Passa ai contenuti principali

Chi è Pierre-Simon Laplace | Biografia e vita.

Noto anche come: Pierre-Simon, marchese de Laplace

Pierre-Simon Laplace è stato un matematico e astronomo francese che ha svolto studi notevoli per quanto riguarda la stabilità del sistema solare ed è notoriamente conosciuta come il 'Newton francese'. Ha fatto anche il lavoro pionieristico in matematica per quanto riguarda la teoria delle probabilità e statistica, che ha influenzato un'intera nuova generazione di matematici. Nato in una famiglia povera, sua educazione è stata finanziata dai vicini e fu mandato a studiare teologia all'età di 16. Ma, presto sviluppò un vivo interesse per la matematica e successivamente è stato disegnato per fisica e astronomia. Servì come professore di matematica per sette anni e anche pubblicato diversi articoli scientifici a fianco. Laplace ha rappresentato con successo per tutte le deviazioni osservate dei pianeti dalle loro orbite teoriche applicando la teoria di Sir Isaac Newton di gravitazione per il sistema solare, e ha sviluppato una vista concettuale del cambiamento evolutivo nella struttura del sistema solare. Ha anche dimostrato l'utilità della probabilità per l'interpretazione dei dati scientifici e applicato la propria definizione di probabilità per giustificare le manipolazioni matematiche fondamentali. Ha ribadito e sviluppato l'ipotesi nebulare dell'origine del sistema solare e anche postulò l'esistenza dei buchi neri, insieme con la nozione di collasso gravitazionale

Infanzia & adolescenza

  • Pierre-Simon Laplace nacque il 23 marzo 1749, a Beaumont-en-Auge, un villaggio in Normandia, in Francia, di Pierre de Laplace, proprietario di piccole aziende agricole di Maarquis e sua moglie, Marie-Anne Sochon.
  • Nonostante le pessime condizioni finanziarie della sua famiglia, Laplace era in grado di ricevere una cortesia buona educazione suoi ricchi vicini. Suo padre voleva che lui di essere ordinato nella Chiesa cattolica e così lo inviò all'Università di Caen a studiare teologia all'età di 16. Ma, Laplace ha sviluppato un vivo interesse per la matematica.
  • All'età di 19 anni, ha abbandonato il college e si trasferisce a Parigi dove ha lavorato come professore di matematica presso il École Militaire dal 1769 al 1776. Durante questo tempo, ha pubblicato parecchie carte per quanto riguarda il calcolo integrale, meccanica e astronomia fisica, che gli guadagnò il plauso di tutta la Francia.
Carriera
  • Nel 1771, i suoi primi lavori pubblicati focalizzata sulle equazioni differenziali e differenze finite. Successivamente, ha iniziato a pensare a concetti filosofici e matematici di probabilità e statistica.
  • Nel 1774, fu pubblicato il suo libro intitolato 'Mémoire sur la probabilité des causa par les propositions'. Due anni dopo, pubblicò un altro libro che ha ulteriormente elaborato il suo pensiero statistico e inoltre ha cominciato il suo lavoro sistematico sulla meccanica celeste e la stabilità del sistema solare.
  • Durante 1784 – 87, ha lavorato sul tema dell'attrazione tra sferoidi che ha gettato le basi matematiche per lo studio scientifico del calore, elettricità e magnetismo.
  • Nel 1796, ha pubblicato 'Exposition du système du monde (il sistema del mondo)', che includeva il suo 'ipotesi nebulare'.
  • Tra il 1799 e il 1825, pubblicò cinque volumi di 'Traité de mécanique céleste (meccanica celeste)', che riassume i risultati ottenuti dal suo sviluppo matematico e l'applicazione della legge di gravitazione.
  • Nel 1812, pubblicò la sua ricerca completa in matematica intitolato 'Théorie analytique des probabilités (teoria analitica delle probabilità)'. Nel 1814 venne pubblicato un'altra opera importante sulla teoria della probabilità, intitolato 'Essai philosophique sur les probabilités (un saggio filosofico sulla probabilità)'.
  • Egli teorizzò l'esistenza dei buchi neri, che suggerisce che ci potrebbero essere stelle massicce, la cui gravità è così grande che nemmeno luce può fuoriuscire dalla sua superficie. Ha anche dichiarato il fatto che la velocità del suono in aria dipende il rapporto di capacità termica.
  • Le sue altre scoperte in matematica pura e applicata includono metodo di Laplace per approssimare gli integrali, soluzione del partial differential equation lineare del secondo ordine e generale dimostrazione del teorema di inversione di Lagrange.
Principali opere
  • Pierre-Simon Laplace è molto apprezzato per il suo influente trattato cinque volumi 'Traité de mécanique céleste' (meccanica celeste; 1799-1825), che ha sviluppato una forte comprensione matematica del moto dei corpi celesti. Ha stabilito che le piccole perturbazioni osservate nel moto orbito dei pianeti rimarrà sempre piccoli, costanti e auto-correzione.
  • Egli formulò l'equazione di Laplace e pioniere della trasformazione di Laplace, che appare in molti rami della fisica matematica. L'operatore differenziale laplaciano, ampiamente usato in matematica, inoltre è chiamato dopo lui.
Premi & risultati
  • Nel 1806, Laplace fu eletto membro straniero dell'Accademia reale svedese delle scienze.
  • Nel 1822, fu nominato membro onorario straniero dell'Accademia americana delle arti e delle scienze.
Eredità & vita personale
  • Nel marzo 1788, sposò Marie-Charlotte de Courty de Romanges, una ragazza di Besançon che era vent'anni più giovane di lui. La coppia ebbe un figlio, Charles-Émile e una figlia, Sophie-Suzanne.
  • Pierre-Simon Laplace morì il 5 marzo 1827, a Parigi, all'età di 77. Dopo la sua morte, suo medico, François Magendie, rimosso il cervello di Laplace, che più successivamente è stato visualizzato in un Museo anatomico itinerante in Gran Bretagna.
Pubblicato per scopi didattici
Biografie di personaggi famosi e storici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…