Biografia di Ana María Matute | Scrittore spagnolo.

1925-2014 (Barcellona) Scrittore spagnolo. Prominente scrittore della cosiddetta generazione dei "bambini stupiti", sua opera descrive l'ambiente del civile del dopoguerra. Ana María Matute è stato inaugurato nel panorama letterario spagnolo con The Abel (1948), un romanzo ispirato alla storia biblica di figli di Adamo ed Eva, in cui si riflette l'atmosfera spagnola immediatamente dopo la guerra civile dal punto di vista della percezione del bambino. Questo approccio è rimasto costante in tutta la sua prima produzione romanzesca ed era comune ad altri rappresentanti della sua generazione.

Ana María Matute
Romanzi di Ana María Matute non sono esenti dall'impegno sociale, mentre è vero che non sono che loro assegnate in modo esplicito qualsiasi ideologia politica. Basato sulla visione realistica prevalente nella letteratura del suo tempo, è riuscito a sviluppare uno stile personale che approfondito l'immaginazione e hanno creato un mondo lirico e sensoriale, emozionale e delicato. Il suo lavoro è così una combinazione rara di critica sociale e messaggio poetico, impostato nell'universo dell'infanzia e l'adolescenza della Spagna del dopoguerra.
Ana María Matute è stato assegnato assegnato Café Gijón dalla parte di nord-ovest (1953) e il pianeta Award per il piccolo teatro (1954), romanzo che è stato seguito in questa terra (1955). Ricevette anche il premio della critica e della letteratura nazionale per i bambini morti (1958).

Più successivamente ha scritto la trilogia mercanti, comprendente il primo ricordo (1959), soldati grido di notte (1964) e la trappola (1969), che ha avuto un grande successo. Torre dell'orologio (1971) è la storia di un adolescente che dovrebbe iniziare nelle arti della cavalleria; Anche se segue la linea dei precedenti, è dato in esso un cambiamento storico di atmosfera al periodo medievale, un tratto che ha continuato nelle opere della sua maturità, pubblicato dopo un lungo periodo di silenzio letterario.
Così, il suo romanzo Dimenticato re Gudu (1997) genera un terreno vasto e complesso di eventi incentrati sulla controversia mantenuta nel corso del decimo secolo da re di Olar, Volodioso e i loro nemici, il Barone Ansélico e la figlia di questo stratagemma. Epoca medievale ha anche come impostazione il suo romanzo Avanmarot (1999).
Matute coltivato oltre la narrativa breve, riunendo le loro storie in volumi come il tempo (1956), storie della Artaila (1961), alcuni ragazzi (1968) e la Vergine di Antiochia e altre storie (1990). I suoi due autobiografico libri a metà della strada (1961) e il fiume (1963), in cui evoca la loro infanzia esperienze nell'atmosfera rurale e bucolico di Mansilla de la Sierra sono notevoli.
Fedele alla sua fascinazione per il mondo dell'infanzia, inoltre ha scritto storie per i bambini, raccolti per la maggior parte in i bambini stupidi (1956), Crazy Horse (1982), tre e un sogno (1961), una a piedi nudi (1983) e Paulina (1984). Fece parte dell'Accademia reale spagnola dal 1996. Nel 2007 riceve il premio nazionale della letteratura spagnola; Era la terza donna a ricevere il premio (Rosa Chacel vinto nel 1987 e Carmen Martín Gaite nel 1995). Sua carriera con l'assegnazione del Premio Cervantes fu riconosciuto nel 2010.
Pubblicato per scopi didattici autorizzati da: Biografías y Vidas
Biografie di personaggi famosi e storici