Franz Brentano e l'oggetto di studio della psicologia | Concetti di Psicologia

Franz Brentano (1838 - 1917) è considerato uno degli psicologi più importanti dell'inizio della disciplina, grazie alla diversificazione degli interessi di studi. La psicologia era empirista base, cioè, osservazione. Al contrario la psicologia di Wundt, che era di sperimentazione, Brentano ha creduto era più importante l'atto mentale che l'oggetto stesso. Ad esempio, per lui era più importante studiare l'atto mentale della visualizzazione, rispetto al contenuto mentale ciò che si vede. Questo metodo divenne noto come l'atto di psicologia.
Brentano ha sostenuto che ci dovrebbe essere una distinzione tra struttura ed esperienza esperienza come attività. Contrariamente a Wundt e suoi seguaci e reindirizzando che l'oggetto di studio della psicologia, Brentano ha dovuto creare un diverso metodo di analisi di introspezione (guardare dentro di se stessi), una volta che l'atto non è accessibile da questo mezzo. Così, ha creato il metodo di analisi degli atti mentali attraverso l'osservazione (empirismo), più adatto alla psicologia dell'atto.
Brentano perfezionato due forme di studio degli atti mentali:

  • attraverso l'utilizzo di memoria (memoria dei processi mentali coinvolti in un determinato stato mentale);
  • attraverso l'uso di immaginazione (immaginando uno stato mentale e osservando i processi mentali che si verificano).
Anche se attratto molti seguaci, la psicologia di Brentano non era nota come quello di Wundt, perché ha pubblicato articoli e lavori più. Psicologi pensiero più facili da studiare le sensazioni o i contenuti di conoscenza con i metodi di psicofisica, che usa l'osservazione per analizzare le azioni più evasive (coloro che lasciano dubbi).
Nella stessa moderata linea Brentano e influenzato da questo è Carl Stumpf (1848-1936), che sosteneva di essere i più importanti fenomeni di dati per la psicologia. La fenomenologia, sorta di introspezione difeso da Stumpf, riguarda l'esame dell'esperienza imparziale, come avviene, senza tentare di ridurlo a loro componenti elementari (riduzionismo), come ha fatto Wundt.

Bibliografia:

Storia della psicologia moderna/Duane p. Schultz, Sydney Ellen Schultz; Traduzione Saruccia Sleepand Murai Cuccio. -São Paulo: Cengage Learning, 2009.
Pubblicato per scopi didattici
Cultura e scienza