Passa ai contenuti principali

Civiltà Nazca > L'origine e la storia.

Civiltà Nazca: Definizione e origine

da Mark Cartwright
clip_image028
La civiltà di Nazca fiorì sulla costa meridionale del Perù tra il 200 A.C. e il 600 CE. Si stanziarono i Nazca e altre valli circostanti con i loro principali siti religiosi e urbani essendo Cahuachi e Ventilla, rispettivamente. La cultura è noto per la sua distintiva ceramiche e tessuti e forse soprattutto, per i geoglifi fatta al piano deserto comunemente nota come linee di Nazca. Questi possono essere semplici linee, spazi sgomberati, o animali e figure tracciate nel contorno, e quanto coprono diversi chilometri, sono meglio apprezzate dall'aria.

Panoramica

Il Nazca erano contemporanea con e poi outlasted, la cultura Paracas e Paracas molti siti sono stati scoperti sotto gli insediamenti Nazca. Politicamente, la civiltà di Nazca è stata descritta come un insieme di chiefdom occasionalmente agire all'unisono per interesse reciproco, piuttosto che come un unico stato unificato. O come M.E. Moseley mette, "individualità - con coerenza cultura, ma senza potere su larga scala o integrato - sono stati tratti distintivi Nazca". Questa interpretazione è rafforzata dall'arte e architettura della Nazca che visualizza temi comuni attraverso insediamenti ma allo stesso tempo c'è una generale mancanza di urbanistica uniforme o evidenza di centralizzazione. La popolazione massima del Nazca è stata stimata in 25.000 persone, sparsi in piccoli villaggi che in genere sono stati costruiti su colline terrazzate vicino pianure irrigate.
Come si sono sviluppati, la Nazca esteso loro influenza nella valle del Pisco nel nord e la valle di Acari nel sud. Inoltre, come lama, alpaca e vigogna non sopravvivono nelle zone costiere l'uso della loro lana nel tessile di Nazca è la prova che il commercio è stato stabilito con le culture delle highland. Inoltre, Nazca mummie sono state scoperti indossi Copricapi fatti con le piume degli uccelli della foresta pluviale, ancora una volta, che illustrano tale merce sono stati scambiati attraverso grandi distanze.
Il Nazca hanno lasciato un'eredità di immagini distintive su loro ceramica, tessile e attraverso la superficie desertica del Perù.
Graves, spesso collocati fino a 4,5 metri, profonde e si accede tramite un albero, sono la fonte più ricca di manufatti di Nazca e rivelare molti aspetti della cultura. Tessuti e ceramiche sottili sono stati sepolti con i morti e con nessuna particolare distinzione tra sepolture maschili e femminili. Il defunto è mummificato, accuratamente avvolto in tessuti e solitamente collocato in posizione seduta, teschi talvolta visualizzato intenzionale allungamento e sappiamo che i Nazca portava tatuaggi. Tombe, soprattutto quelli rivestiti con mattoni di fango, di albero potrebbero essere riaperto e mummie più aggiunto, indicando forse il culto degli antenati. Le cache di teste trofeo accompagnano spesso la mummia, molti mostrando segni di trapanazione, che ha permesso parecchie per essere infilate su un singolo cavo, come illustrato nei disegni di ceramica. Trofeo-teste anche frequentemente sono incorporate nei disegni tessili, specialmente in miniatura e come decorazione di confine. C'erano anche le sepolture di che cosa sembrano essere le vittime sacrificali. Questi hanno bloccati gli occhi ed escrementi è stato disposto in bocca che poi è stata appuntata chiusa con aghi di cactus. In alternativa, la lingua è stato rimosso e conservata in un sacchetto di stoffa.
Indebolito da una siccità di lunga generazione nel 5 ° secolo D.C., il Nazca erano finalmente conquistata dal Wari - che assunse molti dei loro tratti artistici - e insediamenti Nazca, da allora in poi, mai salito oltre status di provincia.

Ventilla

Ventilla fu la capitale urbana di Nazca e coperti oltre 2 chilometri quadrati (495 acri) inclusi tumuli cerimoniali, tribunali murate e terrazzati alloggiamento. Per combattere la minaccia sempre presente di siccità il Nazcans costruito un'ampia rete di metropolitana acquedotti, gallerie e cisterne per garantire un buon rifornimento idrico durante la stagione secca e minimizzano l'evaporazione. Questi erano raggiunti da impressionanti rampe a spirale discendente e foderati con ciottoli di fiume.
clip_image029

Cahuachi

Fondata c. 100 A.C., Cahuachi, sulla riva sud del fiume di Nazca, 50 km nell'entroterra, era un luogo di pellegrinaggio e la capitale religiosa di Nazca. E ' stato probabilmente il primo considerato sacro, perché era una delle poche posizioni con un alimentazione garantito tutto l'anno. La mancanza di architettura domestica indica che non è stato utilizzato come luogo di abitazione.
Il sito sacro copre 11,5 chilometri quadrati (2.841 ettari) e ha circa 40 tumuli di grandi adobe che approfittare delle colline naturali. Il più grande tumulo, noto come il grande tempio, è alta oltre 20 metri. I tumuli hanno un'adiacente piazza e sono sormontati da muri di adobe. La piazza più grande misura 47 x 75 metri. Un basso muro, 40 cm di altezza, circondato il recinto sacro principale. Messaggi e postholes attraverso il sito suggeriscono tettoie protette adoratori del sole. Scene tessile anche suggeriscono che raduni religiosi sono stati collegati alla raccolta di sagre, e mucchi di spazzatura, composta prevalentemente da cocci di ceramica presso il sito indicano festa rituale. Questa spazzatura è stato volutamente lasciata così che esso divenne parte del tumulo. Di conseguenza, il più grande tumulo, quanto più era stata usata nei rituali. Alcuni tumuli contenevano anche sepolture e grandi vasi contenenti pregiati tessuti dati come offerte religiose.
Ulteriori dettagli delle cerimonie religiose che possono sono state svolte presso Cauachi sono raffigurati nell'arte di Nazca, soprattutto su ceramica, e molte sono le scene che coinvolgono gli sciamani. Queste figure religiose, in una trance indotta da farmaci, ha fatto appello agli spiriti della natura per garantire condizioni favorevoli per abbondanza agricola. Musica era una parte importante di questi riti, come dimostra l'abbondanza di ceramica batteria e flauto di Pan nel record archeologico. Il Dio principale di Nazca sembra di essere stato l'essere Oculate che è rappresentato nell'arte come una figura di divinità volante indossando stringhe di teste trofeo. Egli è spesso raffigurato in ceramica e disegni tessili in posizione orizzontale con stelle filanti che scorre dal suo corpo. Grandi occhi sbarrati e una lingua di serpente-come sono le altre caratteristiche tipiche.
clip_image030

Linee di Nazca

Il Nazca ha disegnato linee e geoglifi attraverso i deserti e le colline che erano o disegni stilizzati di animali, piante e gli esseri umani o linee semplici che collegato luoghi sacri o puntato a fonti d'acqua circostanti. Il loro scopo esatta è disputata, ma la teoria più largamente diffusa è che essi sono stati progettati per essere camminato lungo come parte di riti religiosi e processioni.
Le linee sono state fatte molto facilmente e rapidamente rimuovendo le rocce superficiali più scure ossidate che pongono strettamente sparse attraverso il pavimento più leggero del deserto colorato pampa . La maggior parte dei disegni vengono solo dall'aria, ma alcune sono state fatte sulle colline e quindi sono visibili da terra.
Linee potrebbero essere singolo - sia dritto e curvo - o in gruppi e potrebbero incrociarsi in reti complesse. La larghezza e la lunghezza delle linee può variare; una delle più lunghe linee rette è lunga 20 km e la lunghezza totale combinata delle linee di Nazca è stata stimata a oltre 1.300 km. Quelle linee usati per descrivere una forma specifica sono generalmente composte da una sola linea continua. Disegni potrebbero essere forme geometriche o animali come un colibrì, ragno e una balena assassina. Alberi, piante e fiori erano un altro soggetto, così come figure umane.
La scala dei disegni può essere enorme; molti sono almeno le dimensioni di un campo sportivo. Sono state anche fatte durante parecchi secoli e molto spesso più nuovi disegni si sovrappongono e ignorano quelli più anziani che suggeriscono fortemente una mancanza di lunga durata e pianificazione unificato e, quindi, che essi sono stati realizzati da gruppi diversi in momenti diversi e servito più di un unico scopo.

Ceramiche Nazca

Il Nazca hanno raggiunto una reputazione di grande maestria e loro ceramica finemente lavorata è un ottimo esempio. Le navi erano con pareti sottili e potrebbero assumere un'ampia varietà di forme. Forme distintive includono i contenitori doppio-declamò con una singola maniglia e vasi generalmente globoso senza un fondo piatto o base. Era comuni anche ciotole, bicchieri, barattoli, fusti effigie e flauto di Pan. C'erano anche i vasi a forma di teste umane, senza dubbio ispirate dalla pratica di prendere il trofeo-teste Nazca seguendo le battaglie.
Influenzato dai precedenti disegni cultura Paracas, Nazca, vasi di ceramica sono stati decorati con una scivolata (prima cottura) per produrre una vasta gamma di vividamente il rendering modelli, dèi, immagini sciamaniche, crostacei, Condor, scimmie e creature mitiche trasformazionale, specialmente i felini. Il Nazca ha continuato a creare il proprio stile unico e disegni si è evolute da naturalistici altamente ornati e quindi a forme altamente astratte. Spesso il design copre l'intera nave producendo un avvolgente effetto tridimensionale, anche una narrazione, ad esempio, con scene di battaglia. Disegni potrebbero sfruttare anche i contorni della nave, ad esempio, un naso su una parte sporgente. Disegni possono inoltre si sovrappongono per creare l'illusione di spazio e profondità.
Marrone, viola chiaro e grigio-blu sono stati una scelta preferita di colori, ma una gamma molto ampia è stata utilizzata, più, infatti, rispetto a qualsiasi altra antica cultura andina. Sfondi erano di solito in bianco, rosso o nero. Delineando figure in nero era un'altra caratteristica e un altro esempio della gioia di Nazca in design lineare. Una lucidatura finale ha dato i colori una bella lucentezza.
clip_image031

Lavorazione dei metalli e tessile di Nazca

Il Nazca erano affezionato non solo la tessitura della lana e ricamo ma anche di pittura panno di cotone normale con una serie di immagini colorate e motivi. Tessuti sono sopravvissuti molto bene, grazie al clima estremamente secco, e illustrano che tessitori di Nazca ha posseduto l'intera gamma delle tecniche andine e impiegato una sorprendente gamma di colori e sfumature per produrre disegni intricati e dettagliati. Figure erano particolarmente popolare in disegni e più spesso sono raffigurati che partecipano a scene di vendemmia che mostrano tali prodotti alimentari come il mais e fagioli. Animali, simili a quelli nei disegni geoglifi e ceramiche, erano anche un soggetto popolare. Telai, mandrini, aghi, batuffoli di cotone e pentole di coloranti sono stati scavati dagli insediamenti Nazca.
Dei metalmeccanici Nazca battere oro in fogli sottili, che sono stati tagliati per creare sagome. Preferendo mantenere le superfici lisce e riflettenti, solo un po' di tecnica repoussé lavoro fornisce decorazione risparmiando. Maschere sono state prodotte che sono stati indossati sopra la bocca e fatto l'indossatore sembrano avere un golden barba e baffi. Furono anche prodotti oro maschere granfacciale, pennacchi di capelli e ornamenti di naso e fronte. Queste maschere d'oro trasformano il volto di chi lo indossa e ricordano le cerimonie di trasformazione effettuate da sciamani che erano un argomento così popolare nell'arte di Nazca.
Estratti dal sito Web: Ancient History Encyclopedia sotto licenza Creative Commons.

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…