Biografia di Anassimandro | Astronomo greco filosofo e geometra.

(Mileto, oggi scomparso, oggi Turchia, 610 A.C. - ID, 545 A.C.) Astronomo greco filosofo e geometra. Discepolo di tali di Mileto, Anaximander era un membro della scuola di Mileto e successo a tali nella stessa direzione. A quanto pare, fu anche un cittadino attivo di Mileto e guidò una spedizione a Apolonia (Mar Nero). Come politico ha ricoperto importanti incarichi e fu affidato la missione di limitare il tasso di natalità in Apolonia, una delle molte colonie che doveva risolvere il problema della sovrappopolazione delle città ionica. Loro concittadini lui, eretto in riconoscimento dei suoi meriti politici, una statua che recentemente è stato scoperto in scavi a Mileto.
Anassimandro è stato dedicato ad indagini multiple. Facendo la prima mappa della terra, elaborato con mappe e notizie di mercanti greci, che sarebbe più tardi perfezionata da Ecateo e che Erodoto è servita è stata collegata al suo nome. Anassimandro immaginato la terra come un cilindro stazionario, contro l'opinione generale che considerato che schiacciata. Altre opere, come la fissazione di equinozi e solstizi e il calcolo di distanze e dimensioni delle stelle, nonché l'elaborazione di un orologio del sole e una sfera celeste, tra altri contributi è anche attribuita a.

Anassimandro di Mileto
Non meno sorprendenti sono le speculazioni di Anassimandro circa l'origine degli esseri umani e l'uomo. Tutti provengono dal fenomeno umido (la terra era inizialmente liquida, e dal processo di dissociazione, sul bagnato è provocato da esseri viventi). L'uomo era primi antenati di pesci ed altri animali primitivi. Giustamente, pertanto potrebbe essere considerato come il primo cosmologo e il predecessore della teoria dell'evoluzione.
Anassimandro fu anche il primo pensatore greco che ha messo il suo pensiero filosofico in prosa. Suo trattato sulla natura deve essere stato uno dei più importanti tentativi di sistematizzazione del reale prima di Aristotele; solo un frammento è giunto a noi, ma alcune notizie di Aristotele e Simplicio permettono di ricostruire, almeno in parte, la dottrina dell'autore.
Nella sua filosofia, Anaximander coincide con tale di Mileto nella difesa che c'è un unico principio base (arche o Arché) come un generatore di tutte le cose, che Anassimandro chiamato apeiron (indefinito e indeterminato): sostanza indeterminata, illimitata e indefinita, che è eterna. Solo l' apeiron è incorruttibile e imperituro. Tutte le altre cose sono derivate da esso e sono soggette a nascita e scomparsa, con la forza del presente loro opposti: caldo e freddo, umido e secco, ecc.
Nel suo tentativo di determinare innanzitutto l'inizio (Arche), Anaximander segue milesios filosofi rimane costante, ma è necessario sottolineare che, piuttosto che trovare questo principio in una natura finita (acqua, secondo tali), Anassimandro vede in qualcosa ( apeiron) che non è percepita dall'esperienza, ma è eseguito come una causa permanente e significativa degli eventi del mondo empirico; qualcosa di indefinibile nello spazio e nel tempo che è causa e principio delle cose deperibili e definite, e che sono destinati ad essere dissolto. La novità di Anassimandro, cui dottrina, tuttavia, molti dettagli rimangono scuri, si compone di aver cercato il principio infinito di cose finite fuori materiali che sono oggetto della nostra esperienza.
Pubblicato per scopi didattici autorizzati da: Biografías y Vidas
Biografie di personaggi famosi e storici