Biografia di Adam Smith | Pose le fondamenta dell'economia come scienza..

Nella sua famosa ricerca ha spiegato i meccanismi del capitalismo incipiente e pose le fondamenta dell'economia come scienza.

Adam Smith venne al mondo a Kirkcaldy, piccolo paesino scozzese, vicino a Edimburgo, in un giorno di primavera di data sconosciuta dall'anno 1723 e fu battezzato il 5 giugno dello stesso anno. Unico figlio del secondo matrimonio di Adam Smith, ispettore doganale e Margaret Douglas, rimase orfano di padre a tre mesi sotto la tutela di sua madre, figlia di un ricco proprietario della regione, che rimase sempre molto legato.
Quattro anni ha vissuto quello che sembra essere stata l'unica avventura della sua vita: è stato rapito da alcuni zingari. Dopo una disperata ricerca della famiglia, il bambino è stato trovato in una foresta dove egli era stato abbandonato dai loro rapitori. Quindi, senza alcun trauma, ha continuato ad essere un bravo ragazzo, anche se debole e malaticcio, di indole dolce, prodigiosa memoria e amore di studio, eccellente studente di scuola elementare di Kirkcaldy.

Adam Smith
Quattordici anni ha lasciato la sua città natale per entrare all'Università di Glasgow. In questo centro è appassionato di matematica e fu influenzato da Francis Autcheson, famoso professore di filosofia morale e uomo con una personalità forte, cui idee economiche e filosofiche sono stati decisivi nella formazione di Smith, se solo per la sua posteriore e profonda discrepanza rispetto ad essi. Tre anni più tardi è laurea, guadagnare una borsa di studio al Balliol College di Oxford. All'età di ventitre brillantemente conclusi studi che dimostrano una stretta forte della filosofia classica e del tempo. Poi tornò a Kirkcaldy con sua madre per iniziare a cercare lavoro.
Nel 1748, grazie ad un amico della sua famiglia, il filosofo e giurista Signore Henry Kames, lui ha presentato l'opportunità di dare una serie di conferenze a Edimburgo. Lontano da sprechi, durante i due anni successivi ha tenuto conferenze su vari argomenti, dalla retorica alla economia e alla storia e divenne noto come uno scrittore con la pubblicazione di un articolo nella rivista Edimburgh con successo. In questo periodo conobbe il filosofo David Hume, che divenne suo amico più intimo.
Con conferenze un tale successo che le fu offerto un posto di professore di logica all'Università di Glasgow nel 1751 ha raccolto. Dopo un anno a questo post, ha cambiato il tipo di logica dalla filosofia morale, che inoltre a essere più interessanti sono stata pagata meglio. Per Adam Smith, è stato un periodo di grande creatività che egli avrebbe quindi definire come il periodo più felice della sua vita; Sembrava determinato a continuare la carriera di insegnante e anche nel 1758 fu nominato decano della facoltà, si rivela come un eccellente insegnante cui fama trasferiti i bordi e si era detto che Voltaire, dalla Francia, inviò gli studenti che vogliono frequentare le loro lezioni e incorporare nella vostra saggezza.
A Glasgow ha fatto parte di una ristretta cerchia composta da intellettuali, scienziati e, soprattutto, consigliati mercanti impegnati nel commercio coloniale nel 1707, come risultato della loro unione con l'Inghilterra, che la facoltà per la Scozia. Loro idee e opinioni su business e commercio rappresentato un informazioni di prima mano per il futuro economista e a contatto con il cerchio, ha formato la tesi che cristalizarían più successivamente nel suo lavoro.

Moralità ed economia

Il primo libro di Adam Smith, La teoria del sentimento morale (teoria dei sentimenti morali), suo capolavoro dal punto di vista filosofico, è stato pubblicato nel 1759. Ha esposto i principi della natura umana che hanno guidato il comportamento sociale dell'uomo e ha parlato per la prima volta nella "mano invisibile" che inconsapevolmente e involontariamente è stata orientata verso il bene dell'egoismo umano della società.
Nel 1763, ha ricevuto una nuova offerta di lavoro che doveva essere molto più redditizio rispetto a qualsiasi delle attività che è stato fatto finora: tutore del giovane duca di Buccleuch. Si dimise dall'insegnamento e nel 1764 partito per la Francia in compagnia del suo allievo. A Tolosa, ci sono voluti diciotto mesi, durante i quali Smith combattuto provincia noia con la stesura di un nuovo lavoro.
Viaggiatori, poi è andato a Ginevra, città in cui ha trascorso due mesi; Smith ha approfittato del soggiorno di incontrare personalmente con Voltaire, che ha sempre ritenuto una grande ammirazione. Seguì un soggiorno breve ma fruttuoso a Parigi; suo amico Hume, segretario dell'Ambasciata britannica, ti ha introdotto nelle camere più belle della capitale; tra gli altri, ha incontrato François Quesnay, medico ed economista, fondatore della scuola physiocratique, che era il primo costantemente natura attribuita l'origine della ricchezza. I physiocrates furono seguaci staunch del maxim Le Mercier de la Rivière, "Laissez faire, laissez passer, monde le va de lui même», che ha approvato. Sembra che abbastanza influenzato Adam Smith, così ha pensato di dedicare a Quesnay il libro che stava scrivendo, ma la morte del francese fino a quando è stato pubblicato ti ha fatto cambiare idea. La morte improvvisa del fratello minore del duca di Buccleuch, che aveva incontrato con loro a Tolosa, les forzato un frettoloso ritorno a Londra nel 1767.

Busto di Adam Smith
Nella primavera dello stesso anno, Smith si stabilì a Kirkcaldy, dove, senza perdere il contatto con i loro amici da Glasgow, è stato consegnato in anima e corpo per la stesura dell'opera iniziata nel Tolosa, An Inquiry into la natura della ricchezza delle Nazioni (saggio sulla ricchezza delle Nazioni), che si occuperebbe di lui ancora sei anni e infine pubblicato a Londra nel 1776.
Il lavoro, sintesi originale di gran numero di elementi pre-esistenti nel precedente economici pensiero, è stato un pioniere in molti campi e divennero presto il suo lavoro più popolare. Ha rappresentato la prima grande opera dell'economia politica classica e liberale. E applicato all'economia, per la prima volta, i principi della ricerca scientifica, nel tentativo di costruire una scienza indipendente. Continuazione del tema iniziato nella sua opera filosofica e basata su di esso, ha mostrato come spontanea egoismo umano gioco sarebbe sufficiente per aumentare la ricchezza delle Nazioni, se i governi dovevano fare e non intervenire con misure riflettente.
Il libro ha immediatamente riscosso un successo straordinario, e da allora, come se avessi messo fine ad un lavoro quasi perfetto, nel 1778 si ritirò a Edimburgo, dove solo è venuto su, tranne qualche occasionale viaggio a Londra o Glasgow, suo unico contatto con il mondo. Indossava una vita placida e tranquilla mentre controllare e correggere le sue due opere capitali. Nel 1784 la perdita di sua madre, novant'anni di età, è stato un colpo così difficile che la sua salute cominciò a declinare, così quando tre anni più tardi fu nominato rettore dell'Università di Glasgow, non riusciva a pronunciare il discorso di apertura.
D'ora in poi la sua vita passata in una solitudine assistita da malattia, e nonostante sia oggetto di lode e riconoscimento generale, non era più di una lunga attesa della fine inesorabile. 17 luglio 1790, all'età di settantasette anni, morì a Edimburgo, venne sepolto nel cimitero di Canongate.

Cronologia di Adam Smith


1723Nato a Kirkcaldy, in Scozia.
1737Ha studiato presso l'Università di Glasgow.
1748Ha insegnato come assistente professore di retorica e letteratura a Edimburgo. Conobbe il filosofo David Hume, che manterrà un'amicizia duratura.
1751Professore di logica e successivamente filosofia morale all'Università di Glasgow.
1759Pubblicò la teoria dei sentimenti morali.
1763Abbandona il suo incarico universitario per diventare tutor di Henry Scott, terzo duca di Buccleuch, che accompagna in un viaggio attraverso l'Europa. Durante il viaggio incontra Voltaire e alcuni physiocrates francese.
1766Ha iniziato la scrittura del saggio sulla ricchezza delle Nazioni. Egli risiede alternativamente a Kirkcaldy e Londra
1776Ha pubblicato il saggio sulla ricchezza delle Nazioni, lavoro economia intesa come pioniere della scienza.
1784Sua madre morì. Egli comincia a soffrire di gravi problemi di salute.
1787Fu nominato Rettore onorario dell'Università di Glasgow.
1790Morì a Edimburgo.

Opere di Adam Smith

Filosofo ed economista britannico Adam Smith ha guidato considerevolmente lo sviluppo dell'economia come scienza moderna. La sua ricerca nella natura e nelle cause della ricchezza delle Nazioni, in cinque volumi, una delle vette del pensiero economico moderno, sono stati pubblicati a Londra nel 1776. In precedenza, tuttavia, aveva pubblicato un'opera filosofica: la teoria dei sentimenti morali, che ha una chiara relazione con lo sviluppo delle loro idee economiche.

Lavoro filosofico

La teoria dei sentimenti morali, pubblicato nel 1759, è profondamente influenzata dall'utilitarismo di Bentham e Mill dove Adam Smith descrive la formazione di giudizi morali nel contesto di un "ordine naturale" della sfera sociale e su cui principi baserà il suo liberalismo economico successivo. Smith ha visto la presenza di una dualità tra ragione e passione impulsi nel comportamento umano. La natura umana individualista e razionale allo stesso tempo, spinge l'uomo il confronto, nonché istituzionale finalizzato al raggiungimento del bene comune.
In questo campo della filosofia morale ha particolare importanza a Smith il concetto di compassione, che è il principio che spiega la formazione di giudizi morali, ma è anche un metodo: attraverso di essa l'individuo esprime un giudizio favorevole del comportamento degli altri e si aspetta che gli altri facciano lo stesso. L'insieme delle aspettative reciproche rende società un sistema di scambio di servizi tra gli individui. In questo modo l'egoismo individuale converge verso l'interesse generale per raggiungere la coesistenza e benefici sociali.

Gli economisti Adam Smith e David Ricardo
in una caricatura del tempo
In questo sistema la libertà è una condizione essenziale per qualsiasi progresso, e le ingiustizie che derivano dalla libertà economica non giustificherebbe qualsiasi rinuncia di tale libertà. Anche esposta la credenza in un'armonizzazione di mano invisibile degli interessi individuali nel quadro dell'attività collettiva.

Sue teorie economiche

Il fondamentale lavoro di Adam Smith, le indagini nella natura e nelle cause della ricchezza delle Nazioni, è considerato l'indicatore del punto di riferimento dell'elevazione dell'economia politica alla categoria della scienza. Suoi cinque volumi sono comparso nel 1776; tradotto nelle principali lingue, comunicate immediatamente al suo autore una grande fama.
Nella ricerca, Smith raccoglie e coordina le teorie economiche critiche elaborate fino a poi svilupparli ampiamente e principalmente cercando di prenderli intorno un criterio unitario: l'autonomia dell'attività economica (che è l'utilità individuo) sulla moralità (che è la simpatia). "L'uomo quasi sempre necessario l'aiuto di coetanei, ma aspetta invano solo invocata la sua benevolenza." "Il macellaio, il birraio o la benevolenza di Baker è non quello che ci auguriamo il nostro cibo, ma la considerazione dei propri interessi". Qui è la prima istruzione della teoria del rapporto economico con il fatto morale, a meno che questo si pone tra qualsiasi forma di opposizione.
Con questa premessa, passa Smith per costruire il vostro sistema. Con decisione superando la posizione physiocratique, assicura che non è naturale, ma il lavoro, la fonte dove ottiene una nazione i prodotti che consuma ogni anno. La maggiore produttività del lavoro dipende dalla sua divisione, costituita la divisione del processo produttivo necessario per creare una cosa del genere in diverse fasi, assegnate ognuna ad un operatore. È chiaro che sistema di divisione del lavoro (quelli fabbricati cappelli, altre scarpe, altri pane), il cambiamento è l'indispensabile per cui cosiddetta generalizzazione è necessario lo strumento monetario, grazie al quale si possono permettersi quello che ti serve in cambio di valuta.

Un'edizione del 1870 della ricerca
Qui il problema del "valore", in cui Smith, ancora chiaramente distinguere tra "valore d'uso" (l'utilità di una cosa per il suo proprietario) e il "valore di scambio" (potenza di una cosa di comprare un altro), confonde l'utilità astratto con l'utilità concreta delle cose e dipendono l'ora di "prezzo reale" del lavoro richiesto per produrre una cosa , ora funziona questo coso risparmio chi lo possiede, ora lavoro consente di imporre agli altri.
Per Smith, tuttavia, solo "lavoro", che gode di certo valore immutabile è reale e ultima misura su cui il valore di tutte le cose in tutti i tempi e luoghi è rispetto e stima. Questa è precisamente la teoria del valore acquisito grande importanza nello sviluppo parallelo di dottrine liberale e socialista. Sono elementi costitutivi del prezzo effettivo delle cose, Smith, lavoro salariato, interessi capitali e alle prestazioni della terra. Intorno a questo prezzo"naturale" oscilla il prezzo di mercato che spesso oscillano secondo la domanda e l'offerta.
Antimercantilista, Smith criticato severamente l'identificazione della ricchezza con la moneta, confutando il "bulionismo", il moderno della bilancia commerciale, la convinzione della superiorità del commercio domestico in difesa della libertà di commercio. Si non può dire che Smith è rigorosamente un physiocrate, perché ha superato questa posizione, anche se ha difeso la teoria del "Lasciate fare, lasciar andare" nell'interesse generale.
Mente critica e robusto, Smith fu il primo a fare una scienza in sé, distinto dalla morale, senza creare quella antitesi tra entrambi scienza economica. Il lavoro di Smith trasformato radicalmente la teoria di economia nel XVIII secolo, per difendere l'idea che la ricchezza di una nazione è venuto dal lavoro degli abitanti del villaggio e non delle sue riserve di denaro, come rivendicato i mercantilists, o la loro produzione agricola, come ha sostenuto i physiocrates. Allo stesso modo, ha affermato che la divisione del lavoro potrebbe aumentare la produttività di questo e ha difeso l'idea che i prezzi erano il meccanismo di regolazione che assicurava l'equilibrio tra domanda e offerta. Con queste teorie, Smith ha posto le basi del pensiero economico capitalista.
Pubblicato per scopi didattici autorizzati da: Biografías y Vidas
Biografie di personaggi famosi e storici