Biografia di Antonio Machado | Poeta spagnolo.

(Siviglia, 1875 - Collioure, 1939) Poeta spagnolo. Anche se influenzato da Art Nouveau e del simbolismo, il suo lavoro è espressione lirica dell'ideologia della generazione di 98. Figlio di folklorista Antonio Machado e Alvarez e fratello del poeta Manuel Machado, anche trascorse l'infanzia a Siviglia e nel 1883 si stabilì con la famiglia a Madrid.
È formato nella Institución Libre de Enseñanza e altri istituti da Madrid. Nel 1899, durante un primo viaggio a Parigi, lavorò nella casa editrice di Garnier e successivamente tornò nella capitale francese, dove strinse amicizia con R. Dario. Ritorno in Spagna ha frequentato ambienti letterari, dove incontrò J. R. Jiménez, r. del Valle-Inclán e M. de Unamuno.
Nel 1907, fu professore di francese presso l'Istituto di Soria, città in cui due anni più tardi sposò Leonor Izquierdo. Nel 1910 fu concessa una pensione per studiare filologia a Parigi per un anno, che ha colto l'occasione di frequentare i corsi di filosofia di H. Bergson e Bedier in Collège de France. Dopo la morte della moglie, nel 1912, si unì al Istituto di Baeza.
Dottorato in filosofia e lettere (1918), servita la sua cattedra a Segovia e nel 1928 fu eletto membro dell'Accademia reale spagnola. All'inizio della guerra civile fu a Madrid, dove si trasferì con la madre e il villaggio di Rocafort Valencia altri membri della famiglia e poi a Barcellona. Nel gennaio 1939 ha intrapreso la strada per l'esilio, ma la morte lo sorprese nel villaggio francese di COLLIOURE.

Antonio Machado
I testi iniziali di Machado, recensioni di eventi e festività personalizzato locale cronica scritto in collaborazione con il fratello e firmato con lo pseudonimo di Ricamonte Tablante, apparvero nel cartone animato nel 1893. Le sue prime poesie furono pubblicate in Electra, Helios e altri movimento modernista di riviste che Machado è stato identificato quando ha iniziato la sua opera letteraria.
Tuttavia, anche se le composizioni incluse in solitudini (1903) ha rivelato l'influenza del modernismo, l'autore distanced dell'immaginario decorativo della scuola di Ruben per approfondire l'espressione di emozioni autentiche, spesso espressa attraverso un simbolismo sobrio. Nel suo prossimo libro, solitudini, gallerie e altre poesie (1907), ristampa ed estensione del precedente, è diventato più evidente il tono malinconico e intimo, l'uso dell'umorismo come un elemento distanziatore e, soprattutto, l'intenzione di catturare la fluidità del tempo.
Come Unamuno, Machado sentiva che la sua missione era "immortalare il momentaneo", la cattura "fuggitivo onda" e trasformare la poesia in 'una parola in tempo'. Negli anni successivi è stato accentuato la sua meditazione il fugace ed eterna in Campos de Castilla (1912), ma non per mezzo di auto-contemplazione, ma diretto lo sguardo verso l'esterno e osservato con occhi svegli il paesaggio castigliano e gli uomini che abitavano. Un'emozione austera e seria viene eseguito attraverso le poesie da questo libro, che rievoca il tragico nero Spagna così criticato dalla generazione della regeneracionista 98 prospettiva, nel momento in cui descritto con patriottismo profondo decadimento e rovina delle città castigliana.
Nel suo prossimo volume di poesie, canzoni nuove (1924), l'autore ha intensificato sia il suo approccio riflessivo e giudicante 'Proverbi e canzoni' linea incluso nel libro precedente. Questa tendenza filosofica si è manifestata tra il 1912 e il 1925, fase in cui Machado ha scritto una serie di note che sarebbe luce postumo con il titolo di il complementare (1971).
In questo opuscolo, Miscellanea di letture, schizzi e pensieri quotidiani, per la prima volta sua eteronoma, filosofo e poeta Abel Martin e il suo discepolo, Juan de Mairena pensatore scettico. Entrambi sono personaggi immaginari che permetteva il Creatore espresso le loro idee circa la cultura, arte, società, politica, letteratura e filosofia, soprattutto nel libro Juan de Mairena. Sentenze, donaires, note e ricordi di un professore apocrifo (1936).
Allo stesso tempo, nelle poesie complete di 1928 e 1933 edizioni decantare un lirica ispirata del tema erotico e amorevole che è stato, dopo la morte di sua moglie, sua grande passione nella vita reale, Pilar de Valderrama, chiamato Guiomar in questi versi. Già durante il conflitto civile Machado ha scritto alcune poesie e vari testi in prosa, parte dei quali sono stati raccolti in guerra (1937). È testimonial Scritture, completamente incardinato nelle circostanze storiche del tempo.

Autografo di Antonio Machado
Pubblicato per scopi didattici autorizzati da: Biografías y Vidas
Biografie di personaggi famosi e storici