Biografia di Anassimene | Filosofo greco.

(?, h. 588 a.c.-?, h. 534 BC) Filosofo greco. Discepolo di Anassimandro e Parmenide, la maggior parte dei dettagli della biografia di Anassimene e le sue attività sono sconosciuta. Secondo lo storico Apollodoro, Anassimene visse intorno al tempo della presa di sardi e morì prima che la città di Mileto fu distrutta (494 A.C.).
Membro della scuola milesia, Anassimene ha affermato che il principio di materiale ed in primo luogo, l'origine di tutte le cose (arche) era l'aria, la sostanza sensibile, ma che rasenta l'incorporeo. Spiega l'origine di tutte le cose da un doppio processo per cui è cambiato aria: rarefazione, che dà origine al fuoco, e la condensazione, che derivano le nuvole, acqua, terra e rocce.
Con queste due nozioni, Anassimene spiega i cambiamenti della natura, o quello che è lo stesso, due modalità di movimento: quantitativa e qualitativa. Il mondo intero è avvolto nell'aria come la propria anima. L'anima umana, nell'anima del mondo, è anche l'aria. Così concepito il mondo come un essere vivente, similmente a come concepito le anime degli uomini: "Nello stesso modo come la nostra anima, essendo aria, ci tiene, anche un respiro e l'aria circondano tutto il mondo." Nel concetto, la terra è piatta e della flotta, ma non sull'acqua, come tale, ma nell'aria; Egli ha anche sostenuto che le stelle non si muovono sotto la terra, ma intorno ad esso.
Pubblicato per scopi didattici autorizzati da: Biografías y Vidas
Biografie di personaggi famosi e storici