venerdì, maggio 08, 2015

Chi era: Tiglath Pileser I | Sua Origine e storia.

ADS

di Joshua J. Mark
clip_image030
Tiglath Pileser I (regnò dal 1115-1076 A.C.), un re assiro del periodo conosciuto come l'impero di mezzo, rivitalizzato l'economia e i militari che stava soffrendo, più o meno, dopo la morte del re Tukulti Ninurta I (1244-1208 A.C.). I vecchi re piacciono Adad-Nirari I, Salmanassar I e io avevo ampliato l'impero Tukulti-Ninurta fuori dalla città di Ashur e riempito il tesoro reale ricchezza da loro conquiste. Re Tukulti-Ninurta seguente, tuttavia, ero stato contento di mantenere l'Impero come essi ereditato, senza migliorare o espandendo la loro eredità e così costantemente perso territorio tribù invasori o fazioni ribelli all'interno dell'Impero. I commenti di Susan Wise Bauer storico su questa scrittura, "Tiglath Pileser voleva di più. Egli fu il primo re bellicoso dal Shalmaneser, otto generazioni e un centinaio di anni prima. Girò contro gli invasori e usato loro attacchi per prendere più terra per sé. E per un breve periodo – poco meno di quarant'anni – Assiria riguadagnato qualcosa come suo precedente luminescenza"(287). Ha battuto ampiamente per tutto il suo regno con il suo esercito, ha avviato progetti di grande edificio e favorito il processo di costruzione di una collezione di libri alla biblioteca di Ashur raccogliendo tavolette cuneiformi da tutto l'impero.
Egli era un uomo letterato che compose i primi annali royal ed è meglio conosciuto come il re che ha ampliato il territorio degli assiri, in quanto esso potrebbe veramente essere chiamato a un impero. Prima del suo regno, come lo storico Paul Kriwaczek note, "Assiria è cresciuto nel territorio, pezzo per pezzo, anche se con frequenti inverte, per raggiungere un primo apice nel 1120, quando il re, Tiglath Pileser I, attraversò l'Eufrate, catturato la grande città di Carchemish e raggiunto sia il Mar Nero e Mediterraneo, per la prima volta, creando un impero assiro" (223). Suo regno è stato un singolo punto luminoso nella storia dell'impero in questo momento, tuttavia, e suoi guadagni andrebbe persa dai suoi successori, che è tornato alle politiche di contenimento, che avevano seguito i suoi predecessori.
In ogni aspetto del suo regno, Tiglath Pileser mi sono concentrato su una migliore politica espressa dal poeta latino Lucius Accius: Oderint dum Metuant – lasciali odiare, fintanto che essi temono.

Regno & campagne militari

Tiglath Pileser che iniziò il suo Regno di riparare i templi che erano stati trascurati e guadagnando il supporto fra il popolo mediante la costruzione di quelli nuovi. Nelle sue iscrizioni egli scrive di dedicandosi dapprima per la divinità e la loro volontà. Egli scrive,
All'inizio del mio regno, Anu e Vul, i Guardiani grandi dèi, signori miei, dei miei passi, mi ha invitato a riparare questo loro santuario. Così ho fatto di mattoni; Livellato la terra, ho preso le sue dimensioni; Mi sdraiai sue fondamenta su di una massa di roccia forte. Questo luogo in tutta la sua intera estensione pavimentata con mattoni in ordine predeterminato, 50 piedi profondo, preparato il terreno, e su questa sottostruttura gettato le basi inferiore del tempio di Anu e Vul. Dalle sue fondamenta per i suoi tetti costruito a, meglio di quanto fosse prima. Ho anche costruito due cupole alte in onore dei loro nobili godships e il luogo santo, una hall spaziosa, consacrato per la comodità dei loro fedeli e per ospitare i loro devoti, che erano numerosi come le stelle del cielo e in quantità versata indietro come voli di frecce. Riparato, costruito e completato il mio lavoro. Di fuori del tempio modellato tutto con la stessa cura come all'interno. Il tumulo di terra su cui è stato costruito ingrandito come il firmamento degli astri nascenti, e abbellito l'intero edificio. Sue cupole ha sollevato fino al cielo e con i tetti che costruito interamente in mattoni. Un santuario inviolabile per loro godships nobile mi sdraiai vicino a portata di mano. Anu e Vul, grandi dèi, glorificato dentro, li impostare sulla loro purezza onorato e il cuore dei loro nobili godships che deliziato. Bit-Khamri, il tempio del mio Signore Vul, quale Shanxi-Vul, sacerdote di Ashur, figlio di Adriano-Dagan, sacerdote di Ashur, aveva fondato, divenne rovinato. Livellato il suo sito, dalla sua fondazione ai suoi tetti che accumulato di mattoni, si allargata oltre il suo stato precedente e decorato esso. All'interno di esso sacrificato vittime preziose al mio Signore Vul.
Anche se il sacrificio umano non era praticato dagli Assiri, il riferimento di cui sopra (e altri come esso nelle sue iscrizioni) sembra indicare che Tiglath Pileser istituito il rituale sacrificio umano come parte della sua politica di instillare terrore nei suoi nemici e il timore reverenziale nei suoi sudditi. Una volta egli aveva preso cura dei templi e commissionato altri progetti di costruzione, allestisce la sua prima campagna c. 1112 A.C. contro il popolo di Mushku che aveva sostenuto il territorio assiro per se stessi. Ha poi conquistato il paese di Comukha (Anatolia), sconfiggendo il popolo Nairi e poi hanno marciato sulla regione di Eber Nari (Siria moderna e il Levante) e conquistato esso pure. Egli scrive,
All'inizio del mio regno 20.000 di loro 5 re, che per 50 anni aveva tenuto i paesi di Alza e Perukhuz, senza pagare il tributo e le offerte di Ashur, mio Signore, e che un re di Assiria non aveva mai avventurato incontrare in battaglia e il Muskayans andò loro stessi alla loro forza e andato e sequestrato il paese di Comukha. Al servizio di Ashur mio Signore mio carri e guerrieri ho assemblato dopo di me... il paese di Kasiyaia, un paese difficile, attraversato. Con loro 20.000 uomini e loro 5 re nel paese di Comukha di combattimento impegnati. Io li sconfisse. Le fila dei loro guerrieri in battaglia di combattimento sono state battute come se dalla tempesta. Le loro carcasse coperto le valli e le cime delle montagne. Tagliato la testa. Le merlature delle loro città ho fatto cumuli di, come cumuli di terra, loro beni mobili, la loro ricchezza e loro oggetti di valore che saccheggiato per un importo di innumerevoli. 6.000 di loro soldati comuni che sono fuggiti prima i miei servitori e accettano il mio giogo, li prese e ha dato loro, agli uomini del mio territorio. Poi sono andato nel paese di Comukha, che era disobbediente e trattenuta, il tributo e le offerte a causa di Ashur, mio Signore: conquistato tutto il paese di Comukha. Saccheggiato i loro beni mobili, la loro ricchezza e loro oggetti di valore. Loro città che bruciato con il fuoco, distrutto e rovinato.
Egli aveva sconfitto l'Aramei di Eber Nari (anche se continuano a presentare un problema per lui e, successivamente, i suoi successori) e Anatolia preso, quindi il babilonese Nabucodonosor ho fatto incursioni in territorio assiro e ha sostenuto di aver conquistato la terra degli amorriti (la terra di Eber Nari) il re. Questo scenario è stato molto simile a uno secoli prima quando il re babilonese Kashtiliash aveva preso i territori di confine assiro e chiamato su di sé l'ira di Tukulti Ninurta I. Tiglath Pileser reagito allo stesso modo e ha guidato il suo esercito contro la città di Babilonia, catturando Babilonia e distruggendo il Palazzo centrale. Egli non ha fatto lo stesso errore come Tukulti Ninurta I, tuttavia e lasciato solo i templi degli dèi.
Secondo lo storico Gwendolyn Leick, Tiglath Pileser "ero uno dei più importanti re assiri di questo periodo, in gran parte a causa delle sue campagne militari ad ampio raggio, il suo entusiasmo per i progetti di costruzione e il suo interesse nelle collezioni tavoletta cuneiforme... Ha anche un decreto legale, le cosiddette leggi Medio Assiro"(171). Queste leggi hanno presentato il re come amministratore della volontà degli dèi – che non era diversa dai precedenti codici di legge come il codice di Hammurabi – ma la gravità delle loro pene era molto maggiore. In queste leggi, come in ogni aspetto del suo regno, Tiglath Pileser mi sono concentrato su una migliore politica espressa dalla frase del poeta latino Lucius Accius successiva: Oderint dum Metuant – lasciali odiare, fintanto che essi temono (una linea reso famigerata imperatore romano Caligola). Non solo erano le sanzioni severe, tuttavia, sembravano soprattutto per le donne.
clip_image031
Guerrieri assiri sollievo

La misoginia & leggi

Le leggi sono incisi su tavolette scoperti presso il sito dell'antica città di Ashur. Kriwaczek rileva che:
Più immediatamente gli aspetti suggestivi di queste leggi sono come duro e crudele che sembrano rispetto anche al codice 'occhio-per-un-occhio' di Hammurabi, e quanto profonda è la misoginia che essi esprimono. Punizioni includono gravi percosse, mutilazioni orribili e spaventosi metodi di pena capitale – lo scuoiamento vivo o impalamento su un palo, per esempio, il modello originale per crocifissioni romane. Ciò è prescritto come la punizione per una donna che si procura un aborto: ' se una donna ha procurato un aborto di suo proprio atto, quando hanno lei processato e condannato per lei, essi devono impalare lei sui pali senza seppellire lei. Se e ' morta nell'avere l'aborto spontaneo, essi devono impalare lei sui pali senza seppellire lei.' Per danneggiare la fertilità dell'uomo, la pena è mutilazione: «se una donna ha schiacciato il testicolo di un gentiluomo in una rissa, essi devono tagliare un dito di lei. Se l'altro testicolo ha diventare affetti insieme ad esso intercettando l'infezione, anche se un medico ha legato, o lei ha schiacciato l'altro testicolo in una rissa, essi devono strappare in entrambi gli occhi.' Adulterio [di una donna] è sia un reato capitale o punibile deturpanti. (224).
Kriwaczek e altri studiosi hanno osservato che non è chiaro quanto spesso queste punizioni sono state inflitte, ma, considerando la struttura sociale del periodo impero di mezzo, soprattutto per quanto riguarda le donne, erano abbastanza probabile imposto abbastanza regolarmente. Le donne avevano ben poco diritti sotto l'impero di mezzo. Essi erano responsabili di azioni dei loro mariti, debiti e suoi crimini ma non potrebbe prendere alcun credito per sua lode o realizzazioni; mariti, non foro d'altra parte, alcuna responsabilità per le azioni, debiti o crimini delle loro mogli. Kriwaczek scrive, "Nessuna società antica che conosciamo di potrebbe essere veritiero descritta come un paradiso femminista, regolamenti assiro medio va lontano oltre nel loro oppressione delle donne rispetto a qualsiasi prima" (225). Questa soppressione dei diritti delle donne sembra corrispondere allo sviluppo del monoteismo in teologia assira. L'impero cresceva, la divinità centrale degli assiri, Ashur, poteva essere adorata non più solo nel suo tempio nella città di Ashur. Egli doveva diventare portatile e diventato così dal riconoscimento che i dèi di tutti i territori conquistati erano in realtà solo Ashur con altri nomi. Invece di un Dio locale che era venerato nel suo tempio, Ashur divenne il Dio supremo, che poteva essere adorato da nessuna parte perché era trascendente. Come il concetto di Dio è diventato ulteriormente rimosso dal mondo naturale, ha rifiutato lo status delle donne. La ragione di questo è stata dibattuta per anni, ma potrebbe essere semplice come cosa Kriwaczek suggerisce:
Mentre i maschi possono ingannare se stessi e l'altro che sono di fuori, sopra, e superiore alla natura, le donne non possono così le distanze, per loro fisiologia li rende chiaramente e ovviamente parte del mondo naturale. Portano avanti bambini da fuori loro ventri e produrre cibo per i loro bambini da loro seni. Loro cicli mestruali collegano alla luna. Nella società odierna la nozione che, per le donne, la biologia è destino è giustamente considerata come aberrante. In epoca assira, fu un fatto evidente che li modo escluso dalla piena umanità (230).
Ineguale condizione delle donne nella società assira in questo momento più completamente è stata illustrata nelle leggi e, come osservato, erano responsabili non solo per il proprio comportamento, ma quella dei loro mariti. Uomini sarebbe anche stati puniti, tuttavia, se l'hanno assistito una donna comportarsi male, o uscire in pubblico impropriamente vestita e non ha fatto nulla per lei segnalare alle autorità. Molti di questi tipi di leggi ha avuto a che fare con le donne indossano – o non indossa – veli. Mogli, vedove, sacre prostitute, concubine e figlie della nobiltà dovevano apparire in pubblico velato. Donne slave, figlie di schiavi e le comuni prostitute erano non di velare di se stessi. Una donna che uscì in strada indossando un velo che lei non era legittimata a avrebbe avuto le orecchie tagliate. Un uomo che ha visto una donna che indossa un velo che non doveva per avere – o comportarsi in qualsiasi altro modo ritenuto inaccettabile – ha dovuto segnalare quella donna alle autorità istantaneamente o rischio 50 frustate, mutilazioni e riduzione in schiavitù per un mese.

Morte & la dissoluzione dell'Impero

Tiglath Pileser sono probabilmente morto nella sua vecchiaia di cause naturali. Anche se ci sono storici che teorizzano che potrebbe essere stato assassinato, ci sembra scarsa evidenza per questo nelle fonti primarie. Durante il suo regno ha ingrandito l'impero e importati animali dalle terre differenti nella regione intorno Ashur, possibilmente creando un precoce zoo della città. Leick osserva che, "Fu anche uno dei primi re assiri a Commissione parchi e giardini, forniti di alberi nativi e stranieri e piante" (171). Egli era un cacciatore notevole che hanno affermato di avere ucciso 920 leoni e un narvalo tra altri animali. Suoi codici di legge erano tenuti in considerazione dai suoi sudditi e suoi annali royal ha sottolineato la sua forza e abilità in battaglia. Ulteriormente, ha compilato una libreria di rilevanti dimensioni e portata presso Ashur. Tutti questi successi elevato il suo nome nelle opere di più tardi gli scribi assiri ed era conosciuto come un vero grande re. Successivi governanti come Tiglath Pileser II e Tiglath Pileser III prese il suo nome nel tentativo di collegare se stessi con il grande monarca del passato.
Anche così, Tiglath Pileser I conquiste sarebbe non sopravviverà il re stesso. Anche se le sue campagne erano lontano-gamma e portato in una grande ricchezza, ha mai stabilito assiro regola saldamente nei territori conquistati. Era la forza della sua personalità che tiene insieme il suo impero e, con la sua morte, ha cominciato a dissolversi. Egli venne succeduto da suo figlio, Asharid-apal-ekur, che continuò la sua politica ma di non fatto gli avanzamenti. Quando morì dopo due anni, il trono venne assunto da suo fratello Ashur-bel-kala che è stato sfidato da un usurpatore e gettato la regione in guerra civile. Questo fermento ha permesso le regioni che non avevano già lasciato l'impero per disimpegnarsi e dichiarare la loro autonomia. Gli Aramei, che mai erano stata completamente conquistati, ora si sollevarono contro gli assiri e ha preso di nuovo le terre dell'ovest. Assiria entrò in un periodo di stasi in cui i governanti detenuta a qualunque territori essi potrebbero ma ha fatto poco altro. L'impero si ridusse e vuoi ristagnare fino all'ascesa di re Adad Nirari II (912-891 A.C.), che nuovamente rivitalizzato Assiria e avviato l'Impero Neo-assiro, che sarebbe diventata la più grande entità politiche e militari del vicino Oriente per i successivi tre secoli.
Pubblicato per scopi didattici

Contenuto consigliato