Passa ai contenuti principali

Biografia di Adolf Hitler | Leader della Germania nazista.

(Braunau, Boemia, 1889 – Berlino, 1945) Leader della Germania nazista. Dopo essere stato nominato cancelliere nel 1933, ha liquidato le istituzioni democratiche della Repubblica ed ha stabilito una dittatura del partito unico (il partito nazista, abbreviazione di partito nazional-socialista), da cui brutalmente soppresse tutte le opposizioni e richiesto una macchina di propaganda formidabile al servizio delle sue idee: superiorità della razza ariana, esaltazione nazionalistica e pangermanica, revanscista militarismo, anticomunismo e antisemitismo.

Adolf Hitler
La dottrina di "spazio vitale" e il Rudolf ideale unire i popoli di lingua tedesca lo avrebbe portato a un espansionismo aggressivo; a sostegno della sua politica belligerante, Hitler Germania rearmed riorganizzato e modernizzato il suo esercito in una macchina formidabile. Francia e Gran Bretagna acconsentì all'annessione dell'Austria e l'occupazione della Cecoslovacchia, ma infine l'invasione tedesca della Polonia ha attivato la seconda guerra mondiale (1939-45), cui prima fase Hitler diede il controllo di tutta l'Europa, ad eccezione di Gran Bretagna. La fallita invasione della Russia e l'intervento degli Stati Uniti ha invertito il corso del concorso; Nonostante l'inevitabile sconfitta, Hitler ha rifiutato qualsiasi negoziato, trascinato Germania a una disperata resistenza e si suicidò nel suo bunker poco prima della caduta di Berlino.
Biografia
Figlio di una dogana austriaca, la sua infanzia trascorsa nella sua gioventù a Vienna e Linz. La formazione di Adolf Hitler era scarso e autodidatta, ha ricevuto poca istruzione. A Vienna (1907-13) non è riuscito nella sua vocazione di pittore, malvivió come vagabondo e visto crescere i loro pregiudizi razzisti alla vista di una città cosmopolita, cui intellettuale e multiculturale vitalità era completamente incomprensibile. Da che tempo data la sua conversione al nazionalismo germanico e l'antisemitismo.
Nel 1913 Adolf Hitler fuggito dall'Impero Austro-Ungarico di non prestare servizio militare; Egli si rifugiò a Monaco di Baviera e si arruolò nell'esercito tedesco durante la prima guerra mondiale (1914-18). La sconfitta diede alla politica, brandendo un'ideologia di reazione nazionalista, contrassegnato dal rifiuto della nuova democrazia della Repubblica di Weimar, di cui i politici accusati di tradire la Germania accettando le umilianti condizioni di pace del trattato di Versailles (1918).

Hitler-1933
Torna a Monaco di Baviera, Hitler si unì un piccolo partito di estrema destra, che presto divenne leader, rinominandolo come partito nazionalsocialista dei lavoratori tedeschi (NSDAP). Il partito ha dichiarato nazionalista, antisemita, anti-comunista, anti-liberale, antidemocrata, antipacifista e anti-capitalista, anche se questo ultimo componente rivoluzionaria di carattere sociale sarebbe stato presto dimenticato; tale conglomerato variegato ideologica, prevalentemente negativa, si nutriva le paure della borghesia tedesca alle incertezze del mondo moderno. Influenzato dal fascismo di Mussolini, questo movimento, negativo per l'esistente e qualsiasi tendenza del progresso, rappresentato la risposta reazionaria alla crisi dello stato liberale che la guerra aveva accelerato.
Tuttavia, Hitler avrebbe presto che fanno sentire la loro propaganda. Nel 1923, ha fallito in un primo tentativo di prendere il potere da Monaco di Baviera, supportato dalle milizie armate Ludendorff («Putsch della birreria»). Venne arrestato, processato e imprigionato, anche se solo il tempo che ha avuto l'opportunità di esprimere le loro idee politiche ha trascorso in prigione un anno e mezzo, gli estremisti in un libro che è stato intitolato la mia lotta e che stava progettando le grandi linee del suo adempimento successivo.

Adolf Hitler
Torna in libertà dal 1925, Hitler ricostituito i rivali potenziali guida del partito nazionalsocialista e circondò con un gruppo di fedeli come Goering, Himmler e Goebbels. La profonda crisi economica dal 1929 e le difficoltà politiche della Repubblica di Weimar gli ha fornito un pubblico crescente tra le legioni di disoccupati e scontenti disposte ad ascoltare la loro propaganda demagogica, avvolta in un armamentario di parate, bandiere, inni e uniformi.
Il terzo Reich
Combinando sapientemente la lotta politica legale con l'uso illegale della violenza per le strade, i socialisti nazionali o i nazisti stavano guadagnando peso elettorale fino a quando nel 1933 Hitler (che mai aveva ottenuto la maggioranza) fu nominato capo del governo dal presidente Hindenburg. Dalla cancelleria, Hitler ha distrutto il regime costituzionale e sostituito da una dittatura monopartitica basata sul potere personale. Inizia così il cosiddetto terzo Reich (il terzo impero tedesco, dopo il Holy Roman Empire del Medioevo e l'impero del 1871, scomparso con la prima guerra mondiale), che era, ma un regime totalitario, basato su un nazionalismo e l'esaltazione di una superiorità razziale senza alcuna base scientifica (basata su stereotipi che contrastava con la figura ridicola del Hitler proprio).
Dopo la morte di Hindenburg, Hitler si proclamò Führer o «leader» della Germania e presentato all'esercito per un giuramento di fedeltà. La sanguinosa repressione contro i dissidenti hanno culminato nella purga del nazista truppa durante la "notte dei lunghi coltelli» (1934) e l'istituzione di un controllo di polizia totale della società, durante la persecuzione contro gli ebrei, iniziata con i razzisti leggi di Norimberga (1935) e il pogrom conosciuto come la ' notte di vetro rotto» (1938) , avrebbe portato allo sterminio sistematico degli ebrei europei dal 1939 (la "soluzione finale").
La politica internazionale di Hitler era la chiave alla sua promessa ricostruzione della Germania, basata sull'attenzione di deviazione lontano da conflitti interni per una politica estera aggressiva. E allineato con la dittatura fascista italiana, che ha preso parte in soccorso di Franco nella guerra civile spagnola (1936-39), le prove per la successiva guerra mondiale; e completato le sue alleanze con l'incorporazione del Giappone in un'alleanza anti-sovietica (Patto Antikomintern, 1936) per formare l'asse Berlino-roma - Tokyo (1937).

Mussolini e Hitler (Monaco di Baviera, 1940)
Militaristi convinti, Hitler ha cominciato di riarmo del paese per imporre le sue esigenze con la forza (restauro della coscrizione nel 1935, rimilitarizzazione della Renania nel 1936); Così ha riattivato l'industria tedesca, ridotto la disoccupazione e quasi superato la depressione economica che lo aveva portato al potere.
Quindi, che si appoggia sull'ideale pangermanista, ha sostenuto l'Unione di tutti i territori di lingua tedesca: in primo luogo si è ritirato dalla lega delle Nazioni, respingendo i suoi metodi di arbitrato pacifica (1933); Egli poi costretto l'assassinio del Presidente austriaco Dollfuss (1934) e l'Anschluss , o annessione dell'Austria (1938); Ha poi invaso la regione ceca di Sudetenland e, dopo fuorviare diplomazia occidentale, promettendo di non avere altre ambizioni (conferenza di Monaco, 1938), occupato il resto della Cecoslovacchia, dividerlo in due e sottoposto ad un protettorato; anche potevano strappare il territorio di Memel (1939) in Lituania.
La seconda guerra mondiale
Quando il conflitto che circonda la città libera di Danzig lo portò a invadere la Polonia, Francia e Gran Bretagna hanno reagito e scoppiò la seconda guerra mondiale (1939-45). Adolf Hitler aveva preparato le loro forze per questo grande confronto, che, secondo lui, avrebbe permesso l'espansione della Germania per raggiungere egemonia mondiale (protocollo Hossbach, 1937); in previsione dello scoppio della guerra ha rafforzato la sua alleanza con l'Italia (Patto d'acciaio, 1939) e, soprattutto, essa aveva concluso un patto di non aggressione con l'Unione Sovietica (1939), secondo Stalin la divisione della Polonia.
Il moderno esercito aveva preparato ha vinti brillanti vittorie su tutti i fronti durante i primi anni della guerra, rendendo Hitler quasi tutta l'Europa per mezzo di un proprietario di 'guerra lampo': allietare la Danimarca, Norvegia, Olanda, Belgio, Lussemburgo, Francia, Jugoslavia e Grecia (Italia, Spagna, Ungheria, Romania, Bulgaria e Finlandia erano loro alleati, e paesi come la Svezia e la Svizzera ha dichiarato una neutralità benevola).
Solo Gran Bretagna Churchill ha resistito al tentativo di invasione (battaglia aerea d'Inghilterra, 1940-41); ma il destino di Hitler ha cominciato a cambiare quando lanciò l'invasione della Russia (1941), entrambi risponde all'ideale del nazismo come progetto base anti-comunista strappare «fondo» slavo orientale corsa «spazio vitale» che sognava per ingrandire in Germania. Dalla battaglia di Stalingrado (1943), è stato invertito il corso della guerra e le forze sovietiche iniziarono una controffensiva che non smetteva di prendere Berlino nel 1945; allo stesso tempo, ha riaperto il fronte occidentale con il massiccio sostegno negli uomini ed armi dagli Stati Uniti (coinvolti nella guerra dal 1941), permettendo lo sbarco di Normandia (1944).
Sconfitto e infruttuosi tutti i loro progetti, Hitler ha visto come hanno cominciato a lasciare a lui i suoi colleghi mentre la Germania propria è stata devastata dagli eserciti alleati; nella sua visione limitata del mondo, non c'era nessun sito per impegno o resa, così ha trascinato il suo paese al disastro. Dopo aver scosso il mondo con il loro sogno di egemonia mondiale di tedesco 'razza', causando una guerra totale su scala planetaria e un genocidio senza precedenti nei campi di concentramento, Hitler si suicidò nel bunker della cancelleria dove aveva trovato rifugio, pochi giorni dopo l'entrata dei russi a Berlino.
Pubblicato per scopi didattici autorizzati da: Biografías y Vidas
Biografie di personaggi famosi e storici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…