Definizione e significato di Radar | La sua importanza


Radar è un termine che deriva dall'acronimo: Radio rilevando e che vanno (rilevazione e localizzazione di radio"). È un sistema che, tramite la radiazione elettromagnetica per rilevare la posizione (posizione) o la velocità di un oggetto. Il concetto di radar è anche usato per riferirsi al dispositivo che si applica questo sistema.
Esempi: "il radar ha rilevato un sospetto di esercito aerei volano senza autorizzazione sul fiume», «Secondo radar della polizia, l'auto era in viaggio a 180 km all'ora», «l'aeroporto ha otto radar per controllare l'aria di circolazione.
Lo scopo del radar è di emettere onde elettromagnetiche che vengono riflesse sul bersaglio e che vengono ricevuti nella stessa posizione del trasmettitore. Questo tipo di eco in grado di gestire una varietà di informazioni, quali distanza, velocità, altitudine e direzione di oggetti mobili o fissi/statici.
I radar hanno molteplici usi. Può essere utilizzati dai militari per la posizione e il movimento degli obiettivi diversi; dalla polizia per misurare la velocità delle auto su un'autostrada; la sicurezza degli aeroporti per fornire istruzioni/indicazioni agli aeromobili ed evitare collisioni; dai capitani delle navi di orientarsi sul mare; o dal servizio meteorologico di rilevare le precipitazioni (pioggia), tra gli altri usi.
È possibile classificare i radar in modi diversi secondo le diverse variabili. Così, uno può parlare di monostatic e bistatic radar multistatic, onda continua, onda pulsata, primaria, secondaria, di controllo o di ricerca, tra gli altri.
Pubblicato per scopi didattici
Significati, definizioni, concetti di uso quotidiano