Passa ai contenuti principali

Chi era: La Civiltà Lambayeque| Sua Origine e storia.

ADSBYGOOGLE

da Mark Cartwright
clip_image007
La civiltà Lambayeque (aka Sicán) fiorì tra il c. 750 e c. 1375 CE sulla costa settentrionale del Perù, a cavallo tra l'orizzonte medio e tardo periodo intermedio di antiche Ande centrali. Prodigiosi produttori di oreficeria, maschere e oggetti d'arte, il Lambayeque dato un contributo significativo alla progressione dell'arte andina e la loro eredità comprende alcune dell'iconografia più riconoscibile dalle antiche Americhe.

Panoramica storica

Il fondatore della dinastia di Lambayeque tradizionale è stato Naymlap che, con un entourage di guerrieri, è venuto dal sud di vela balsa imbarcazioni o zattere e colonizzarono le varie valli della regione, una leggenda si appropriò di successive civiltà Chimu. La città fondatore era Chot (oggi identificato come Huaca Chotuna) e la dinastia governò tradizionalmente per 12 generazioni con l'ultimo sovrano denominato come Fempellec, anche se in realtà il periodo di Lambayeque cultura probabilmente iniziò nel VIII secolo CE quando è emerso dalle ombre della civiltà Wari precedentemente dominante. Piuttosto che di un impero unificato i governanti di Lambayeque ha curato una rete allentata delle città collegate tramite bloodties.
Uno dei più importanti siti di Lambayeque era Batán Grande ('grande incudine') situato nella valle La Leche. Ecco un sistema di canali fornito di irrigazione e 17 enormi tumuli sono stati costruiti, il più grande dei quali è Huaca Corte che copre 250 metri quadrati. Questi piramide-tumuli contenevano tombe con fasci di mummia, vittime sacrificali e prodotti preziosi in oro, argento e leghe di rame. Oro tazze o bicchieri con figure di rilievo dei governanti sono stati trovati a centinaia, per esempio. Batán Grande era abbandonata c. 1100 CE probabilmente a causa di un disastro climatico di El Niño (inondazioni seguiti da siccità sostenuta) anche se gli edifici mostrano segni di fuoco deliberata distruzione. Túcume poi divenne la nuova capitale religiosa e crebbe a coprire 370 ettari che lo rende il più grande centro cerimonia mai costruito nelle Ande antiche.
La ricchezza pura della società Lambayeque grida dalla loro arte e architettura.
Centro di produzione del metallo Lambayeque era Cerro Huaringa dove la fusione forni e laboratori sono stati scavati. Di particolare nota sono io a forma di lingotti di rame (naipes) che sono stati usati come una forma di valuta quando la cultura Lambayeque era al suo picco tra 900 e 1100 CE, un raro esempio delle antiche Americhe.
I governanti di Lambayeque non sembrano avere fatto qualsiasi tentativo di conquista regionale ma alla fine si ritrovano sconfitto e assimilati nell'impero Chimú intorno al 1375 CE e artisti sono stati forzatamente trasferiti a Chan Chan, la capitale Chimú. In questo modo, una continuità nell'arte andina attraversata culture successive e iconografia come righelli con copricapi a forma di mezzaluna, forme ceramiche e tecniche nella lavorazione dei metalli sono stati perpetuati.

Arte di Lambayeque

La ricchezza pura della società Lambayeque grida dalla loro arte e architettura. Palazzi furono costruiti come enormi recinti di vaste aree di terreno e l'oro è il materiale prevalente per ogni sorta di beni da ornamenti corpo alle maschere. Non certo timido per visualizzare la loro ricchezza, l'elite indossavano tuniche ricamate con pannelli d'oro; un esempio di sopravvissuti ha 2000 aggiunte quadrato d'oro, earspools over-size in oro e turchese, copricapi di piume magnifiche e guanti anche d'oro. Il termine 'consumo cospicuo' sembra sia stato coniato con l'elite di Lambayeque in mente.
clip_image009
Lambayeque doppio-declamò Pot
Ceramiche tipiche di Lambayeque è loro blackware scolpito e lucidato e l'uso di stampi ha permesso per la produzione di massa. Decorazione a rilievo può essere elaborati e volti umani sono stati aggiunti vicino il beccuccio, come erano le figure di animali. La nave di doppio-declamò Moche di ispirazione è favorita ma con un unico e un ponte complicato intagliato svasato piede. Gli esempi sono stati scoperti anche resi in argento.
Lavorazione dei metalli è stato un lavoro di specialità, particolarmente oro Lambayeque dove il materiale della lega era incisa, battuto contro muffe, tagliato, saldato, o saldato e poi intarsiato. Alcuni dei più famosi pezzi d'arte dalle Ande sono Lambayeque, ad esempio, oro cerimoniale coltelli (tumi) con il manico che rappresenta un signore Sicán. Intarsiato con turchese la figura del manico, come nella vita reale, indossa un copricapo impressionante, più orecchini, piccole ali alle spalle, un naso a becco-come, a volte con artigli e sempre con i distintivo a forma di lacrima occhi di Lambayeque. La forma può rappresentare Naymlap come il primo sovrano leggendario diceva che hanno germogliato Ali e volato fuori nel tramonto. Tumi coltelli sono stati usati per le cerimonie del sacrificio umano che coinvolge la decapitazione e le versioni funzionali avevano affilate lame di bronzo.
clip_image011
Maschera di Lambayeque
Uno dei più famosi oggetti d'arte Lambayeque è la magnifica maschera d'oro e assemblaggio copricapo da 1 tomba del tumulo di sepoltura Loro Huaca Batán Grande. La maschera rossa dipinta ha earspools e la testa di un pipistrello tridimensionale oro alla fronte mentre l'alto copricapo ha piume d'oro e 15 sospeso dischi d'oro. La maschera apparteneva a un uomo seduto di tra 40 e 50 anni che è stato sepolto in una tomba di 9 metri quadrati sotto un albero di 11 metri. Il sovrano fu accompagnato nella vita successiva con una vasta gamma di ricchezze, costumi, ceramiche e oggetti funzionali.
Menzione speciale dovrebbe essere fatta anche cucciolate di Lambayeque, che sono stati trovati nelle tombe. In legno e decorate con aggiunte di oro, spesso contengono statuette dei governanti e furono originariamente decorate con piume. Tessuti dal Lambayeque sono un po' eccentrici rispetto per la pulizia di altri tessitori andina con confini approssimativamente tagliati posteriore i fili lasciati sciolti, che forse indica una pressione per produrre la quantità che alla qualità. Disegni popolari includono animali, pesce e la figura del sovrano in piedi familiare da altre forme d'arte. Infine, conchiglie, in particolare spondylus da Ecuador, erano una forma popolare di materiale gioielli e intarsio, una tradizione che i Chimú continuò in seguito alla conquista della valle di Lambayeque.
Pubblicato per scopi didattici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

Punti notevoli del libro di Primo Cronache | Lettura della Bibbia: 1 Cronache

Punti notevoli della lettura della Bibbia: 1 Cronache | Testi spiegati e lezioni pratiche
CRONACHE, I LIBRI DELLE Due libri ispirati delle Scritture Ebraiche che si ritiene formassero un solo volume nel canone ebraico originale. I masoreti li consideravano un’opera unica, e sono contati come un solo libro nel computo che vuole le Scritture Ebraiche suddivise in 22 o 24 libri, e come due in quello che porta i libri a 39. La divisione in due libri pare sia stata adottata dai traduttori della Settanta greca. Nei manoscritti ebraici questa divisione non compare fino al XV secolo. Nella Bibbia ebraica Cronache si trova alla fine della parte chiamata gli Scritti. Il nome ebraico, Divrèh Haiyamìm, significa “i fatti dei giorni”. Girolamo suggerì il nome Chronicon, da cui deriva “Cronache” nelle Bibbie italiane. Una cronaca è la narrazione storica di certi fatti nell’ordine in cui sono avvenuti. Il titolo greco (nella Settanta) è Paraleipomènon, che significa “cose tralasciate (non dette; om…

Biografia di Emiliano Zapata | Rivoluzionario messicano

(San Miguel Anenecuilco, Messico, 1879 - Morelos, 1919) Rivoluzionario messicano. Il complesso sviluppo della rivoluzione messicana del 1910, i leader del partito agrario chiamati raccolti le giuste aspirazioni delle classi rurali più umili, che erano state condannate alla miseria di un arbitrario CAP che desposeía loro dalle loro terre. Di tutti loro, Emiliano Zapata è ancora il più ammirato.

Emiliano Zapata Contro l'ambizione senza scrupoli o l'incoerenza ideologica di Pancho Villa e Pascual Orozco e un'idea di rivoluzione più legato alla guerra per il potere di trasformazione sociale, Emiliano Zapata è rimasto fedele ai suoi ideali di giustizia e ha dato priorità assoluta ai successi efficaci. Purtroppo, che la stessa fermezza e perseveranza contro la confusione si snoda del rivoluzionario determinato suo isolamento in stato di Morelos, dove intraprese riforme feconde da una posizione di indipendenza virtuale che nessun governo può tollerare. Omicidio, ist…