Accostiamoci a Geova: Studio con testi biblici | Settimana del 6 Luglio

Studiare le informazioni per il libro: Accostiamoci a Geova

cl cap. 27 §§ 1-9 (30 min)



CAPITOLO 27

“OH QUANT’È GRANDE LA SUA BONTÀ!”


1, 2. Quanto è grande la bontà di Dio, e cosa dice la Bibbia di questa qualità?


IMMERSI nella calda luce del tramonto, alcuni vecchi amici si godono un pasto all’aperto, ridendo e conversando mentre ammirano il panorama. In lontananza un agricoltore osserva i suoi campi e sorride soddisfatto perché si sono addensate nuvole nere e stanno cadendo le prime gocce di pioggia sulle colture assetate. Da un’altra parte marito e moglie sono felici di vedere il loro bambino muovere i primi passi.

2 Lo sappiano o no, tutti costoro stanno beneficiando della stessa cosa: la bontà di Geova Dio. Chi è religioso spesso ripete la frase “Dio è buono”. La Bibbia è molto più chiara e dice: “Oh quant’è grande la sua bontà!” (Zaccaria 9:17) Tuttavia sembra che oggi pochi sappiano davvero cosa significano queste parole. Cos’è effettivamente la bontà di Geova Dio, e in che modo questa sua qualità influisce su ciascuno di noi?
Zaccaria 9:17 Poiché oh quant’è [grande] la sua bontà, e quant’è [grande] la sua bellezza! Il grano è ciò che farà crescere i giovani, e il vino nuovo le vergini”.

Un aspetto notevole dell’amore divino


3, 4. Cos’è la bontà, e perché la bontà di Geova si potrebbe meglio definire un’espressione del suo amore?


3 In molte lingue moderne “bontà” è un termine alquanto generico. Come rivela la Bibbia, però, la bontà è tutt’altro che generica. Principalmente indica virtù ed eccellenza morale. Quindi, in un certo senso, si potrebbe dire che Geova è pervaso dalla bontà. Tutti i suoi attributi, che includono potenza, giustizia e sapienza, sono assolutamente buoni. Comunque la bontà si potrebbe meglio definire un’espressione dell’amore di Geova. Perché?

4 La bontà è una qualità attiva, dinamica. L’apostolo Paolo spiegò che negli esseri umani è ancor più piacevole della giustizia. (Romani 5:7) L’uomo giusto di sicuro si attiene fedelmente ai dettami della legge, ma l’uomo buono fa di più. Prende l’iniziativa, cerca con impegno i modi per fare del bene ad altri. Come vedremo, Geova è buono in questo senso. È chiaro che una simile bontà scaturisce dal suo sconfinato amore.
Romani 5:7 Poiché difficilmente qualcuno morirà per un [uomo] giusto; in realtà, per un [uomo] buono forse qualcuno osa anche morire.

5-7. Perché Gesù rifiutò di farsi chiamare “maestro buono”, e in tal modo quale profonda verità affermò?


5 Geova inoltre è unico nella sua bontà. Non molto tempo prima che Gesù morisse, un uomo gli si avvicinò per fargli una domanda e lo chiamò “maestro buono”. Gesù rispose: “Perché mi chiami buono? Nessuno è buono, tranne uno solo, Dio”. (Marco 10:17, 18) Questa risposta potrebbe sembrarvi strana. Perché Gesù corresse quell’uomo? Gesù non era in realtà un ‘buon maestro’?
Marco 10:17, 18 E mentre usciva per mettersi in cammino, un uomo corse e cadde in ginocchio davanti a lui e gli fece la domanda: “Maestro buono, che devo fare per ereditare la vita eterna?” 18 Gesù gli disse: “Perché mi chiami buono? Nessuno è buono, tranne uno solo, Dio.

6 Evidentemente l’uomo usava l’espressione “maestro buono” come titolo adulatorio. Gesù con modestia attribuì l’onore al Padre celeste, che è buono in senso assoluto. (Proverbi 11:2) E poi Gesù affermava una verità profonda. Soltanto Geova è la norma di ciò che è buono. Lui solo ha il diritto sovrano di determinare ciò che è bene e ciò che è male. Ribellandosi e mangiando il frutto dell’albero della conoscenza del bene e del male, Adamo ed Eva cercarono di arrogarsi questo diritto. Invece Gesù lascia umilmente che sia il Padre a stabilire le norme.
Proverbi 11:2 È venuta la presunzione? Quindi verrà il disonore; ma la sapienza è con i modesti.

7 Inoltre Gesù sapeva che tutto ciò che è veramente buono proviene da Geova, che è il Datore di “ogni dono buono e ogni regalo perfetto”. (Giacomo 1:17) Esaminiamo in che modo la bontà di Geova è evidente nella sua generosità.
Giacomo 1:17 Ogni dono buono e ogni regalo perfetto viene dall’alto, poiché scende dal Padre delle luci [celestiali], e presso di lui non c’è variazione del volgimento d’ombra.

Prove dell’abbondante bontà di Geova


8. In che modo Geova ha mostrato bontà a tutto il genere umano?

8 Tutti i viventi beneficiano della bontà di Geova. Salmo 145:9 dice: “Geova è buono verso tutti”. Quali sono alcuni esempi della sua bontà che raggiunge tutti? La Bibbia dice: “Non si [è] lasciato senza testimonianza in quanto ha fatto del bene, dandovi piogge dal cielo e stagioni fruttifere, riempiendo i vostri cuori di cibo e allegrezza”. (Atti 14:17) Vi è mai capitato che un gustoso pasto vi abbia tirato su? Se non fosse perché nella sua bontà Geova ha progettato la terra con il continuo riciclo della riserva di acqua dolce e con le “stagioni fruttifere” per produrre cibo in abbondanza, non ci sarebbe da mangiare. Geova ha esteso la sua bontà non solo a coloro che lo amano, ma a tutti. Gesù disse: “Egli fa sorgere il suo sole sui malvagi e sui buoni e fa piovere sui giusti e sugli ingiusti”. — Matteo 5:45.
Salmo 145:9 9 Geova è buono verso tutti,E le sue misericordie sono su tutte le sue opere.
Atti 14:17 benché, in realtà, non si sia lasciato senza testimonianza in quanto ha fatto del bene, dandovi piogge dal cielo e stagioni fruttifere, riempiendo i vostri cuori di cibo e allegrezza”.
Matteo 5:45 per mostrare d’esser figli del Padre vostro che è nei cieli, poiché egli fa sorgere il suo sole sui malvagi e sui buoni e fa piovere sui giusti e sugli ingiusti.

Geova ci dà “piogge dal cielo e stagioni fruttifere”

9. Come è evidente la bontà di Geova dalla mela?


9 Molti danno per scontata l’enorme generosità di cui gode l’umanità grazie all’azione continua del sole, della pioggia e delle stagioni fruttifere. Prendete, per esempio, la mela. In tutte le regioni temperate della terra è un frutto comune, eppure è bello, squisito, dissetante e ricco di importanti sostanze nutritizie. Sapevate che in tutto il mondo esistono circa 7.500 varietà di mele, che differiscono nel colore, che va dal rosso all’oro, dal giallo al verde, e che possono essere poco più grandi di una ciliegia o persino grandi come un pompelmo? Se prendete in mano un minuscolo seme di mela, sembra insignificante, ma da esso cresce uno degli alberi più belli. (Cantico dei Cantici 2:3) A primavera il melo si ammanta di splendidi fiori e in autunno produce i frutti. Ogni anno, per circa 75 anni, un melo normale produrrà abbastanza frutta da riempire 20 cassette da una ventina di chili ciascuna.
Il Cantico dei Cantici 2:3 “Come un melo tra gli alberi della foresta, così è il mio caro tra i figli. Ho desiderato appassionatamente la sua ombra, e là mi sono seduta, e il suo frutto è stato dolce al mio palato.

Da questo minuscolo seme cresce un albero che può portare frutto per decenni

Clicca sull'immagine per Scaricare informazioni complete in file digitale per Computer, Tablet computer, Smartphone

Scarica le informazioni per Studio personale per Computer, Tablet computer, Smartphone

Scarica le informazioni per Studio personale per Computer, Tablet computer, Smartphone