Passa ai contenuti principali

Punti notevoli della Bibbia: 2 Samuele 1-2-3 > Scuola di Ministero Teocratico

ADSBYGOOGLE

Scuola di Ministero Teocratico: Informazioni per studio personale

Leggere e ascoltare la lettura della Bibbia in JW.org:

Informazioni per lo studio personale

2 SAMUELE 1:10


“Stetti dunque su di lui e lo misi decisamente a morte, poiché sapevo che non poteva vivere dopo essere caduto. Quindi presi il diadema che aveva sulla testa e il braccialetto che aveva al braccio, per portarli qui al mio signore”.”

*** it-1 p. 377 Braccialetto ***
Armille o bracciali (ebr. ʼetsʽadhàh) erano portati sulla parte superiore del braccio dai monarchi come segno di autorità regale o potere sovrano. Il braccialetto che Saul re d’Israele portava al braccio poteva avere tale significato. — 2Sa 1:10; vedi ORNAMENTI.

2 SAMUELE 1:17


“E Davide intonava questo canto funebre su Saul e su Gionatan suo figlio”

*** it-2 p. 351 Musica ***
Il salmodiare si potrebbe definire una via di mezzo fra il canto e il parlato. È piuttosto monotono e ripetitivo, e dà risalto principalmente al ritmo. Anche se in alcune delle maggiori religioni del mondo questo canto è tuttora assai popolare, nella Bibbia sembra limitato ai canti funebri, come nel caso di Davide che intonò un canto funebre per la morte del suo amico Gionatan e del re Saul. (2Sa 1:17; 2Cr 35:25; Ez 27:32; 32:16) Solo in un canto funebre, o lamentazione, questo genere di canto sarebbe preferibile alla melodia della musica o alla modulazione e all’enfasi orale di un discorso vero e proprio. — Vedi CANTO FUNEBRE.

2 SAMUELE 1:18


“e diceva che si insegnasse ai figli di Giuda “L’Arco”. Ecco, è scritto nel libro di Iashar:”

*** it-2 p. 139 Libro ***
Libro di Iashar. Questo libro è citato in Giosuè 10:12, 13, passo che riporta l’invocazione di Giosuè perché il sole e la luna si fermassero durante il combattimento contro gli amorrei, e in 2 Samuele 1:18-27, dove è riportato un componimento poetico intitolato “L’Arco”, canto funebre per Saul e Gionatan. Si ritiene perciò che il libro fosse una raccolta di poesie, canti e altri scritti, indubbiamente di notevole interesse storico e molto popolari presso gli ebrei.

2 SAMUELE 1:21


“O monti di Ghilboa, non sia su di voi rugiada, né pioggia, né ci siano campi di sante contribuzioni; Perché là si sporcò lo scudo dei potenti, Lo scudo di Saul, così che non ce ne fu nessuno unto con olio.”

*** it-1 p. 203 Armi, Armatura ***
Gli scudi venivano oliati per renderli flessibili e impermeabili, per proteggere il metallo dalla ruggine, o per renderli lisci e scivolosi. (2Sa 1:21)

2 SAMUELE 1:23


“Saul e Gionatan, gli amabili e i piacevoli durante la loro vita, E nella loro morte non furono separati. Erano più veloci delle aquile, Erano più potenti dei leoni.”

*** it-1 p. 1125 Gionatan ***
La prima volta che viene menzionato, Gionatan con coraggio portò mille uomini male armati alla vittoria contro la guarnigione filistea di Gheba. In risposta il nemico si radunò a Micmas. Segretamente Gionatan e il suo scudiero si allontanarono da Saul e dai suoi uomini raggiungendo l’avamposto nemico. Con quest’azione Gionatan manifestò il suo valore e la capacità di ispirare fiducia in altri, pur riconoscendo la direttiva di Geova, poiché per agire attese un segno da Dio. I due intrepidi combattenti abbatterono da soli 20 filistei, cosa che provocò un combattimento in grande stile con la vittoria di Israele. (1Sa 13:3–14:23) Mentre era in corso il combattimento Saul avventatamente maledisse con un giuramento chiunque avesse mangiato prima della fine della battaglia. Gionatan, che non ne sapeva nulla, mangiò un po’ di miele selvatico. Più tardi, di fronte a Saul, Gionatan non cercò di sottrarsi alla morte per avere mangiato del miele. Tuttavia fu redento dal popolo consapevole che quel giorno Dio era con lui. — 1Sa 14:24-45.
Queste imprese dimostrano chiaramente che Gionatan era un guerriero coraggioso, abile e potente. Di lui e di Saul si disse che erano “più veloci delle aquile” e “più potenti dei leoni”. (2Sa 1:23) Gionatan era un esperto arciere. (2Sa 1:22; 1Sa 20:20) Le sue qualità virili potevano averlo reso particolarmente caro a Saul. Sembra infatti che fossero molto uniti. (1Sa 20:2) Ciò tuttavia non attenuò lo zelo di Gionatan verso Dio né la sua lealtà all’amico Davide.

2 SAMUELE 1:26


“Sono angustiato per te, fratello mio Gionatan, Mi eri molto piacevole. Il tuo amore era per me più meraviglioso dell’amore delle donne.”

*** w90 15/11 pp. 11-12 par. 6 “La più grande di queste è l’amore” ***
6 C’è poi il termine greco filìa, che indica l’affetto (senza sfumature sessuali) tra amici, ad esempio fra due donne o due uomini maturi. Un ottimo esempio è l’amore che univa Davide e Gionatan. Quando Gionatan fu ucciso in battaglia, Davide fece cordoglio su di lui dicendo: “Sono angustiato per te, fratello mio Gionatan, mi eri molto piacevole. Il tuo amore era per me più meraviglioso dell’amore delle donne”. (2 Samuele 1:26) Sappiamo anche che Cristo aveva uno speciale attaccamento per l’apostolo Giovanni, che è chiamato il discepolo “per il quale Gesù aveva affetto”. — Giovanni 20:2.

*** it-1 p. 969 Fratello ***
Infatti, furono l’affetto e l’interesse reciproco, non l’origine comune, a spingere Davide a chiamare Gionatan suo fratello. (2Sa 1:26)

*** w89 1/1 pp. 25-26 parr. 10-12 Uniti sotto un vessillo d’amore ***
10 Sembra che quella sia stata l’ultima volta che Davide e il suo leale compagno Gionatan si sono incontrati. In seguito, quando sia Gionatan che Saul furono uccisi in una battaglia contro i filistei, Davide compose un canto funebre, “L’Arco”. In esso esprimeva rispetto per Saul quale unto di Geova, ma il suo cantico culminava con le parole: “Gionatan ucciso sui tuoi alti luoghi! Sono angustiato per te, fratello mio Gionatan, mi eri molto piacevole. Il tuo amore era per me più meraviglioso dell’amore delle donne. Come sono caduti i potenti e perite le armi da guerra!” (2 Samuele 1:18, 21, 25-27) Davide venne quindi unto per la seconda volta, come re su Giuda.
Paralleli moderni
11 Giacché “tutta la Scrittura è ispirata da Dio e utile per insegnare”, che cosa impariamo dal racconto di Davide e Gionatan? (2 Timoteo 3:16) Notiamo che esiste un amore “più meraviglioso dell’amore delle donne”. In effetti, “l’amore delle donne” può essere piacevole e soddisfacente quando si onorano le leggi di Geova riguardo al matrimonio. (Matteo 19:6, 9; Ebrei 13:4) Ma Davide e Gionatan furono un esempio di un tipo d’amore più elevato, in armonia con il comandamento: “Ascolta, o Israele: Geova nostro Dio è un solo Geova. E devi amare Geova tuo Dio con tutto il tuo cuore e con tutta la tua anima e con tutta la tua forza vitale”. — Deuteronomio 6:4, 5.
12 Davide e Gionatan erano uniti nell’esprimere tale amore combattendo per togliere dal nome di Geova tutto il biasimo che i Suoi nemici avevano gettato su di esso. Così facendo, essi nutrivano anche ‘intenso amore l’uno per l’altro’. (1 Pietro 4:8) L’amicizia di cui godevano sotto questo aspetto andava anche oltre il comando riportato in Levitico 19:18: “Devi amare il tuo prossimo come te stesso”. In effetti, essa prefigurò il tipo di amore indicato nel “nuovo comandamento” di Gesù: “Che vi amiate gli uni gli altri; come vi ho amati io, che anche voi vi amiate gli uni gli altri”. L’amore di Gesù era altruistico non solo in quanto egli era completamente sottomesso alla volontà di Geova, ma anche in quanto era disposto persino a ‘cedere la sua anima a favore dei suoi amici’. — Giovanni 13:34; 15:13.

Clicca sull'immagine per Scaricare informazioni complete in file digitale per Computer, Tablet computer, Smartphone

Scarica le informazioni per Studio personale per Computer, Tablet computer, Smartphone

Scarica le informazioni per Studio personale per Computer, Tablet computer, Smartphone

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

Punti notevoli del libro di Primo Cronache | Lettura della Bibbia: 1 Cronache

Punti notevoli della lettura della Bibbia: 1 Cronache | Testi spiegati e lezioni pratiche
CRONACHE, I LIBRI DELLE Due libri ispirati delle Scritture Ebraiche che si ritiene formassero un solo volume nel canone ebraico originale. I masoreti li consideravano un’opera unica, e sono contati come un solo libro nel computo che vuole le Scritture Ebraiche suddivise in 22 o 24 libri, e come due in quello che porta i libri a 39. La divisione in due libri pare sia stata adottata dai traduttori della Settanta greca. Nei manoscritti ebraici questa divisione non compare fino al XV secolo. Nella Bibbia ebraica Cronache si trova alla fine della parte chiamata gli Scritti. Il nome ebraico, Divrèh Haiyamìm, significa “i fatti dei giorni”. Girolamo suggerì il nome Chronicon, da cui deriva “Cronache” nelle Bibbie italiane. Una cronaca è la narrazione storica di certi fatti nell’ordine in cui sono avvenuti. Il titolo greco (nella Settanta) è Paraleipomènon, che significa “cose tralasciate (non dette; om…

Biografia di Emiliano Zapata | Rivoluzionario messicano

(San Miguel Anenecuilco, Messico, 1879 - Morelos, 1919) Rivoluzionario messicano. Il complesso sviluppo della rivoluzione messicana del 1910, i leader del partito agrario chiamati raccolti le giuste aspirazioni delle classi rurali più umili, che erano state condannate alla miseria di un arbitrario CAP che desposeía loro dalle loro terre. Di tutti loro, Emiliano Zapata è ancora il più ammirato.

Emiliano Zapata Contro l'ambizione senza scrupoli o l'incoerenza ideologica di Pancho Villa e Pascual Orozco e un'idea di rivoluzione più legato alla guerra per il potere di trasformazione sociale, Emiliano Zapata è rimasto fedele ai suoi ideali di giustizia e ha dato priorità assoluta ai successi efficaci. Purtroppo, che la stessa fermezza e perseveranza contro la confusione si snoda del rivoluzionario determinato suo isolamento in stato di Morelos, dove intraprese riforme feconde da una posizione di indipendenza virtuale che nessun governo può tollerare. Omicidio, ist…