eclissato altre opere altrettanto importanti, se non più, Vivaldi è uno dei più grandi compositori del barocco, periodo della cosiddetta scuola veneziana (che inoltre ha appartenuto Tommaso Albinoni e Benedetto e Alessandro Marcello fratelli) e comparabili di guida dalla qualità e l'originalità del suo contributo, suoi contemporanei di Bach e Händel.
Biografia
Poco si sa dell'infanzia di Vivaldi. Figlio del violinista Giovanni Battista Vivaldi, Antonio piccolo è iniziato nel mondo della musica, probabilmente per mano di suo padre. Orientato verso una carriera ecclesiastica, egli fu ordinato sacerdote nel 1703, anche se solo un anno dopo fu costretto a rinunciare a celebrare messa da un'affezione bronchiale, possibilmente asma.
Nel 1703 entrò come professore di violino presso il Pio Ospedale della Pietà, un'istituzione dedicata all'educazione musica di ragazze orfane. Legati per molti anni ad essa, molte delle sue composizioni sono state interpretate per la prima volta dalla sua Orchestra femmina. In questo contesto ha visto la luce le sue prime opere, come la fotocamera di Suonate da op. 1, pubblicata nel 1705, e dodici concerti che compongono la collezione estro armonico op. 3, pubblicata ad Amsterdam nel 1711.
Anche quando tali composizioni sono ancora forme del "concerto grosso", la vivacità e la fantasia dell'invenzione ora superare qualsiasi schema e assistito ad un trend determinato verso la concezione individualistica e pertanto il solista del concerto, che è meglio definito in dodici concerti di stravaganza, op. 4: struttura in tre movimenti (allegro-adagio-allegro) composizione, luce e veloce, quasi esclusivamente omofoniche e modulazione, dinamico ed espressivo, inclini allo sviluppo del processo creativo e fonte di nuove emozioni e invenzioni.
Con queste collezioni, Antonio Vivaldi ha raggiunto presto rinomata in tutto il territorio italiano, da dove il suo nome è stato esteso al resto del continente europeo e non solo come compositore, ma anche e non meno importante, come violinista, come è stato uno dei più grandi del suo tempo. Basta osservare le difficoltà dei solisti di parti dei suoi concerti o sonate da camera per avvertire il livello tecnico del musicista in questo campo.

Vivaldi
Conosciuta ed applicata, l'opera, l'unico genere che prestazioni garantite ai compositori dell'epoca, ma ha anche attirato l'attenzione di Vivaldi, mentre lo stato ecclesiastico ha impedito lo in principio deal con uno spettacolo considerato troppo banale e poco edificante. Infatti, suoi superiori sempre rimproveravano a Vivaldi dedica poco per il culto e le sue usanze lax.
Immerso nel compositore teatrale e imprenditore, Ottone in Villa (1713) fu la prima delle opere di notizie di Vivaldi. Lei è stata seguita da titoli come Orlando furioso, Armida Al Campo d'Egitto, Tito Manlio e L'olimpiade, oggi giorno rappresentato soltanto sporadicamente.
La fama del musicista ha raggiunto il picco nel meridiano della vita con la pubblicazione delle sue più importanti raccolte strumentale: Il cimento dell'armonia e dell'inventione op. 8 e cetra op. 9. La prima raccolta, pubblicata ad Amsterdam nel 1725, conteneva un totale di dodici concerti e cominciò con la serie di quattro concerti con violino solista intitolato le quattro stagioni, il meglio della collezione e il più famoso del suo lavoro.
Le quattro stagioni
Le quattro stagioni, Vivaldi dimostra non solo il potere semantico della musica, ma anche la sua capacità di creare suono, allo stesso tempo evocativa e climi intimiste. L'opera descrive il ciclo annuale della natura, gli uomini che lavorano in esso e gli animali che lo abitano. Ciascuno dei quattro concerti ha sviluppato musicalmente il sonetto di autore sconosciuto che lo precede, cui versi disegna un quadrato della stazione. Così, primavera, seguendo quello che è rappresentato nel sonetto, imita il canto degli uccelli e il temporale; e lo sforzo descrittivo raggiunge dettagli come rappresentati attraverso il violino solista al pastore che dorme, mentre restanti violini imitando il mormorio delle piante e viola abbaio del cane.
Estate in primo luogo descrive lo stupore della natura sotto l'aridità del sole e, quindi, una tempesta, già annunciato nel primo movimento e raggiunge il massimo della violenza alla fine. Autunno sembra presieduta da Dio Bacco; il compositore presenta l'intossicazione soporifero di un abitante del villaggio, vendemmia felice; poi, all'alba, parte Hunter con le corna e i loro cani in cerca di prede. Predominano immagini sonore di neve e ghiaccio in inverno .
La popolarità di questo lavoro va indietro al tempo stesso della sua creazione. Soprattutto del primo concerto, primavera, rapidamente diffusi in Francia a mano copie, arrangiamenti e imitazioni. Ma alla fine del 1730 il pubblico veneziano ha cominciato a mostrare meno interesse nella loro musica, così deciso di Vivaldi nel 1741 per cercare fortuna a Vienna, dove morì un mese dopo il suo arrivo in assoluta povertà.
Caduto nell'oblio dopo la sua morte, la riscoperta di Vivaldi non ha avvenuto fino al XX secolo, grazie alla musica di Bach, che trascrisse aveva dodici concerti di Vivaldi per i diversi strumenti. L'interesse dal musicista tedesco era, appunto, che solo ha aperto il cammino verso la conoscenza di un artista specializzato in fine, prolifico come pochi e uno degli architetti dell'evoluzione del concerto come lo conosciamo oggi.
Dopo la seconda guerra mondiale, solo due decenni dopo l'avvio di recupero e diffusione della sua opera, Vivaldi è diventato uno degli autori più rappresentati al mondo. Nonostante la triste fine del compositore e il lungo periodo di oblio, l'opera di Vivaldi ha contribuito, attraverso Bach, per gettare le basi di quello che sarebbe diventato la musica dei maestri del classicismo, soprattutto in Francia e consolidare la struttura del solista concerto.
Pubblicato per scopi didattici autorizzati da: Biografías y Vidas
Biografie di personaggi famosi e storici