Chi era: Le sirene | Sua Origine e storia.

da Mark Cartwright
clip_image001
Sirene erano creature della mitologia greca che allettati marinai alla loro distruzione con il loro canto irresistibilmente bella. Il loro aspetto più famoso nella letteratura è di Omero Odissea , dove l'eroe Ulisse, nel suo lungo viaggio casa dopo la guerra di Troia, con successo sfugge loro chiamata incantevole.

Origini & attributi

Le sirene erano creature ibride con il corpo di un uccello e la testa di una donna, a volte anche con braccia umane. Una tradizione afferma la loro origine come compagne di Persefone e, non riuscendo a impedire il suo stupro, esse sono state trasformate in Sirene come punizione. Storicamente, la creatura è di origine orientale ed è venuto in Grecia durante il periodo orientaleggiante di arte greca. Le sirene erano voci di bel canto ed erano giocatori di talento lira. Così meraviglioso è stato loro talento musicale che era detto che essi potrebbero anche calmare i venti. Forse un po' troppo fiduciosi nel loro doni sirene ancora una volta sfidato le Muse per un concorso musica ma, ahimè, senza successo.
Nessun marinaio mai navigato la sua nave nera passato questo posto senza ascoltare i toni del miele-dolce che scorrono dalle nostre labbra e nessuno che ha ascoltato non è stato felice e andato sulla sua strada un uomo più saggio. (Le sirene, Odissea 12:186-190)
Secondo Omero le sirene vivevano su un'isola presso Scilla e Cariddi (tradizionalmente situato in stretto di Messina tra Sicilia e Italia). Qui hanno atteso le navi di passaggio e con la loro bella musica sedotto i marinai al loro destino. Infatti, i prati dell'isola casa sirene diceva sono stato perennemente a strati con i marciume cadaveri delle loro vittime sfortunati. Omero menziona solo due sirene mentre scrittori successivi spesso descrivono tre. Loro parentela è variamente descritta, e scendono da Gaia, Forci, Acheloo e Sterope o una delle Muse.

Ulisse & sirene

Le sirene incantano chiunque si avvicina a loro. Non non c'è nessun ritorno a casa per l'uomo che li avvicina alla sprovvista... Per con la loro alta canzone chiare le sirene incantano lui, come si siedono lì in un prato ammassati elevato con Sgretolante scheletri di uomini, la cui pelle avvizzita ancora pende su di loro ossa. (I consigli di Circe, Odissea, 12.39-47)
Una delle loro storie più famose è tentativo sirene di attirare Ulisse e il suo equipaggio mentre passavano il loro viaggio casa a Itaca dopo la guerra di Troia. Il grande eroe greco era già rinomato per il suo ingegno rapido e pianificazione e ha dimostrato di essere una cattura molto più difficile che le solite vittime sirene. Consigliato da Circe, l'eroe aveva legato all'albero della sua nave che poteva sentire la bellissima canzone di sirene e non essere tentati di terra, mentre il resto del suo equipaggio furono rese immune bloccando le orecchie con la cera e così tutti hanno navigato tranquillamente su fuori dal modo danneggia.
Secondo la leggenda le sirene erano destinate a morire se un mortale mai resistito loro cenno.
Un altro eroe che tentò di catturare le sirene è stato Jason come lui e i suoi Argonauti passarono sul loro modo di trovare il vello d'oro. Jason, fiducioso nelle capacità musicali del suo membro dell'equipaggio di talento Orpheus, non si preoccupò con cera ma soffocata chiamata sirene con lira superlativo Orfeo giocando. Secondo la leggenda le sirene erano destinate a morire se un mortale mai resistito loro cenno e quindi non è chiaro se fosse Ulisse o Orpheus, che era responsabile della loro definitiva scomparsa, forse per suicidio.

Sirene nell'arte greca

Loro culto era particolarmente prevalente al Neapolis (Napoli), Sicilia e Italia meridionale in generale. Nell'arte greca più spesso sono rappresentati con il corpo di un uccello e una donna di testa, tipicamente stringendo una lira e più spesso visto in un contesto musicale, scene con Dioniso, o in cima a monumenti funerari. Erano anche una comune caratteristica decorativa di calderoni di bronzo ed è diventato una fiocco parte delle scene in ceramica casa viaggio di Odisseo.
clip_image003
Odisseo e le sirene
Uno degli esempi più famosi è il c 450 A.C. stamnos a figure rosse da Vulci (ora nel museo britannico) che, curiosamente, ha anche una sirena tuffarsi in mare in apparente suicidio. Nell'arte arcaica spesso sono temibili e può avere artigli, ma essi si evolsero in creature belle e serene di periodo classico, molto diverso dalla loro associazione ancora più tardi con lussuria e baldoria sfrenata.
Pubblicato per scopi didattici