Biografia di Abraham Valdelomar | Scrittore peruviano.

Scrittore peruviano. Egli era nato nella città di Ica, il 27 aprile 1888 e morì a Ayacucho il 3 novembre 1919. Abraham Valdelomar era figlio di Anfiloquio Valdelomar Fajardo e Carolina Pinto. Manuel A. Bedoya seguito studi primari nella città di Pisco e Municipio scuola n. 3 di Chincha e secondario nel Colegio Nacional de Nuestra Señora de Guadalupe de Lima (1900-04), dove fondò la rivista La Guadalupana Idea (1903) accanto al suo partner.
Nel 1905 Valdelomar iscritti alla Universidad Nacional Mayor de San Marcos, ma lasciato le seguenti classi di anno da utilizzarsi come illustratore in riviste applausi e fischi, scimmie e monadi, News, Cinema e Gil Blas, dove ha anche lavorato come direttore artistico.
Nel 1909 pubblicò le sue prime poesie nella rivista contemporanea stile modernista e l'anno successivo ha deciso di riprendere gli studi, anche se l'Università non lo interessava molto e nel 1913 ha finito per abbandonarla sicuramente.
Nel 1910, dopo un conflitto con l'Ecuador, Abraham Valdelomar Sab Piazza del soldato come membro del "Battaglione universitario", formato da studenti di San Marcos e durante il cantonment ha scritto una serie di cronache sotto l'intestazione "con l'algerino nel vento" che sono stati pubblicati sul giornale e l'opinione nazionale di Lima, tra aprile e giugno 1910 , e che gli è valso un premio dal comune di Lima; Più tardi si recò con una delegazione di università a sud del paese, visitando Arequipa, Cusco e Puno.
Lo stesso anno del 1910 apparve pubblicato le prime storie di Valdelomar varietà e riviste Illustrazione peruvianae l'anno successivo apparve periodici nelle riviste stesse sua romanzi brevi città tisico e città morta - dove ha fatto il manifesto l'influenza ha ricevuto dallo scrittore italiano Gabriele d'Annunzio-, anche iniziato a collaborare con il giornale La Prensa della capitale peruviana. Nel 1912 partecipò alla campagna Presidenza di Guillermo Billinghurst, essere eletta presidente del centro billinghurista di Ateneo e, dopo la vittoria del loro candidato, è venuto ad essere nominato amministratore della tipografia di stato e direttore del giornale ufficiale El Peruano (V X-1912-1913).
Valdelomar dimesso da entrambi i post quindi nominato secondo segretario della legazione del Perù in Italia (12-V-1913), imbarcarsi in Europa il 30 maggio. Dopo aver attraversato Panama, Cuba e New York, giunto a Roma (7-VIII-1913), assumendo immediatamente le loro funzioni. Il vostro soggiorno in questa città ha preso a scrivere una serie di articoli pubblicati nel quotidiano La Nación (XI-1913-1914) di Lima e l'opinione nazionale (V-VII-1914-1914) sotto il nome di "Cronache di Roma", ma sicuramente più importante stare in Italia era la loro partecipazione al concorso letterario organizzato dalla nazione con la storia "El Caballero Carmelo" che ha vinto il primo premio (3-I-1914). Dopo aver appreso del rovesciamento del Presidente Billinghurst, egli si dimise dal suo incarico diplomatico (6-II-1914) e tornare a Lima.
Nella capitale peruviana e dopo un breve arresto per aver complottato contro la nuova amministrazione (VI-1914), Valdelomar cominciò a lavorare come segretaria personale del poligrafo peruviano José de la Riva-Agüero (1914-15). Sotto l'influenza di Riva-Aguero, scrisse il suo primo libro intitolato La Mariscala (Lima, 1914), romanzata Biografia di Francisca Zubiaga (1803-35), moglie del Presidente Agustín Gamarra e importante figura politica peruviana per alcuni anni. Quindi Valdelomar era già un frequente collaboratore di numerose pubblicazioni Lima come quotidiani El Comercio e La crónica e riviste Spa, Mondo Lima e varietà, che ha pubblicato le sue poesie, storie e articoli.
Tuttavia, il suo lavoro come giornalista è stato collegato al giornale La Prensa, dove ha svolto la sezione "Parole" dal luglio 1915 fino alla sua partenza dal giornale nel 1918. Pubblicò anche in La Prensa, le sue "Cronache fragile", dove ha fatto conoscere suo pseudonimo da Il conte di Lemos; e il massimo "dialoghi", a titolo di conversazioni tra due personaggi, Manlio e Aristippo, attraverso i quali scopriamo le personalità di Valdelomar e scrittore José Carlos Mariátegui.
Abraham Valdelomar anche pubblicato sulla stessa rivista sue cronache dal titolo "Impressioni"; la colonna "Fatui", dove distribuito tutto il suo umorismo e ironia; e infine commenta la seconda guerra mondiale, apparve nel 1917 sotto il titolo di "A margine del cavo". Nel 1917 ha vinto il concorso organizzato dal Circolo dei giornalisti in Perù con il suo articolo "Saggio sulla psicologia del gallinazo".
Valdelomar, che, al suo ritorno dall'Europa, era diventato il leader di un gruppo di giovani scrittori, decise di fondare la propria rivista letteraria, dove potrebbe esporre opere che erano costanti con i gusti letterari della nuova generazione rappresentata. Così, il 15 gennaio 1916 apparve il primo numero di Columbus, rivista diretta da Valdelomar che nonostante la sua breve durata - pubblicati solo quattro numeri, lo scorso maggio 1916 – ha avuto una grande ripercussione nell'ambiente cultura peruviano, fino al punto dove cominciò a parlare di un "movimento Colónida".
Tuttavia, l'importanza di questa rivista non può essere ingrandito. Si è argomentato che la rivista era destinata ad essere una bandiera di rivoluzione estetica e un tentativo di pubblicizzare i nuovi scrittori provinciali, ma non c'è dubbio che i risultati non erano sempre il desiderabile. Nonostante tutto, dobbiamo riconoscere il merito di salvare dall'oblio la figura di José María Eguren (1874-42), il primo scrittore peruviano che merita il titolo di poeta con la giustizia.
Lo stesso anno è pubblicato le voci multiple (Lima, 1916), che ha riunito otto scrittori legata alla Columbus, comprendenti Valdelomar poesie. Il libro include le poesie "il fratello via al pranzo di Pasqua..." e "Tristitia", considerato il migliore della sua produzione poetica, che descrivono l'atmosfera familiare e il senso di assenza e di solitudine che circonda il poeta.
Più successivamente ha pubblicato che sarebbero i suoi ultimi libri: Belmonte, il tragico, testare un futuro estetico attraverso la nuova arte (Lima 1918), sulla filosofia estetica dei toreri Juan Belmonte - pista su cui confessa di non essere preparato- e relativo successo primo volume di short stories intitolato El Caballero Carmelo (Lima, 1918).
Nel gennaio 1918 ha rassegnato le dimissioni dall'incarico di editor presso La Prensa e inizia una breve collaborazione con Sud America Magazine. È allora quando lo scrittore decide di visitare il territorio peruviano come conferenziere, per cui intraprese un viaggio verso il nord del paese (V-1918-XII-1918) visitando le città di Trujillo, Cajamarca, Chiclayo e Piura, come molte altre città che ha dato lezioni sulle questioni estetiche, patriottici e sociali. Nel frattempo, entrambi avevano applicato per il Consiglio regionale di Ica e di essere eletto alla posizione (24-VIII-1919), ha viaggiata per la città di Ayacucho, sede del Congresso regionale del centro.
Il 1° novembre 1919 Abraham Valdelomar subì un incidente durante la partecipazione alla sessione secondo preparatoria del Congresso, come risultato di che è morto entro due giorni, essere trasferiti i suoi resti a Lima, dopo essere imbalsamato. Pubblicato postumo i bambini del sole (storie Inca, Lima, 1921), set di account scritto intorno all'anno 1910 e trittico eroica (Lima, 1921), il libro di poesie patriottiche dedicati ai bambini delle scuole del Perù. Sua opera letteraria, formata da pochi libri pubblicati e le sue opere che sono sparsi in numerosi periodici, è stato soggetto a diverse collezioni, l'ultimo - e anche la più completa - con il titolo di opere (2 voll., Lima 1988).
Abraham Valdelomar è un caso eccezionale all'interno della letteratura peruviana. Lodato e attaccata in vita come nessun altro scrittore del suo paese, è stato determinato per avere successo nel loro ambiente a cui non ha esitato a sfidare e scandaloso alla maniera di Oscar Wilde, che sicuramente voleva imitare posture. Tuttavia, dietro l'autore ha usato per mostrare in pubblico e il loro attaccamento alle frasi di brillante e ironiche, scoprirete un vero temperamento artistico, pieno di sentimento e nostalgia, che si manifesta in migliori poesie e racconti creola che formano il suo libro El Caballero Carmelo. Esso contiene alcune delle migliori storie scritte nel Perù.

Pubblicato per scopi didattici autorizzati da: Biografías y Vidas
Biografie di personaggi famosi e storici