Biografia di Alfonso García Robles | Giurista messicano.

(Zamora, Michoacán, 1911 - città del Messico, 1991) Giurista messicano e diplomatico. Senza dubbio uno degli specialisti in diritto e politica internazionale del suo paese, è tra gli avvocati e diplomatici che hanno contribuito alla fondazione dell'ONU e l'entrata in vigore nel 1945 la carta delle Nazioni. Per l'intensa attività che distribuiti in tutta la sua carriera verso la denuclearizzazione e il disarmo, premio Nobel per la pace assegnato nel 1982.
Nato in una famiglia di commercianti, Alfonso García Robles ricevette l'istruzione secondaria in Guadalajara. Ha frequentato il college a città del Messico, dove ha conseguito la laurea in giurisprudenza presso l'Università nazionale. Suo interesse nel diritto internazionale lo porterà a completare i suoi studi in Europa. Nel 1936 ha vinto il premio speciale per la tesi che ha avuto luogo presso l'Istituto di studi internazionali presso l'Università di Parigi. Ha continuato ad espandere gli studi nei Paesi Bassi, dove, nel 1938, ha conseguito il diploma dell'Accademia di diritto internazionale all'Aia.

Alfonso García Robles
Torna al suo paese nel 1939, si unì alla diplomazia messicana, e nell'ottobre dello stesso anno fu inviato a Stoccolma come terzo segretario di legazione in Messico. Nel 1941 viene nominato al segretariato delle relazioni estere del Messico, dove in cinque anni è rimasto come vice direttore degli affari politici del foreign service. Con l'ufficio di Segretario degli affari internazionali del Comitato nazionale di pianificazione per la pace, ha corrisposto a García Robles partecipare a una serie di incontri internazionali finalizzati alle basi giuridiche di quello che nel 1945, dopo la seconda guerra mondiale, divenne le Nazioni Unite, l'organizzazione delle Nazioni Unite.
Nel primo decennio dell'operazione delle Nazioni Unite, si trattava di monitoraggio internazionale degli affari politici, processi di pacificazione dei conflitti e le relazioni tra il mondo organizzazione ed enti regionali. Egli era il rappresentante dell'ONU alla conferenza di Bogotà (1948), che puniva il Charter di OAS. Durante questa fase a New York ha incontrato una ragazza peruviana, un funzionario delle Nazioni Unite, con cui affinità condivisa: Juana María Szyszlo, con cui si sposò nel 1950 e che avrebbe avuto due figli.
Nel 1957, il governo messicano ha restituito a Garcia Robles al suo paese così egli è reintegrato al Ministero degli esteri come direttore principale di affari di Europa, Asia, Africa e agenzie internazionali. García Robles era l'ambasciatore del Messico in Brasile tra il 1961 e il 1964 e si è preso carico del sottosegretario degli affari esteri nel 1970. In questo secondo periodo ha affrontato questioni multilaterali come il lavoro sul disarmo che sviluppato nelle Nazioni Unite e ha guidato la delegazione della Commissione sul disarmo. Ha anche presieduto le riunioni per la denuclearizzazione dell'America Latina, tenuto in Messico dal 1964, culminata con la firma del trattato per la proibizione delle armi nucleari in America Latina (1967), conosciuto come il trattato di Tlatelolco.
Durante l'anno 1975, il governo messicano chiamato di nuovo a García Robles a prendere il portafoglio degli esteri; Tuttavia avrebbe abbandonato le proprie responsabilità nel corpo internazionale. Dal gennaio 1977, come rappresentante del Messico presso le Nazioni Unite, ha partecipato al Comitato del disarmo delle Nazioni Unite a Ginevra. L'esperienza aveva accumulato guadagnato lui che era considerato il decano dei diplomatici specializzata in disarmo e, nel 1978, il suo record ha detto dell'accordo alla prima Assemblea generale delle Nazioni Unite sul disarmo.
Ambasciatore emerito nel 1981, la sua carriera fu incoronata nel 1982 quando il Parlamento norvegese ha deciso di assegnare, condiviso con il sociologo svedese Alva Myrdal, il premio di pace Nobel, per il suo lavoro per il disarmo internazionale. Durante la sua carriera ha dato numerose opere di stampa sulle questioni diplomatiche e geopolitiche, come il panamericanismo e la politica di buon vicinato (1938), della conferenza della carta atlantica in San Francisco (2 voll. 1949), la denuclearizzazione dell'America Latina (1967), El Tratado de Tlatelolco (1967) e l'Assemblea generale sul disarmo (1979).

Pubblicato per scopi didattici autorizzati da: Biografías y Vidas
Biografie di personaggi famosi e storici